Italian Ambassador Armando Varricchio Meets the Italian Communities in the Bay Area

During his five days in California, Ambassador Armando Varricchio managed to meet and talk to some expats who represent Italy’s best talents in America

During his five days in California, Ambassador Armando Varricchio managed to meet and talk to some expats who represent Italy’s best talents in America

Italian Ambassador, Armando Varricchio, visited the Bay Area in May, for the second time since he presented his credentials as Italy’s ambassador to the United States last year. During his five days in California, Ambassador Varricchio managed to meet and talk to some expats who represent Italy’s best talents in America. He took some time to visit the flourishing Napa Valley, he met with the California Governor, Jerry Brown; the President of the University of California, Janet Napolitano, and with San Francisco Mayor, Ed Lee. Therefore, he was at Stanford University where he talked about Italy and Europe, visited the Tesla headquarter, and joined an event at Lamborghini. The full agenda also included a dinner with some Italian scientists and entrepreneurs and a reception hosted by the Consul General in San Francisco Lorenzo Ortona at the Italian Consulate with representatives of the Italian associations in the Bay Area.
Italian Ambassador Armando Varricchio with California Governor Jerry Brown
«This is not the first time I have been here since I took office in 2016», Ambassador Varricchio says when asked about the goal of his trip to Silicon Valley. «I visited the Bay Area last July but I was sure - indeed I promised - that I would be back. I believe it is crucial to support the connections with the traditional Italian community as well as with the young groups of scientists, entrepreneurs, and professionals in general. I am the Ambassador to the United States, not only to Washington of course, and the whole country is important to me».
 
Why is San Francisco so special to the Italian community?
«I would say that San Francisco is a key place for the Italian community. It represents a fast-moving environment filled with good energy coming from different souls of our community. There is a powerful collaboration between all of them: on one hand, the oldest community, who contributed to the success of San Francisco; on the other hand, we have new groups that are worth considering. This city would not be the same without the mingle with the Italian culture and people». 
 
The Silicon Valley is the area that attracts most young people from around the world, working in tech or as entrepreneurs. «Last year I visited some big companies», Ambassador Varricchio recalls. «It is clear that the interest towards Italian expats has grown over time. Nowadays, scientists and entrepreneurs move here and make an individual decision when they settle down. But there are also institutions who are learning about the Silicon Valley model and want to get inspiration from it. There are many visitors from Italian universities as well as local and national representatives to the Bay Area every year. We do believe in this exchange process and we want to support it. My decision to come back is both part and an extension of the same mission».
Left to right: Micaela Barbagallo, Italian Ambassador Armando Varricchio, Consul General in SF Lorenzo Ortona, Sheila Hanson Pierce at a reception hosted by the Consul General in San Francisco Lorenzo Ortona at the Italian Consulate with representatives of the Italian associations in the Bay Area
Which was the biggest surprise during your meetings?
«I found more than one reason to be proud of Italians living here. They showed that there is a positive relationship between people who work here and Italy as homeland. In the past, Italians came with a one-way ticket, today’s generation has an active interaction with the country; they travel back and forth many times per year; they build professional and cultural connections; and they end up acting as a natural bridge between countries. This is very important for Italy because - as a country - the relationship has always existed, however nowadays expats learn from their experiences and share their knowledge with others. That’s the right way to give back to the country where you were born. Italy has a lot to say but also to listen to. This exchange will bring more opportunities to Italy, as long as everybody shows appreciation for what Italian expats do worldwide and pays attention to what they say. My advice is: let’s keeps an open mind towards what the Italian communities abroad do, say, and achieve».
 
«In this context I am glad to underline that we will have another meeting with members of the ISSNAF (Italian Scientists and Scholars in North America Foundation) in Washington in November this year», Ambassador Varricchio announces. «Surely Italy needs more action and some reforms but it is important to keep an open-minded approach. Italy has a lot to keep from the past, whereas the United States and the Bay Area are pretty young. But we can learn from the way Silicon Valley, that is a newborn reality, looks forward and puts innovation first. This is Italy’s biggest challenge: to preserve history and traditions while moving on. I do believe that we can achieve this goal, also thanks to the contribution of the people I have met here».
 
