'L’emigrazione storica va protetta, perché fa parte della nostra identità'

'L’emigrazione storica va protetta, perché fa parte della nostra identità'

“Il più bel regalo che mi ha fatto l’allora Ministro Gentiloni è stata la delega per gli italiani nel mondo”. Così il sottosegretario agli esteri Vincenzo Amendola, partecipando alla presentazione dell’edizione 2017 del Rapporto Italiani nel Mondo, la pubblicazione della Fondazione Migrantes che da 12 anni fotografa gli italiani nel mondo. 

Connazionali portatori di “identità plurime”, come ribadito in più interventi oggi al Church Palace, e rivendicato anche da Amendola: “anche io lo sono”, ha infatti detto il sottosegretario, ricordando il suo passato di iscritto all’Aire, il suo rientro in Italia, il matrimonio con una giornalista italiana di origini marocchine.

“Nella storia delle identità del nostro paese c’è questa grande esperienza”, quella migratoria, che è “così complessa che l’elemento più drammatico sarebbe proprio quello di fermarsi su una cifra, su uno stereotipo”, quanto il mosaico è complesso e variegato, come dimostrano i dati del rapporto e le schede dedicate alle regioni italiane.

“L’emigrazione storica va protetta, perché fa parte della nostra identità”, ha aggiunto, ma essa stessa “si è estesa con i discendenti, generazioni con identità già plurime”; insieme “formano una famiglia italiana che vive oltreconfine che è così ampia che dobbiamo aggiornare meccanismi che tengano conto di tutti, senza chiudere il paese all’8% di immigrati che farà qui quello che noi stiamo costruendo all’estero”. 
“Stereotipi e semplificazioni sono ostacoli agli italiani all’estero”, ha proseguito Amendola, sottolineando l’importanza della “sussidiarietà per questi 5 milioni di italiani; la nostra ossessione, con risorse calanti, è quella di costruire un sistema di protezione paragonabile a quello che c’è qui in Italia”. 

Secondo il sottosegretario “la rete consolare, le ambasciate insieme alle realtà già esistenti come associazioni regionali, Comites, Cgie, patronati, sindacati, missioni cattoliche – devono costituire un sistema a maglie larghe che sappia dare un segnale di protezione”, cioè di “presenza”, che non significa “essere lì nelle emergenze, come accade in Venezuela”, ma anche “pensare ad assistenza e orientamento al lavoro e alla sanità, percorsi di inclusione”, e poi alla diffusione della lingua con “gli enti gestori, gli IIC e le scuole italiane all’estero”. 
“Questa struttura, questa alleanza deve essere messa a regime con le strutture pubbliche”, ha sottolineato Amendola, secondo cui “grazie a più investimenti nelle reti social e nelle tecnologie sono in grado di arrivare non dico a tutti, ma a molti”. 

In quest’ottica “iscriversi all’Aire” – per altro oggetto di una recente campagna sociale avviata dalla Dgit – significa proprio “fare parte di una rete” che “guarda a giovani”, ma anche “agli imprenditori che esportano e ai nuovi pensionati. Questo mondo ha bisogno di una rete di protezione a maglie larghe, in cui tutti comunicano le loro esperienze”, ha ribadito Amendola. 
Una rete che comprende “sia le identità regionali che le missioni cattoliche, come sperimento in tutti i miei viaggi all’estero”. 
Una rete che assiste i quasi 5 milioni di iscritti all’Aire, tutti con una “identità di cui siamo orgogliosi, su cui vogliamo costruire non nostalgia, ma rappresentanza”.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

L'Inno di Mameli (dopo 71 anni) è ufficialmente il Canto degli Italiani

L'Inno di Mameli (dopo 71 anni) è ufficialmente il Canto degli Italiani

"Su proposta del Ministro della Guerra - si legge nel verbale del lontano Consiglio dei ministri del 12 ottobre 1946, presieduto da Alcide De Gasperi...
A Sacramento la borsa di studio Eduitalia per la promozione della lingua italiana

A Sacramento la borsa di studio Eduitalia per la promozione della lingua italiana

L’Italia e soprattutto lo stile di vita italiano sono molto amati all’estero, tantissimi studenti da tutto il mondo vorrebbero studiare in Italia e...
Proteggere il patrimonio culturale per la pace: l'Unesco accoglie la proposta italiana

Proteggere il patrimonio culturale per la pace: l'Unesco accoglie la proposta italiana

"La difesa del patrimonio culturale è elemento fondamentale per la pace e lo sviluppo sostenibile". Con queste parole il Ministro degli Esteri e...
Street art per Amatrice, la ricostruzione passa anche attraverso l'arte

Street art per Amatrice, la ricostruzione passa anche attraverso l'arte

L’arte di strada e la creatività si incontrano ad Amatrice , luogo simbolo del terribile terremoto avvenuto nel 2016, con il progetto “Street art per...
Issnaf premia gli scienziati italiani in Nord America

Issnaf premia gli scienziati italiani in Nord America

Non chiamateli cervelli in fuga ma intelligenze integrate nelle comunità scientifiche del Nord America con la forza del loro talento e delle...

Weekly in Italian

Recent Issues