Colori e suoni delle origini. A Bologna ‘l’arte acustica’ è un’esperienza primordiale

“Istinto primitivo” di Andrea Benetti (2009)

 

Fino al 30 aprile a Bologna, presso Palazzo D’Accursio, il progetto artistico “Colori e suoni delle origini”, una mostra che vede la collaborazione tra Andrea Benetti, artista noto a livello internazionale e autore del Manifesto dell’Arte Neorupestre presentato alla 53° Biennale di Venezia, e Frank Nemola, figura di primo piano nel panorama musicale italiano e polistrumentista di Vasco Rossi. 
 
“Colori e suoni delle origini” è un progetto promosso da Friends of the Johns Hopkins University/Associazione di cultura e di studio italo-americana “Luciano Finelli” e dal “Dar Dipartimento delle Arti Visive Performative Mediali” dell’Università degli Studi di Bologna.
 
 Silvia Grandi, curatrice della mostra e docente di Fenomenologia dell’arte contemporanea all’Università di Bologna, riscontra nel progetto forte complementarietà: “l’improvvisazione musicale-sonora di Nemola, abbinata alle icone e ai colori di Benetti, rende possibile, in chiave attuale e assolutamente contemporanea, il ritorno a quella sensorialità primigenia e originaria predicata oltre quarant’anni fa da McLuhan il quale, con le nozioni  di ‘spazio visivo’ e ‘spazio acustico’ (The Medium is the Message, 1967), aveva teorizzato il ritorno dell’uomo ad una struttura sensoriale primordiale, piena di emozioni e di facoltà sinestetiche proprio grazie alla diffusione dei media elettronici”. 
 
“Colori e suoni delle origini” nasce dalla ricerca creativa di Benetti e Nemola, che, attraverso l’unione di due mezzi espressivi riescono a creare un progetto di “arte acustica” creando un ponte tra le origini dell’uomo e la contemporaneità, tra le forme antiche ed essenziali di espressione e le odierne esemplificazioni dei sistemi digitali di comunicazione di massa utilizzando i due sensi per eccellenza dei due periodi: udito e vista.
 
La mostra si compone di trenta opere di pittura neorupestre di Benetti e della performance musicale e vocale composta da Nemola. Venti minuti di live performance in cui lasciarsi incantare da suoni e immagini.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Verdi Revealed

Anyone who has had exposure to the world of opera has heard of the famous opera composer Giuseppe Verdi. Very likely, they have also heard of some of...
Jacopo Tintoretto -Self-portrait, circa 1547

Artistic Nicknames, Treasures of the Italian Renaissance

In most art history classes, names like Giotto, Tintoretto, Donatello, Botticelli, Fra’ Angelico and of course Michelangelo and Leonardo da Vinci are...
De Niro declared recently he always thought "A Bronx Tale" would have made a fantastical musical, especially for the characteristics of its plot

A piece of Italian American History on stage with De Niro: A Bronx Tale

It was 1989 when Chazz Palminteri wrote A Bronx Tale, a one man pièce that was to become a movie in 1993 and eventually get on a Broadway’s stage...
Florence Cathedral from Giotto's bell tower — Photo by elleonzebon

On top of the world, on top of Florence’s Duomo!

Florence’s cathedral—Santa Maria del Fiori, or simply il Duomo , as it is known to the Florentines, is a fantastic piece of architecture. Every time...
Seeking Sicily: A Cultural Journey through Myth and Reality in the Heart of the Mediterranean

Seeking Sicily: A Cultural Journey through Myth and Reality in the Heart of the Mediterranean by John Keahey

In the 1950s English novelist Elizabeth Bowen announced to her friends that she planned to write a book about Rome. Concerned about her image as a...

Weekly in Italian

Recent Issues