There’s more to Italian Fall than you think

Vendemmia is a symbol of the Fall in Italy, but there is more to this beautiful season that that. image BROKER / Alamy Stock Photo

My memories of the Fall are so stereotipically Italian they could go on a postcard. Those I cherish the most, of course, come from my childhood and are all about white truffles, wild mushrooms and vendemmia. 

Memories of handmade tajarin laden with melted butter and topped with layers and layers of white truffle shavings: dad was -and still is - a keen truffle hunter and those precious kitchen gems have always abounded at home, to the point I only realized how expensive and exclusive they were when I moved abroad.  

Apple picking: a traditional activity in Trentino-Alto Adige: did you know it?

Memories of the Mostra del Fungo, the most important recurrence in my village. Well, clearly,  the most important recurrence that doesn’t involve our patron saint and is not Easter or Christmas. Of course, wild mushrooms we ate throughout the Fall, but the weekend of the Fair, there was always breaded fried porcini on our table and I could eat a wagon of those.

Thinking of it, I still can. 

The Italian grape harvest, locally known as “La Vendemmia”, is an age-old tradition dating back to the Roman Empire

And of course, memories of vendemmia. My grandparents from my mother’s side came from the Acqui area of Piedmont, known all over the world for its wines. My beloved grandfather, class 1913, a man of long-gone times, had a small vineyard he cared for with love and expertise, and whose grapes were used to make the most amazing dolcetto. One of the most beautiful pictures I own of myself is of the two of us standing one beside the other in that vineyard, he with a cigarette is his mouth and his arm around my shoulders and I, not more than four or five, squinting my eyes against the sun. Both happy. Both smiling. Grandad’s small vineyard no longer exists today and he’s been gone for twenty years, yet there isn’t a moment - and not only during the Fall, alas - I fail to count those distant days of September among the most serene and happy of my existence. 

Thinking about it, though, the Italian Fall brings even more to our eyes and minds. Think about the ever changing colors of the season: I have memories of those, too, of course, and of the countless drawings our primary school teacher made us do of the hills around town, with all those yellows and reds, purples and orange. Fast forwards some twenty years, and you’ll find me in college, spending most of my time with people from New England and finding out that there traveling around and go check out the mesmerizing colors of nature is, this time of the year, a real thing. 

Fall is the best season to go mushroom picking in Italy

It’s foliage time. 

Oh well, we have beautiful colors in Italy, too, but we don’t do that, I thought. But I was wrong because we Italians did find our American friends’ idea quite cool and exported it. Now, even the Touring Club Italiano, the ultimate source if you want to know what to see, eat and drink in Italy, created its own list of foliage locations to visit. We have breathtaking beechwoods in the Parco Regionale of Monte Beigua, near Genoa, the deep yellows of chestnut trees sitting next the pines’ evergreen coolness in Roero, in Piedmont and, while there, go take a look also at the miles and miles of crimson red, yellows and light greens of its vineyards. Mont Blanc’s Val Ferret offers thousands of larches, in all nature’s own nuances of orange, yellow and green and Trentino, another fertile dollop of beautiful land embraced by the Alps, has the enchanting Valle dei Mocheni. I could go on for hours, really, because as the Touring Club says, in the end, every corner of Italy where nature reigns undisputed is a place to see during the Fall. A bit like America.

You know, during those very same years in university, when I became vicariously American through the love and friendship of my US classmates, I kept close to my Italian roots by sharing the house with a girl from Alto-Adige. Tall, blonde and austere she looked, but she was friendly, gentle and immensely funny. It was during one of our endless conversations while drinking espresso from an old, cherished caffettiera she confessed the very same playful memories I had about vendemmia, she had about apple picking. Yes, apple picking, yet another popular Fall thing in some areas of the US - or so those very same friends of above told me. 

Beside being an important moment in the agricultural calendar of the region and source of income for many seasonal workers, apple picking season in Trentino and Alto-Adige’s valleys is a moment of traditional celebrations, and joyful gathering, just like vendemmia is in my Piedmont: in Trentino’s Val di Non, the apple festival Pomaria keeps people busy the second weekend of October and in Alto-Adige, indeed not far from my friend’s home, it’s to Naz-Sciaves in the Val d’Isarco one needs to go to breath in the purest of Alpine air, while enjoying the crispiest of apples and traditional harvest time celebrations. 

