Ramificazioni semantiche che si ‘svegliano’ tra le parole

Ramificazioni semantiche che si ‘svegliano’ tra le parole
Incapace di definire una mappa completa e articolata di radici lessicali e di probabili etimi da collegare attraverso la ramificazione semantica, continuo a procedere per campionature. Partendo da gruppi di parole della stessa famiglia. E quale avvio migliore se non cercare le affinità semantiche tra le parole che usiamo più frequentemente, le quali, apparentemente lontane sul piano del significato, mostrano invece nella struttura fonologica una comune origine? 
 
In questa ricerca ci può essere d’aiuto la pagina del dizionario dove più dense sono le ricorrenze fonetiche che rendono probabile se non evidente  questa loro appartenenza. Il criterio della organizzazione dei lemmi nel dizionario è quello dell’ordine “alfabetico”, costruito proprio sulla componente fonologica delle parole.
 
Perciò oggi ho scelto di partire da una pagina del vocabolario di latino, in cui si trovano le parole legate al verbo vìgeo/vigère. Si tratta di un verbo intransitivo, cioè tale che, per completare il suo significato, non richiede nessun elemento lessicale aggiuntivo (il tradizionale complemento oggetto): basta il soggetto affinché il verbo esaurisca la sua capacità di significare. 
 
Vìgeo/vigère significa essenzialmente: aver vigore, essere pieno di vita. Poi, anche, continuare ad aver vigore, continuare ad essere forte, continuare a vivere. Da qui l’area del significato si espande per metafora a tante altre situazioni che il vocabolario, per darne l’ampiezza,  documenta con esempi della lingua (le cosiddette espressioni idiomatiche).  
 
Nella stessa pagina trovo il verbo vigesco (dove il suffisso –sco modifica l’aspetto del verbo e gli aggiunge la parte di significato che possiamo sintetizzare nelle parole “inizio a” oppure  “divento”. Quello che si dice aspetto incipiente del verbo, cioè: azione che comincia. Quindi: “prendo vigore”, oppure “riprendo vigore”. Poi trovo l’aggettivo vigil, che significa “in forza” e per traslato “sveglio”,  “vigile”. Da vigil si forma un altro verbo: vigilo/vigilare (vegliare). Poi c’è il sostantivo vigor (vigore, forza, energia, forza vitale; con tutte le espansioni originate dalla pratica dell’uso attraverso la metafora).
 
Vigil (“che è sveglio” o “che tiene sveglio”), vigilare  (“vegliare”; ma anche “sorvegliare”), vigilia (“lo stare sveglio”). Notiamo già che il significato originario va trasformandosi verso un diverso contenuto semantico: quello della funzione e dell’attività della guardia. In italiano, infatti abbiamo: il vigile, l’azione del vigilare, e implicitamente anche la sorveglianza notturna. Così del vigeo iniziale, nella lingua italiana è rimasto (quasi) solo il participio vigente, cioè “in forza”, “in atto”, “in corso”, o meglio, in vigore, come diciamo generalmente quando parliamo di leggi o di monete. Cioè: che vale ancora.
 
Vigilia, invece, che come termine tecnico era passato ad indicare la guardia notturna e la persona che la faceva (la sentinella), nonché il turno e la durata in termini di ore del turno di guardia (prima vigilia; seconda vigilia; ecc.), come vocabolo è rimasto identico nella lingua italiana; ma con la differenza che, a causa dell’uso che se ne faceva durante le feste importanti (per indicare la veglia dalla sera del giorno  precedente fino all’alba della festa) è andato ad indicare: “giorno precedente una solennità”. Come, ad esempio, vigilia di Natale. Da vigilia (veglia) – attraverso il verbo ex-vigilare - si passò poco alla volta al nostro “svegliare”.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Astri che abbagliarono Roma con Anton Giulio Bragaglia e Anna Letizia Pecci Blunt

Astri che abbagliarono Roma con Anton Giulio Bragaglia e Anna Letizia Pecci Blunt

E’ inspiegabile come certi personaggi che veramente hanno fatto la storia, siano così poco coltivati e tenuti a mente o per lo meno non quanto la...
Vittime dimenticate e vite di successo degli emigrati abruzzesi

Vittime dimenticate e vite di successo degli emigrati abruzzesi

Leopoldo “Leo” Mascioli nacque a Cocullo, L’Aquila, nel 1876. All'età di dieci anni, accompagnato da un lontano parente, arrivò a Boston dove lavorò...
La lingua mondiale della musica continua a parlare italiano

La lingua mondiale della musica continua a parlare italiano

Vorrà dire qualcosa se gran parte della musica strumentale, classica e operistica ancora oggi parla italiano e porta la lingua nazionale nel mondo. A...
Il dolce ufficiale della Serenissima: la frittella

Il dolce ufficiale della Serenissima: la frittella

Farina, latte, uova, zucchero, lievito di birra, scorza grattugiata di limone, cannella in polvere, sale, olio di semi, zucchero vanigliato e uva...
Dal bullo all’uomo da poco: come è cambiato il guappo

Dal bullo all’uomo da poco: come è cambiato il guappo

La parola guappo per come la si usa oggi, deve considerarsi una voce del lessico napoletano, in quanto si riferisce ad una realtà sociologica tutta...

Weekly in Italian

Recent Issues