Dai droni al packaging codificato: imprese super-innovative dell'Emilia Romagna in Silicon Valley

Dai droni al packaging codificato: imprese super-innovative dell'Emilia Romagna in Silicon Valley

C’è chi realizza droni a uso professionale e chi produce ozono per l’agricoltura e la medicina. Ma anche produttori di sistemi per il controllo a distanza di impianti o per la marcatura e codifica nel packaging, nonché soluzioni tecnologiche per il trasferimento automatico delle informazioni tra macchine senza l’intervento umano o super stampanti.

Sono alcuni dei settori produttivi in cui operano otto piccole e medie imprese, tecnologiche e innovative, dell’Emilia-Romagna partite alla volta della Silicon Valley. Il modello è quello già rodato dalla Regione, col supporto di Aster, con le due edizioni nel 2015 e 2016, in cui le startup emiliano-romagnole erano state inviate oltre oceano.

Negli Stati Uniti andranno Pmi della provincia di Ravenna (3 imprese), Modena (2 imprese), Bologna, Ferrara e Piacenza. Le otto aziende, selezionate grazie al bando “Business match program in Silicon Valley”, staranno in California per partecipare a un programma intensivo che include formazione, incontri con investitori, incontri b2b e presentazioni a venture capitalist e investitori corporate, ma anche con l’opportunità di incontrare possibili partners o buyers.

Nel dettaglio le imprese selezionate sono: Met di San Lazzaro di Savena (Bo) che si occupa di apparecchiature generatrici di ozono per applicazione nel settore agroalimentare e medicale; Italdron di Ravenna che produce droni professionali; Xeo4 di Piacenza che opera nel campo della comunication M2M (machine to machine) e realizza soluzioni per il telecontrollo e monitoraggio di impianti remoti; Innetec di Ravenna impegnata nella gestione stampa, scansione e monitoraggio dei flussi documentali; Glassup di Modena impegnata nella realtà aumentata e smart glass; Complanet di Ravenna che opera nel campo della comunication M2M (Machine to machine) tra smart object e sensori; Topjet di Fiorano Modenese (Mo) attiva nelle soluzioni industriali di marcatura e codifica; weAR di Ferrara che si occupa di realtà aumentata e di soluzioni di location intelligence.

La Regione Emilia Romagna, a partire dal 2015, ha avviato attività di internazionalizzazione del sistema produttivo, formativo e innovativo attraverso un’attività diretta in assenza di presidi nazionali, affidando ad Aster la gestione di tutti i progetti concentrati prevalentemente sulle startup hi-tech e sugli incubatori. Quest’anno ha previsto di ampliare le attività per coinvolgere via via tutto il sistema innovativo regionale, a partire dalle imprese maggiormente innovative col programma “Business match per Pmi in Silicon Valley”, con l’obiettivo di creare per le Pmi opportunità di affari preparandole alla globalizzazione ma anche contribuire a diffondere il modello del Silicon Valley mindset in Emilia-Romagna.
“A oggi sono 43 le startup emiliano-romagnole che hanno potuto confrontarsi e formarsi in California”, il commento dell’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi.

“Forti di questa esperienza positiva abbiamo deciso di ampliare le opportunità in Silicon Valley anche alle piccole e medie imprese del nostro territorio. Questo- ha sottolineato - per offrire la possibilità di diventare più competitivi e attrarre forme di collaborazione commerciale, produttive e di ricerca a livello internazionale. La Silicon Valley è il centro nevralgico dell’ecosistema mondiale di startup e innovazione dove si concentrano risorse per investimenti, ricerca, partner strategici e contatti commerciali globali”.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A New York le eccellenze dell'artigianato made in Friuli Venezia e Giulia

A New York le eccellenze dell'artigianato made in Friuli Venezia e Giulia

Le eccellenze dell’artigianato e dell’economia regionale del Friuli Venezia Giulia a New York. “Negli ultimi dieci anni, il made in Italy sta...
Oltre 300 aziende italiane al Summer Fancy Food: il Made in Italy agroalimentare conferma la sua leadership negli Usa

Oltre 300 aziende italiane al Summer Fancy Food: il Made in Italy agroalimentare conferma la sua leadership negli Usa

Un bilancio “estremamente positivo”. A stilarlo è l’Agenzia Ice di ritorno da New York dove oltre 300 aziende italiane hanno partecipato al Summer...
Export italiano a +7,4% con farmaceutica, metallurgia, chimica e industria alimentare. Negli Usa +10%

Export italiano a +7,4% con farmaceutica, metallurgia, chimica e industria alimentare. Negli Usa +10%

Imprese, Asia, E-commerce e Comunicazione. Queste le priorità dell’Agenzia Ice per il prossimo quadriennio, 2017-2020. A sintetizzarle è stato il...
World’s 50 Best Restaurants, Bottura torna sul gradino più alto. Ma non è l’unico italiano in classifica

World’s 50 Best Restaurants, Bottura torna sul gradino più alto. Ma non è l’unico italiano in classifica

Dopo due anni Massimo Bottura torna sul gradino più alto del podio: la sua Osteria Francescana di Modena è il vincitore del World’s 50 Best...
Export italiano: futuro di crescita e opportunità, nonostante le incertezze

Export italiano: futuro di crescita e opportunità, nonostante le incertezze

È un futuro di crescita e opportunità, nonostante le incertezze, quello che attende l’export italiano nei prossimi quattro anni. Forte della profonda...

Weekly in Italian

Recent Issues