Montepulciano – Tuscany’s Medieval Gem

The Bravio delle botti (Bravio of the barrels) is an annual race held in the Italian town of Montepulciano since 1974, replacing an equivalent horserace dating back to 1373. Photo: metina.it

The Bravio delle botti (Bravio of the barrels) is an annual race held in the Italian town of Montepulciano since 1974, replacing an equivalent horserace dating back to 1373. Photo: metina.it

Where the sunrise lifts swirling rounds of swallows skyward over ancient terra-cotta to announce the day,  and cobbled streets host the daily walk of shop-keepers, artisans, and townsfolk as they have for over 1,500 years. Where ancient church towers sing bell songs to declare the gifts of life and time, and lush vineyards stitch and lace together green hillsides that cradle the protective city walls. Where Piazza Grande serves as the heartbeat of rule, celebration, and her people, and soft rays of sundown caress the proud dome of the Church of San Biagio marking the close of another day.
Sunset in Montepulciano. Photo: siviaggia.files.wordpress.com
This is Montepulciano – the medieval Tuscan hilltop gem of a town that stole my heart some 5 years ago, when I made her my home for a week. 
 
There’s no argument that the more well-known hill towns of Tuscany hold high rank in hedonistic, as well as intrinsic, rewards. But for the traveler seeking a more authentic experience -- the ability to become intimately acquainted with the lifeblood of a town in short order and the opportunity to savor the delights of food, wine, art, history, and local interaction in bite-size pieces -- Montepulciano is a custom-fit. 
Montepulciano. There’s no argument that the more well-known hill towns of Tuscany hold high rank in hedonistic, as well as intrinsic, rewards
Situated in the southeast corner of Tuscany less than an hour’s drive from Siena, Montepulciano crowns a hilltop that dominates the lush valleys of Val d’Orcia -- a celebrity for its summer sunflowers, hearty wheat, and prized vineyards -- and Val di Chiana -- motherland to fine olive oil, Chianina beef, and thermal spas. No wonder Siena and Florence were constantly bickering over this little town: the panoramic views alone would be worth a skirmish or two. 
 
Although Montepulciano can’t claim the title of “undiscovered,” especially after being featured in a portion of the Twilight series “New Moon” film, her charms retain their fresh appeal and easy access. Unlike the nearby smaller neighbors of beautiful San Gimignano with her ethereal towers, or Cortona and her over-night fame after the success of Frances May’s “Under the Tuscan Sun,” Montepulciano is just large enough (pop. 14,000) to gracefully accommodate the accolades of new-found popularity, yet not suffer the effects of excess tourism. 
 
The Summer Festivals of Montepulciano
If having Vino Nobile at your disposal on a daily basis weren’t enough, the picturesque medieval hamlet of Montepulciano offers up an almost monthly array of festivals and celebrations, both time-honored and new. Summer presents some of the best, however, with delights that have thrilled throughout the ages. 
 
Early May brings the Fiera di Sant’Agnese to Montepulciano, festival dedicated to the town’s patron saint, Saint Agnes. A historic procession with townsfolk sporting medieval costume commences from the Chiesa di Sant’ Agnese, making its way to the Piazza Grande where flag throwing demonstrations and a rest-of-the-day medieval fair and market take place.
Debuting in 1993, this weekend dedicated to wine conjoins with the national Movimento Turismo Del Vino nonprofit organization, and establishes opportunities for wine enthusiasts to visit numerous cellars. Foto: italysbestrome.com
Not so old, but ever-so-popular is the Cantine Aperte (Open Cellars) event held in late May. Debuting in 1993, this weekend dedicated to wine conjoins with the national Movimento Turismo Del Vino nonprofit organization, and establishes opportunities for wine enthusiasts to visit numerous cellars, discover the styles and secrets of the winemakers, and taste any number of incredible local wines. And they’ll even let you buy them! 
 
Just down the hillside from Montepulciano-proper rests the iconic and beautiful Temple of San Biagio. This glorious structure was built in the 1500s, and is not only noteworthy for its picturesque addition to a wide-angle shot of the Montepulciano skyline, but also for providing the backdrop to the Giostra del Saracino, a festival heralding the days of fighting off Saracen invasions. Although a somewhat smaller rendition of nearby Arezzo’s jousting festival, Montepulciano’s version features food and fun, along with equine displays during the day, followed by jousting exhibitions under the (k)night sky. 
The Bravio delle botti (Bravio of the barrels) is an annual race held in the Italian town of Montepulciano since 1974, replacing an equivalent horserace dating back to 1373. Photo: metina.it. Foto: braviodellebotti.com
July brings a fine arts spotlight to Montepulciano with the prestigious Cantiere Internazionale d’Arte, a month-long feast for the senses. International professionals intermingle with young talents and express the creative process through workshops and performances in music, art, theatre, and dance. Initiated in 1976 by Hans W. Henze, the platform is designed to foster new creativity amongst the generations, as well as fresh exploration of the classics. With the European Academy for Music and Performing Arts located in the medieval Palazzo Ricci in the heart of Montepulciano, this festival affirms the poliziani (citizens of Montepulciano) love affair with the arts. 
 
