Magnificent Muro Lucano, buds of hope after battles

Perched on a steep ridge atop Mount Paratiello, Muro Lucano looks like a natural nativity set. Photo: Associazione Pro Loco di Muro Lucano

There are well-kept secrets hidden behind the southern Appennine Mountains in the remote, charming village of Muro Lucano, set amid the rugged beauty of the Basilicata region.

Here in the “instep” of Italy’s boot, which borders Campania to the west, Puglia to the northeast and Calabria to the south, the mountains make up just under half of the region, a place where the secrets of battles and dreams connect the past with the present.

Perched on a steep ridge atop Mount Paratiello, Muro Lucano looks like a natural nativity set. Photo: Associazione Pro Loco di Muro Lucano.

Perched on a steep ridge atop Mount Paratiello, Muro Lucano looks like a natural nativity set at sunset this time a year.

Potenza is an hour’s drive away to the south; Matera is 100 miles to the northeast while Naples is 50 miles to the north.

Muro Lucano was built over the ruins of Numistri, a Roman outpost where Consul Marcus Claudius Marcellus fought against Hannibal with great success. Foto: Luciano Remollino

“There was in the air the glamor of a battle, the holy battle raging for the assertion of a new truth. My youth plunged full in it,” wrote American futurist painter Joseph Stella, an Italian immigrant from Muro Lucano who arrived in New York City at age 19 in need of a self-expression almost as verbal as it was visual and mysterious.The Museo Archeologico Nazionale of Muro houses a permanent collection of Stella’s work.

Muro Lucano was built over the ruins of Numistri, a Roman outpost where Consul Marcus Claudius Marcellus fought against Hannibal with great success. It was in 210 BC, during the Second Punic War, the fourth time Claudius Marcellus and Hannibal met in a battle. And the one at Muro Lucano was quite bloody.

Muro is a beautiful land of dreams and sunlight. Photo: Luciano Remollino

More than 20 centuries later, a dark-haired, earthy beauty was born in the Bronx to a working class family that emigrated from Muro. The bubbly Italian-American girl named Anna Maria Louise Italiano became the celebrity known as Anne Bancroft. Her father Michael Italiano was a dress pattern maker, her mother Mildred Di Napoli was a telephone operator. A headstrong woman, Anne worked hard to prove her masterful and versatile talent.

The role of lonely housewife Mrs. Robinson in the movie The Graduate transformed her into an award-winning sensation. She was married to Mel Brooks for 41 years until her death in 2005, a passing that surprised even her friends. She proved herself in her own battle by keeping all private.

In 1980, Muro was severely damaged by an earthquake, the Irpinia quake that killed almost 3,000 people in the region. Most of houses were destroyed, but today after 37 years more than 90 percent have been rebuilt. Extensive work was put into the reconstruction.

I love Muro’s old town, the ancient borgo named il Pianello, with its piazza and steep streets, its maze of alleys. It is a timeless corner of southern Italy, with its 5,000 souls.

Now being regenerated, it remains one of Europe's hidden gems.

A medieval castle originally built by the Lombards in the 9th century still sits there overlooking the quaint village. The remaining ruins are a tribute to the castle’s fascinating and violent history. In 1382, beautiful Joanna I, Queen of Naples (Giovanna d’Angiò), didn’t win her battle. She died at the castle at 27, allegedly strangled with a silken chord while kneeling in prayer in the private chapel. She was killed by four Hungarian soldiers. Joanna’s death was ordered by her cousin Charles, Duke of Durazzo (the future Charles III), who regarded himself as the legitimate king of Naples. She was kept prisoner there, locked up in a tower.

The castle’s panoramic view over the Melandro and Marmo Streams Valley is mesmerizing. As you leave its ruins and take a short walk down through the village, you will find many trattorias serving superb dishes from the hills of Irpinia, an aptly named oasis of antique flavors.

