Bestie di scena di Emma Dante al teatro Argentina riassume la poetica radicale della drammaturga siciliana

Bestie di scena di Emma Dante al teatro Argentina riassume la poetica radicale della drammaturga siciliana

 Performance artistica difficilmente collocabile come genere, “Bestie di scena”, ideato e diretto da Emma Dante,  è un esperimento  radicale  in cui teatro e danza si confondono e si intrecciano  imponendo la nudità del corpo come linguaggio primordiale e  universale.

All’origine riflessione teatrale sul lavoro dell’attore, lo spettacolo sconfina nella riflessione filosofica come interrogazione sull’umana esistenza.

Perché quei corpi nudi in scena, fragili e impotenti, governati da un crudele deus ex –machina siamo tutti noi che stiamo a guardarli, identificandoci e rispecchiandoci nelle loro paure, nelle  fragilità, nelle loro regressioni. Così che il teatro diviene lo specchio del nostro umano sentire attraverso un linguaggio estremo centrato su corpi sottoposti ad uno sforzo fisico da fiaccare chiunque.

C’è in Bestie di scena una soggettivazione radicale del corpo che, nel movimento,  sincrono o scomposto che sia,  assume il quoziente di mistero, di non senso, di estraneità che è alla radice  del suo modo di essere e del suo stesso funzionamento.  La funzione del corpo diviene luogo di invenzione,  non attraverso la voce, quasi inesistente,  si sentono solo urla e sonorità incoerenti, ma  attraverso il movimento e la messa in scena che il teatro rende possibile. Corpi parlanti in cui il corpo dell’attore si offre  come luogo di enunciazione. 

Bestie di scena”, (in origine avrebbe dovuto intitolarsi Animali da palcoscenico), atto unico  prodotto dal Piccolo Teatro di Milano-Teatro d’Europa, è stato l’evento per eccellenza del Festival del Teatro di Avignone 2017 e continua a macinare successi e controversie nei teatri italiani.

Spettacolo complesso e potente, spiazzante,  innovativo,  è “una creazione  che traccia il viaggio  di un individuo alla ricerca di se stesso attraverso la perdita di tutto, della parola, del costume dietro cui nascondersi fino a raggiungere  uno stadio in cui  sia solamente il corpo a pensare- spiega la regista siciliana- “volevo raccontare il lavoro dell’attore, la sua fatica, la sua necessità, il suo abbandono totale  fino alla perdita della vergogna”.

All’inizio, mentre gli spettatori entrano in sala e sono in cerca del loro posto,  sul palco vuoto, una scatola nera delimitata da un fondale e sei quinte, vediamo  i giovani attori in maglietta, pantaloni e scarpe da ginnastica  impegnati  in un training teatrale  sincronizzato, corrono, si affaticano, sudano in una performance dal ritmo sempre più vorticoso e  spiazzante fino a quando sembrano  rinunciare  alla loro volontà e  si consegnano nudi  agli spettatori lasciando lentamente cadere i loro abiti  sul proscenio.

E’ la resa totale, la rinuncia alla maschera, a ogni orpello, rimangono lì  nudi, allineati di fronte al pubblico, sudati, fragili,  tremanti, si  specchiano  negli occhi degli spettatori, anch’essi penetrati  da un’inquietudine , da un sottile  disagio.

Ne viene fuori una coreografia  che non parla affatto di peccato, non c’è sessualità nè erotismo nei loro gesti, nei loro sguardi supplici, disarmati,  ma piuttosto   un senso di pena, di smarrimento, nascondono come possono  i sessi, perfino gli  occhi, consapevoli forse  del senso di tristezza che emana dai loro corpi esposti senza pudore allo sguardo altrui.  Sono  una piccola  comunità in fuga, profughi sfuggiti a chissà quali tragedie, sconvolgimenti epocali, giunti come tanti Adamo ed Eva scacciati da un ipotetico  paradiso terrestre, avvinghiati, solidali, ma inermi,  esposti alle intemperie e alla vergogna.