August is hot, so what better way to escape the heat than by rolling extremely heavy wine barrels up the steeply inclined streets of Montepulciano! As with many Tuscan towns, a palio is a must – some sort of race between the neighborhood “contrade” that merits bragging rights for the next year. Montepulciano’s version, the Bravio delle Botti, pits the 8 contrade in an arduous uphill race through the historic center into Piazza Grande on the last Sunday in August. Two well-proportioned “spingitori” push a 176 pound “botte” (barrel) upwards through the narrow streets with hopes to grab the coveted prize, a painted cloth called Bravio, for their contrada. Medieval magic comes to life as the town celebrates in full period regalia, including the various brilliantly colored contrade flags proudly flying from ancient walls. Numerous neighborhood feasts also take place offering traditional food and drink. What better reason to dust off your armor and take part in this 600 year old festival! 
 
Another not-so-ancient gala with roots that run deep is the Bruscello Poliziano, a theatrical spectacle that tells the stories and history of the poliziani. The Bruscello tradition of popular theatre acted by peasants in the Tuscan countryside is kept alive and well in this yearly production. Played entirely by non-professional actors or “bruscellanti,” the annual event takes place on an outdoor stage in Piazza Grande. A full-scale musical unfolds as stories, either farcical or dramatic, of the past and present Montepulciano are told. This year’s event will take place on August 15th, Ferragosto Day, and will herald the life of Sant’Agnese Segni, Montepulciano’s beloved hometown saint. 
 
Come for one, come for all –Montepulciano’s summer festivals await!  
 
Dove l'alba solleva turbinii di rondini verso il cielo sopra l'antica terracotta per annunciare il giorno; dove le strade lastricate ospitano il viavai quotidiano di negozianti, artigiani e cittadini come succede da più di 1.500 anni; dove le antiche torri della chiesa intonano rintocchi di campana che annunciano i doni della vita e del tempo; dove lussureggianti vigneti cuciono e ricamano le verdi colline che cullano le mura cittadine di protezione; dove Piazza Grande lavora come il cuore pulsante delle regole, delle celebrazioni e del suo popolo; dove i raggi morbidi del tramonto accarezzano la fiera cupola della Chiesa di San Biagio per segnalare la fine di un altro giorno: questa è Montepulciano, gemma medievale di una città sulle colline toscane che ha rubato il mio cuore circa 5 anni fa, quando l'ho fatta casa mia per una settimana. 
 
E’ indubbio che le città collinari più conosciute della Toscana abbiano un’alta posizione nelle considerazioni edonistiche e intrinseche. Ma per il viaggiatore che cerca un'esperienza più autentica - la capacità di conoscere intimamente la linfa vitale di una città in poco tempo e l'opportunità di assaporare in un boccone le delizie del cibo, del vino, dell'arte, della storia e dell'interazione locale - Montepulciano è il luogo adatto. 
 
Situata nell'angolo sudorientale della Toscana, a meno di un'ora di auto da Siena, Montepulciano corona una collina che domina le rigogliose vallate della Val d'Orcia - nota per i suoi girasoli estivi, il grano abbondante e le preziose vigne - e la Val di Chiana - la patria del raffinato olio di oliva, la carne di Chianina e le terme. Non c'è da meravigliarsi che Siena e Firenze continuavano a litigare per questa piccola città. Le viste panoramiche meritano da sole qualche schermaglia. 
 
Sebbene Montepulciano non possa reclamare il titolo di "sconosciuta", soprattutto dopo essere stata mostrata in una parte del film "New Moon" della serie Twilight, il suo fascino conserva un appeal fresco e un facile accesso. A differenza delle città vicine più piccole, la bella San Gimignano con le sue torri eterne, o Cortona e la sua fama improvvisa dopo il successo di Sotto il sole toscano di Frances May, Montepulciano è abbastanza grande (pop. 14.000) per ospitare con eleganza i riconoscimenti della nuova popolarità, senza soffrirne gli effetti di un turismo eccessivo. 
 
I festival estivi di Montepulciano 
Se non fosse abbastanza avere a disposizione vino nobile su base giornaliera, il pittoresco borgo medioevale di Montepulciano, nella Toscana sudorientale, quasi mensilmente offre una gamma di festival e celebrazioni, sia consolidati nel tempo che nuovi. L'estate presenta alcuni dei migliori appuntamenti, però, con piaceri che hanno entusiasmato negli anni.
 
L’inizio di maggio porta a Montepulciano la Fiera di Sant'Agnese, un festival dedicato alla santa patrona della città, San Agnese. Una processione storica, con gli abitanti che indossano costumi medievali, inizia dalla Chiesa di Sant'Agnese, passa da Piazza Grande dove si esibiscono gli sbandieratori e, per il resto del giorno, hanno luogo una fiera e un mercato medievale. 
 
