Sardinia Goes Global – Innovative Start-ups unveiled in L.A.

Start-ups Incubator Clhub's leadership team - Riccardo Sanna, Giovanni Sanna and Andrew Apodaca. Photo Courtesy of Chiara Porru

Start-ups Incubator Clhub's leadership team - Riccardo Sanna, Giovanni Sanna and Andrew Apodaca. Photo Courtesy of Chiara Porru

We often hear about the constant efforts by Italy’s regulatory bodies to safeguard our authentic “Made in Italy” merchandise mark.

A lot of times, however, the best solutions are the ones developed by young start-up companies, like the Sardinian Autentico, that employs “Near Field Communication” (NFC) technology to prevent Italian products’ counterfeiting. 

Another field, in which Italy is leading the way, is the implementation of eco-friendly, low-impact technologies, able to revolutionize our lives and, at the same time, preserving our planet, in other words the “green tech.”

From L to R, Simone Mastrogiacomo, Guido Cattabianchi, Florindo Blandolino, Riccardo Sanna, Alfonso P. Scanio, Antonio Verde, Giovanni Sanna, Alessio Calcagni, Diego Lai, Andrew Apodaca, Damiano Congedo. Courtesy of C. Porru

The Sardinian start-up company, Veranu, is working in this direction, by perfecting a smart floor with piezoelectric properties. Soon, we will be able to generate clean energy by simply walking about our homes’ floorboards.

After a greatly successful first edition last October at the Italian Embassy in London, the networking event for “start-uppers,” Sardinia Goes Global, brought together these two innovators for the second edition, held at the Italian Cultural Institute (IIC) in Los Angeles on June 9th, with the support of the Consulate General and the Italian Trade Agency (ICE).

One of the main facilitators was the international venture incubator, Clhub (whose name comes from the merge of the words, “Club” + “Hub” + “Lab”), that officially launched its US operation in that occasion. 

The company - headquartered in Cagliari, Sardinia, with offices in Milan, Lombardy, and coming soon in California - aims to expand locally its network of business relationships, but also to attract foreign investors to Sardinia and Italy as a whole.

Sardinia Goes Global has been also possible thanks to the partnership between several other preeminent organizations, the above mentioned Consulate General of Italy, ICE and IIC, as well as Westport Construction Inc. and the Los Angeles Venture Association (LAVA).

A perfect business match to Clhub was the LAVA, that, since 1985, has been providing forums where entrepreneurs and executives of start-up, emerging growth and late stage venture funded companies, actively meet and learn from fellow executives, investors, bankers, financial advisors and other providers of professional services.

Let’s hear first some introductory words by Consul General Antonio Verde:

“What really is remarkable, is that Italy has not only a number of young, very talented and creative start-up companies, but also those entities, like ‘Clhub’ and ICE’s ‘Innovation Desk,’ that step-by-step nurture their growth.

In fact, despite Italian creativity remains our biggest asset, every start-up company sooner or later comes to a point where it needs resources to put to fruition its trailblazing and life-changing projects.”   

Here’s the role played by the Italian Trade Agency (ICE) of L.A., in the words of Guido Cattabianchi, in charge of the organization’s “Innovation Desk:”

“Our trade promotion agency is in charge of startups, innovation, and investments for the West Coast of the United States.

For the groundwork of ‘Sardinia Goes Global’ we not only provided logistics support, but also liaised with institutions and other key players active in Los Angele’s startup landscape to promote the event and secure attendance.”

Here is Giovanni Sanna, CEO of Clhub, explaining us how the idea for this amazing start-up incubator came to be.

“Clhub started in 2015 with the intention of bringing our know-how, developed in the US, back to Sardinia and the Italian peninsula, where we scouted for the best innovation ideas and, then, helped turn them into international companies.

Since the beginning, we created the platform to support young entrepreneurs with a dedicated incubation program to develop and grow their ideas and add the right ‘ingredients’ to success.

At this stage we have created an extensive and important network and the right base to add many startups in the coming years.”

Electronic engineer Alessio Calcagni, CEO of Veranu, communicated us his enthusiasm for “green tech” and “green energy:”

“I’ve been working on pressure sensors with piezoelectric materials. As I was developing my research project for my MS in Engineering, I had the chance to experience the fabulous world of organic electronics that has its roots in the use of materials with carbon and hydrogen (like the piezoelectric ones). 

The main aspect is that it is possible to come up with green applications among these new frontier of electronics. In fact, I realized how the piezoelectric material used for my thesis could generate a signal made up of energy…a green and clean one! 

If I combine this discovery with my eco-friendly lifestyle and respect to the environment, that shall explain how Veranu was born.”

