Celebrating an unusual Italian Easter

Holy Week in Sicily. Traditional Festival "Dance of the Devils" in Easter. It is represented with the death and two devils go in search of souls. The eternal struggle of good and evil.
 
Chocolate eggs are stacked high in supermercati, Colomba dove cakes decorate pasticcerie windows and lambs are being made ready for the dining table. But away from the well-known traditions of an Italian Easter there are many different ways to celebrate. From cheese rolling to Florentine fireworks, dancing devils to sprinting Madonnas and tree lifting to egg Olympics Italians love to mark Easter. Here are some of the more unusual ways to mark a wonderful Italian Easter.
 
Good Friday
As the Vatican prepares a series of solemn Easter weekend events including the candlelit “Way of the Cross” procession from the Colosseum, towns and villages around the country are marking the religious festival in their own unique ways. 
 
In Enna, Sicily, over 2000 friars in ancient costume parade through the city streets in silence, just as their ancestors have done for over 500 years. Meanwhile in Puglia, the festival of Le Fracchie, or the torches, turns night into day in the town of San Marco in Lamis. Tree trunks are split open and wooden sticks packed into one end to make enormous torches. They’re piled high onto wagons and pulled along lighting the way for a procession of the Madonna. The torches, so locals explain, help Mary to search for her dead son. 
Religious Parade, in town of Enna, Sicily for the Holy Easter. Every year for Holy Friday is staged the passion of Christ in a procession which lasts through the afternoon and night. Sicilian people are very devoted. © Ilmoro100 | Dreamstime.com
Easter Sunday, La Pasqua
The main Italian Easter festivities occur around Easter Sunday or Pasqua and Easter Monday or La Pasquetta, “little Easter.” And merriments really do take all forms. So whilst Pope Francesco takes holy mass in front of thousands of worshippers in St Peter’s Square, Rome, the people of a little town called Prizzi in northern Sicily are dancing with the devil. 
 
In an ageless medieval battle between good and evil, villagers dress up as demons and death to take over the town centre for “Il ballo dei diavoli”, the dance of the devils. The red costumed satans move through town annoying locals with their demonic dances until they are offered money or food to move on. But they’re not just irritating; the masked monsters are on a mission to stop two statues of the Madonna and Jesus from meeting. Ultimately, however, the devils fail and good eventually triumphs reaffirming the supremacy of goodness but not before excited locals have enjoyed a little forbidden excitement.
 
Up north in Florence, the scene is even more explosive, with the traditional Scoppio del Carro, or “Exploding of the Cart” celebrations. Pasqua festivities begin as an ornate cart carved in 1689 is pulled through the historic Florentine centre by huge garlanded white oxen. The 3-storey cart is packed with fireworks and its destination is the front of the sumptuous Basilica di Santa Maria del Fiore cathedral where thousands of spectators gather to welcome it. Meanwhile inside the basilica Florence’s Archbishop presides over mass whilst the crowds wait outside. And then comes the moment that everyone has waited for as the priest sends a dove-shaped rocket symbolizing the Holy Spirit whooshing towards the cart. Everything hangs on the dove igniting the cart’s volatile cargo and the bigger the bang, the better as an almighty explosion ensures a good harvest and good fortune for the city. Never have so many fingers been crossed!
Easter is a festival very close to Italian hearts. Photo by davideprecone .gmail.com
And if that’s not lively enough for you, how about a sprinting Madonna to enliven Easter celebrations in Italy? That’s exactly what happens in Sulmona, in the central eastern region of Abruzzo where the procession of La Madonna che scappa, or the “Madonna who runs away” sees the statue of the Virgin racing across the main town square towards her resurrected son on the other side. The drama is heightened with firecrackers and the final release of doves as Mary’s black mourning cloak falls from her back. This is most definitely an unusually vibrant way to celebrate La Pasqua and one not to be missed.
 
