A Firenze ‘Lo schermo dell’arte film festival”: 5 giorni per 70 ospiti internazionali

A Firenze ‘Lo schermo dell’arte film festival”: 5 giorni per 70 ospiti internazionali

Si è conclusa con oltre 6.500 presenze la decima edizione de “Lo schermo dell’arte film festival”. In cinque giorni, oltre 70 ospiti internazionali hanno animato il cinema La Compagnia e gli altri luoghi coinvolti a Firenze (Galleria delle Carrozze di Palazzo Medici Riccardi, Palazzo Strozzi, Cango Cantieri Goldonetta, Le Murate. Progetti Arte Contemporanea) e tra questi gli artisti Shirin Neshat, Hassan Khan, Adrian Paci, Roee Rosen, Rä Di Martino, Rosalind Nashashibi, Virgilio Sieni, i registi James Crump, Heinz Peter Schwerfel, Gilad Baran, i curatori Philippe Alain Michaud, Sarah Perks, Luigi Fassi, Stefano Collicelli Cagol, Lucrezia Calabrò Visconti, Gabi Scardi, Simone Frangi, Frida Carazzato, il produttore Ahmad Kiarostami e molti professionisti che lavorano nel campo del cinema. 

Il Festival, diretto da Silvia Lucchesi, ha ancora una volta confermato la sua unicità e il ruolo centrale in ambito internazionale nella scoperta e nell’approfondimento delle nuove forme espressive dell’arte contemporanea legate al cinema. Un’iniziativa che in questi anni ha portato a Firenze oltre 280 artisti e coinvolto più di 50 istituzioni di tutto il mondo in un programma che si sviluppa per tutto il corso dell’anno con anteprime, eventi speciali e di formazione, progetti di produzione e distribuzione, e trova la sua massima visibilità nel festival di novembre.

Numerosi i sold out, come l’Opening Night con il live set di Hassan Khan seguito dall’anteprima italiana di 24 Frames di Abbas Kiarostami, la Closing Night con il film sul fashion illustrator Antonio Lopez, la proiezione di Looking for Oum Kulthum di Shirin Neshat, l’anteprima del film di Virgilio Sieni.

Ottime recensioni e grande affluenza di pubblico anche per la mostra Directing the Real. Artists’ Film and Video in the 2010s a cura di Leonardo Bigazzi, con le opere di 19 giovani artisti internazionali che lavorano con le moving images, che resteranno visibili fino al 10 dicembre nella Galleria delle Carrozze di Palazzo Medici Riccardi.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Un western, una storia all’italiana, di 40 anni fa: Fuecu e Cirasi del regista pugliese Romeo Conte 

Un western, una storia all’italiana, di 40 anni fa: Fuecu e Cirasi del regista pugliese Romeo Conte 

Fuecu e Cirasi racconta del ritorno al proprio paese di origine di Giacinto, intenzionato a incontrare la famiglia della fidanzata Lena. I luoghi e l...
Il partenopeo trapiantato a New York Mariano Baino girerà a Napoli ‘Astrid's Saints’

Il partenopeo trapiantato a New York Mariano Baino girerà a Napoli ‘Astrid's Saints’

E' stato presentato a Napoli il film " Astrid's Saints " che sarà girato prossimamente a Napoli dal regista e artista multimediale Mariano Baino ,...
A Los Angeles l'arte della pizza napoletana si sposa con Cinema Italian Style

A Los Angeles l'arte della pizza napoletana si sposa con Cinema Italian Style

In occasione della seconda edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo (13-19 novembre 2017), l’ Istituto Italiano di Cultura di Los...
A Roma il primo festival cinematografico internazionale dedicato alle malattie rare

A Roma il primo festival cinematografico internazionale dedicato alle malattie rare

Prorogato al 18 novembre 2017 il bando di concorso per “Uno sguardo raro”, il festival di cinema dedicato alle malattie rare, alla sua terza edizione...
I temi controversi di ‘Una famiglia’ nella seconda opera del regista siciliano Sebastiano Riso

I temi controversi di ‘Una famiglia’ nella seconda opera del regista siciliano Sebastiano Riso

Un appartamento isolato nella periferia di una non troppo identificabile Roma. Lì dentro, una donna non esce (quasi) mai di casa. Il suo nome è Maria...

Weekly in Italian

Recent Issues