And let’s not forget the current political and social challenges...
«The changes that happened around the world are significant. Not only the election of a new President of the United States, but also Brexit had an impact on the general feeling among expats. I think that America’s greatest strength is to attract the best talents from around the world. I am confident this country will keep on being a pole of attraction, however we should not take anything for granted. We need to pay attention to what happens around us. Italy encourages young people to do experiences abroad, to learn and grow, and eventually to go back to contribute to the country’s improvement.
 
Which is the greatest take-away from this visit?
«Lots of energy, positive attitude, new initiatives. I want to take and share all these things with Italian representatives. I loved to see the teamwork between different groups. We are often pictured as “good solo artists” and less skilled at working as a team. San Francisco offers the opportunity to work as a team, and that’s something I really believe in. There are many Italians who proudly represent the country: they put together hard work, ideas, and innovation. I am happy to be here today, but I also want to say “Arrivederci” because I am willing to come back often during my mandate in Washington».
 
L'ambasciatore italiano, Armando Varricchio, ha visitato la Bay Area a maggio, per la seconda volta da quando ha presentato le sue credenziali come ambasciatore italiano degli Stati Uniti lo scorso anno. Durante i suoi cinque giorni in California, l'ambasciatore Varricchio è riuscito a incontrare e a parlare con alcuni espatriati che rappresentano i migliori talenti italiani in America. Ha preso un po’ di tempo per visitare la rigogliosa Napa Valley, ha incontrato il governatore della California, Jerry Brown; il presidente della University of California, Janet Napolitano, e il sindaco di San Francisco, Ed Lee. Poi, è stato alla Stanford University dove ha parlato dell'Italia e dell'Europa, ha visitato il quartier generale di Tesla e partecipato a un evento alla Lamborghini. L'agenda completa ha compreso anche una cena con alcuni scienziati e imprenditori italiani e un ricevimento ospitato dal console generale di San Francisco Lorenzo Ortona presso il Consolato italiano con i rappresentanti delle associazioni italiane della Bay Area. 
 
“Non è la prima volta che sono qui da quando sono entrato in carica nel 2016”, dice l'ambasciatore Varricchio quando gli viene domandato l'obiettivo del suo viaggio nella Silicon Valley. “Ho visitato la Bay Area lo scorso luglio, ma ero sicuro - anzi ho promesso - che sarei tornato. Ritengo sia fondamentale sostenere le connessioni con la comunità italiana tradizionale così come con i giovani gruppi di scienziati, imprenditori e professionisti in generale. Sono l'ambasciatore negli Stati Uniti, non solo a Washington naturalmente, e tutto il Paese è importante per me”. 
 
Perché San Francisco è così speciale per la comunità italiana? 
Vorrei dire che San Francisco è un punto chiave per la comunità italiana. Rappresenta un ambiente in rapido movimento pieno di buona energia proveniente dalle diverse anime della nostra comunità. C'è una potente collaborazione tra tutti: da una parte la più antica comunità, che ha contribuito al successo di San Francisco; d'altra, abbiamo nuovi gruppi che vale la pena prendere in considerazione. Questa città non sarebbe la stessa senza la mescolanza con la cultura e la gente italiana. 
 
La Silicon Valley è l'area che attrae la maggior parte dei giovani di tutto il mondo, che lavorano nel settore della tecnologia o come imprenditori. “L'anno scorso ho visitato alcune grandi aziende”, ricorda l'ambasciatore Varricchio. “È chiaro che l'interesse verso gli espatriati italiani è cresciuto nel tempo. Oggi, gli scienziati e gli imprenditori vengono qui e prendono una decisione individuale quando si stabiliscono. Ma ci sono anche istituti che stanno imparando dal modello della Silicon Valley e vogliono prendere ispirazione da esso. Ogni anno nella Bay Area ci sono molti visitatori provenienti dalle università italiane, nonché rappresentanti locali e nazionali. Crediamo in questo processo di scambio e vogliamo sostenerlo. La mia decisione di tornare è parte, ed è un'estensione, della stessa missione”. 
 