This place is on the radar of food lovers thanks to simple, rustic but gorgeous dishes. Muresi can conjure up the most delicious specialties with home-produced olive oil, cheese, pasta, bread and mountain potatoes. Amazing are the ravioli with burnt garlic and walnut filling, with seasonal variations bringing truffles, mushrooms and locally sourced meats including wild boar. Sausages and hams are the gourmet specialties in Muro cuisine: try  capocollo di cinghiale lucano, a cured ham made from the neck of local wild boar – dark red and intensely flavored. My favorite is prosciutto di maiale lucano, a ham made from the hoofed hind legs of wild boar, aged for nearly a year.

Muro is somewhat considered the spiritual capital of Basilicata, being the birthplace of St. Gerard Majella, patron saint of the region. He is venerated as a protector of pregnant mothers and children. In the US several Catholic parishes are dedicated to him, including St. Gerard Majella Church at 4439 Inglewood Boulevard, Los Angeles.

Muro is a beautiful land of dreams and sunlight, a place of hope, a site of not only territorial battles. Ron Galella, known as the King of Paparazzi and an honorary citizen of Muro, had to face other kinds of battles, legal battles. He also got beat up, most famously by Marlon Brando, who punched him in the face, broke his jaw and knocked out five teeth. Climbing up that “muro” was the only goal Ron had.

Ci sono segreti ben custoditi nascosti dietro le montagne dell'Appennino meridionale nel remoto e affascinante villaggio di Muro Lucano, immerso nell'aspra bellezza della Basilicata. Qui, nel "collo del piede" dello stivale italiano, che confina a ovest con la Campania, a nord-est con la Puglia e con la Calabria a sud, le montagne costituiscono poco meno della metà della regione, un luogo dove i segreti di battaglie e sogni collegano il passato con il presente.

Arroccata su un ripido crinale in cima al Monte Paratiello, Muro Lucano sembra un presepe naturale al tramonto in questo periodo dell'anno. Potenza è a un'ora di macchina a sud; Matera è a 100 miglia a nord-est mentre Napoli è a 50 miglia a nord. "C'era nell'aria il fascino di una battaglia, la sacra battaglia che infuriava per l'affermazione di una nuova verità. La mia giovinezza si è immersa in tutto questo", ha scritto il pittore futurista americano Joseph Stella, un immigrato italiano di Muro Lucano arrivato a New York a 19 anni, bisognoso di un'espressione di sé verbale quanto visiva e misteriosa. Il Museo Archeologico Nazionale di Muro ospita una collezione permanente delle opere di Stella.

Muro Lucano è stata costruita sulle rovine di Numistri, avamposto romano dove il console Marco Claudio Marcello combatté contro Annibale con grande successo. Fu nel 210 A.C., durante la seconda guerra punica, era la quarta volta che Claudio Marcello e Annibale si incontravano in battaglia. E quella di Muro Lucano fu piuttosto sanguinosa.

Più di 20 secoli dopo, una bellezza in carne e ossa dai capelli scuri nacque nel Bronx da una famiglia operaia emigrata da Muro. La frizzante ragazza italoamericana di nome Anna Maria Louise Italiano divenne una celebrità, conosciuta come Anne Bancroft. Suo padre Michael Italiano era un modellista, sua madre Mildred Di Napoli era un’operatrice telefonica. Donna testarda, Anne lavorò duramente per dimostrare il suo talento magistrale e versatile.

Il ruolo di Mrs. Robinson, casalinga solitaria, nel film Il laureato la trasformò in uno scalpore da premio. Fu sposata con Mel Brooks per 41 anni fino alla sua morte nel 2005, una morte che sorprese anche i suoi amici. Si è affermata nella sua battaglia tenendo tutto privato.

Nel 1980, Muro fu gravemente danneggiata da un terremoto, il terremoto dell'Irpinia che uccise quasi 3.000 persone nella regione. La maggior parte delle case sono state distrutte, ma oggi, dopo 37 anni, sono state ricostruite per più del 90 percento. Molto lavoro è stato messo nella ricostruzione.