Un demiurgo sconosciuto e crudele  da dietro le quinte  fa  arrivare una  tanica  a cui si abbeverano come animali  esausti per  poi espellere l’acqua con uno sputo, viene lanciato  un telo rosa con cui cercano di coprirsi, ma subito dopo  esplodono petardi che rischiano di colpirli e allora rimane solo la paura, crolla completamente  il senso del pudore.

Il palco diviene il luogo dove questa piccola comunità di creature perse intesse poveri   brandelli di storie,  si illude di vivere attraverso oggetti, sbarre,  cibi informi, bambole, una spada, palloni,  noccioline,  stracci, scope che  piovono addosso,  tutti elementi che provocano ogni volta  paura, confusione, balli e urla, litigi e seduzioni, risate e combattimenti. Non c’è ruolo né storia, né personaggi : nel grado zero  della presenza scenica si rappresenta  ormai solo   la vulnerabilità e  la miseria della condizione umana, il  gioco, la  follia, l’istinto. 

Ogni corpo cerca di mettere in mostra la propria individualità, le proprie capacità nel vano tentativo di esistere,  si balla al  canto di una minuscola bambola meccanica, al suono lontano di un carillon, sulle note  di  Only You dei Platters due corpi  si intrecciano in  un romantico ballo a due, gli altri  si animano, si confondono con gli stimoli, alcuni  attori regrediscono a uno stadio primordiale, si diventa o ridiventa scimmie.

Rinunciando man mano all’assunto iniziale di racconto della fatica, della pena dell’attore, Emma Dante,  attraverso questi corpi spaesati, succubi, dolenti, ma potentemente istintivi e  vitali,  ci fa riflettere su ciò che resta dell’umanità, un cumulo di stracci, di macerie, un percorso senza via d’uscita.  Splendida performance attoriale con punte di eccellenza, citiamo per tutti  la prova di Viola Carinci che balla sulle mezze  punte al suono del carillon con grazia ed espressività sublimi. Con Elena Borgogni, Sandro Maria Campagna, Viola Carinci, Italia Carroccio, Davide Celona, Sabino Civilleri, Alessandra Fazzino, Roberto Galbo, Carmine Maringola, Ivano Picciallo, Leonarda Saffi, Daniele Savarino, Stephanie Taillandier, Emilia Verginelli, Daniela Macaluso, Gabriele Gugliara. Regia ed elementi scenici di Emma Dante. Luci di Cristian Zucaro.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Quattro orizzonti cinematografici all'Ischia Film Festival 2018: Salvatores, Muccino, Verdone e Greenaway

Quattro orizzonti cinematografici all'Ischia Film Festival 2018: Salvatores, Muccino, Verdone e Greenaway

Gabriele Salvatores, Gabriele Muccino, Carlo Verdone e Peter Greenaway: quattro forme di fare cinema, quattro orizzonti cinematografici all'Ischia...
Nel docufilm ‘Terra Bruciata’ le ragioni di una medaglia al Valor Civile per Giulianova

Nel docufilm ‘Terra Bruciata’ le ragioni di una medaglia al Valor Civile per Giulianova

Il progetto del film documentario “Terra Bruciata” nasce dall’incontro tra il regista Luca Gianfrancesco e il prof. Giuseppe Angelone, docente di...
Il registra abruzzese Davide Lupinetti dalla San Francisco State University al corto ‘50 e 50’

Il registra abruzzese Davide Lupinetti dalla San Francisco State University al corto ‘50 e 50’

E’ un patto, un accordo. Una idea che nasce dall’intelligenza di una bambina, Giovanna, per sfuggire a un dovere. Un piccolo stratagemma, forse furbo...
Face the wonder: Festival dei due mondi di Spoleto

Face the wonder: Festival dei due mondi di Spoleto

Si svolgerà dal 29 giugno al 15 luglio il Festival dei Due Mondi di Spoleto 2018. Alla sua 61a edizione, la rassegna – presentata in conferenza...
‘Loro’ di Paolo Sorrentino, due parti tra cronaca e fantasia

‘Loro’ di Paolo Sorrentino, due parti tra cronaca e fantasia

In programmazione i due film di Paolo Sorrentino, Loro 1 e Loro 2, protagonisti in ambedue Toni Servillo e Elena Sofia Ricci. Non entro nel merito...

Weekly in Italian

Recent Issues