But if devils, fireworks and sprinting statues are a little too much why not head to Cividale del Friuli, in the Friuli-Venezia Giulia region of northern Italy for a game of Il Truc or egg boules. The pastime dates back to Medieval times and uses prettily painted hens eggs instead of bowls, boules or balls. Centred around a circular stone lined pit the aim is to roll your egg down the ramp into the pit and knock your opponent’s eggs out of the way as you go. And fortunately competition is good-humoured so it’s an egg-citing way to celebrate the arrival of Easter Sunday!
 
La Pasquetta, Easter Monday 
Known affectionately as La Pasquetta or Il Lunedì dell’Angelo, Angel’s Monday, Easter Monday is a national holiday and traditionally the day when Italians enjoy carefree country picnics with friends and family to celebrate the return of spring. 
 
In Alto-Adige’s alpine Merano, however, the town is preparing something a bit different, the Corse Rusticane or traditional horse races of peculiarly blonde Haflinger horses. Before the race, gold maned horses and their traditionally costumed Tyrolean riders parade through town accompanied by bands and folk dancers. The day culminates as the beautiful blond mountain horses race around the Maia racetrack to the delight of the crowds. The golden horses of Easter are a unique sight as their manes fly in the wine. If you like horses, Merano is definitely worth a trip.
 
And finally, we can’t talk about an Italian Easter without mentioning food. Dining tables and picnic blankets sag under the weight of roast lambs, Columba cakes, bread and much much more. But in Panicale in Umbria, food is even more central to the Pasquetta festival, if that’s possible, as the town celebrates with a cheese-rolling race! Combining elements of yo-yo, bocce and running the race is said to commemorate the moment the stone door was rolled away from Jesus’s tomb. Giocatori, or players, jostle to be the first to roll a nine-pound Pecorino cheese around the perimeter of the old, walled village but the rules of this ancient race are strict. They’re allowed to use a leather strap to launch the cheese and keep it moving with a whip-like stick but otherwise players shouldn’t use hands or feet to propel their cheese on. The winner of the Ruzzolone race is the one who finishes with the fewest taps of the cheese and the prize, fittingly, is the cheese itself. Delizioso!
 
Ultimately there’s more to a traditional Italian Easter that meets the eye with as many different ways to celebrate as there are towns and cities. One thing is for certain, however, Easter is a festival very close to Italian hearts. And whether you do it with races, parades or simple egg-travaganzas, this is definitely a time to celebrate. Buona Pasqua a tutti, Happy Easter everyone!
Le uova di cioccolato sono impilate nei supermercati, le colombe decorano le vetrine delle pasticcerie e gli agnelli sono preparati per le cene. Ma lontano dalle ben conosciute tradizioni della Pasqua italiana, ci sono molti modi diversi di celebrarla. Dal formaggio che rotola ai fuochi artificiali fiorentini, dai diavoli danzanti alle Madonne di corsa, dal sollevamento degli alberi alle Olimpiadi delle uova, gli italiani amano celebrare la Pasqua. Ecco alcuni dei modi più insoliti di festeggiare una meravigliosa Pasqua italiana. 
 
Venerdì Santo 
Mentre il Vaticano prepara una serie di eventi solenni per il fine settimana di Pasqua, inclusa la processione della "Via Crucis” con le fiaccole al Colosseo, città e paesi di tutt’Italia preparano le loro feste religiose nei loro modi unici. 
 
A Enna, Sicilia, più di 2000 frati nei costumi antichi, sfilano attraverso le strade cittadine in silenzio, come i loro predecessori hanno fatto per più di 500 anni. Nel frattempo in Puglia, la festa delle Fracchie, o torce, trasformano la notte in giorno nella città di San Marco in Lamis. I tronchi d’albero vengono spaccati e i pali di legno raccolti insieme fanno torce enormi. Sono messi sopra carri e tirati per illuminare la via della processione della Madonna. Le torce, spiegano le persone del posto, aiutano Maria a cercare suo figlio morto.  
 
