William James Mazzocco, l’economista italo-americano che lavorò al Piano Marshall

William James Mazzocco, l’economista italo-americano che lavorò al Piano Marshall

Uno dei numerosi poster creati per promuovere il Piano Marshall

William James Mazzocco è stato l’economista abruzzese che lavorò al “Piano Marshall”. Fu per molti anni consulente diplomatico governativo degli Stati Uniti. I suoi genitori erano nati a Castel di Sangro (L'Aquila).  

William James Mazzocco (in realtà si chiamava Uriele come il nonno paterno) nacque ad Hamilton in Ontario, il 9 dicembre del 1914, da Andrea Michele (“bracciante”) e Maddalena Buzzelli (“casalinga”).

I suoi genitori erano entrambi nati a Castel di Sangro: il padre l’8 maggio del 1884 e la madre il 29 agosto del 1895. I due emigrarono per gli Stati Uniti nel 1906. Successivamente Andrea Michele trovò lavoro in Canada ed è lì che Uriele nacque. Solo anni dopo, al tempo del liceo, il giovane figlio di abruzzesi decise di assumere il nome che lo accompagnerà per tutta la vita: William James.

Nel 1937 conseguì, in maniera brillante, la laurea in economia alla “University of Portland”. Nel 1940 si trasferì a Washington e qui conseguì un’ulteriore laurea  presso la “The Catholic University of America”. 

Da quel momento in poi seppe costruire una delle più importanti carriere di economista e consulente diplomatico governativo. Iniziò come esperto commerciale alla “U.S. Tariff Commission”. Da subito venne ritenuto un prezioso consulente ed analista del commercio internazionale. Rimasto scosso dall’attacco Giapponese a Pearl Harbor decise di arruolarsi nella Marina Militare Americana.

La sua ottima conoscenza dell’italiano e del francese aggiunte alla sua spiccata intelligenza lo fecero inserire nel settore “intelligence” e inviato in zona di guerra nel Sud Italia. Nel 1946 lasciò la marina con il grado di tenente. La grande occasione gli si presentò con la chiamata a collaborare, come prezioso consulente, al famoso “Piano Marshall”.  Di certo ebbe un ruolo strategico e non furono pochi a definirlo il vero ispiratore di quel Piano.

Fu anche Direttore dei programmi commerciali e industriali presso l'Ambasciata Americana di Roma. Dal 1949 al 1957 venne anche impegnato in importanti ruoli a Parigi.  Sempre negli anni ’50 fu responsabile della “Mutual Security Agency – Special Mission to Italy for Economic Cooperation” stabilendo la sua sede in Via Veneto, 62 a Roma. In questa occasione si spese con grande sensibilità per il suo Abruzzo. Poi inviato, come vice direttore dell'agenzia Usa per la missione di sviluppo internazionale, in Brasile dal 1957 al 1959. Successivamente con lo stesso ruolo fu destinato in Costa d'Avorio.

Dal 1965  al 1971 ebbe la sua sede a Washington e poi  in Vietnam come Alto Commissario  dell’“Overview of the U.S. Aid Program”.

Dal 1970 iniziò ad insegnare come professore al “Army War College”. Dal 1964 al 1972 fu istruttore presso la “U.S. Police Academy di Washington. Dal 1972 al 1974 fu istruttore al “U.S. Information Agency”.  Fu anche vice-presidente del  “Washington Forum”. La “University of Portland” ha istituito in suo onore l’annuale Premio “William James Mazzocco Memorial Lecture in Distributive Justice”.

Morì il 4 agosto del 2004. Il "The Washington Post" titolò "E' morto William J. Mazzocco economista e diplomatico. 35 anni al servizio del Governo in quattro continenti". 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Il ventennio fascista dal punto di vista dei corrispondenti americani in Italia

Il ventennio fascista dal punto di vista dei corrispondenti americani in Italia

La scoperta dell’Italia, il fascismo raccontato dai corrispondenti americani (Marsilio Edizioni) è l’ultima opera del professor Mauro Canali, per la...
L’emigrazione nei libri di scuola per l’Italia e per gli italiani all’estero

L’emigrazione nei libri di scuola per l’Italia e per gli italiani all’estero

“ L’emigrazione nei libri di scuola per l’Italia e per gli italiani all’estero ” è il titolo di un nuovo volume pubblicato dalla Fondazione Migrantes...
Nove anni dopo il terremoto de L'Aquila

Nove anni dopo il terremoto de L'Aquila

Nove anni dopo il bicchiere è mezzo pieno, si vede nei servizi fotografici dei media nazionali, e lo confermo con la mia esperienza personale...
Lamericaaa! L’Americaaa! 1916. L’emigrazione raccontata ai ragazzi

Lamericaaa! L’Americaaa! 1916. L’emigrazione raccontata ai ragazzi

C’è un grande buco nero nella Storia d’Italia. E’ l’epopea dell’emigrazione italiana, la storia dimenticata di quasi 30 milioni d’italiani andati...
Ai piedi di un mandorlo, la dedica di Ignazio Silone agli emigranti

Ai piedi di un mandorlo, la dedica di Ignazio Silone agli emigranti

Ignazio Silone nacque nel 1900 a Pescina dei Marsi, in provincia dell'Aquila. Il paesaggio e le problematiche sociali delle montagne abruzzesi tra...

Weekly in Italian

Recent Issues