Sport, fashion, tech: Italy awards its excellences in the USA

Alessandro Del Piero awarded by councilman Joe Buscaino. Photo: Riccardo Siriano

Not only the Italy-America Chamber of Commerce West, but also many members of the Italian and Italian-American community of Los Angeles met on Friday, December 8th in Beverly Hills to attend the usual Gala Dinner. Promoted by the Extraordinary Italian Taste campaign and strongly supported by the Ministry of Economic Development, in collaboration with Assocamerestero, the event’s aim was to award Italian talents in the United States, and also to celebrate the 30th anniversary of the Chamber of Commerce. "We have chosen to reward athletes, start-uppers and entrepreneurs,” the executive director of the Chamber Genny Nevoso explains to L'Italo-Americano, charity partner of an event which also had the patronage of many sponsors such as Di Stefano, Ferrari, Campari, Urbani, Bertani, Smeg, Baci Perugina, and Veneto Hills.  

Danilo Gallinari awarded by councilman Joe Buscaino. Foto: Riccardo Siriano

The event embraced Italy’s food and wine excellence, with Chef Fabio Ugoletti and Chef Parker   proposing a menu based on Umbrian truffle, Parma DOP ham, Adria IGP burrata, honey from the Aquila Apennines, Trento DOC, Prosecco Superiore Conegliano-Valdobbiadene DOCG, and Primitivo DOC.

"Los Angeles is a peculiar city, very big and spread out, and there’s plenty of events. Business is increasing, as well as attention to what the Italian community has been doing: this certainly rises the profile of our activities and events.”

Entraprenaur Diego Abba awarded by councilman Joe Buscaino. Foto: Riccardo Siriano

“We need to  create something special to attract people,” Nevoso says, underlining how investments by Italian companies in California have considerably increased in recent years. "Many entrepreneurs want to come here to invest, we get daily requests from companies interested in entering the American market. Food and beverage is the predominant sector, but there are also new realities entering our panorama,  like the human resources startup that opened here this year. Another important emerging sector is that of Clean Tech."

During the evening, the president of Italy-America Chamber West, Dino Gaudio, rewarded Italian talents, starting from those who distinguished themselves in the sports’ field, as the former Juventus and Italy’ s player Alessandro Del Piero, and the young Italian NBA player Danilo Gallinari, who recently joined  the Los Angeles Clippers.

"It is a wonderful recognition and I am very pleased to be awarded by the Italian community, I hope to make them proud." Gallinari says to L'Italo-Americano: "I like it here, and I am happy with my new team. I've been living in the United States for ten years now, it’s a different country with a very different culture, with pros and cons, just like Italy. I would like Italians to get more recognition for their contribution to sports, just as they do in  other sectors where we are already considered the best, like that of food and wine.”  

Entrepreneur Roberto Basilico awarded by Genny Nevoso. Photo: Riccardo Siriano

Two young entrepreneurs, Diego Abba and Roberto Basilico, were also awarded along with the two Italian athletes. Abba is CEO of Italist, an e-commerce platform with 150 Italian stores selling 750 luxury brands in more than 85 countries worldwide. "We are based in Los Angeles but everything started back in 2014 in San Francisco, thanks to an investment we obtained in Silicon Valley. In 2015 we moved to Los Angeles and our business has grown a lot in these past years: we have about 50 employees here,” Abba tells us. " We got an award for innovation in the fashion world: our method of online distribution is, indeed, very different from what customers usually expect when shopping on the high street. We made unique Italian products, once  purchasable only in Italy, available all over the world.”

The fourth award was given  to Rocco Basilico president of Oliver People, a company owned by Luxottica, at the tender age of 28. Basilico has been recently included by Forbes in its prestigious 30 Under 30 List. “We have been awarded  for the work we carried out in the past two years, when we  doubled our business, going from 15 to 30 stores. It is a beautiful story about an Italian company that owns an historic brand from Los Angeles. The goal is to become the most prestigious eyewear brand on the market: people like the fact   this is a no logo product, but with a strong identity, chic and trendy. We have about 60 employees in Los Angeles, 200 worldwide.”

Dino Gaudio, organizer of the event, tells L’Italo-Americano  about the Chamber’s goals in relation to an event like the Gala Dinner: “We are rebuilding the Chamber of Commerce, we’ve been typically involved in the food and wine industry, but now we are expanding our horizons, we are getting more into tech, fashion, and we want to expand the scope of this Gala Dinner which, in the past, was just for the Chamber’s members. Our aim is to bring in more of the Italian and the Italian American community. A lot of people here tonight are not members, but friends of members or of the honorees.

We want to promote not only the Chamber but also the tremendous accomplishment of the Italians that are moving here: it’s a completely different kind of migration, much more professional. There are great enthusiasm and energy coming from Italy, and it is something we want to encourage and be a part of. This is why we felt the necessity to award certain people with whom we feel a connection.  It’s extremely important to bring the Italian and Italian-American communities together. It’s not two separate communities, it’s one community.”