I read through these few paragraphs and I cannot help but notice two themes run throughout: memories and colors. And when you think about it, what’s Fall if not the season of just that, memories and colors? Fall colors are a gift of nature: they’re deep, rich and endlessly varied, just like that dream box of crayons all kids really want for Christmas at least once in their lifetime, and that’s why the Fall never struck me as the season of sadness, even if that’s how many see it.

 It is certainly, however, a season made to reminisce: it’s the light of shorter days and the chiaroscuro it creates with those colors that does it. And reminiscing, sometimes, make us all a bit nostalgic, but there’s no reason and no time to be: this is a season too beautiful not to be lived to its full. And if you happen to spend part of it in Italy, this year, you’ve just discovered there is even more to do, see and enjoy than what you thought.
 

I miei ricordi dell’autunno sono degli stereotipi così italiani che potrebbero finire su una cartolina. Quelli che amo di più, naturalmente, arrivano dalla mia infanzia e riguardano tutti i tartufi bianchi, i funghi selvatici e la vendemmia.

Ricordi di tajarin fatti a mano conditi con burro fuso e sormontati da strati e strati di trucioli di tartufo bianco: il papà era - e lo è ancora – un appassionato cacciatore di tartufi e quei preziosi gioielli culinari sono sempre stati in abbondanza a casa, al punto che ho capito quanto sono costosi ed esclusivi solo quando sono andata all'estero.

Ricordi della Mostra del Fungo, la più importante ricorrenza nel mio paese. Beh, chiaramente, la ricorrenza più importante dopo il nostro santo patrono e che non è né la Pasqua nè il Natale. Naturalmente, i funghi selvatici si mangiano durante l’autunno, ma il fine settimana della fiera, c'erano sempre porcini infarinati e fritti sulla nostra tavola e ne potevo mangiare vagonate. Pensandoci, posso farlo ancora.

E naturalmente, ricordi di vendemmia. I miei nonni dal lato di mia madre venivano dall'area di Acqui in Piemonte, conosciuta in tutto il mondo per i suoi vini. Il mio amato nonno, classe 1913, uomo d’altri tempi, aveva una piccola vigna che curava con amore e competenza e le cui uve erano usate per fare il Dolcetto più formidabile.  

Una delle fotografie più belle che ho di me è di noi due, che ci troviamo l’uno accanto all'altra in quel vigneto, lui con una sigaretta in bocca e il suo braccio attorno alle mie spalle e io, che non avevo più di quattro o cinque anni, che strizzavo gli occhi contro il sole. Entrambi felici. Entrambi sorridenti. La piccola vigna del nonno non esiste più oggi e lui non c’è più da vent'anni, ma non c'è un momento - e non solo durante l’autunno, ahimè – in cui non consideri quei giorni lontani di settembre tra i più sereni e felici della mia esistenza.

Pensandoci, però, l’autunno italiano porta molto di più ai nostri occhi e alle nostre menti. Pensate ai colori della stagione che cambiano continuamente: ho memoria anche di quelli, ovviamente, e degli innumerevoli disegni che la nostra maestra di scuola primaria ci faceva fare delle colline intorno alla città, con tutti quei gialli e rossi, i viola e gli arancio. Un passo avanti di circa venti anni, e mi troverete all’università, a trascorrere gran parte del mio tempo con persone del New England e a scoprire che là, andare in giro, e andare a controllare i colori affascinanti della natura è, in questo periodo dell'anno, una cosa vera.

È il tempo delle foglie.

Oh beh, abbiamo bellissimi colori anche in Italia, ma, pensavo, noi non lo facciamo. Ma avevo torto perché noi italiani abbiamo trovato l’idea dei nostri amici americani piuttosto interessante e l'abbiamo importata. Ora, anche il Touring Club Italiano, la fonte principale se volete sapere cosa vedere, mangiare e bere in Italia, ha creato una propria lista di località da visitare per le foglie. Abbiamo faggi mozzafiato nel Parco Regionale del Monte Beigua, vicino a Genova, i gialli profondi dei castagni seduti accanto alla freschezza sempreverde dei pini a Roero, in Piemonte e, mentre siete là, andate a dare un'occhiata anche alle miglia e miglia di rosso cremisi, giallo e verde chiaro dei suoi vigneti.  

