Vacanze sì ma senza allontanarsi dalla Penisola: per l’80% degli Italiani meglio agriturismi e città d’arte

Vacanze sì ma senza allontanarsi dalla Penisola: per l’80% degli Italiani meglio agriturismi e città d’arte

Tre le mete turistiche favorite dai top spender, l’Enit segnala Napoli con un +36% e Torino con +23,90%

Quasi 11,5 milioni di italiani hanno deciso di trascorrere almeno un giorno fuori casa durante le festività con un deciso orientamento a rimanere in Italia, scelta quest’anno come meta dall’80% dei vacanzieri. 
 
E' quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixe’ per le partenze nelle festività di Natale dalla quale si evidenzia un aumento del 9% rispetto allo scorso anno. A pesare sulle destinazioni sono i drammatici episodi di terrorismo internazionale che condizionano la scelta delle vacanze di più di un italiano su cinque (20%) e tra questi 1/3 non andrà in Paesi esteri considerati a rischio ed 1/4 eviterà le grandi città. Anche per questo contenuto è l’aumento della spesa media che sarà di 459 euro per persona con un incremento del 6% rispetto allo scorso anno.  
 
Oltre la metà (52%) dei vacanzieri è rimasto fuori di casa da 4 giorni ad una settimana, il 25% un massimo di 3 giorni, mentre il 19% da 8 a 15 giorni e il restante 4% di più. Il 63% ha scelto di alloggiare in case proprie, di parenti e amici o in affitto, solo il 26% preferisce l’albergo mentre crescono le formule alternative. 
 
Sul podio delle destinazioni salgono con il 44% i centri urbani, con il 22% la montagna a pari merito con le località d’arte con offerte culturali che sono vivaci anche nelle realtà minori mentre l’8% fa rotta in campagna. 
 
Sono circa 800mila  i vacanzieri che per Natale e/o Capodanno hanno scelto l’agriturismo con un aumento del 6%. Gli agriturismi hanno registrato un balzo nelle prenotazioni provocato dalla ricerca di riposo e di tranquillità lontano dalle preoccupazioni per i recenti episodi di terrorismo che spingono alla ricerca di mete lontano dalle città e dai luoghi affollati.
 
Una prospettiva sulla quale pesa la situazione delle aree di Lazio, Marche e Umbria che la Coldiretti invita, dove possibile, di continuare a visitare per favorire la ripresa che dipende oltre che dalla ricostruzione anche dal sostegno all’economia e all’occupazione che in queste aree significa soprattutto turismo e cibo. 
Ci sono ben 22.238 strutture agrituristiche attive in Italia con un aumento del 33% rispetto a dieci anni fa. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Olio Marche e Vitelloni piemontesi: altri due prodotti italiani con marchio IGP

Olio Marche e Vitelloni piemontesi: altri due prodotti italiani con marchio IGP

La Commissione europea ha approvato l’aggiunta di due nuovi prodotti italiani al registro di qualità delle indicazioni geografiche protette (IGP). Le...
Latte Italiano: obbligatoria l'indicazione in etichetta

Latte Italiano: obbligatoria l'indicazione in etichetta

E' finalmente obbligatoria in etichetta l'indicazione dell'origine della materia prima dei prodotti lattiero caseari in Italia come ad esempio il...
Vinitaly, business e vita nella bottiglia di vino

Vinitaly, business e vita nella bottiglia di vino

“Amo pensare alla vita di un vino. Il vino è un essere vivente. E amo immaginare l'anno in cui sono cresciute le uve di un vino. Se c'era un bel sole...
In Italia quasi 10mila imprese femminili in più nel 2016

In Italia quasi 10mila imprese femminili in più nel 2016

Quasi 10mila imprese in più nel 2016, con una variazione dello stock rispetto al 2015 del +0,72%. Come mostra l’Osservatorio per l’imprenditorialità...
Marketing e strategie digitali: in Italia ci si forma per l’e-commerce che andrà di moda domani

Marketing e strategie digitali: in Italia ci si forma per l’e-commerce che andrà di moda domani

Digital strategy, marketing and e-commerce è una partnership finalizzata alla formazione digitale nel settore della moda e del lusso nata dalla...

Weekly in Italian

Recent Issues