Alessio, then, went on retracing with us the steps that led to the birth of Veranu:

“At first, I was alone in the development of my idea: to generate energy by footsteps. An apparently simple concept, but somehow disruptive and innovative. Soon I realized that my skills were not enough to go on with the implementation of it. 

For this reason, I shared my idea with my university colleagues, Simone Mastrogiacomo and Giorgio Leoni first, and Nicola Mereu afterwards. As my idea became the team’s one, the concept of ‘Veranu’ was finally born. 

In Italy, we took part to the ‘Edison Start’ award competition (June 2014), then to the ‘Start Cup Sardegna’ (October 2014), in which we made it to the final and to important international meetings, such as the ‘Green Innovation and Investment Forum’ (held in Stuttgart in February 2015) and the ‘Table of Investors’ powered by ‘Build it up’ (May 2015). 

But the most important acceleration in our project occurred in April 2016, during the first ‘Startup Battle’ powered by ‘Clhub.’ In fact, we won the competition and, right away, we started our ‘incubation’ with that venture incubator. 

In six months, we became startup foundation, we deposited the Italian patent demand and we presented our second prototype in a prime innovation fair (‘Sinnova 2016’, Cagliari, Sardinia).  

At this point our team is constantly growing with resources, provided by the CFO Giovanni Sanna and the rest of Clhub’s management team. We are improving our product’s efficiency and performance and soon it will be possible to have a walk on our smart floors. 

To me and my team, Veranu is first of all a dream come true, but also a business to feed until it will become an innovative product, by which everyone can walk and generate green energy.”

And now it’s time to hear from Diego Lai, CTO and co-founder of Autentico:

“‘Autentico’ is our solution to the grey market of counterfeit food, wine and fashion. It is based on Near Field Communication (NFC) technology and the application of the NFC tag in the product label. 

Applying the tag is just the first step. Our startup company is a complete IT-platform, with lots of features: NFC Tag Application Service by the Insert Label Machine, the Autentico’s app and a complete Reserved Area to manage your own production.

Every smartphone provided with a NFC reader can use our app. It doesn’t need to be connected to the Internet: thanks to the integrated cryptographic system, the app is always able to recognize the NFC Tag. Just by touching lightly the label containing the NFC Tag, the Autentico App will be able to show you the information about the product and its authenticity.

One of our main features is the Tag Application Service with the Insert Label Machine. If the product is already labelled, like a bottle of wine or olive oil bottle, we apply the DNA Tag on your own labels with our Insert Label Machine. In this way, you won’t need to change your production chain, neither to furtherly train your technicians. 

The labelling process with the DNA Tag is carried out by our team. The producers (wineries or oil mills) won’t need to make any change in their production chain. This innovation allows the implementation of the NFC technology with low budget and it’s independent from the amount of products per year.”

In conclusion, here is, in a nutshell, Diego Lai’s presentation at the first L.A.’s Sardinia Goes Global:

“‘Autentico’ is a solution in progress, a simple idea developed into a real  platform where our customers became at the same time consultants and testers thanks to their competition. 

It is important to emphasize how this solution was born from a real customer need and, for this reason, we can grow together. We firmly believe that Autentico can become a standard to stop fake product and grey market.”

Spesso sentiamo parlare dei costanti sforzi da parte degli organismi di regolamentazione italiani per salvaguardare il nostro autentico marchio commerciale del "Made in Italy". 
 
Molte volte, tuttavia, le migliori soluzioni sono quelle sviluppate da giovani aziende start-up, come la sarda Autentico, che impiega la tecnologia "Near Field Communication" (NFC) per prevenire la contraffazione dei prodotti italiani. 
 
Un altro campo in cui l'Italia fa da apripista, è l'implementazione di tecnologie ecocompatibili e a basso impatto, in grado di rivoluzionare le nostre vite e, contemporaneamente, di preservare il nostro pianeta, ovvero la "tecnologia verde". 
 
La start-up sarda, Veranu, sta lavorando in questa direzione, perfezionando un pavimento intelligente con proprietà piezoelettriche. Presto, saremo in grado di generare energia pulita semplicemente camminando sui pavimenti delle nostre case. 
 
Dopo una prima edizione di grande successo, nell'ottobre scorso, presso l'Ambasciata italiana a Londra, l'evento di networking per gli "start-uppers", Sardinia Goes Global, ha messo insieme queste due società di innovatori per la seconda edizione, tenutasi all'Istituto Italiano di Cultura (IIC) di Los Angeles il 9 giugno, con il sostegno del Consolato Generale e dell'Agenzia Commerciale Italiana (ICE). 
 
Uno dei principali facilitatori è stato l'incubatore d’impresa internazionale Clhub (il cui nome proviene dalla fusione delle parole "Club" + "Hub" + "Lab") che in quella occasione ha lanciato ufficialmente la sua operazione statunitense. 
 
