Montefalco Sagrantino: bring the wine!

The name Sagrantino, some believe, derives from the Italian sagra, meaning feast. Photo Credit: Consorzio Tutela Vini Montefalco

Dinner guests are a-comin’. And you’re one of them. “What can I bring?” you ask. 
 
“Bring the wine!” says the host. “An interesting red would be great.” 
 
Scary thoughts may cross your mind. These might include: choose whatever wine is on sale; buy bottles with pretty labels; ask the guy in the beer aisle. 
 
Fear not. 
 
To keep you from wandering dazed and confused (thank you, Led Zeppelin) the aisles of your wine shop, let us consider the task at hand. 
Made from 100% Sagrantino grapes, Montefalco Sagrantino is recognized to be Italy’s most tannic wine. Photo Credit: Consorzio Tutela Vini Montefalco
The truth, of course, is that there are many excellent wines you could potentially choose. Therein, perhaps, lay the difficulty, or the ease, depending on your point of view. 
 
However, a well-chosen wine should not only pair nicely with food courses. It should add to the affair something of its own appeal. 
Cultivated in Umbria, the Sagrantino grape is not only indigenous to the area, but has a rather ancient record of growing there according to knowers of local tradition. Photo Credit: Consorzio Tutela Vini Montefalco
When making a wine selection, thoughtfulness and originality are appreciated. If that is hard to comprehend, simply imagine, in wine terms, the excitement of receiving another Starbucks gift certificate at birthday time. 
 
To select a wine which holds a distinctive place in Italian tradition provides an opportunity to share interesting details and start conversation. Choose a wine that, in spirit, reflects the eminence of the occasion, one to complement the menu, of course – in this case an “interesting red” – and one that brings its own special something to the party. 
 
Montefalco Sagrantino is a wine to tick all those boxes. 
The name Sagrantino, some believe, derives from the Italian sagra, meaning feast. Photo Credit: Consorzio Tutela Vini Montefalco
Cultivated in Umbria, the Sagrantino grape is not only indigenous to the area, but has a rather ancient record of growing there according to knowers of local tradition. The name Sagrantino, some believe, derives from the Italian sagra, meaning feast, a notion that resonates at any gathering at table. The variety, whose characteristics bear no similarities to any other grape variety in Italy, is used to produce the DOCG wine known as Montefalco Sagrantino. Made from 100% Sagrantino grapes, Montefalco Sagrantino is recognized to be Italy’s most tannic wine, one with a quality of tannin that is remarkably polished, a truly unique distinction. 
 
Connoisseurs of deep, dark, spicy aged reds will be pleased to know that Montefalco Sagrantino’s extraordinary richness in polyphenols and tannins are conducive to long aging, a point evident in the wine’s long finishing in wood and then in bottle, before release. 
Montefalco Sagrantino Passito can be enjoyed as a meditation wine or as a wonderful close to a fine meal accompanied with ripe cheeses or dry sweets. Photo Credit: Consorzio Tutela Vini Montefalco
For those of you who desire a softer, less tannic Sagrantino experience, you might consider a wine from the Montefalco Rosso DOC. Here, Sagrantino lends its formidable structure and character to blend with Sangiovese, another traditional native grape variety pervasively grown throughout Umbria and central Italy. Montefalco Rosso DOC rules allow for Sangiovese 60-80%, Sagrantino 10-25%, other allowable grapes 0-30%. Montefalco Rosso wines are quite versatile at table, suitable for pairing with the entire meal from beginning to end. 
 
Interestingly, for the greater part of its historic timeline, Sagrantino has been used to make sweet wines. Not a bad thing for the dessert table. The Montefalco Sagrantino Passito DOCG brings us traditional passito, or sweet wine, obtained from Sagrantino. Grapes undergo a stringent selection process and are then left to dry on mats for at least two months. Next, grapes are pressed and the must is left to ferment together with the grape skins. The result is a very particular passito wine, one that is sweet yet dry, thanks to those extraordinary tannins.  
 
