Fear in Italy: a trip through the country’s most haunted locations

The Castle of Otranto, home to the spirits of a Spanish lady and a headless knight

Fall is my favorite season. Yes, I love chestnuts, truffles, cardigans, chunky scarves and pumpkin pies. But the real reason I love the fall is another, it’s the dark.

The dark  brings about hints of wintry chill, mixed with the cinnamon tang of cookies. It calls for the first hot chocolate of the season, thick and sweet, topped with whipped cream, with a side of paste di meliga.  

Autumnal dark is also filled with ghosts: we head towards the night of All Hallows, the night of All Souls and those more inclined towards these things really feel it. Even those not particularly attracted by the idea of entertaining a candle-lit conversation with spirits are likely to appreciate a ghost story or two, this time of the year: it must be the chill and the dark falling earlier. For me, it’s all about the dark, its ghosts and where I can find them. So I went on an expedition and came out with a few places to visit. Rigorously at night time, rigorously dressed in black.  

Issogne castle main entrance arcade and frescoes

We’ll start from the North West of the country, in the picturesque region of Valle d’Aosta. Here, on the banks of the Dora Baltea river, lies the quaint mountain town of Issogne, along with its castle, probably built during the Middle Ages to reach its apogee of power and wealth sometimes during the Renaissance. Alas, what would its walls say, could they speak, about Bianca Maria di Challant who, young and already a widow, joined in second marriage count Renato di Challant, the lord of the manor. They’d say Bianca was charming and prone to seek the attention of men other than her husband. They would also tell you she enjoyed to lose herself in the embrace of her many lovers, but feared to be discovered greatly. What did she do to avoid it?  

She killed them all. In a twist worthy of the best Hitchcock, Bianca would get rid of her lovers straight after having... consummated their union. She was eventually put to death and executed, but her ghost is still, apparently, roaming the rooms of her castle in Issogne: many saw her, beautiful and young, bestowing kisses to the people around her, seeking a new prey.  

The Abbey of Santa Maria di Lucedio, founded in the 12th century, the abbey no longer serves spiritual purposes today

Not too far from lady Bianca, always in the North West of Italy is the Vercelli province of Piedmont and the old cistercian abbey of Santa Maria di Lucedio. Founded in the 12th century, the abbey no longer serves spiritual purposes today (it became an organic farm) and, man, there are good reasons why it is so. Its very name, some say, has diabolic origins, the assonance between “Lucedio” and “Lucifer” too strong not to rise some brows. And it was the connection between the Prince of Darkness and the monks of the abbey that, it appears, brought to its closure, in the 18th century: far from being a place of holiness, Lucedio had apparently turned into the home of a bunch of Satan-worshipping monks.

What’s even more eerie is that the legend wants Satan himself to have chosen the abbey as its own enclosure when, a century earlier, after being summoned during a Sabbath in the nearby - and now abandoned - cemetery of Darola, it set eye on the place and decided to make it its own. It was the beginning of a time of sin and evil among the monks, which also involved the rest of the surrounding community. In the end, or so we are told, the evil entity that possessed Lucedio was captured and imprisoned in one of the abbey’s crypts, four monks sitting by its door to guard it. Their mummified bodies, along with their spirits, are said to be still in the abbey.   

Bitter, and quite frankly terrifying, is the story of Villa Clara, in Bologna. The abandoned building is believed to be home to the ghost of a young girl -Clara, of course- who lived in its rooms with her family in the early 20th century. Clara was a special little darling, as she could predict the future. Her father was so incredibly terrified by her, he decided to bury her alive in the house, her soul forever trapped in the beautiful villa bearing her own name.  

The Castle of Otranto, home to the spirits of a Spanish lady and a headless knight

Let’s move South now, to the crystal clear waters of Apulia and to a place particularly dear to all English majors in the world, the castle of Otranto. If you thought Horace Walpole made up the whole shebang for his seminal novel, by many considered the first of the Gothic genre, you’d be seriously mistaken, because Otranto does have a haunted castle for real. Originally built in the early Middle Ages, razed to the ground and rebuilt in the 11th , 13th  and 15th centuries, the place is filled to the brim with paranormal activity, even though not many are aware of it. Among the castle of Otranto’s guests, a young Spanish woman buried in its chapel and, above all, the headless ghost of  Count Giulio Antonio Acquaviva di Conversano, courageous Christian knight who fought the Turkish invasion of 1480, got beheaded in battle and kept killing enemies even without a head.  