Domenica di Pasqua, La Pasqua 
Le principali feste della Pasqua italiana avvengono la Domenica di Pasqua, o Pasqua, e il Lunedì di Pasqua o Pasquetta. I festeggiamenti prendono davvero tutte le forme. Quindi, mentre Papa Francesco officia la Santa Messa di fronte a migliaia di fedeli in Piazza San Pietro, a Roma, le persone di una piccola città chiamata Prizzi, nella Sicilia settentrionale, stanno ballando col diavolo. 
 
In una non meglio definita battaglia medievale tra il bene e il male, gli abitanti del villaggio si travestono da Demoni e da Morte per prendere il centro della città per "il ballo dei diavoli”. I Satana dai costumi rossi si muovono attraverso la città infastidendo le persone del luogo con i loro balli demoniaci finché non gli vengono offerti soldi o cibo per allontanarsi. Ma non sono solo irritanti; i mostri mascherati hanno il compito di ostacolare l’incontro tra le due statue della Madonna e di Gesù. Alla fine, comunque, i diavoli falliscono e il bene trionfa riaffermando la supremazia della bontà, non prima però, che gli eccitati abitanti del luogo abbiano goduto di frenesie un poco proibite. 
A Firenze la Pasqua si celebra con il tradizionale Scoppio del Carro © Giannipa | Dreamstime.com
Più a nord, a Firenze, la scena è anche più esplosiva, con le tradizionali celebrazioni dello Scoppio del Carro. Le festività di Pasqua cominciano quando un carretto riccamente ornato e intagliato nel 1689 è tirato attraverso il centro storico fiorentino da grandi buoi bianchi inghirlandati. Il carretto a 3-piani è caricato di fuochi d’artificio e la sua destinazione è di fronte alla sontuosa Cattedrale di Santa Maria del Fiore dove migliaia di spettatori sono raggruppati per dargli il benvenuto. Nel frattempo dentro la basilica, l'Arcivescovo di Firenze presiede la messa mentre le folle aspettano fuori.
 
Poi viene il momento che ognuno ha atteso quando il prelato manda un razzo sfrecciante a forma di colomba, che simboleggia lo Spirito Santo, verso il carretto. Tutto dipende dalla colomba che infiamma il carico volatile del carrello: più grande è il botto, tanto più l’esplosione potente assicura buoni raccolti e buona fortuna alla città. Non ci sono mai così tante dita incrociate! 
 
E se questo non è abbastanza vivace per voi, che ne dite di una Madonna che corre per animare le celebrazioni pasquali in Italia? E’ precisamente quello che accade a Sulmona, nella regione centrorientale dell’Abruzzo dove la processione della Madonna che scappa vede la statua della Vergine correre attraverso la piazza principale della città verso suo figlio risorto, sull'altro lato della piazza. Il dramma è reso più alto con i mortaretti e con la liberazione finale di colombe quando il mantello nero del lutto di Maria cade dalla sua schiena. Questo è sicuramente un modo insolitamente vibrante di celebrare la Pasqua ed uno da non perdere. 
 
Ma se diavoli, fuochi artificiali e statue che corrono sono troppo poco, perché non puntare su Cividale del Friuli, nella regione dell'Italia settentrionale del Friuli-Venezia Giulia per il gioco de Il Truc o bocce di uova? Il passatempo torna indietro a tempi medievali ed usa uova di gallina bellamente dipinte invece di sfere, bocce o palle. Centrato attorno a una pietra circolare fiancheggiata con un buco, lo scopo è di far rotolare il vostro uovo giù dalla rampa nella buca e far battere le uova del vostro avversario lungo la via mentre il vostro uovo rotola. Fortunatamente la competizione è spassosa così che è un modo eccitante di celebrare l'arrivo della Domenica pasquale! 
 