To hand in the awards to all four Italian talents was Joe Buscaino, a San Pedro native, representative on the Los Angeles City Council and a well-known spokesman of the Italian-American community in California. “In Los Angeles, we value contributions from all cultures. We also have an opportunity tonight to focus on the Italian community and the contribution made by Italian businessmen and women in sport, fashion, technology and so forth. The Chamber allows us to focus on building relationships between Italy and Los Angeles and to promote an exchange idea. Tonight in particular, we are awarding two amazing athletes, Alessandro Del Piero and Danilo Gallinari. As the son of an Italian immigrant, I believe  it is important to continue to focus on building up our relationship with Italy. I am doing all I can to work with organizations like the Chamber, and I also represents the Port of Los Angeles which is an international gateway for the movements of goods.

But we need to concentrate also on ideas. We value the fact that Italy has been really excelling in technology and medical business, and  of course in the food industry. It is a shame that the second largest city in the country, Los Angeles,  doesn’t have a Little Italy, so my goal for 2018 is to establish a Little Italy in San Pedro, an area  that’s been experiencing a sort of renaissance. A one hundred million dollar investment is going into the new waterfront development, which will be the heart of our entertainment area and, at the same time,  I would like to create a Little Italy which doesn’t only focus on retail and restaurants, but works as an “Italian incubator” in  downtown San Pedro. We will begin the effort in January. The Italy-America Chamber West endorses our Little Italy in San Pedro.”

Non solo membri della Italy-America Chamber of Commerce West ma anche tanti esponenti della comunità italiana e italo-americana di Los Angeles si sono dati appuntamento venerdì 8 dicembre a Beverly Hills per partecipare al consueto Gala Dinner. Un evento che si inserisce nella campagna Extraordinary Italian Taste, voluta e promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico in collaborazione con Assocamerestero, e nato dalla necessità di dare un riconoscimento ai talenti italiani negli Stati Uniti ma anche per festeggiare i 30 anni della Camera di Commercio.  

“Abbiamo scelto di premiare eccellenze sportive, start-uppers e imprenditori,” spiega il direttore esecutivo della Camera Genny Nevoso a L’Italo-Americano, charity partner dell’evento che ha avuto il patrocinio di molti sponsor come Di Stefano, Ferrari, Campari, Urbani, Bertani, Smeg, Baci Perugina, Veneto Hills. La manifestazione ha dato spazio alle eccellenze enologiche e gastronomiche italiane affidate alle mani dello Chef Fabio Ugoletti e di Chef Parker che hanno presentato un menù a base di tartufo umbro, prosciutto di Parma DOP, burrata di Andria IGP, miele dell’Appennino aquilano, vino Trento DOC, prosecco Superiore Conegliano-Valdobbiadene DOCG e Primitivo DOC.

“Los Angeles è una città particolare, con distanze territoriali molto grandi e ci sono moltissimi eventi. Il business sta aumentando ma anche l’attenzione verso quello che la comunità italiana sta facendo, e questo alza il profilo degli eventi e delle attività svolte. Bisogna cercare di creare qualcosa di speciale per attirare le persone,” continua Nevoso, sottolineando quanto gli investimenti da parte delle imprese italiane in California stiano notevolmente aumentando negli ultimi anni. “Molti imprenditori vogliono venire qui a investire, ci arrivano richieste quotidianamente da parte di imprese che sono interessate ad entrare nel mercato americano. La ristorazione è il settore predominante ma ci sono anche nuove realtà come una startup che abbiamo portato qui quest’anno e che si occupa di risorse umane. Un altro settore importante che sta emergendo è quello del Clean Tech”.

Nel corso della serata il presidente della Italy-America Chamber West, Dino Gaudio, ha premiato i talenti italiani, partendo da quelli che si sono distinti in campo sportivo, come l’ex giocatore dalla Juventus e della Nazionale Italiana Alessandro Del Piero, e come il giovane cestista italiano e giocatore NBA Danilo Gallinari che da quest’anno indossa la maglia dei Los Angeles Clippers.  

“È un bellissimo riconoscimento e mi fa molto piacere essere riconosciuto dalla comunità italiana, spero di renderla orgogliosa,” dice quest’ultimo a noi de L’Italo-Americano. “Qui mi trovo molto bene, anche con la squadra. Ormai sono dieci anni che vivo negli Stati Uniti, un Paese con una cultura molto diversa, con pro e contro, esattamente come in Italia. Mi piacerebbe che gli italiani fossero riconosciuti di più anche a livello sportivo, oltre che nei settori per i quali siamo già considerati i migliori come nella ristorazione”.

Premiati insieme ai due sportivi italiani anche due giovani imprenditori, Diego Abba e Roberto Basilico. Abba è CEO di Italist, una piattaforma di e-commerce con 150 negozi di lusso italiani che vende 750 marchi di lusso in più di 85 Paesi nel mondo. “Siamo di base a Los Angeles ma tutto è nato nel 2014 a San Francisco grazie a un finanziamento ottenuto nella Silicon Valley. Nel 2015 ci siamo trasferiti a Los Angeles e il business è cresciuto moltissimo in questi anni e oggi abbiamo circa 50 dipendenti”, ci dice Abba. “Siamo stati premiati come innovazione nella moda. A piacere è il nostro modello di distribuzione online che è molto diverso rispetto a quello a cui è abituato il cliente che frequenta i negozi. Proponiamo in tutto il mondo prodotti unici che si trovano solo in Italia”.

