A Caserta la Catena della Pace: buone pratiche sociali

A Caserta la Catena della Pace: buone pratiche sociali

La città di Caserta terrà a battesimo la prima edizione del Premio internazionale d’Arte, Poesia e Prosa “Caserta 2017 - La Catena della Pace”

La città di Caserta terrà a battesimo, il 20 e 21 aprile 2017, la prima edizione del Premio internazionale d’Arte, Poesia e Prosa “Caserta 2017 - La Catena della Pace”, un evento organizzato dall’Associazione Culturale Verbumlandiart di Lecce, in partnership con l’Associazione Valori & Rinnovamento, e dalla Pro Loco di Caserta, con il patrocinio della Municipalità del capoluogo campano. Numerose le collaborazioni di associazioni culturali, sociali e di solidarietà nello spirito di pace che Verbumlandiart anima con le iniziative promosse in Italia e all’estero, una straordinaria catena che all’arte e alla letteratura unisce la specifica missione di promuovere la Pace, il dialogo e il rispetto reciproco tra popoli e culture.

L’associazione Verbumlandiart si fa portavoce dei valori culturali dei vari Paesi, dei loro sentimenti di amicizia e di pace. Solo nel reciproco rispetto delle specifiche identità nazionali e culturali può affermarsi e crescere una cultura di Pace, dall’empatia con le diversità e dal confronto con l’altro.

E’ nato così il progetto “Catena della Pace”, con la primaria missione di offrire stimoli per la formazione di cittadini d’una società sempre più aperta e multiculturale, che viva in un clima di rispetto e di dialogo continuo. La Cultura della Pace deve uscire dall’interiorità individuale e diventare fenomeno comunitario e sociale, con iniziative d’aggregazione in cui la diversità etnica, religiosa e culturale si viva come un arricchimento e non come problema. Un progetto di buone pratiche che contribuisca a formare i nuovi “cittadini del mondo”, capaci di affrontare e governare con sapienza ed apertura i problemi generati dalla convivenza di culture, religioni e convinzioni politiche diverse, oggi sempre più presenti nelle nostre società.

Regina Resta, infaticabile presidente di Verbumlandiart e fine poetessa, così dichiara: “Ci stiamo organizzando affinché le ragioni della Pace, del dialogo e della collaborazione tra i popoli camminino insieme alla salvezza dell’Ambiente. Ci sono scelte culturali e politiche che possono porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili, che contribuirebbe anche alla fine delle guerre e delle violenze che insanguinano il mondo e fermerebbe i cambiamenti climatici che sono già una drammatica realtà. L’utilizzo di fonti rinnovabili, presenti in maniera diffusa su tutto il pianeta, garantirebbe il diritto all’energia per miliardi d’uomini e donne e ridurrebbe l’inquinamento dell’aria con enormi vantaggi per la salute. Perché tutti gli esseri umani vedano riconosciuto il loro diritto all’energia e perché al tempo stesso siano salvaguardati gli equilibri ambientali e climatici, occorre innanzi tutto superare l’attuale squilibrio, nei consumi energetici, tra Nord e Sud del mondo. La Pace e l’Ambiente sono Beni comuni dell’Umanità: la Pace si costruisce investendo in Cultura e nella salvaguardia dell’Ambiente.

Il Premio internazionale “Caserta 2017” è quindi un’ulteriore tappa del progetto “La Catena della Pace”, che coltiva il dialogo e la cultura di Pace tra i numerosi parteciparti al concorso d’Arte, Poesia e Prosa.

L’importante evento si aprirà Giovedì 20 aprile, alle ore 17, con la mostra d’arte contemporanea, allestita presso la Biblioteca comunale “A. Ruggiero” in via Lodati 9. L’esposizione resterà aperta fino al 3 maggio, con i seguenti orari d’apertura: da lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 18, sabato dalle 10 alle 12:30.

Questi, secondo le decisioni della Giuria per la Letteratura, i Vincitori primi classificati. In lingua italiana: ex aequo Enzo Bacca e Dorotea Matranga per la Poesia e Giuseppe Milella per la Silloge; Paolo Miggiano per la Prosa. In lingua straniera, vincitori assoluti i poeti serbi Mika Vlacovic Vladisavljevic e Borisav Blagojevic.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

A Cittadella, tra aria e terra, c’è di mezzo il fare dell’arte di Bruno Munari

A Cittadella, tra aria e terra, c’è di mezzo il fare dell’arte di Bruno Munari

L’arte di Bruno Munari (Milano, 1907-1998) appare come un eccezionale complesso di pittura, scultura, sperimentazioni nelle tecniche più varie e...
A Montepulciano da non perdere la mostra sui progetti leonardeschi e il Tempio di San Biagio

A Montepulciano da non perdere la mostra sui progetti leonardeschi e il Tempio di San Biagio

A Montepulciano, detta non a caso la " perla del Rinascimento", la Fortezza , il Giardino di Poggiofanti e il Tempio di San Biagio diventano...
Al Museo del Bargello di Firenze le pregiate porcellane Richard Ginori

Al Museo del Bargello di Firenze le pregiate porcellane Richard Ginori

Le più importanti sc­ulture prodotte tra Settecento ed Ottoce­nto dalla Manifattura Richard Ginori, mo­numentali figure di porcellana, eccezion­ali...
L'estasi muta di Giovanni Bellini e la sua svolta pittorica

L'estasi muta di Giovanni Bellini e la sua svolta pittorica

Fino al 18 Giugno 2017 una mostra indaga la pittura veneziana e veneta, attraverso un raffronto tra la figura centrale di Giovanni Bellini e le opere...
Cesare Beccaria, dalla pena di morte al manifesto etico dell’Illuminismo

Cesare Beccaria, dalla pena di morte al manifesto etico dell’Illuminismo

Nel mondo antico Le leggi di Dracone erano note per la durezza e la pesantezza delle pene: quasi a tutti veniva comminata la pena di morte; per...

Weekly in Italian

Recent Issues