Quale è stata la più grande sorpresa durante gli incontri? 
Ho trovato più di una ragione per essere orgoglioso degli italiani che vivono qui. Hanno dimostrato che c'è una relazione positiva tra le persone che lavorano qui e l'Italia come madrepatria. In passato, gli italiani venivano con un biglietto di sola andata, la generazione di oggi ha un'interazione attiva con il Paese. Viaggiano avanti e indietro molte volte all'anno. Costruiscono connessioni professionali e culturali e finiscono per funzionare come un ponte naturale tra i Paesi. Questo è molto importante per l'Italia perché - come Paese - il rapporto è sempre esistito, tuttavia oggi gli espatriati apprendono dalle loro esperienze e condividono le loro conoscenze con gli altri. Questo è il modo giusto per restituire qualcosa al Paese dove si è nati. L'Italia ha molto da dire ma anche molto da ascoltare. Questo scambio porterà più opportunità all'Italia, a patto che tutti mostrino apprezzamento per ciò che gli espatriati italiani fanno in tutto il mondo e che si presti attenzione a quello che dicono. Il mio consiglio è: continuiamo a mantenere una mente aperta verso ciò che le comunità italiane all'estero fanno, dicono e raggiungono”. 
 
“In questo contesto mi fa piacere sottolineare che avremo un altro incontro con i membri dell'ISSNAF (Fondazione degli scienziati e studiosi italiani del Nord America) a Washington nel novembre di quest'anno”, annuncia l'Ambasciatore Varricchio. “Sicuramente l'Italia ha bisogno di ulteriori azioni e di alcune riforme, ma è importante mantenere un approccio aperto. L'Italia ha molto da conservare del   passato, mentre gli Stati Uniti e la Bay Area sono piuttosto giovani. Ma possiamo imparare dal modo in cui la Silicon Valley, che è una realtà appena nata, guarda in avanti e mette in primo piano l'innovazione. Questa è la più grande sfida dell'Italia: salvaguardare la storia e le tradizioni continuando a progredire. Credo che possiamo raggiungere questo obiettivo, anche grazie al contributo delle persone che ho incontrato qui”. 
 
E non dimentichiamo le attuali sfide politiche e sociali. 
“I cambiamenti che sono avvenuti in tutto il mondo sono significativi. Non solo l'elezione di un nuovo presidente degli Stati Uniti, ma anche la Brexit ha avuto un impatto sulla sensazione generale tra gli espatriati. Penso che la più grande forza americana stia nell’attirare i migliori talenti da tutto il mondo. Sono fiducioso che questo Paese continuerà ad essere un polo di attrazione, ma non dobbiamo dare nulla per scontato. Dobbiamo prestare attenzione a ciò che accade intorno a noi. L'Italia incoraggia i giovani a fare esperienze all'estero, per apprendere e crescere e per tornare a contribuire al miglioramento del Paese. 
 
Quale è il più grande “take-away” di questa visita? 
“Molte energie, atteggiamento positivo, nuove iniziative. Voglio prendere e condividere tutte queste cose con i rappresentanti italiani. Mi è piaciuto vedere il lavoro di squadra tra i gruppi diversi. Siamo spesso rappresentati come "buoni artisti solisti" e meno capaci di lavorare in team. San Francisco offre l'opportunità di lavorare come squadra e in questo credo davvero. Ci sono molti italiani che rappresentano orgogliosamente il Paese: hanno messo insieme duro lavoro, idee e innovazione. Sono felice di essere qui oggi, ma voglio anche dire "Arrivederci" perché sono pronto a tornare spesso durante il mio mandato a Washington”.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

From Milan with love: Starbucks launches partnership with Italian baker Rocco Princi

Walk into the Starbucks Reserve Roastery in Seattle these days and the first thing that grabs your attention is the aroma. No, not of coffee roasting...

A different Italy at the Oscars: Carpignano’s A Ciambra

During the opening night of the 13th edition of Cinema Italian Style on November 16th, Italo-Americano interviewed Jonas Carpignano, director of A...

A tribute to Italian cuisine: Los Angeles celebrates the Second Annual Week of Italian Cuisine

T he Second Annual World Week of Italian Cuisine, held in Los Angeles on November 13-19, is an initiative of the Italian Government to support the...

A window on Italy: Cinema Italian Style

The 13rd edition of Cinema Italian Style, held on November 13- 21, is Los Angeles showcase for the best Italian movies of the year. Ten movies were...

Cycling in Ferrara - Emilia Romagna’s city of bicycles

Ferrara: oh, the tragedy of having overlooked this beauty of an Italian city for so many years! But we’re in the good company of a whole lot of other...

Weekly in Italian

Recent Issues