Beautiful alternatives ... to beauty: lesser known ltalian locations

Overlooking the poetically named Bay of the Poets, Porto Venere and its surroundings are part of the UNESCO World Heritage, just like Cinque Terre

One of the cons about traveling to Italy is the country has so many touristic hot spots it’s almost impossible to enjoy some quiet. One of the pros of traveling to Italy is that for each of those hot spots there are just as many - if not more - equally beautiful places to check out, where a peaceful visitor can breath in some fresher air and hear some more Italian spoken. 
Wanderers, pilgrims and poets, these are the places you want to spend your next holidays in.

Located not far from Perugia, Montefalco is a small village of just over 5000 and one of the Borghi più belli d’Italia

If you liked Assisi, try Montefalco
Assisi, the heart of Italy. Mirror to the country’s medieval heritage and history, as well as home to its saint protector, Francis. Assisi’s beauty will leave you speechless, without a doubt, but if you’d like an alternative, check out Montefalco. Suitably located not far from Perugia, Montefalco is a small village of just over 5000 and one of the Borghi più belli d’Italia. Perched as it is on top of a hill ( it’s not known as the “balcony of Umbria” for nothing), it’s the perfect place to take in the multicolored, gentle curving of Umbrian lands, where olive trees and vineyards are kings.

The village is a fantastically preserved example of medieval architecture and has all those traditional features you’d expect from a central Italian town: cobble-stoned streets, small alleys running up and down the hill, a beautiful church benevolently looking unto the main square. Said church is, of course, dedicated to Saint Francis and is part of a wider village museum circuit dedicated to the Saint. So, if you come to Umbria for Francis, you’ll learn a lot about him here, too. 

One of the latest Italian additions to the UNESCO World Natural Heritage, le Langhe are quieter but just as charming,, version of hills of Tuscany

If you dream of the hills of Chianti, travel to le Langhe
The Chianti region of Italy is undoubtedly beautiful, but it’s been overexposed in the past bunch of years: from movies to books, the hills of Chianti have struggled to maintain their precious authenticity and true charm unscathed and have, often, come to embody the “cookie cutter” version of rural Italy. Nothing wrong with that, but if you’re after something equally beautiful but not as predictable, you should check out Piedmont’s Langhe.

Mind, the area has been rising in international popularity, especially after its recent addition to the UNESCO World Natural Heritage and because it is the ideological cradle of the Slow Food Movement. Home to some of the world best known and most appreciated wines - think Barolo, Dolcetto, Moscato - white truffles and an endless list of delicious cheeses (castelmagno, raschera, tuma), Langhe hills offer nothing less than their Tuscan cousins: a mesmerizing mixture of shapes, hues and colors, with the unmistakable embrace of the Alps all around. Now, that’s a thing Chianti doesn’t have. Do I sound biased? Maybe I am, that’s where I was born. 

If you like the idea of visiting Cinque Terre, but are put off by the confusion, try the equally charming Porto Venere nearby

Dreaming of Cinque Terre? Stop in Porto Venere

Cinque Terre: one of Italy’s most picturesque spots. Marvelous sea, colorful houses, the beauty of nature. Pity you may not find the peace and quiet you’re looking for, especially during the high season. Then head to Porto Venere. Not far from Vernazza, Monterosso and C., Porto Venere shares with its more famous relatives the same sea and natural backdrop. Overlooking the poetically named Bay of the Poets, Porto Venere and its surroundings are part of the UNESCO World Heritage, just like Cinque Terre, and are blessed with the same fairy tale atmosphere, with a long history dating back to Roman time to boot. If you’re a literary buff, you’ll love to know Lord Byron spent time here: there’s even a seaside cave bearing his name, “la Grotta di Byron,” from where the poet famously took off swimming to reach his friends in Lerici, another stunner of the Ligurian coast, not to far from there.  

The lake of Iseo and its many beautiful waterside location, like Iseo, are a valid alternative to more popular - but probably less relaxing - Lake Como

Forget lake of Como and choose Iseo

 It may not be the largest of the Italian lakes - that record belongs to lake Garda - but lake Como is definitely the most famous: to Italians, its mention brings back high school memories of the very first lines of one of our literary masterpieces, I Promessi Sposi, as well as images of gentile, elegant palaces facing its waters. Once home to the Italian rich and noble, many of them have passed into the wealthy mitts of international stars like George Clooney.

