Maschera e boccaglio per trovare il tesoro sommerso in Adriatico

Maschera e boccaglio per trovare il tesoro sommerso in Adriatico

Con l’acqua appena al ginocchio o a pochi metri di profondità, dotati di maschera e boccaglio, si possono fare meravigliose scoperte in questo lembo di Adriatico che bagna la Romagna – Acque limpide e trasparenti, è questo il momento giusto – Una ricchezza biologica enorme, tra flora e fauna sottomarine Dalle meraviglie “tropicali” della piattaforma metanifera dell’Agip affondata nel 1965 al largo di Ravenna alle scogliere ricche di pesci – Granchi fifoni, pesci balestra, fluttuanti anemoni di mare, cavallucci marini, pesci luna e giocosi delfini.

 

C’è un tesoro sommerso a pochi metri dalla riva dell’Adriatico che bagna la Romagna, e sono sufficienti pinne e maschera per scoprirlo.

 

E questo è certamente il momento migliore per immergersi nelle chiare, fresche acque dell’Adriatico che bagna l’Emilia Romagna, visto che la scarsa piovosità di questi ultimi mesi ha determinato una trasparenza da record.

Con le sue spiagge dorate e i suoi fondali che digradano dolcemente verso il mare aperto, l’Adriatico – oltre ad offrire un approccio piacevole e sicuro ai suoi ospiti, anche e soprattutto ai più piccoli – riserva tante inaspettate sorprese agli amanti della flora e della fauna sottomarine. Un ricchissimo e affascinante tesoro sommerso, testimonianza della purezza e della ricchezza biologica di queste acque.

Ad appena pochi metri dal bagnasciuga avvengono i primi interessanti incontri, dai cavallucci marini (presenti ma difficili da riconoscere per le loro grandi capacità mimetiche) alle anemoni di mare, alle piccole orate e spigole che frequentano le scogliere.

Certo, la sabbia è finissima e con un piccolo moto ondoso l’acqua perde un poco della sua trasparenza, ma al mattino le acque sono più calme ed è questo il momento migliore per andare…a caccia di tesori.

Già da pochi metri dalla riva, fino alle scogliere e più al largo, si possono ammirare mazzole con le ali dai colori metallizzati, sottilissimi pesci ago, nudibranchi coloratissimi, poi i murici, dai quali gli antichi ricavavano il color rosso porpora, crostacei in cerca di “casette” adeguate alla loro crescente corporatura, pesci che per mimetizzarsi riescono ad “imitare” lo stesso colore della sabbia sulla quale sono adagiati, granchi fifoni che si nascondono velocemente sotto la sabbia, seppie che si scambiano effusioni, eleganti delfini che giocano in mare aperto. E poi ancora saraghi, salpe, triglie, canocchie e persino tartarughe di mare.

Naturalmente possiamo incontrare anche qualche medusa, dal maestoso “polmone di mare” alla medusa quadrifoglio (con le gonadi ben visibili disposte appunto a quadrifoglio), assolutamente non urticanti, alle piccole ma più insidiose cubomeduse, come la Carybdea Marsupialis, dai tentacoli rossastri, questa sì urticante, e se sfiorati da questi tentacoli occorre strofinare con un panno umido la parte colpita e lavarla con acqua molto calda per neutralizzare in pochi minuti il bruciore.

Per gli esperti di immersioni, il “paradiso” è a 12 miglia dalla riva. Occorre chiedere un permesso alla Capitaneria di Porto di Ravenna per poter attraccare la barca o il gommone alle boe che consentono l’ormeggio. E quindi godere dell’incantevole ricchezza delle specie ittiche che popolano il Paguro, il relitto della piattaforma metanifera dell’Agip, affondata al largo della costa ravennate nel 1965 e oggi diventata un “reef” artificiale di incredibile bellezza. Qui, oltre a numerose specie di molluschi, comprese pregiatissime ostriche, si possono ammirare anche pesci mediterranei: corvine, gronghi, occhiate, scorfani di scoglio, astici, orate, mormore. Pesci che hanno trovato nelle strutture affondate del Paguro uno straordinario e particolare microclima, ideale per il loro habitat “tropicale”. Uno straordinario spettacolo che si apre ai nostri occhi ad appena trenta metri di profondità. Tra gli “ospiti”, anche qualche aragosta e tanti canestrelli, che con le loro ciglia mobili e retrattili sembrano voler strizzare l’occhio ai tanti curiosi che frequentano i fondali di questo ricchissimo, straordinario lembo di Adriatico.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Laguna di Lesina, dove la biodiversità incontra la placida suggestione del lago salmastro della Puglia

Laguna di Lesina, dove la biodiversità incontra la placida suggestione del lago salmastro della Puglia

Viaggiando nella parte settentrionale del Gargano, all'interno dell'omonimo Parco Nazionale, si incontra il lago di Lesina, bacino caratterizzato da...
Alessandro Volta e il suo Liceo: il monumento culturale di Como al fisico che inventò la pila elettrica

Alessandro Volta e il suo Liceo: il monumento culturale di Como al fisico che inventò la pila elettrica

Nel lontano 1927, nell’atrio del prestigiosissimo liceo “Alessandro Volta” di Como, veniva collocato il busto in marmo dell’illustrissimo fisico...
Un fotografo in viaggio tra le architetture di pietra della Sardegna

Un fotografo in viaggio tra le architetture di pietra della Sardegna

Gianni Berengo Gardin torna a raccontare la Sardegna nuragica con un nuovo viaggio alla scoperta delle architetture di pietra. Lo fa a trent’anni...
Nella terra dei tufi, tra tradizioni ed emozioni, ecco Pitigliano

Nella terra dei tufi, tra tradizioni ed emozioni, ecco Pitigliano

La domanda sorge spontanea: esiste veramente? Arrivando dalla statale SS74, dopo un paio di curve, laddove le colline della Toscana si alzano...
La ricetta teramana delle Virtù, piatto rituale e propiziatorio

La ricetta teramana delle Virtù, piatto rituale e propiziatorio

Da tempo immemorabile, a Teramo il primo maggio è sinonimo delle "Virtù" ed i vari eventi della storia, più o meno drammatici, non hanno scalfito l'...

Weekly in Italian

Recent Issues