One last stop before midnight, the most unsettling of them all: Alistair Crowley’s Abbey of Thelema. Crowley was a creepy late Victorian lad risen in a wealthy British family, who had a life long interest in the occult and became the head of his own cult. By many considered the first modern Satanist, Crowley had a penchant for Italy and moved to our beautiful Sicily in the 1910s.

Already a well known figure in Britain for his eccentric ways and purported ties with the Devil, Crowley sought quiet in a small countryside cottage near Cefalù he called Abbazia di Thelema. Here, he professed his own religion, surrounded by a gang of acolytes and friends who considered him a true messiah: pagan rituals, group sex and drugs were at the centre of the Thelema creed. Crowley may have not been dangerous, but he and his people were creepy enough that Mussolini ordered them out of the country in the mid 20s.  

Since then, the abbey remained empty. Mind, no one says Thelema is haunted. Yet, there is something inherently eerie with the place. Maybe it’s because some of Crowley’s paintings are still visible on its walls, or because it’s been known to attract satanists. Whichever the reason, Thelema is not a place for the faint hearted.  
And neither are the other in this article: you may not believe in ghosts and the occult, but can you be certain there’s really nothing hiding within the walls and shadows of these haunted dwellings?

L'autunno è la mia stagione preferita. Sì, amo le castagne, i tartufi, i cardigan, le sciarpe di lana grossa e le torte di zucca. Ma la vera ragione per cui amo l’autunno è un'altra, è il buio. Il buio porta il primo freddo invernale, mescolato con il sapore di cannella dei biscotti. Richiede la prima cioccolata calda della stagione, spessa e dolce, ricoperta di panna montata, con accanto una pasta di meliga.

L'oscurità autunnale è anche piena di fantasmi: andiamo verso la notte di Ognissanti, la notte di tutte le anime, e quelli più inclini a queste cose lo sentono veramente. Anche quelli non particolarmente attratti dall'idea di intrattenere una conversazione a lume di candela con gli spiriti, probabilmente apprezzano qualche storia di fantasmi in questo periodo dell'anno: deve essere per il freddo e il buio che scendono prima. Per me, è tutto relativo al buio, ai suoi fantasmi e ai luoghi in cui li posso trovare. Così sono andata in perlustrazione e sono tornata con alcuni posti da visitare. Rigorosamente di notte, rigorosamente vestiti di nero.

Cominceremo dal nord ovest del paese, nella pittoresca regione della Valle d'Aosta. Qui, sulle rive del fiume Dora Baltea, si trova la pittoresca città montuosa di Issogne, insieme al suo castello, probabilmente costruito nel Medioevo per raggiungere il suo apogeo di potere e ricchezze durante il Rinascimento. Ahimè, cosa direbbero le sue mura, se potessero parlare, di Bianca Maria di Challant che, giovane e già vedova, si unì in secondo matrimonio al conte Renato di Challant, signore del castello.

Direbbero che Bianca era affascinante e incline a cercare l'attenzione di uomini diversi dal marito. Direbbero anche che le piaceva perdersi nell'abbraccio dei suoi tanti amanti, ma temeva molto di essere scoperta. Cosa faceva per evitarlo? Li uccideva tutti. Con un colpo di scena degno del migliore Hitchcock, Bianca si sbarazzava dei suoi amanti subito dopo aver ... consumato la loro unione. Alla fine fu condannata a morte e giustiziata, ma il suo fantasma, apparentemente, ancora vaga nelle sale del suo castello di Issogne: molti l'hanno vista, bella e giovane, che donava baci alle persone intorno a lei, alla ricerca di una nuova preda.

Non troppo lontano dalla signora Bianca, sempre nel nord-ovest d'Italia, c’è la provincia piemontese di Vercelli e l'antica abbazia cistercense di Santa Maria di Lucedio. Fondata nel XII secolo, l'abbazia non serve più per scopi spirituali (è diventata una fattoria biologica) e, per l'uomo, ci sono buone ragioni perché sia così. Il suo stesso nome, dicono, ha origini diaboliche, anche l'assonanza tra "Lucedio" e "Lucifero" è troppo forte per non sollevare alcune sopracciglia. E fu il legame tra il Principe dell'Oscurità e i monaci dell'abbazia che, a quanto pare, portò alla sua chiusura nel XVIII secolo: lungi dall'essere un luogo di santità, Lucedio apparentemente si trasformò nella casa di un gruppo di monaci che adoravano Satana.  