The Montefalco Sagrantino DOCG production area covers the province of Perugia and includes the towns of Montefalco, Bevagna, Giano dell’Umbria, Gualdo Cattaneo and Castel Ritaldi. The production area is quite small, actually – just over 300 hectares. Terrain runs along hills and slopes of varying altitudes. Elevations between 220-472 meters above sea level combine with differing vineyard exposures to create a wide range of microclimates and cultivation conditions enough to account for stylistic differences among local production areas within the zone. 
 
Dry Montefalco Sagrantino, with its combination of power and elegance, structure and sturdy tannins, has the stuffing to cut through rich food courses and create a harmonic blend of flavors. Alongside standard fare such as filet mignon, prime rib, roast duck, baked ham, stuffed pork roast, or lasagna with meat sauce, propped up with classic sides like creamed spinach and truffle mashed potatoes, the power, elegance, beautifully tannic personality, and unique character of Montefalco Sagrantino will no doubt provide good anchor to an evening of memorable dining and long conversation. 
 
Montefalco Sagrantino Passito can be enjoyed as a meditation wine or as a wonderful close to a fine meal accompanied with ripe cheeses or dry sweets. 
 
Recommended producers include: Antonelli, Bea, Bellafonte, Caprai, Colpetrone, Di Filippo, Tabarrini. 
 
Tasting Note 
Di Filippo Montefalco Sagrantino DOCG 
Rich aromas and flavors of red and black fruit, savory herb, spice, forest floor. Full-bodied, with vivid, velvety tannins and a long, persistent finish. 
Gli ospiti della cena stanno arrivando. E tu sei uno di loro.  "Cosa posso portare?" chiedi.  
 
"Porta il vino!" dice l'ospite. "Un rosso interessante sarebbe fantastico". 
 
Pensieri spaventosi possono attraversare la tua mente. Questi potrebbero includere: scegliere qualsiasi vino in vendita; comprare bottiglie con belle etichette; chiedere a un tizio nel corridoio della birra.  
 
Non aver paura.  
 
Per impedirti di vagare confuso e disorientato (grazie, Led Zeppelin) nei corridoi della tua enoteca, consideriamo il compito a portata di mano. La verità, naturalmente, è che ci sono molti vini eccellenti che potresti scegliere. Qui, forse, sta la difficoltà, o la facilità, a seconda del tuo punto di vista. Tuttavia, un vino ben scelto non dovrebbe solo accoppiarsi bene con le portate di cibo. Dovrebbe aggiungere all'insieme qualcosa del suo fascino. 
 
Quando si effettua una selezione di vini, si apprezzano la premura e l'originalità. Se è difficile da comprendere, immagina semplicemente, in termini di vino, l'eccitazione nel ricevere un altro buono regalo Starbucks al momento del compleanno.  
 
Selezionare un vino che abbia un posto di riguardo nella tradizione italiana dà l'opportunità di condividere dettagli interessanti e avviare una conversazione. Scegliere un vino che, nello spirito, rifletta l'eminenza dell'occasione, uno che completi il menu, ovviamente - in questo caso un "rosso interessante" - e uno che porti qualcosa di speciale alla festa. Montefalco Sagrantino è un vino che la spunta in tutte le situazioni. 
 
Coltivata in Umbria, l'uva Sagrantino non è solo autoctona della zona, ma lì ha un record piuttosto antico di coltivazione secondo i conoscitori della tradizione locale. Il nome Sagrantino, alcuni ritengono che derivi dalla sagra italiana, che significa festa, una nozione che risuona in qualsiasi riunione a tavola. La varietà, le cui caratteristiche non assomigliano a nessun altro vitigno in Italia, viene utilizzata per produrre il vino DOCG noto come Montefalco Sagrantino. Ottenuto da uve Sagrantino al 100%, il Sagrantino di Montefalco è riconosciuto come il vino più tannico d'Italia, con una qualità di tannino straordinariamente levigata, caratteristica davvero unica.  
 
Gli intenditori dei rossi invecchiati profondi, scuri e speziati saranno lieti di sapere che la straordinaria ricchezza del Montefalco Sagrantino nei polifenoli e nei tannini favorisce un lungo invecchiamento, un punto evidente nella lunga lavorazione del vino in legno e poi in bottiglia, prima del rilascio. 
 
