Ite Missa Est: cosa vuol dire?

Ite Missa Est: cosa vuol dire?

Andare di palo in frasca alla scoperta delle parole, è quello che di solito facciamo in questa nostra rubrica: tra detti e motti cerchiamo di capire parole comuni (usuali) e parole dotte (quelle più ricercate).

Oggi ci proponiamo di spiegare la parola “messa”. La quale, come sostantivo (la Messa), indica il rito religioso della tradizione cattolica, cioè la celebrazione eucaristica che si è strutturata nei secoli e che vede riunita intorno ad una mensa (l’altare) l’assemblea dei fedeli per rinnovare il mistero del pane e del vino, consacrati Corpo e Sangue di Cristo, e distribuiti ai partecipanti secondo la raccomandazione di Gesù nell’ultima Cena: “Prendete e mangiate …, prendete e bevete …, fate questo in memoria di me”. Quella che chiamiamo anche la Santa Messa.   

Le persone di una certa età, che hanno partecipato a questo rito nella loro giovinezza quando la messa si celebrava in latino, ricorderanno il saluto finale del sacerdote alla fine della funzione religiosa: “Ite, missa est”; espressione che successivamente è stata tradotta: “Andate, la messa è finita”. Ed è proprio da quel “missa” che è venuta fuori la parola “messa”. Ma “andate, la messa è finita” pur esprimendo il senso di quella espressione latina, non ne è tuttavia la traduzione letterale. Perché, stando alle parole usate e poiché “missa est” è voce del verbo mittere (= mandare), la frase ite missa est andrebbe tradotta in italiano così: “Andate, [perché] è stata [ormai] mandata”. Ma che cosa è stata mandata? Molto probabilmente – ma potremmo dire: evidentemente – la cosa che “è stata mandata” è la vittima del sacrificio, l’offerta sacrificale. L’hostia, per dirla con una parola latina. Solo in questo senso si può intendere che “la messa è finita”.

Così, la parola italiana messa (come la corrispondente parola latina missa, che significa mandata) in quanto participio perfetto del verbo “mettere” significa: “appoggiata”, “adagiata”, “depositata”, “conservata”, a seconda dell’oggetto, del contesto comunicativo, dell’avverbio con cui l’accompagniamo. “Ho messo l’orologio”; “ho messo da parte un piccolo risparmio”; “mettere tutto in ordine”; “mettere in evidenza”; e così via. Ma se la leggiamo come sostantivo, cioè con un articolo davanti: “la messa”, allora essa significa tutt’altra cosa. Essa significa: “celebrazione eucaristica”; assemblea domenicale dei cattolici intorno all’altare. La santa Messa, insomma.

Per chi ricorda quel po’ di latino scolastico che ancora manteniamo nella mente, è evidente che il verbo italiano “mettere” – dal punto di vista del significante – è la naturale trasformazione del verbo latino “mittere” (paradigma: mitto, misi, missum, mittere). Da “missum” (supino) deriva il participio “missus”; al femminile “missa”. Solo che nei duemila anni trascorsi dal tempo di Cesare e Cicerone fino ad oggi, il “mittere” dei latini ha cambiato significato, mentre cambiava la forma fonica. All’origine “mittere”, come abbiamo detto, era mandare. Qualche cosa di diverso del nostro “mettere” (che gli antichi Romani dicevano “pònere”). Anche se poi con un piccolo sforzo di comprensione non avremmo difficoltà a riconoscere una certa affinità semantica tra il mandare e il mettere

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

La tradizione legata al culto di San Franco d'Assergi, eremita del Gran Sasso

La tradizione legata al culto di San Franco d'Assergi, eremita del Gran Sasso

Tra i Santi del giorno, il 5 giugno, la Chiesa venera San Franco d’Assergi. Il culto di San Franco d'Assergi, santo eremita del Gran Sasso, fino a...
Il ‘caso’ Pascal D’Angelo, poeta e scrittore nel Nuovo Mondo e la vita degli emigranti italiani negli Usa

Il ‘caso’ Pascal D’Angelo, poeta e scrittore nel Nuovo Mondo e la vita degli emigranti italiani negli Usa

Introdacqua, paese natale, si impegna da anni, a livello istituzionale, a far conoscere e valorizzare la personalità e l’opera di un suo degno figlio...
Amedeo Obici, il re delle noccioline americane emigrò dal Veneto attraversando da solo l’Atlantico a 11 anni

Amedeo Obici, il re delle noccioline americane emigrò dal Veneto attraversando da solo l’Atlantico a 11 anni

Il suo marchio è impresso ancora oggi su milioni di confezioni "Planters", prodotti derivati dalle noci di arachidi, ma il suo nome lo conoscono bene...
Giovanni Paolo II sul Gran Sasso d’Italia 25 anni fa

Giovanni Paolo II sul Gran Sasso d’Italia 25 anni fa

Il 20 giugno di 25 anni fa Giovanni Paolo II tornava sul Gran Sasso d’Italia , la montagna che più amava, forse perché gli ricordava i Monti Tatra ,...
Il re del flamenco che arrivò a Broadway. Josè Greco, storia di una passione partita dal Molise

Il re del flamenco che arrivò a Broadway. Josè Greco, storia di una passione partita dal Molise

Josè Greco, il re del flamenco è nato a Montorio nei Frentani (Campobasso) e quest’anno ricorre il centenario della sua nascita ( Montorio 23.12.1918...

Weekly in Italian

Recent Issues