L'azienda, con sede a Cagliari, in Sardegna, con uffici a Milano, in Lombardia e prossimamente in California, mira a espandere localmente la propria rete di rapporti commerciali, ma anche ad attirare investitori stranieri in Sardegna e in tutta l'Italia. 
 
Sardinia Goes Global è stata anche possibile grazie alla partnership tra diverse importanti organizzazioni: il già citato Consolato Generale d'Italia, ICE e IIC, nonché Westport Construction Inc. e Los Angeles Venture Association (LAVA). 
 
Perfetto partner d’affari per Clhub è stata LAVA, che dal 1985 è in grado di offrire forum in cui imprenditori e dirigenti di start-up, compagnie emergenti o già avviate, si incontrano attivamente e imparano da colleghi dirigenti, investitori, banchieri, consulenti finanziari e altri fornitori di servizi professionali. 
 
Sentiamo prima alcune parole introduttive del Console Generale Antonio Verde: "Quello che è veramente notevole è che l'Italia non solo ha tante giovani start-up, molto talentuose e creative, ma ha anche entità, come 'Clhub' e 'Innovation Desk' di ICE, che coltivano passo dopo passo la loro crescita. 
 
Infatti, anche se la creatività italiana rimane la nostra più grande risorsa, ogni start-up prima o poi arriva ad un punto in cui ha bisogno di risorse per mettere a frutto i suoi progetti rivoluzionari e all’avanguardia”. 
 
Ecco il ruolo svolto dall'Agenzia Commerciale Italiana (ICE) di L.A., nelle parole di Guido Cattabianchi, responsabile del "Desk Innovation" dell’ente: "La nostra agenzia di promozione commerciale è responsabile di start-up, innovazione e investimenti per la costa occidentale degli Stati Uniti. 
 
Per la realizzazione di ‘Sardinia Goes Global’ non solo abbiamo fornito un supporto logistico, ma abbiamo anche stretto contatti con istituzioni e altri attori chiave attivi nel panorama dellestart-up di Los Angeles per promuovere l'evento e garantire effettiva partecipazione". 
 
Ecco Giovanni Sanna, amministratore delegato di Clhub, che ci spiega come è nata l'idea di questo incredibile incubatore di start-up. 
 
"Clhub ha iniziato nel 2015 con l'intento di riportare il nostro know-how, sviluppato negli Stati Uniti, di nuovo in Sardegna e nella penisola italiana, dove abbiamo scovato le migliori idee per l'innovazione e poi le abbiamo aiutate a trasformarle in aziende internazionali. 
 
Fin dall'inizio abbiamo creato una piattaforma per supportare i giovani imprenditori con un programma dedicato di incubazione per sviluppare e far crescere le loro idee e aggiungere i giusti 'ingredienti' al successo. 
 
In questa fase abbiamo creato una rete estesa e importante, e la base giusta per aggiungere molte altre start-up nei prossimi anni". 
 
L'ingegnere elettronico Alessio Calcagni, CEO di Veranu, ci ha comunicato il suo entusiasmo per la "tecnologia verde" e "l’energia verde": 
 
"Stavo lavorando sui sensori di pressione con materiali piezoelettrici. Mentre stavo sviluppando il progetto di ricerca per il mio MS in Ingegneria, ho avuto la possibilità di sperimentare il mondo favoloso dell'elettronica organica che ha le sue radici nell'utilizzo di materiali a base di carbonio e idrogeno (come quelli piezoelettrici). 
 
L'aspetto principale è che è possibile trovare applicazioni verdi tra queste nuove frontiere dell'elettronica. Infatti, ho capito che il materiale piezoelettrico utilizzato per la mia tesi poteva generare un segnale di energia …verde e pulita! 
 
Se si combina questa scoperta con il mio stile di vita ecologico e il rispetto per l'ambiente, ci si spiega come nasce Veranu". 
 
Alessio, poi, ha continuato a ripercorrere con noi i passi che hanno portato alla nascita di Veranu: "In un primo momento, ero solo nello sviluppo della mia idea: generare energia con i piedi. Un concetto apparentemente semplice, ma in qualche modo sconvolgente e innovativo. Presto mi sono reso conto che le mie capacità non erano sufficienti per continuare a svilupparlo. 
 
Per questo motivo ho condiviso la mia idea con i miei colleghi universitari, Simone Mastrogiacomo e Giorgio Leoni in primo luogo, e Nicola Mereu in seguito. Non appena la mia idea è diventata squadra, è finalmente nato il concetto di ‘Veranu’. 
 
