Salento by 5, a memoir of traditions, stories, history, and recipes from Italy’s heel

Audrey and David during one of their trips to Salento

Three local Italians and two American travelers, the love for the same land, Salento, and a great passion for travel and culture. Salento by 5 is more than a book, is a collection of woven stories, travel tips, drawings, and recipes by Audrey Fielding, Luciana Cacciatore, Carlo Longo, Lucia Erriquez, and David Fielding.

For a number of years, five writers collected their stories, bound them together, and shared what they had each trip. At first, they thought they would exchange emails of their writings but that didn’t happen. It was only when they were face to face that they could read what they had, talk about what was missing, and make plans for writing more. After about ten years of collecting and some more trying to figure out how to organize what they had into a coherent book, they hit upon the idea of featuring each person, who would in turn share a different aspect of Salento based on their expertise. “We want to show people another way of living on the earth and why we return every year,"Audrey says. So, time was set aside for a writing project and usually involved a delicious Italian meal cooked by Lucia. And Carlo suggested: “It should be a sort of a Canterbury Tales collection. We meet up in Salento and walk together. As we walk, we share aspects of our lives that matter to us.”  

Left to right, Lucia Erriquez (The Cook); Luciana Cacciatore (The Raconteur); Carlo Longo (The Music Maker); Audrey Fielding (The Traveler) and David Fielding (The Sketcher)

Audrey, when did you decide to collect all your memories and experiences in a book?
“I have a background in teaching reading and writing locally and internationally, working with both students and teachers. When I met Luciana in the airport in Rome and learned that she had trained to be an English teacher in Italy, I was interested in her background and how English was taught in Italy. We met again in Salento and she introduced my husband David and me to her high school English teacher, Carlo, whose wife Lucia taught high school English. Although our initial conversations were about the teaching of writing, somewhere along the way, we began to talk about our own writing.”

Audrey and David returned to Salento to know more family stories, songs, and history. Over Lucia’s delicious meals, they decided that Carlo would write about the music of the area. Lucia loved to cook and had both stories and recipes to share. David had begun drawing small sketches of the area to add to his travel journal. Audrey had been writing about our Salento travel experiences to share with friends and family.

You call the book “a Travel Memoir and Salento Love Fest." Why?
We are each quite selective in what we choose to write about. The book is not a travel guide, although there are some travel recommendations. It’s a love fest: in the process of returning to the same place year after year, we fell in love with the place and the people. Each visit showed us something new while our friendship with Luciana, Lucia, and Carlo developed and deepened. For example, take food. At first, we ate and wrote down the names of the various local dishes. Then we started to ask questions about the recipes. Where did they come from? What was so sacred about slices of hard, stale bread soaked in water and covered with tomatoes and oil? The stories of the land began as many stories do, around the dinner table.  

What did impress you the most about Salento and its people?
Salento in 2002 was not what I expected it to be. I was expecting poverty, harshness, and little development. It was softer, friendlier, more developed economically, and with a “we can take care of ourselves” attitude. Salento has its own history of poverty. As we drove through small villages and winding country roads lined with stone walls, we could picture poor farmers struggling against an “earth vomiting stones” as Luciana has written, in order to reveal enough soil to grow food.  

What did you like the most?  
Since our first visit, swimming in the Adriatic and the Ionian Seas is priceless. Otranto, where we rent the same apartment every year, has a bay that invites you to swim from one side to the other and back. Depending on the wind, that is a big factor in Salento, the water will be calm, churned up gently or ferociously, warm or cold. We find it inviting most days, clear to the bottom, also in other places like Castro, Santa Maria al Bagno, Santa Catarina, and Santa Maria di Leuca.  

Something you dislike?
No place is perfect. Salento has too many smokers who leave their cigarette butts on the rocky shores and beaches. And trash pickup varies from village to village, highway to highway. We also worry about the lack of employment for young people. Often in conversations with young restaurant servers, we learn that they are university educated to be teachers or lawyers, but with little chance of finding work in their home area. Over the years, many young people left Salento for work abroad.  

Why is Salento today a popular vacation spot?
Over the years, we met mostly Italian tourists and European tourists on holiday. The few Americans tend to stay only a day or two before rushing off to a new destination, missing the opportunity to appreciate and enjoy a slower paced life. Lately, we have seen more bike groups wending their way on the back roads through olive groves. The tourist industry is growing in the area with cooking and language schools. We hope the area will retain its cultural heritage: small towns and farms, open seacoast, simple but good food, music and friendly people.  