The lake, its shores, the city itself bearing its name, Como, are all worth a visit, but if you’re not into rubbing shoulders with VIPs, you may like to check out Lake Iseo instead. Smaller and little known, even among Italians, it has recently got a place in the spot light for a peculiar art installation, “Floating Piers” by artists Christo and Jeanne-Claude. Located between the provinces of Bergamo and Brescia in Lombardia, lake Iseo has plenty of beautiful spots on its shores to explore: it peacefully lies at the feet of the Valcamonica Valley, home to some of the oldest human settlements in the country and you could choose Iseo, Monte Isola, Lovere or Clusane to get a taste of village life. All these locations are part of the Lega Ambiente’s Blue Guide, dedicated to the most beautiful Italian locations by the water. 

Not many remember that poised Ravenna had been capital of the Western Roman Empire, even though only briefly

Love Rome? Learn Italian history in Ravenna
“Roma caput mundi,” always. But did you know that the Western Roman Empire had, although not for a long time, another capital? Indeed, towards the end of its centennial history, in times commonly known by historians as Late Antiquity, the Emperor moved his court to a much smaller town in modern Emilia-Romagna: Ravenna. Ravenna was capital of the Western Empire from 402 to the year of its demise, 476. Vestiges of those years and of the following Byzantine domination remain in the city, whose most famous piece of architecture is certainly the eastern-like, mosaic-rich Basilica of Saint Vitale. Here, rulers’ mausolea - that of Theodoric and that of Empress Galla Placidia - keep company to the tomb of “the” Italian poet, Dante, buried in Ravenna and not Florence because he died in exile. 

Five famous locations, five equally beautiful and interesting alternatives. Truly the artistic, cultural and natural wealth of Italy never stops to surprise. 
 

Uno dei vantaggi di viaggiare in Italia è che il Paese ha così tante attrazioni turistiche che è quasi impossibile godere di una certa tranquillità. Uno dei lati positivi del viaggiare in Italia è che per ognuna di queste località ci sono altrettanti posti, se non più belli, altrettanto belli da vedere, dove un visitatore che ama la tranquillità può respirare un'aria più fresca e sentire di più parlare italiano.

Viaggiatori, pellegrini e poeti, questi sono i luoghi in cui desidererete trascorrere le vostre prossime vacanze.

Se vi piace Assisi, provate Montefalco
Assisi, il cuore dell'Italia. Specchio del patrimonio medievale e della storia del paese, nonché sede del suo santo protettore, Francesco. La bellezza di Assisi vi lascerà sicuramente senza parole, ma se volete un'alternativa, provate Montefalco.  

Comodamente situato non lontano da Perugia, Montefalco è un piccolo borgo di poco più di 5000 abitanti e uno dei Borghi più belli d'Italia. Arroccato come è in cima a una collina (non per niente è noto come il "balcone dell'Umbria"), è il luogo ideale per vedere la curva dolce e multicolore delle terre umbre, dove regnano ulivi e vigne.  

Il villaggio è un esempio di architettura medioevale conservato in modo fantastico e presenta tutti quei tratti tradizionali che ci si aspetta da una città dell’Italia centrale: strade in pietra arenaria, piccoli vicoli che corrono su e giù per la collina, una bella chiesa che benevolmente si affaccia sulla piazza principale. Detta chiesa, naturalmente, è dedicata a San Francesco e fa parte di un più ampio circuito museale del paese dedicato al Santo. Quindi, se andrete in Umbria per Francesco, imparerete molto di lui anche qui.

Se sognate le colline del Chianti, andate sulle Langhe
La regione italiana del Chianti è senza dubbio bellissima, ma è stata sovraesposta negli anni passati: dai film ai libri, le colline del Chianti hanno lottato per mantenere la loro preziosa autenticità e immutato il loro fascino e spesso hanno incarnato la versione "fatta con lo stampino" dell'Italia rurale.  

Niente di sbagliato in questo, ma se state inseguendo qualcosa di altrettanto bello ma non altrettanto prevedibile, dovreste provare le Langhe del Piemonte. Attenzione, l'area sta acquistando popolarità internazionale, soprattutto dopo il suo recente inserimento nel patrimonio naturale mondiale dell'Unesco e perché è la culla ideologica del movimento Slow Food. Terra di alcuni dei vini più conosciuti e apprezzati in tutto il mondo - si pensi a Barolo, Dolcetto, Moscato – dei tartufi bianchi e di una lista infinita di formaggi deliziosi (Castelmagno, Raschera, Tuma), le colline delle Langhe non offrono nulla di meno delle cugine toscane: un affascinante mix di forme, tonalità e colori, con l'inconfondibile abbraccio delle Alpi tutto intorno. Ora, questo è una cosa che il Chianti non ha. Sono di parte? Forse sì, è che sono nata qui.