Per quelli di voi che desiderano un'esperienza di Sagrantino più morbida e meno tannica, si potrebbe prendere in considerazione un vino del Montefalco Rosso DOC. Qui, il Sagrantino presta la sua formidabile struttura e il carattere per fondersi con il Sangiovese, un altro vitigno autoctono tradizionale coltivato in modo capillare in tutta l'Umbria e l'Italia centrale. Le regole del Montefalco Rosso DOC consentono il Sangiovese al 60-80%, il Sagrantino al 10-25%, le altre uve ammesse allo 0-30%. I vini Montefalco Rosso sono piuttosto versatili a tavola, adatti per l'abbinamento con l'intero pasto dall'inizio alla fine.  
 
È interessante notare che, per la maggior parte della sua cronologia storica, il Sagrantino è stato utilizzato per produrre vini dolci. Non è male per il tavolo dei dessert. Il Montefalco Sagrantino Passito DOCG ci porta il passito tradizionale, o vino dolce, ottenuto dal Sagrantino. Le uve subiscono un rigoroso processo di selezione e vengono poi lasciate ad asciugare su tappetini per almeno due mesi. Successivamente, l'uva viene pressata e il mosto viene lasciato fermentare insieme alle bucce. Il risultato è un vino passito molto particolare, dolce e asciutto, grazie a questi straordinari tannini. 
 
L'area di produzione del Montefalco Sagrantino DOCG copre la provincia di Perugia e comprende i comuni di Montefalco, Bevagna, Giano dell'Umbria, Gualdo Cattaneo e Castel Ritaldi. L'area di produzione è piuttosto piccola, in realtà - poco più di 300 ettari. Il terreno corre lungo colline e pendii di varie altitudini. Le altezze tra 220-472 metri sul livello del mare si combinano con le diverse esposizioni dei vigneti per creare una vasta gamma di microclimi e condizioni di coltivazione tali da tenere conto delle differenze stilistiche tra le aree di produzione locali all'interno della zona.  
 
Il Montefalco Sagrantino secco, con la sua combinazione di potenza ed eleganza, struttura e robusti tannini, ha la stoffa per tagliare ricchi piatti di cibo e creare una miscela armonica di sapori. Accanto a piatti standard come filet mignon, costolette di maiale, anatra arrosto, prosciutto cotto, arrosto di maiale ripieno, o lasagne al ragù, sostenute da contorni classici come crema di spinaci e purè di patate al tartufo, la potenza, l’eleganza, la personalità meravigliosamente tannica e il carattere unico del Montefalco Sagrantino offrirà senza dubbio una buona ancora per la serata di una memorabile cena e di lunghe conversazioni. 
 
Il Sagrantino Passito di Montefalco può essere gustato come vino da meditazione o come ottima chiusura su un buon pasto accompagnato da formaggi stagionati o dolci secchi.  
 
Tra i produttori consigliati: Antonelli, Bea, Bellafonte, Caprai, Colpetrone, Di Filippo, Tabarrini.  
 
Note di degustazione 
Di Filippo Montefalco Sagrantino DOCG 
Ricchi aromi e sapori di frutta rossa e nera, erbe saporite, spezie, suolo di foresta. Corposo, con tannini vividi e vellutati e un finale lungo e persistente. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Polenta with tomato sauce, beans and sausage

When I think of comfort food Italian style, I think of polenta and this is the perfect time of the year for it. Not only because of the cold...

Wines of Lugana: the art of exquisite

A few items on my short list of things exquisite:Sunset off Menemsha, Martha’s Vineyard Michelangelo’s “Pietà” Musical counterpoint of JS Bach I am,...

Perricone pillow talk

Her: This is going to sound pitifully shallow. Him: Go for it. Her: I like this wine. A lot, actually. But, I don’t like talking about it. Nobody has...

Savor Summer All Year Long ... Homemade "Canned" Tomatoes

You know that old Star Trek episode where Captain Kirk is buried up his neck in Tribbles? That’s what I feel like right now, because my tomato plants...

Dolcetto: Easy Drinking and Versatile

Dolcetto is an indigenous Italian grape variety from the region of Piedmont that makes traditional, easy to drink red wines of incredible versatility...

Weekly in Italian

Recent Issues