La Pasquetta, Lunedì di Pasqua  
Conosciuta affettuosamente come Pasquetta o Il Lunedì dell’Angelo, il Lunedì di Pasqua è una festa nazionale ed è tradizionalmente il giorno in cui gli italiani fanno spensierati picnic in campagna con amici e famiglia per celebrare il ritorno della primavera. 
 
In Alto-Adige, nell’alpina Merano, comunque, la città sta preparando qualcosa un po' diversa: la Corsa Rusticana ovvero tradizionali corse di cavalli con i cavalli Haflinger particolarmente biondi. Prima della corsa, i cavalli dal manto dorato e i loro cavalieri nei loro tradizionali costumi tirolesi, sfilano attraverso la città accompagnati da bande e danzatori del popolo. Il giorno culmina con i bei cavalli biondi di razza montana che corrono attorno al circuito Maia per la delizia delle folle. I cavalli dorati di Pasqua sono una vista unica così come le loro criniere che volano nel vento. Se vi piacciono i cavalli, Merano vale sicuramente un viaggio. 
 
E finalmente, non possiamo parlare della Pasqua italiana senza menzionare il cibo. Tavole per le cene e tovaglie da picnic sono coperte dal peso di agnelli arrosto, colombe, pane e molto molto di più.  
 
Ma a Panicale, in Umbria, il cibo se possibile è anche più centrale nella festa di Pasquetta, visto che la città la celebra con una corsa di formaggio-rotolante! Combinando elementi di yo-yo, bocce e corsa, si dice che la corsa commemori il momento in cui la porta di pietra è stata fatta rotolare via dalla tomba di Gesù.  
 
I giocatori premono per essere i primi a far rotolare una forma di nove-libbre di formaggio Pecorino attorno al perimetro del vecchio villaggio murato ma le regole di questa antica corsa sono severe.  
 
A loro è permesso di usare una cinghia di cuoio per lanciare il formaggio e di farlo muovere con una frusta come bastone ma i giocatori non devono usare mani o piedi per spingere il formaggio. Il vincitore della corsa del Ruzzolone è quello che finisce con il minor numero di colpi del formaggio ed il premio, giustamente, è il formaggio stesso. Delizioso! 
 
Quindi c’è più di una tradizionale Pasqua italiana che può incontrare il proprio gusto con tanti modi diversi di celebrarla tanti quanti sono i paesi e le città. Comunque, una cosa è certa, Pasqua è una festa molto vicina ai cuori italiani. E se la farete con corse, parate o con uova stravaganti, è certamente una festa da celebrare. Buona Pasqua a tutti!

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Naples and its surrounding territory are a land of contradictions where the thirst for wonder and magic, the unknown and the curious blend with the seductive sun-religion of the pagans. Photo from "One Day in Naples" Exhibit by Flavia Loreto

Rites, magic and mysteries of Naples: the miracle of its millennial charm

Magic, mystery, a thirst for wonders and for the unknown, and a pagan sun-religion. Naples metabolizes three thousand years of culture and...
The stunning works of Villa Romana del Casale also include the famed "Bikini Girls", a depiction of a group of young women wearing bandeau tops, bikini bottoms and even anklets that would look perfectly at home on beaches of Southern California today.

The Bikini girls, archeological gems of Piazza Armerina

When modern bikini hit the shelves in Paris in the summer of 1946, Mediterranean women quickly snatched up it. One year later the world’s smallest...
If you know how to read a Venice map you'll unearth the hidden history of the city

Decoding Venice’s hidden history right under your feet

The streets of Venice cast their spells on thousands of visitors every year. From the day-trippers ticking St Mark’s off their bucket list to summer...

Beyond the Basement: Cultures Survive through Stories

When Niccolo Machiavelli penned his masterpiece, The Prince, Italy was a land divided and besieged by many foreign forces. In his last chapter, “An...

Raphael, Prince of the Arts: A New Film Explains His Genius

N obody would ever question the formidable artistic genius behind Raphael’s greatest works: together with Leonardo da Vinci and Michelangelo...

Weekly in Italian

Recent Issues