In Italia abbiamo partecipato alla competizione del premio "Edison Start" (giugno 2014), poi alla "Start Cup Sardegna" (ottobre 2014), da cui siamo passati alle finali e alle importanti riunioni internazionali, come il "Green Innovation and Investment Forum” (tenutosi a Stoccarda nel febbraio 2015) e come il 'Tavolo degli investitori’ sostenuto da' Build it up ' (maggio 2015). 
 
Ma l'accelerazione più importante del nostro progetto si è verificata nell'aprile del 2016, durante la prima "competizione di start-up", alimentata da Clhub. Infatti abbiamo vinto la gara e subito abbiamo avviato la nostra "incubazione" con quell’incubatore aziendale. 
 
In sei mesi siamo diventati startup, abbiamo depositato la domanda di brevetto italiano e abbiamo presentato il nostro secondo prototipo in una importante fiera di innovazione ('Sinnova 2016', Cagliari, Sardegna). 
 
 
Da quel momento la nostra squadra sta crescendo costantemente con risorse fornite dal CFO Giovanni Sanna e dal resto del team di gestione di Clhub. Stiamo migliorando l'efficienza e le prestazioni del nostro prodotto e presto sarà possibile fare una passeggiata sui nostri pavimenti intelligenti. 
 
Per me e per la mia squadra, Veranu è prima di tutto un sogno che si realizza, ma anche un'azienda da nutrire finché non diventerà un prodotto innovativo, con il quale tutti potremo camminare e generare energia verde". 
 
E ora è il momento di sentire Diego Lai, CTO e co-fondatore di Autentico: "Autentico' è la nostra soluzione al mercato grigio della contraffazione di alimenti, vino e moda. Si basa sulla tecnologia Near Field Communication (NFC) e sull'applicazione del tag NFC nell'etichetta del prodotto".
 
L'applicazione dell’etichetta è solo il primo passo. La nostra start-up è una piattaforma informatica completa, con molteplici funzionalità: il servizio di applicazione dell’etichetta NFC mediante la macchina di inserimento delle etichette, la app di Autentico e un'area riservata completa per gestire la propria produzione. 
 
Ogni smartphone fornito di un lettore NFC può utilizzare la nostra applicazione. Non è necessario connettersi a Internet: grazie al sistema integrato di crittografia, l'applicazione è sempre in grado di riconoscere il tag NFC. Solo toccando leggermente l'etichetta contenente il Tag NFC, Autentico App sarà in grado di mostrare le informazioni sul prodotto e la sua autenticità. 
 
Una delle nostre principali funzionalità è il Servizio di Applicazione dell’etichetta con la Macchina Inserisci Etichetta. Se il prodotto è già etichettato, come una bottiglia di vino o una bottiglia di olio d'oliva, applichiamo il tag DNA sulle vostre etichette con la nostra macchina di inserimento dell’etichetta. In questo modo, non sarà necessario modificare la vostra catena di produzione, né addestrare ulteriormente i propri tecnici. 
 
Il processo di etichettatura con il Tag DNA è eseguito dal nostro team. I produttori (cantine o oleifici) non dovranno apportare alcun cambiamento nella loro catena produttiva. Questa innovazione consente l'implementazione della tecnologia NFC con un budget basso ed è indipendente dalla quantità annuale di prodotti ". 
 
In conclusione, ecco, in poche parole, la presentazione di Diego Lai alla presentazione di Sardinia Goes Global a L.A.: "Autentico" è una soluzione in progress, un'idea semplice sviluppata in una vera e propria piattaforma in cui i nostri clienti sono diventati contemporaneamente consulenti e tester grazie alla loro concorrenza. 
 
È importante sottolineare come questa soluzione nasce da un reale bisogno del cliente e, per questo motivo, possiamo crescere insieme. Credo fermamente che Autentico possa diventare uno standard per fermare il prodotto falso e il mercato grigio".

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Credito Emiliano and Parmigiano: the curious story of the bank taking cheese as investment collateral

It was 1953 when Credito Emiliano, a relatively small bank based in the region of Emilia Romagna, started taking wheels of Parmigiano Reggiano as a...

Gio Solimene Ross: The first First Lady of Seattle Opera

In 1975, just a dozen years after its founding, Seattle Opera created an international sensation when it staged the complete production of Richard...

Angela Missoni: 20 years of artistry and innovation

Twenty years have passed since Angela Missoni took the helm of the family fashion house founded by her visionary parents Ottavio and Rosita, who...

Tuscany’s Monte Argentario: ancient, azure and alluring

I came across Monte Argentario few years ago and was mesmerized.  It amazed me with its beauty and variety -- in some places rugged and others...

Cookcooning: the new frontiers of tourism 2.0

“Travelling is more than an action, it’s a feeling,” Mario Soldati said. It is on this idea that a new form of international tourism, dubbed “...

Weekly in Italian

Recent Issues