Ancora più inquietante è che la leggenda vuole che Satana stesso abbia scelto l’abbazia come un suo rifugio quando, un secolo prima, dopo essere stato convocato durante un sabbath nel vicino cimitero di Darola ora abbandonato, gettò un’occhiata sul posto e decise di appropriarsene. Fu l'inizio di un tempo di peccato e di malvagità tra i monaci, che coinvolse anche il resto della comunità circostante. Alla fine, o così ci viene detto, l'entità malvagia che possedeva Lucedio fu catturata e imprigionata in una delle cripte dell'abbazia, quattro monaci seduti accanto alla sua porta per vigilare. I loro corpi mummificati, insieme ai loro spiriti, si dice siano ancora nell'abbazia.

Amara e francamente terrificante, è la storia di Villa Clara, a Bologna. Si ritiene che l'edificio abbandonato fosse la casa del fantasma di una ragazza - Clara, naturalmente - che abitava nelle sue stanze con la sua famiglia all'inizio del XX secolo. Clara era una piccola speciale, in quanto poteva prevedere il futuro. Suo padre era così incredibilmente terrorizzato da lei, che decise di seppellirla viva in casa, la sua anima è per sempre intrappolata nella splendida villa che porta il suo nome.

Andiamo ora a sud, verso le chiare acque cristalline della Puglia e in un luogo particolarmente caro a tutti gli studenti inglesi del mondo, il castello di Otranto. Se pensate che Horace Walpole abbia inventato tutto per il suo romanzo fondamentale, da molti considerato il primo del genere gotico, vi sbagliereste di grosso, perché Otranto ha davvero un castello.

Originariamente costruito nel primo Medioevo, raso al suolo e ricostruito nei secoli XI, XIII e XV, il luogo è riempito fino all'orlo di attività paranormale, anche se molti non ne sono a conoscenza. Tra gli ospiti del castello di Otranto, una giovane spagnola seppellita nella sua cappella e, soprattutto, il fantasma senza testa del conte Giulio Antonio Acquaviva di Conversano, coraggioso cavaliere cristiano che combattè l'invasione turca del 1480, fu decapitato in battaglia e continuò a uccidere nemici anche senza testa.

Un'ultima fermata prima di mezzanotte, la più sconvolgente di tutte: l'Abbazia di Thelema di Alistair Crowley. Crowley era un terribile ragazzo tardo vittoriano cresciuto in una ricca famiglia britannica, che per tutta la vita ebbe interesse nell'occulto e divenne capo della propria setta.  

Da molti considerato il primo satanista moderno, Crowley aveva un debole per l'Italia e si trasferì nella nostra bella Sicilia negli anni '10. Era già una figura ben conosciuta in Gran Bretagna per i suoi modi eccentrici e i presunti legami con il diavolo, Crowley cercò la quiete in un piccolo villaggio di campagna vicino a Cefalù, chiamato Abbazia di Thelema. Qui professò la propria religione, circondato da una banda di accoliti e amici che lo consideravano un vero messia: rituali pagani, sesso di gruppo e droghe erano al centro del credo di Thelema.  

Crowley può non essere stato pericoloso, ma lui e la sua gente erano così spaventosi che Mussolini li cacciò fuori dal paese a metà degli anni '20. Da allora l'abbazia è rimasta vuota. Attenzione, nessuno dice che Thelema sia infestata. Tuttavia, c'è qualcosa di intrinsecamente inquieto nel posto. Forse perché alcuni dipinti di Crowley sono ancora visibili sulle sue pareti o perché è noto per attrarre i satanisti. Qualunque sia la ragione, Thelema non è un posto per cuori deboli.  

E nemmeno lo sono gli altri luoghi di questo articolo: potete non credere nei fantasmi e nell'occulto, ma potete essere certi che non ci sia nulla di nascosto all'interno delle pareti o delle ombre di queste abitazioni infestate?

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The 16th century pharmacy of the Pope

Every city has them, the so-called “hidden gems.” The places rarely visited by tourists, and the ones often forgotten about by locals. Living in a...

The secret waters of Liscia

Water carries life within: nothing could be and exist without it. Water is also frightful, because of its power, which destroys and obliterates. A...

Venice’s mouths of truth

Venice at the height of its power conjures images of merchant traders, carnival masks and debauchery. But for all its decadence Venetian life was...

Zafferiamo – the intriguing story of Pieve’s saffron festival

Used since ancient times for cooking, cosmetics and curative properties, saffron is the wonderfully aromatic queen of spices. The Greeks used it to...

Do you really know everything about pasta?

No! Not another article about Italy and pasta, I hear you crying. Worry not, this time we’re going to tackle the “pasta issue” from an entirely...

Weekly in Italian

Recent Issues