Non tanto antico, ma sempre popolare è l'evento Cantine Aperte che si tiene alla fine di maggio. Debuttando nel 1993, il fine settimana dedicato al vino si sviluppa con l'organizzazione nazionale senza scopo di lucro Movimento Turismo Del Vino e dà l’opportunità agli appassionati di vini di visitare numerose cantine, scoprire gli stili e i segreti dei vinificatori e gustare molti incredibili vini locali. E vi permetteranno anche di comprarli! 
 
Proprio in fondo alla collina di Montepulciano c’è l’iconico e bel tempio di San Biagio. Questa splendida struttura è stata costruita nel 1500 e non è solo degna di nota per la sua pittoresca aggiunta nella vista grandangolare dello skyline di Montepulciano, ma anche per essere lo sfondo della Giostra del Saracino, un festival che celebra i giorni di battaglia contro le invasioni dei Saraceni. Sebbene sia una versione in qualche modo ridotta del torneo della vicina Arezzo, la versione di Montepulciano include cibo e divertimento, insieme a esposizioni equine durante il giorno, seguita da manifestazioni della giostra sotto il cielo notturno. 
 
Luglio porta alla ribalta a Montepulciano le belle arti, con il prestigioso Cantiere Internazionale d'Arte, una festa dei sensi lunga un mese. I professionisti internazionali si mescolano a giovani talenti ed esprimono il processo creativo attraverso laboratori e spettacoli di musica, arte, teatro e danza. Avviata nel 1976 da Hans W. Henze, la manifestazione è stata pensata per favorire una nuova creatività tra le generazioni, nonché una rivisitazione dei classici. Con l'Accademia Europea per la Musica e le Arti dello Spettacolo situata nel medievale Palazzo Ricci, nel cuore di Montepulciano, questo festival afferma il rapporto d'amore tra i poliziani (cittadini di Montepulciano) e le arti. 
 
In agosto fa caldo, quindi quale modo migliore per sfuggire al caldo che far rotolare barili di vino estremamente pesanti sulle stradine ripide di Montepulciano! Come in molte città toscane, il palio - una specie di gara tra le contrade dei quartieri che conquistano il diritto di vantarsi per l'anno successivo - è un must. La versione di Montepulciano, il Bravio delle Botti, mette a confronto otto contrade in una difficile corsa in salita attraverso il centro storico fino a Piazza Grande, l'ultima domenica di agosto. Due spingitori ben proporzionati spingono una botte da 176 libbre verso l'alto attraverso le strade strette con la speranza di afferrare, per la loro contrada, il premio ambito, un panno dipinto chiamato il Bravio.
 
La magia medievale rinasce quando la città celebra l’intero periodo con tutti i paramenti, che includono bandiere dai colori vivaci delle varie contrade che orgogliosamente sventolano dalle mura antiche. Si svolgono anche numerose feste di quartiere che offrono cibo e bevande tradizionali. Quale migliore motivo per rispolverare la vostra armatura e partecipare a questo festival che ha 600 anni! 
 
Un altro gala non così antico ma con radici profonde è il Bruscello Poliziano, uno spettacolo teatrale che racconta le storie e la Storia dei poliziani. La tradizione del Bruscello del teatro popolare messo in scena dai contadini nella campagna toscana è mantenuta bene in vita in questa produzione annuale. Interamente interpretato da attori non professionisti o bruscellanti, l'evento annuale si svolge su un palcoscenico all'aperto in Piazza Grande. Un musical vero e proprio si dispiega mentre si raccontano le storie, sia farse che drammi, del passato e del presente di Montepulciano. L'evento di quest'anno avrà luogo il 15 agosto, il giorno di Ferragosto, e racconterà la vita di Sant'Agnese Segni, l'amata santa cittadina di Montepulciano. 
 
Andateci per uno, antateci per tutti, i festival estivi di Montepulciano vi attendono!

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Savor a section of the Via Francigena: Abbadia di Isola to Monteriggioni “a piedi”

All roads lead to Rome as the old saying goes – all 1,243 miles of road when we’re talking about the Via Francigena, the ancient byway connecting...

The secret geometry of Florence: a scientific tour of the renaissance city

Michelangelo, Raffaello, Leonardo... and then again Leonardo, Galileo, and many more famed artists and scientists: there is no doubt that Firenze –...

Mascherone, home protection the old-fashioned way

Today most self-respecting homeowners install alarms and locks to protect their homes, but step back to the 16th century and the preference was for...

Words are Stone: Impressions of Sicily by Carlo Levi

Carlo Levi’s Words Are Stone is an unrecognized classic in the travel book genre. However, this is not a travel book for the sightseeing tourist...

Le Buchette del Vino, Florence's Little Wine Tabernacles

Let’s say you find yourself in Florence on a fiery-hot summer afternoon, walking around the city’s narrow streets in a carefree manner. Let’s also...

Weekly in Italian

Recent Issues