Sognate le Cinque Terre? Fermatevi a Porto Venere
Cinque Terre: uno dei punti più pittoreschi d'Italia. Meraviglioso mare, case colorate, la bellezza della natura. Peccato che non si possa trovare la pace e la tranquillità che state cercando, soprattutto durante l'alta stagione. Quindi dirigetevi verso Porto Venere. Non lontano da Vernazza, Monterosso e C., Porto Venere condivide con i suoi parenti più famosi lo stesso mare e lo sfondo naturale. Affacciati sulla poeticamente chiamata, Baia dei Poeti, Porto Venere e dintorni sono parte del patrimonio mondiale dell' Unesco, proprio come le Cinque Terre, e sono benedetti dalla stessa atmosfera fiabesca, oltretutto con una lunga storia che risale all'epoca romana. Se siete appassionati di letteratura, vi piacerà sapere che Lord Byron ha trascorso qui un po' di tempo: c'è anche una grotta marina che porta il suo nome, "la Grotta di Byron", da dove il poeta ha iniziato a nuotare per raggiungere i suoi amici a Lerici, un’altra meraviglia della costa ligure, non lontano da lì.

Dimenticate il lago di Como e scegliete Iseo
Può non essere il più grande dei laghi italiani - quel record appartiene al lago di Garda - ma il lago di Como è sicuramente il più famoso: per gli italiani, solo menzionarlo riporta i ricordi delle scuole superiori delle prime righe di uno dei nostri capolavori letterari, I Promessi Sposi, nonché immagini di palazzi gentili ed eleganti affacciati sulle sue acque.  

Una volta casa dei ricchi e nobili italiani, molti di questi palazzi sono passati nelle ricche mani di stelle internazionali come George Clooney.  

Vale la pena visitare il lago, le sue sponde, la città che porta il suo nome, Como, ma se non vi interessa incontrare i Vip, potreste invece visitare il lago d'Iseo. Piccolo e poco conosciuto, anche tra gli italiani, recentemente è finito sotto i riflettori per un'installazione artistica particolare, "Piattaforme galleggianti" degli artisti Christo e Jeanne-Claude.  

Situato tra le province di Bergamo e Brescia in Lombardia, il lago d'Iseo ha molti bei posti da esplorare lungo le sue sponde: sorge tranquillamente ai piedi della Valcamonica, sede di alcuni dei più antichi insediamenti umani del Paese e potete scegliere Iseo, Monte Isola, Lovere o Clusane per avere un assaggio della vita del villaggio. Tutte queste località sono sulla Guida Blu di Legambiente, dedicata alle più belle località italiane dall'acqua.

Amate Roma? Imparate la storia italiana a Ravenna
"Roma caput mundi", sempre. Ma sapevate che l'Impero Romano d’Occidente ha avuto, anche se non per molto tempo, un’altra capitale? Infatti, verso la fine della sua storia centenaria, in tempi comunemente noti agli storici come Tarda Antichità, l'imperatore spostò la sua corte in una città molto più piccola della moderna Emilia-Romagna: Ravenna.  

Ravenna è stata la capitale dell'Impero Occidentale dal 402 all'anno della sua scomparsa, 476. Vestigia di quegli anni e della seguente dominazione bizantina rimangono in città, la cui architettura più famosa è certamente la Basilica di San Vitale, orientaleggiante e ricca di mosaici. Qui, i mausolei dei governanti - quello di Teodorico e quello dell'imperatrice Galla Placidia - tengono compagnia alla tomba di colui che è “il” poeta italiano, Dante, sepolto a Ravenna e non a Firenze, perché morì in esilio.

Cinque luoghi famosi, cinque alternative altrettanto belle e interessanti. Davvero la ricchezza artistica, culturale e naturale dell'Italia non smette mai di sorprendere.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Castellammare del Golfo – Sicily’s seaside treasure

It’s a scientific fact (as if we needed proof) that fresh salt air, serene blue seas, and sand sifting between our toes is the best stress busting...

The 16th century pharmacy of the Pope

Every city has them, the so-called “hidden gems.” The places rarely visited by tourists, and the ones often forgotten about by locals. Living in a...

“Tutte le strade portano a Roma” and some have very quirky names

Indeed, at the times of the Empire, all roads led to Rome, especially when you think the Romans are behind the creation of the first Italian and...

The secret waters of Liscia

Water carries life within: nothing could be and exist without it. Water is also frightful, because of its power, which destroys and obliterates. A...

Cycling in Ferrara - Emilia Romagna’s city of bicycles

Ferrara: oh, the tragedy of having overlooked this beauty of an Italian city for so many years! But we’re in the good company of a whole lot of other...

Weekly in Italian

Recent Issues