Journey through Paola Sartorio’s Fulbright Commission

Paola Sartorio (third from left) with members of Fulbright Commission Staff

Paola Sartorio (third from left) with members of Fulbright Commission Staff

The Fulbright Program, awarding merit-based grants for international educational exchange to and from the US, became effective in 1946, thanks to United Nations’ advocate, James William Fulbright.
 
The latter, had been recipient of the Rhodes Scholarship - an international postgraduate award to study at the University of Oxford, UK – before being elected Senator from Arkansas, in service from 1945 to 1974.
 
In the Old Continent, for a change, we have to wait until 1987, for the official ratification of the European Union student exchange program, the Erasmus Program – named after Dutch Renaissance humanist Erasmus of Rotterdam – that enables grantees to attend up to one year at an academic institution of their choice within Europe.  
 
Interestingly enough, everything started with Sofia Corradi, nicknamed “Mamma Erasmus,” who had been a Fulbright recipient at the Columbia University, New York. In fact, her wonderful experience abroad changed the course of her life.
Executive Director of Italy-US Fulbright Commission, Paola Sartorio. Photo Courtesy of P. SartorioExecutive Director of Italy-US Fulbright Commission, Paola Sartorio. Photo Courtesy of P. Sartorio
Back to Italy, the university registrar denied the academic recognition of her Master’s earned overseas. Corradi’s frustration turned into her life’s resolution to grant everyone the same fundamental right and opportunity of having a life-changing study experience abroad.
 
From that day on, she put all her efforts towards that goal, finally reached in 1987, when the Erasmus Program finally inaugurated.    
 
Paola Sartorio, Executive Director of the US-Italy Fulbright Commission, instead of having her life-changing experience abroad, was raised in a place, where multiculturalism and tolerance for diversity have been traditionally fostered: “As a child, I studied at the ‘International School of Geneva.’ Most of my classmates came from all over the world and lived in the Swiss town because their parents were diplomats or international civil servants. Their lives inspired me to follow the same career, that’s when I realized that I wanted to be exposed to the world and work in a multicultural environment. 
 
I later enrolled at the ‘Sapienza University of Rome,’ where I earned my International Relations degree and, lastly, I completed a post-degree specialization in the European Union at SIOI (‘Italian Society for International Organization’).”
 
From theory to practice, it’s not always a short step, but Paola started with a blastoff: “My international career started with an internship at FAO (‘Food and Agriculture Organization of the United Nations’) on the non-navigational uses of fresh water. 
 
In 1998 I became a ‘Junior Professional Officer,’ a program sponsored by the government of Italy. Each year the Italian government sponsors a number of Italian citizens to work at International Organizations. 
 
At first, I was selected to work at the UNFIP (‘United Nations Fund for International Partnerships’), an office part of the UN Secretariat, that managed the $1 billion donation made by American media mogul, Ted Turner, about twenty years ago. 
 
UNFIP funded development projects generated by the United Nations in partnership with NGOs and the private sector. I had the opportunity of seeing what were the priorities of the UN system around the globe. 
 
Then, in New York City, I worked in the Executive Office of the Secretary General where, together with a small team, I supported the Deputy Secretary-General Mme. Louise Fréchette to conceive, develop and launch the second wave of Reform of the United Nations. Most of my work focused on social and economic development and coordination on the ground.
 
Back in Italy, I was in charge of  all aspects related to the opening of a crèche within IFAD (‘International Fund for Agricultural Development’) premises. For over ten years, IFAD was the only UN agency in Rome to offer this service to staff.”
 
Aside from Sartorio’s zeal at the service of international organizations, she teaches her students with the same dedication: “I have taught at several study abroad organizations in Rome, mostly to American students. Teaching gives you the opportunity of sharing your passion with others and it was a pleasure to see how eager my students were to make the most of their months in Europe. Rome is the third UN hub in the world: with classes ranging from International Relations to Italian politics, we took several field trips and my students had the opportunity to experience first-hand what they were learning in class.”
 
The US-Italy Fulbright Commission, under the leadership of Paola Sartorio, promotes study, research and teaching both in Italy and the US through a program of merit-based scholarships for Italian and US citizens (70 scholarships “per side” every year): “The fairness of our awarding is ensured through a rigorous and transparent selection process. Candidates go through a first round of anonymous screening. Then, short-listed applicants are interviewed by a select group of government officials and alumni.
 
As far as teaching, there is a growing interest on both sides of the ocean to make university programs more international and diverse. Partnering with the Fulbright Program is a very effective tool to attract qualified scholars to their institutions.”  
 
In 2016, the Fulbright Program celebrated its 70th anniversary. In 1946, the US Congress aimed to: “enable the government of the United States to increase mutual understanding between the people of the United States and the people of other countries.”
 
Since the first agreement between the US and the Italian Government was signed on December 18, 1948, there has been a significant evolution according to Sartorio: “The nature of US – Italy relations has evolved significantly over the years. When the Fulbright program was launched in Italy, one of its main goals was to give grantees the opportunity of learning more about their host country. Today when they arrive, grantees are more familiar with the country and benefit from the cultural exchange and exposure to a different academic system.”
 