David can't stop drawing and painting the colors of the Adriatic and Ionian Seas, particularly around Otranto, nor the limestone rock studded fields and muri a secco (dry stone walls). “Our trips to Italy over the past 12 years have really been the motivation for keeping the journal. I find the Salento coast, countryside, and towns (including baroque Lecce) to be an incredible feast for the senses with endless subjects for drawing and water coloring,” he said. “The drive along the Adriatic coast from Otranto south to Santa Maria di Leuca is every bit as remarkable as that along the famous Amalfi Coast in Campania - even more spectacular because, in addition to the breathtaking cliffs, there are rock-strewn fields and stone walls that I can imagine have changed little in the past 2000 years. For now, in this part of Salento, the tourists are few and the traveler's sense of discovery is genuine.”  

SALENTO BY 5 is now available on Amazon, in both paperback and kindle formats. More info at http://www.salentoby5.com/

Tre italiani del posto e due viaggiatori americani, l'amore per la stessa terra, il Salento, e una grande passione per il viaggio e la cultura. Salento by 5 è più di un libro, è una collezione di storie intrecciate, consigli di viaggio, disegni e ricette di Audrey Fielding, Luciana Cacciatore, Carlo Longo, Lucia Erriquez e David Fielding.

Per un certo numero di anni, i cinque scrittori hanno raccolto le loro storie, le hanno messe insieme e hanno condiviso ciò che hanno ricevuto da ogni viaggio.  

In un primo momento, pensavano che avrebbero scambiato e-mail con i loro scritti, ma ciò non è accaduto. E’ stato solo quando si sono trovati faccia a faccia che hanno potuto leggere ciò che avevano, parlare di ciò che mancava e fare piani per scrivere di più. Dopo circa dieci anni di raccolta e molti tentativi su come organizzare in un libro coerente ciò che avevano, hanno trovato l'idea di rappresentare ogni persona che avrebbe a sua volta condiviso un aspetto diverso del Salento sulla base della propria esperienza.  

"Vogliamo mostrare alle persone un altro modo di vivere il posto e perché tornare ogni anno", dice Audrey. Così, si metteva da parte il tempo per un progetto di scrittura e di solito si finiva in un delizioso pasto italiano cucinato da Lucia. E Carlo ha suggerito: "Dovrebbe essere una sorta di raccolta tipo Canterbury Tales. Ci incontriamo in Salento e camminiamo insieme. Mentre camminiamo condividiamo aspetti della nostra vita che sono importanti per noi".

Audrey, quando ha deciso di raccogliere tutti i suoi ricordi e le sue esperienze in un libro?
“Ho un background nell'insegnamento della lettura e della scrittura a livello locale e internazionale, lavorando sia con gli studenti che con gli insegnanti. Quando ho incontrato Luciana all'aeroporto di Roma e ho saputo che si era formata per essere un’insegnante di inglese in Italia, mi ha interessato il suo background e come l'inglese veniva insegnato in Italia. Ci siamo incontrate nuovamente in Salento e lei ha presentato me e mio marito David al suo insegnante d’inglese del liceo Carlo, la cui moglie Lucia ha insegnato inglese al liceo. Anche se le nostre prime conversazioni riguardavano l'insegnamento della scrittura, poco alla volta, abbiamo cominciato a parlare della nostra scrittura”.

Audrey e David sono tornati in Salento per conoscere più storie di famiglia, canzoni e storia. Davanti ai deliziosi piatti di Lucia, hanno deciso che Carlo avrebbe scritto sulla musica della zona. Lucia, invece, amava cucinare e aveva sia storie che ricette da condividere. David aveva cominciato a disegnare piccoli schizzi della zona da aggiungere al suo diario di viaggio. Audrey aveva scritto delle esperienze di viaggio in Salento per condividerle con amici e parenti.

Audrey, il libro si chiama "A Travel Memoir and Salento Love Fest". Perché?
Siamo stati tutti molto selettivi in ​​quello che abbiamo scelto di scrivere. Il libro non è una guida turistica, anche se ci sono alcune raccomandazioni di viaggio. È una festa d'amore: nel processo di tornare nello stesso luogo anno dopo anno, ci siamo innamorati del luogo e della gente. Ogni visita ci ha mostrato qualcosa di nuovo mentre la nostra amicizia con Luciana, Lucia e Carlo si è sviluppata e approfondita. Ad esempio, prendete il cibo. All'inizio mangiavamo e scrivevamo i nomi dei vari piatti locali. Poi abbiamo iniziato a fare domande sulle ricette. Da dove provengono? Cosa c’era di così sacro nelle fette di pane duro e stantio imbevuto di acqua e coperto di pomodori e olio? Le storie della terra sono cominciate così come fanno molte storie, intorno alla tavola.  