Amo il centro storico di Muro, l'antico borgo chiamato il Pianello, con la sua piazza e le sue strade ripide, il suo labirinto di vicoli. È un angolo senza tempo dell'Italia meridionale, con le sue 5.000 anime. Ora in fase di rigenerazione, rimane una delle gemme nascoste d'Europa.

Un castello medievale originariamente costruito dai Longobardi nel 9° secolo si trova ancora lì, che si affaccia sul pittoresco villaggio. Le rovine rimanenti sono un tributo alla storia affascinante e violenta del castello. Nel 1382, la bella Giovanna I, regina di Napoli (Giovanna d'Angiò), non vinse la sua battaglia. Morì nel castello a 27 anni, presumibilmente strangolata con una corda di seta mentre si inginocchiava in preghiera nella cappella privata. È stata uccisa da quattro soldati ungheresi. La morte di Giovanna fu ordinata da suo cugino Carlo, duca di Durazzo (il futuro Carlo III), che si considerava il legittimo re di Napoli. È stata tenuta prigioniera lì, rinchiusa in una torre.

La vista panoramica del castello sulla valle di Melandro e Marmo è affascinante. Mentre lasciate le sue rovine e fate una breve passeggiata attraverso il villaggio, troverete molte trattorie che servono piatti eccellenti delle colline dell'Irpinia, giustamente considerate un'oasi di antichi sapori.

Questo posto è nel mirino degli amanti del cibo grazie a piatti semplici, rustici ma sfarzosi. I muresi possono tirare fuori le specialità più deliziose con olio d'oliva fatto in casa, formaggio, pasta, pane e patate di montagna. Incredibili sono i ravioli con ripieno di aglio bruciato e noci, con variazioni stagionali che aggiungono tartufi, funghi e carni di provenienza locale tra cui il cinghiale. Le salsicce e i prosciutti sono le specialità gastronomiche della cucina di Muro: provate il capocollo di cinghiale lucano, un prosciutto stagionato ricavato dal collo del cinghiale locale - rosso scuro e intensamente aromatizzato. Il mio preferito è il prosciutto di maiale lucano, un prosciutto fatto con le zampe posteriori di cinghiale, invecchiato per quasi un anno.

Muro è in qualche modo considerata la capitale spirituale della Basilicata, essendo il luogo di nascita di San Gerardo Majella, patrono della regione. È venerato come protettore di madri incinte e bambini. Negli Stati Uniti diverse parrocchie cattoliche sono dedicate a lui, tra cui la chiesa di St. Gerard Majella al 4439 Inglewood Boulevard di Los Angeles.

Muro è una bellissima terra di sogni e luce solare, un luogo di speranza, un sito di battaglie non solo territoriali. Ron Galella, noto come Re dei Paparazzi e cittadino onorario di Muro, dovette affrontare altri tipi di battaglie, le battaglie legali. Anche lui è stato picchiato, famosa è la volta in cui Marlon Brando gli ha dato un pugno in faccia, rompendogli la mascella e cinque denti. Salire su quel "muro" era l'unico obiettivo che Ron aveva.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Prosciutto done right: process, quality and passion

Ah, prosciutto - that lovely, pink hued, paper-thin sliced meat that has delighted Italy’s residents for at least 3,000 years. Perhaps not as...

Italy’s most common last names: is yours among them?

We carry our own history in our name: it often tells about our relatives, after whom we may be named, or about name trends in the year we were born...

Sicily’s storytelling traditions

Since the first days of language, humans have been passing on stories. From the sea shanties of Cornwall to the shadow puppetry of China, from the...

There's more than one leaning tower in Italy

I taly’s towers are an integral part of her appeal, yet comparatively few remain. At the height of its development, Lucca boasted 250 towers; today...

Christmas in Italy: unique traditions and destinations

String some lights, hang a wreath, decorate the tree, and deck the halls with every form of green and red imaginable – Christmas is nigh! But have...

Weekly in Italian

Recent Issues