Of course, there is still work that needs to be done: “The number of students going abroad through our program is still low and efforts are going into encouraging a wider diversity of participants.”
 
You may be still asking yourself what’s Paola Sartorio’s opinion of Los Angeles and what’s Fulbright’s involvement in Southern California.
 
Let’s quench your curiosity, then: “I love its contagious energy and vibe. Los Angeles is the first city I ever visited in the U.S. at age 16. I was impressed by how welcoming and open people were. Since then I have visited the city many more times and I have fond memories of each of my visits. 
 
Every year a number of Italian Fulbright grantees study and do research in Southern California’s academic institutions. In addition, the ‘Italian Culture Institute of Los Angeles’ regularly involves Italian Fulbright grantees and alumni in its activities.”
Il Fulbright Program, che dà borse di studio in base al merito per scambi educativi internazionali da e per gli Stati Uniti, divenne operativo nel 1946, grazie all’avvocato delle Nazioni Unite, James William Fulbright. 
 
Quest’ultimo aveva vinto la borsa di studio Rhodes, un premio di perfezionamento internazionale per studiare all'Università di Oxford, Regno Unito, prima di essere eletto Senatore dell’Arkansas, in servizio dal 1945 al 1974. 
 
Nel Vecchio Continente, per uno scambio, dobbiamo aspettare fino al 1987, per la ratifica ufficiale del programma di scambio studentesco europeo, il Programma Erasmus. Ha preso il nome dell’umanista del Rinascimento olandese Erasmus di Rotterdam, e abilita i vincitori di borsa a frequentare un anno in un'istituzione accademica a loro scelta all'interno dell'Europa.  
Executive Director of Italy-US Fulbright Commission, Paola Sartorio. Photo Courtesy of P. SartorioPaola Sartorio, Direttore Esecutivo della US-Italy Fulbright Commission. Photo Courtesy of P. Sartorio
Interessante notare che tutto cominciò con Sofia Corradi, soprannominata "Mamma Erasmus", che era stata destinataria di una borsa Fulbright alla Columbia University, New York. Infatti, la sua esperienza meravigliosa all'estero cambiò il corso della sua vita. 
 
Tornando in Italia, l'archivista universitario le negò il riconoscimento accademico del suo Master guadagnato all’estero. La frustrazione di Corradi si trasformò nella decisione della sua vita di dare a tutti lo stesso fondamentale diritto e opportunità di avere un'esperienza di studio all’estero che cambia la vita. 
 
Da quel giorno in poi, mise tutti i suoi sforzi per raggiungere quella meta, finalmente conquistata nel 1987 quando il Programma Erasmus fu finalmente inaugurato. 
 
Paola Sartorio, Direttore Esecutivo della US-Italy Fulbright Commission, invece di avere all’estero la sua fondamentale esperienza, è cresciuta in un luogo dove multiculturalismo e tolleranza per la diversità sono coltivate per tradizione: "Da bambina, studiai alla 'Scuola Internazionale di Ginevra'. La maggior parte dei miei compagni di classe venivano da tutto il mondo e vivevano nella città svizzera perché i loro genitori erano diplomatici o impiegati internazionali. Le loro vite mi inspirarono nel seguire la stessa carriera perchè compresi che volevo essere esposta al mondo e lavorare in un ambiente multiculturale. 
 
Mi iscrissi più tardi all’Università La Sapienza di Roma, dove mi laureai in Relazioni Internazionali e, successivamente, conseguii una specializzazione post-laurea nell'Unione europea e SIOI ('Società italiana per le Organizzazioni Internazionali)".  
 
Dalla teoria alla prativa non è sempre un passo breve, ma Paola cominciò con un trampolino:  “La mia carriera internazionale cominciò con un tirocinio alla FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per il cibo e l’agricoltura) sugli usi non-nautici dei corsi d’acqua. 
 
Nel 1998 divenni un ‘Junior Professional Officer’, un programma patrocinato dal governo d'Italia. Ogni anno il governo italiano finanziava un numero di cittadini italiani per lavorare nelle Organizzazioni Internazionali.  
 
All’inizio, fui selezionata per lavorare all'UNFIP ('Fondo delle Nazioni Unite per le relazioni Internazionali), un ufficio parte del Segretariato ONU che gestiva 1 miliardo di dollari di donazioni fatte dal magnate americano dei media, Ted Turner, approssimativamente venti anni fa. 
 
UNFIP seguiva progetti di sviluppo gestiti dalle Nazioni Unite in associazione con NGO ed il settore privato. Io avevo l'opportunità di vedere quali erano le priorità del sistema ONU in giro per il globo.  
 
Poi lavorai a New York City, nell'Ufficio Esecutivo del Segretario Generale dove, insieme con una piccola squadra, sostenni il lavoro del Deputato Segretario generale Sig.ra Louise Fréchette nel concepire, sviluppare e lanciare la seconda fase delle Riforme delle Nazioni Unite. La maggior parte del mio lavoro si concentrava sullo sviluppo sociale ed economico e del coordinamento sul campo. 
 