Il Val Ferret del Monte Bianco offre migliaia di larici, in tutte le sfumature dell’arancio, del giallo e del verde e il Trentino, un'altra feconda macchia di bellissima terra abbracciata dalle Alpi, ha l'incantevole Valle dei Mocheni. Potrei continuare per ore, in realtà, perché come dice il Touring Club, alla fine, ogni angolo d'Italia dove la natura regna incontrastata è un posto da vedere durante l’autunno. Un po' come l'America.

Sapete, sempre durante quegli anni di università, quando sono diventata americana di riflesso attraverso l'amore e l'amicizia dei miei compagni di classe americani, sono rimasta vicina alle mie radici italiane condividendo casa con una ragazza dell'Alto Adige. Alta, bionda e in apparenza austera, ma era amichevole, gentile e immensamente divertente. E’ stato durante una delle nostre conversazioni infinite mentre bevevamo espresso da una cara, vecchia caffettiera, che lei mi confessò di avere gli stessi ricordi spensierati, che io avevo per la vendemmia, per la raccolta delle mele. Sì, la raccolta delle mele, un'altra popolare cosa autunnale in alcune aree degli Stati Uniti - o almeno così mi hanno detto quelli stessi amici di cui parlavo prima.

Oltre ad essere un momento importante nel calendario agricolo della regione e fonte di reddito per molti lavoratori stagionali, la stagione della raccolta delle mele in Trentino e nelle valli dell’Alto Adige è un momento di celebrazioni tradizionali, e di gioiosa riunione, proprio come la vendemmia è nel mio Piemonte: nella Val di Non del Trentino, il festival delle mele Pomaria impegna la gente il secondo fine settimana di ottobre e in Alto Adige, non lontano dalla casa della mia amica, è a Naz-Sciaves nella Val d'Isarco che bisogna andare a respirare la più pura aria alpina, mentre si gustano le mele più croccanti e le festività tradizionali del raccolto.

Ho riletto questi pochi paragrafi e non posso fare a meno di notare che ricorrono due temi: ricordi e colori. Ma se ci si pensa, che cosa è l’autunno se non esattamente la stagione dei ricordi e dei colori? I colori dell'autunno sono un dono della natura: sono profondi, ricchi e di una varietà infinita, proprio come quella scatola di pastelli da sogno che tutti i bambini vogliono veramente per Natale almeno una volta nella loro vita ed è per questo motivo che l’autunno non mi ha mai colpito come la stagione della tristezza, anche se è così che molti lo vedono.

È certamente una stagione fatta per ricordare: è la luce dei giorni più corti ed è il chiaroscuro che la crea con quei colori che induce a farlo. E ricordare, a volte, rende tutti noi un po’ nostalgici, ma non c'è ragione e nessun momento per esserlo: questa è una stagione troppo bella per non essere vissuta a pieno. E se quest'anno vi capita di trascorrerne una parte in Italia, avete appena scoperto che c'è ancora di più da fare, da vedere e da godere di quello che stavate pensando.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

Recommended

La XVII edizione della Settimana della Lingua italiana nel Mondo

La XVII edizione della Settimana della Lingua italiana nel Mondo, che quest’anno si terrà dal 16 al 21 ottobre, è una manifestazione che promuove la...

A Journey to Porto Ercole, Caravaggio's “Last Resort”

There is a place in southern Tuscany, just near the border with the Lazio region, to which vacationers, as well as art historians and culture lovers...

Searching for the origins of La Bella Lingua (Part I): Dante and Florence

It appears that modern Italy was unified by literature long before it existed as a single nation on the map. Although up to a century and a half ago...

Italians: explorers of knowledge

October is a special month for Italian-Americans, dedicated as it is to their heritage and history. October is also the month remembering the coming...

Sardinian seasilk, the world’s rarest thread

Rarer than diamonds, more expensive than platinum and found only in a few secret Sardinian sea caves, seasilk is the stuff of legend. Its long silky...

Weekly in Italian

Recent Issues