Infine il quarto riconoscimento è stato consegnato nelle mani di Rocco Basilico, che a soli 28 anni è presidente dell’azienda Oliver Peoples, di proprietà di Luxottica, inserito da Forbes nella prestigiosa lista 30 Under 30. “Siamo stati premiati per gli ultimi due anni nei quali abbiamo raddoppiato il nostro giro d’affari, siamo passati da 15 negozi a 30. È una bella storia la nostra, quella di un’azienda italiana che possiede un brand storico di Los Angeles. L’obiettivo è diventare il brand di occhiali più prestigioso, perché piace il fatto che sia no logo ma allo stesso tempo abbia una forte identità, sia chic e trendy. I dipendenti che lavorano a Los Angeles sono circa 60, su un totale di 200 nel mondo”.  

Dino Gaudio, organizzatore dell’evento, ha anche parlato a L’Italo-Americano delle speranze riposte dalla Camera di Commercio in un evento come il Gala Dinner. “Stiamo ricostruendo la Camera di Commercio, che si occupa generalmente di ristorazione ma che ora sta allargando i propri orizzonti. Ci stiamo spingendo in settori come la tecnologia e la moda, e vogliamo ampliare la ricettività del Gala Dinner che in passato era limitata ai membri. Vogliamo coinvolgere la comunità italiana e quella italo-americana. Molti dei presenti stasera non sono membri ma amici dei membri. Vogliamo celebrare non solo la Camera di Commercio ma anche i traguardi incredibili raggiunti dagli italiani che si sono trasferiti qui. Si tratta di un’ondata migratoria diversa, fatta di professionisti. C’è molta energia e molto entusiasmo che arriva dall’Italia. Vogliamo incoraggiarlo e farne parte, da qui la necessità di premiare le personalità con cui ci rapportiamo. È importante che la comunità italiana si fonda con quella italo-americana. Non sono due realtà separate, ma un’unica comunità”.

A consegnare personalmente i riconoscimenti ai quattro talenti italiani è stato Joe Buscaino, originario di San Pedro e consigliere comunale della città di Los Angeles, nonché portavoce della comunità degli italo-americani in California.  

"A Los Angeles diamo valore al contributo di tutte le culture. Questa sera abbiamo anche l'opportunità di concentrarci sulla comunità italiana e sul contributo degli imprenditori e delle imprenditrici italiane nello sport, nella moda, nella tecnologia e così via. La Camera di Commercio ci dà la possibilità di concentrarci sulle relazioni tra l'Italia e Los Angeles e promuovere un'idea di scambio. E in particolare stasera assegniamo premi a due fantastici atleti, Alessandro Del Piero e Danilo Gallinari.  

In quanto figlio di un immigrato italiano, credo sia importante concentrarsi sulla costruzione di relazioni con l'Italia. Sto facendo tutto il possibile per lavorare con organizzazioni come la Camera di Commercio, e rappresento anche il Porto di Los Angeles, che è un centro internazionale dello scambio di merci. Ma dobbiamo concentrarci anche sulle idee. Apprezziamo il fatto che l'Italia abbia davvero eccelso nel settore tecnologico e medico e, naturalmente, nel settore alimentare.

È un peccato che nella seconda città più grande del Paese – continua - non ci sia una Little Italy, quindi il mio obiettivo per il 2018 è quello di fondarne una a San Pedro, che sta vivendo un momento di rinascita. C'è un investimento di cento milioni di dollari per lo sviluppo della zona portuale che sarà il nuovo centro di intrattenimento e, allo stesso tempo, vorrei creare una Little Italy che non abbia solo negozi e ristoranti, ma che diventi un incubatore italiano nel centro di San Pedro. Inizieremo a lavorarci da gennaio. La Italy-America Chamber West appoggia il nostro progetto a San Pedro".

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Chinotto: a fully Italian vintage soda

Chinotto is a citrus fruit originally from China, exclusively grown on the Ligurian coast, in the Savona area since the end of the 19th century...

Sharing recipes among friends: a simple joy transcends the ages

Maria Lucia Luongo is a woman who takes joy in the simple pleasures of life: cooking, fashion, yoga, friendships. For the past 70 years, life’s...

Genoa and San Francisco look at their past to move forward, together, in the future

The legacy between Genoa and San Francisco is now stronger than ever. Two years after the visits of some other Genovese representatives, Italian...

A summer out of the ordinary by Italy's favorite seaside spots

Summer is on its way, or so we all hope here in Italy. The weather remains unstable, albeit temperatures are pleasant and I happily enjoyed my first...

Palla al centro: a history of Italy’s love affair with soccer

Usually, in Italy, you’d sense electricity in the air before the soccer World Cup begins: the country’s passion for calcio is well known, and when it...

Weekly in Italian

Recent Issues