Tornata in Italia, sono stata responsabile di tutti gli aspetti collegati all'apertura di un asilo nido nell’ambito dell’IFAD ('Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo'). Per più di dieci anni, IFAD è stata l'unica agenzia ONU a Roma ad offrire questo servizio al personale".  
 
A parte l’impegno di Sartorio al servizio di organizzazioni internazionali, ha insegnato ai suoi studenti con la stessa dedizione: "A Roma ho insegnato in molte organizzazioni di studio all’estero, soprattutto a studenti americani. Insegnare ti dà l'opportunità di dividere la tua passione con altri ed è sempre stato un piacere vedere quanto ansiosi fossero i miei studenti nel poter studiare molti mesi in Europa. Roma è il terzo hub dell’ONU nel mondo: con classi che andavano dalle Relazioni Internazionali alla Politica italiana, avevano l’opportunità di fare molte esperienze sul campo ed i miei studenti avevano l'opportunità di sperimentare direttamente quello che stavano imparando in classe."  
 
La US-Italy Fulbright Commission, guidata da Paola Sartorio promuove studio, ricerca e insegnamento sia in Italia che negli Stati Uniti attraverso un programma di borse di studio basate sul merito per italiani e cittadini Usa (70 borse di studio "per lato" ogni anno): "La chiarezza con cui concediamo le borse è assicurata da un processo di selezione rigido e trasparente. I candidati superano un primo giro di selezione anonima. Poi, una short list di candidati è intervistata da un gruppo scelto di ufficiali statali ed ex-alunni. 
 
Come per l’insegnamento, c'è un interesse crescente su ambo i lati dell'oceano per fare programmi universitari più internazionali e diversi. E fare partenariato con il Fulbright Program è un modo molto efficace per attirare studiosi qualificati nelle proprie istituzioni." 
 
Nel 2016, il Fulbright Program ha celebrato il suo 70° anniversario. Nel 1946, il Congresso degli Stati Uniti puntava ad "abilitare il governo degli Stati Uniti ad aumentare la comprensione reciproca tra le persone degli Stati Uniti e le persone di altri paesi." 
 
Fin dal primo accordo tra gli Stati Uniti ed il Governo italiano firmato il 18 dicembre 1948, c'è stata un'evoluzione significativa secondo Sartorio: "La natura delle relazioni tra Stati Uniti e Italia si sono evolute significativamente durante il corso degli anni. Quando il programma di Fulbright fu lanciato in Italia, uno degli scopi principali era dare ai borsisti l'opportunità di imparare di più sul paese che li ospitava. Oggi, quando arrivano, i borsisti hanno più familiarità col paese e traggono profitto dallo scambio culturale e dal confronto con un sistema accademico diverso."  
 
C'è ancora, chiaramente, tanto lavoro da fare: "Il numero degli studenti che vanno all'estero con il nostro programma è ancora basso e gli sforzi stanno cercando di incoraggiare una maggiore diversità fra i partecipanti." 
 
Vi starete ancora chiedendo quale sia l'opinione di Paola Sartorio su Los Angeles e quale sia il coinvolgimento di Fulbright nella California Meridionale. 
 
Soddisfiamo allora la vostra curiosità: "Io amo la sua atmosfera ed energia contagiosa. Los Angeles è la prima città che ho visitato negli Usa a 16 anni. Fui impressionata da quanto le persone fossero accoglienti e aperte. Da allora ho visitato la città molte altre volte ed ho ricordi affettuosi di ciascuna mia visita.  
 
Ogni anno molti borsisti italiani di Fulbright studiano e fanno ricerca nelle istituzioni accademiche della California Meridionale. In più, l'Istituto di Cultura italiano di Los Angeles regolarmente coinvolge i borsisti italiani di Fulbright nelle sue attività."

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

A Generation Removed

Author’s note: This is the first installment of a serialized story that recounts my return to Italy and my grandfather’s journey to the U.S. My...

Italy: Beauty Beyond Postcards

Italy is a country rich in culture and history that should be unveiled to the entire international public: too often tourists only end up visiting...

Be my Cicerone, guide me through Arpino

In so many ways, the Romans are ingrained in our ways of thinking. Many of our fundamental thoughts about life have been shaped and tested by the...
The Bravio delle botti (Bravio of the barrels) is an annual race held in the Italian town of Montepulciano since 1974, replacing an equivalent horserace dating back to 1373. Photo: metina.it

Montepulciano – Tuscany’s Medieval Gem

Where the sunrise lifts swirling rounds of swallows skyward over ancient terra-cotta to announce the day, and cobbled streets host the daily walk of...

Sicily: beauty, heritage and a difficult past

In the heart of Sicily, there was once a town called Corleone, the birthplace of a mafia boss of the likes of Bernardo Provenzano; his bloody history...

Weekly in Italian

Recent Issues