L'eroico gesto di un abruzzese immigrato negli Usa

L'eroico gesto di un abruzzese immigrato negli Usa

Foto d'epoca di Michael Di Pasquantonio con la divisa dei Marines

Michele Di Pasquantonio era nato ad Ascoli Piceno, nella frazione di Valle Senzana, il 10 luglio del 1949 da Mario e  Maria Di Francesco un'abruzzese nata il 20 settembre del 1922 a Rocca Santa Maria (Teramo).  

Michele ha appena cinque anni quando la sua famiglia emigra per gli Stati Uniti destinazione Elsmere cittadina dello Stato del Delaware.  Qui genitori trovano lavoro prima presso la “Richard Paul Peds, Inc “ e successivamente aprono la pizzeria “Mario’s”.

Gli affari andavano bene e la vita della famiglia Di Pasquantonio, intanto erano nate altre due bambine Gary e Francesca, trascorreva serena. Nel cuore di Michael erano rimasti i ricordi delle sue spensierate giornate trascorse tra Valle Senzana e Rocca Santa Maria, e l’affetto dei suoi nonni. Era profondamente orgoglioso delle sue origini e spesso le rivendicava: “Sono fiero del mio sangue marchigiano-abruzzese”. Era un ragazzo responsabile, diligente e assai generoso.

Conseguì il diploma presso la Conrad High School di Wilmington, Delaware. Poi nel settembre del 1968 decise di arruolarsi nei Marines : “voglio aiutare il mio Paese”. Entrò come fuciliere e  quando partì per il Vietnam era già caporale. Il 5 febbraio del 1970 , con il suo “2° PLT del 26mo Marines”, si trovò a Quang Nam una provincia del Vietnam nella regione di Nam Trung Bo. C‘era la necessità di attraversare un territorio e  si temeva fosse minato.  Bisognava trovare un volontario, pronto a rischiare la vita, che perlustrasse la zona. Il giovane Michael, senza alcuna esitazione,  alzò la mano e disse:  “vado io”. Purtroppo poco dopo l’impatto con una mina gli risultò fatale.

Con questo suo eroico sacrificio contribuì a salvare decine di vite. Il suo comandante scrisse una lettera ai suoi genitori: “Vostro figlio è morto per salvare tutti noi. Vivrà per sempre nei nostri cuori”. I suoi funerali si tennero il 16 marzo 1970 nella gremitissima Chiesa di “St. Matthew’s  R.c. Church”  e fu sepolto con tutti gli “onori militari” nella cattedrale del Cimitero di Wilmington nel Delaware.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

La tradizione legata al culto di San Franco d'Assergi, eremita del Gran Sasso

La tradizione legata al culto di San Franco d'Assergi, eremita del Gran Sasso

Tra i Santi del giorno, il 5 giugno, la Chiesa venera San Franco d’Assergi. Il culto di San Franco d'Assergi, santo eremita del Gran Sasso, fino a...
Il ‘caso’ Pascal D’Angelo, poeta e scrittore nel Nuovo Mondo e la vita degli emigranti italiani negli Usa

Il ‘caso’ Pascal D’Angelo, poeta e scrittore nel Nuovo Mondo e la vita degli emigranti italiani negli Usa

Introdacqua, paese natale, si impegna da anni, a livello istituzionale, a far conoscere e valorizzare la personalità e l’opera di un suo degno figlio...
Amedeo Obici, il re delle noccioline americane emigrò dal Veneto attraversando da solo l’Atlantico a 11 anni

Amedeo Obici, il re delle noccioline americane emigrò dal Veneto attraversando da solo l’Atlantico a 11 anni

Il suo marchio è impresso ancora oggi su milioni di confezioni "Planters", prodotti derivati dalle noci di arachidi, ma il suo nome lo conoscono bene...
Giovanni Paolo II sul Gran Sasso d’Italia 25 anni fa

Giovanni Paolo II sul Gran Sasso d’Italia 25 anni fa

Il 20 giugno di 25 anni fa Giovanni Paolo II tornava sul Gran Sasso d’Italia , la montagna che più amava, forse perché gli ricordava i Monti Tatra ,...
Il re del flamenco che arrivò a Broadway. Josè Greco, storia di una passione partita dal Molise

Il re del flamenco che arrivò a Broadway. Josè Greco, storia di una passione partita dal Molise

Josè Greco, il re del flamenco è nato a Montorio nei Frentani (Campobasso) e quest’anno ricorre il centenario della sua nascita ( Montorio 23.12.1918...

Weekly in Italian

Recent Issues