Un volo Alitalia per San Francisco e ti ritrovi ‘L’estate (della vita) addosso’ di Muccino

Un volo Alitalia per San Francisco e ti ritrovi ‘L’estate (della vita) addosso’ di Muccino

Matilda Lutz con il regista romano (che vive a Los Angeles) Gabriele Muccino alla mostra del cinema di Venezia (Ph. Federico Roiter)

Amicizia. Cultura giovanile. Pregiudizi. Massime verità. Cambiamenti. 
Gabriele Muccino era sbarcato alla 73° Mostra del Cinema di Venezia con il suo nuovo lavoro, “L’estate addosso”, proiettato in anteprima nella sezione “Film in Giardino, presentandolo come “un film spudoratamente leggero perché i protagonisti hanno l’esigenza esplosiva di sentirsi leggeri” ha sottolineato il regista. “E’ un film di crescita sull’amore e sulla vita, raccontando con leggerezza questi momenti che hanno tutto - aveva detto - fuorché la superficialità”.
 
Marco (Brando Pacitto) è un maturando romano alle prese con il dilemma del domani e qualche pensiero negativo di troppo, lontano anni luce dal trend dei propri compagni. Complice un incidente in moto e relativo assegno per i danni subiti, smaltito il gesso e con l’aiuto dell’amico detto Vulcano, già trasferitosi a Palo Alto (California), riesce a organizzarsi e partire per un’insperata vacanza oltreoceano. 
 
A lui però si aggiunge Maria (Matilda Luiz). Tra i due non c’è proprio gran feeling, anzi. Lei, di buonissima famiglia e bigotta, abbandona le amiche in Grecia per partire. Lui, orfano di madre, è più coatto. A unirli, il volo Alitalia per San Francisco dove ad attenderli e ospitarli ci sono Matt (Taylor Frey) e Paul (Joseph Haro), una coppia omosessuale. Una realtà che non tutti sono ancora pronti a condividere. Marco e Maria si beccano come due innamorati (che proprio non sono). Matt e Paul sono materni nei loro confronti, ma anche loro hanno sassolini da far ruzzolare sulle hills di Frisco. Vivere tre settimane insieme può cambiare molto e quello è il tempo dei sentimenti più puri, dove ciò che conta è solo il cuore. 
 
Realizzato con un budget bassissimo, “L’estate addosso” traghetta idealmente i 15enni protagonisti di “Come te nessuno mai” (1999, film presentato proprio in laguna, ndr) ai trentenni de “L’ultimo bacio” ha sottolineato il regista durante la conferenza stampa al Festival di Venezia. “Quattro amici si esplorano e si mettono in gioco. Fanno cadere pregiudizi, giudizi e punti di vista sul mondo. Sono alla ricerca della loro identità. Pensano di averla parzialmente trovata. L’estate è la stagione dell’anima. È la stagione che sembra più breve di tutte le altre. È intensa ed estrema”. 
 
Dopo l’ottimo “Padri e figlie” con Amanda Seyfried e Russell Crowe, Gabriele Muccino torna a quell’età decisiva nella vita tra pregi, lacrime e contraddizioni. Se San Francisco sembra incarnare la leggerezza della vita dove si può crescere senza per forza sanguinare, la Grande Mela appare più come una città frenetica che azzera il vissuto tra le nuvole, trasformando in realtà senza ritorno ciò che fino a qualche giorno prima era mera magia. 
Non è facile far assimilare un simile film a un pubblico ormai lontano dai propri 18 anni ma Muccino ci riesce. Le scelte dei protagonisti non sono così diverse da quelle delle età successive. 
 
Bisogna decidere cosa fare, e farlo nel modo che porti più felicità possibile. Molto bella l’ambientazione a Cuba, forse un tributo al riavvicinamento voluto da Barack Obama al governo di Raul Castro. I quattro amici arrivano nell’isola caraibica in aereo direttamente dagli Stati Uniti, e in un amen eccoli sguazzare nel mare cristallino, tra pasti a base di aragosta e giri in macchina in un verde di rara bellezza. 
 
La vita di Gabriele Muccino corre su due binari, Italia e Stati Uniti. Due mondi legati, eppure molto diversi. “L’America è una costellazione enorme. Cambia da stato a stato, da città in città. Io vivo a Los Angeles dove tutto gira intorno all’industria dell’entertainment ma ho conosciuto anche altre realtà. Non c’è solo la Frisco aperta ai cambiamenti, c’è il razzismo omofobo di cui parla Matt. Purtroppo in Italia si ripete troppo spesso che non c’è futuro. Questo è inammissibile negli Usa. L’America non accetta il fallimento e reagisce”. 
 
Entusiasti più che mai del lavoro svolto i giovani protagonisti. “È stato davvero speciale. Ho percepito una grande onestà tra noi attori” ha detto la giovane Matilda. “Viaggiando tra Italia, Stati Uniti e Cuba si è creato un viaggio anche tra noi attori, un’alchimia manifesta dentro e fuori il set”. 
 
“Abbiamo lavorato con un regista che ti lascia sperimentare” ha aggiunto Taylor. “Se qualcosa non andava, te lo diceva, lasciandoti però andare. E non è scontato. Ricordo che alla fine della scena in cui io e Matilda eravamo in cucina a preparare il caffè, abbiamo continuato a improvvisare, portando avanti la scena senza che ci dicesse di girare di nuovo. Una combinazione davvero magica tra noi e Muccino”.
 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

‘Loro’ di Paolo Sorrentino, due parti tra cronaca e fantasia

‘Loro’ di Paolo Sorrentino, due parti tra cronaca e fantasia

In programmazione i due film di Paolo Sorrentino, Loro 1 e Loro 2, protagonisti in ambedue Toni Servillo e Elena Sofia Ricci. Non entro nel merito...
Il teatro di posa incontra il cinema nel corto di Maurizio Forcella 'Quando la banda passò'

Il teatro di posa incontra il cinema nel corto di Maurizio Forcella 'Quando la banda passò'

Inizieranno sabato 19 e proseguiranno fino a lunedì 21 maggio 2018 le riprese del nuovo cortometraggio del regista atriano Maurizio Forcella dal...
Rino Gaetano, il battitore libero sempre più attuale

Rino Gaetano, il battitore libero sempre più attuale

Rino Gaetano , a 37 anni dalla morte, è più attuale che mai. Le sue canzoni vengono cantate da tutti, non solo dai giovani di allora, ma soprattutto...
La prima settimana del cinema italiano nel mondo dal 21 al 27 maggio 2018

La prima settimana del cinema italiano nel mondo dal 21 al 27 maggio 2018

L’Italia ha una grande tradizione di cinema di qualità, è il Paese che ha vinto il maggior numero di Oscar per la categoria “miglior film in lingua...
L'arte couturier di Capucci prestata al teatro

L'arte couturier di Capucci prestata al teatro

A Firenze 72 opere su carta hanno rivelato un Roberto Capucci inedito rispetto al suo primato di couturier d’Alta Moda che lo ha reso famoso nel...

Weekly in Italian

Recent Issues