Cosa l’ha più impressionata del Salento e delle sue genti?
Il Salento nel 2002 non era quello che mi aspettavo. Mi aspettavo povertà, durezza e poco sviluppo. Era più morbido, più amichevole, più sviluppato economicamente e con un atteggiamento tipo "possiamo prenderci cura di noi stessi". Il Salento ha una sua storia di povertà. Mentre percorriamo piccoli villaggi e strade tortuose di campagna fiancheggiate da muretti in pietra, potremmo immaginare poveri agricoltori che lottano contro "una terra che vomita pietre" come Luciana ha scritto, per tirare fuori abbastanza terreno da coltivare il cibo.

Cosa le è piaciuto di più?
Dalla nostra prima visita, nuotare nell'Adriatico e nel Mar Ionio è inestimabile. Otranto, dove affittiamo lo stesso appartamento ogni anno, ha una baia che invita a nuotare da un lato all'altro e ritorno. A seconda del vento, questo è un fattore importante in Salento, l'acqua sarà calma, agitata dolcemente o ferocemente, calda o fredda. Lo troviamo invitante nella maggior parte dei giorni, chiaro sino al fondo, anche in altri luoghi come Castro, Santa Maria al Bagno, Santa Caterina e Santa Maria di Leuca.

Qualcosa che non le piace?
Nessun posto è perfetto. Il Salento ha troppi fumatori che lasciano le loro cicce di sigarette sui litorali rocciosi e le spiagge. E la raccolta dei rifiuti varia da villaggio a villaggio, da autostrada a autostrada. Ci preoccupiamo anche della mancanza di occupazione per i giovani. Spesso nelle conversazioni con i giovani camerieri dei ristoranti, scopriamo che sono universitari formati per essere insegnanti o avvocati, ma con scarse possibilità di trovare lavoro nella loro zona di origine. Nel corso degli anni molti giovani hanno lasciato il Salento per lavorare all'estero.

Perché il Salento oggi è una popolare meta di vacanza?
Nel corso degli anni, abbiamo incontrato principalmente turisti italiani e turisti europei in vacanza. I pochi americani tendono a rimanere solo un giorno o due prima di correre verso una nuova destinazione, perdendo l'opportunità di apprezzare e godere di una vita a ritmo più lento. Recentemente, abbiamo visto più gruppi di ciclisti che si affacciavano sulle strade rurali attraverso gli ulivi. L'industria turistica sta crescendo nella zona con scuole di cucina e di lingua. Speriamo che l'area conservi il suo patrimonio culturale: piccole città e masserie, litorale aperto, cibo semplice ma buono, musica e gente amichevole.

David non può smettere di disegnare e dipingere i colori dei Mari Adriatico e Ionio, in particolare intorno a Otranto, né i campi in pietra calcarea e i muri a secco. "I nostri viaggi in Italia negli ultimi 12 anni sono stati veramente la motivazione per alimentare il diario. Trovo che la costa del Salento, la campagna e le città (tra cui la barocca Lecce) siano una festa incredibile per i sensi con soggetti infiniti da disegnare e colorare con l’acquerello", ha detto. "Guidare lungo la costa adriatica da Otranto a sud verso Santa Maria di Leuca è bello come scendere lungo la famosa Costiera Amalfitana a Nord - Forse ancor più spettacolare perché, oltre alle scogliere mozzafiato, esistono campi rocciosi e muri in pietra che posso immaginare essere cambiati poco negli ultimi 2000 anni. Per ora, in questa parte del Salento, i turisti sono pochi e il senso di scoperta del viaggiatore è genuino".

SALENTO BY 5 è ora disponibile su Amazon, sia in formato paperback che in Kindle. Maggiori informazioni su http://www.salentoby5.com/

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

Venice Glass Week: breaking the mould in Murano

Wander the back streets of Murano and you can hear the roar of furnaces behind blind factory walls. The air trembles and there’s a perpetual orange...

Michelle Bufano: all fired up to bring glass art to the world

A semester abroad changed the very course of Michelle Bufano’s life. Bufano, executive director of Chihuly Garden and Glass in Seattle, was a science...

A Journey to Porto Ercole, Caravaggio's “Last Resort”

There is a place in southern Tuscany, just near the border with the Lazio region, to which vacationers, as well as art historians and culture lovers...

Partinico and Alcamo, Sicily: poetic path to Via Frank Zappa

Ironically enough, musical genius Frank Zappa and a 13th century poet, Cielo d’Alcamo, had some important things in common. These artists so vastly...

Searching for the origins of La Bella Lingua (Part I): Dante and Florence

It appears that modern Italy was unified by literature long before it existed as a single nation on the map. Although up to a century and a half ago...

Weekly in Italian

Recent Issues