Sweet success of licorice, Rossano’s ‘black gold’

La Amarelli Liquirizie is an iconic family-run company in Rossano that has turned  licorice root into pure, rich and pleasurable confectionery “since 1731

Even in the time of the Ancient Greeks, Calabria’s s soil and climate had already proved ideal for growing long, thick and sweet licorice roots. Skilled expertise and then an industry grew up around licorice in Rossano, a beautiful hill town that was one of the main centers of Byzantine civilization in Calabria, assuming importance when Reggio di Calabria fell to the Saracens in the 9th, 10th and 11th centuries.  

Rossano, a beautiful hill town that was one of the main centers of Byzantine civilization in Calabria

The ancient Greeks introduced the Rossanesi to this wonderful herb with its distinctive taste and a wide range of uses.  

Today, Rossano is still home to the Italian licorice trade and even has a licorice museum that celebrates its most famous export. Licorice-loving tourists come just to savor the “black gold.”

Tthe Codex Purpureus Rossanensis, a Greek uncial manuscript dating from the 5th or 6th century that contains the gospel of Matthew and Mark

La Amarelli Liquirizie is an iconic family-run company in Rossano that has turned  licorice root into pure, rich and pleasurable confectionery “since 1731 when the founder Paolo Fortunato Amarelli, together with his son, had the brilliant idea of extracting the juice from the root with a procedure similar to the current one,” explains Pina Amarelli, president of La Amarelli. Paolo Fortunato Amarelli also discovered how to make treats from licorice-root extract. The licorice as we know it today was practically born as a result and now enjoyed worldwide.

The Licorice Museum “Giorgio Amarelli” celebrates Calabrese liquorice’s rich heritage. The museum, established in 2001, is dedicated to more recent members of the family. In the same year, it was awarded the Guggenheim Culture and Business Prize.

The Licorice Museum “Giorgio Amarelli” celebrates Calabrese liquorice’s rich heritage

According to the Touring Club, the Amarelli Museum is the second-most popular industrial museum in Italy following Ferrari’s museum in Maranello.  It is the only one of its kind in Italy and “actually, in the world, because there is no other museum devoted exclusively to licorice,” says Pina Amarelli.

Calabria remains the largest producer of quality licorice root in the world. The licorice plants (Glycyrrhiza glabra) cultivated in Calabria are grown with passion and selected with care. “The British Encyclopedia defines Calabrese licorice, with no doubt whatsoever, as ‘the best in the world’,” she says. Licorice root has been used for millennia as a health tonic, blood purifier and for relief from sore throats. The Greeks were the first to recognize the plant’s benefits in treating coughs.

Roman soldiers reportedly used licorice root to quench their thirst, while kings and emperors including the Egyptian pharaoh Tutankhamen enjoyed the root, which was found in his tomb

Roman soldiers reportedly used licorice root to quench their thirst, while kings and emperors including the Egyptian pharaoh Tutankhamen enjoyed the root, which was found in his tomb. Julius Caesar and Napoleon were habitual consumers. Licorice has an ancient reputation as an aphrodisiac as well. Even the history of the Crusades intermingles with the Amarelli family genealogy and licorice.

“Our ancestor Alessandro Amarelli participated in the First Crusade (1096-99) and died as a valiant hero,” Amarelli says. “Our museum preserves a letter informing of his death. It was written by his cousin Ugo de’ Pagani. That important historical document was used by some scholars to prove the Italian origin of the Templars. I refer particularly to the book ‘L’Italiano che fondò i Templari’ written by Mario Moiraghi,” she notes.

“Visitors see how the root, a humble product of the earth, becomes elegant licorice placed on the shelves of international luxury,” she says. “It is possible through the story of a family that has managed to turn it into the ‘black gold’ of Calabria.”

In the 1930s, US industry was importing some 35,000 tons of licorice root per year. Attempts to grow licorice domestically were unsuccessful, so most was imported from Calabria.

Mrs. Amarelli says that the company has continued to strengthen exports to America in recent years. “This is thanks to the successful Eataly operations in some US cities such as New York, Chicago and the newly opened sprawling, modern outpost in Century City, Los Angeles. In addition to all of this, we have a well-established relationship with our historic customers,” she says.  

Their best selling products are mainly the Sassolini, followed by licorice gummy candies and a wide selection of pure and gluten-free licorice pieces at their finest without any sweeteners.

“One day songwriter Lucio Dalla called me from New York urging me to supply the famed foodie store "Dean & DeLuca" because Isabella Rossellini had remained without our licorice,” she recalls. “Lucio added that Isabella wanted our red licorice tin that he always carried. He replied that he could not give her his Amarelli tin because he could not travel without being "amarellato” (dependent on Amarelli licorice).”

Besides the black gold of Calabria, the historic town in the Cosenza province is home to another treasure: the Codex Purpureus Rossanensis, a Greek uncial manuscript dating from the 5th or 6th century that contains the gospel of Matthew and Mark. The manuscript, 185 pages of red-dyed vellum, gleams with gold whorls and Byzantine interlace.

The Codex Purpureus belongs to the diocesan museum of sacred art of the Archdiocese Rossano-Cariati, where few days ago actor Giancarlo Giannini gave a presentation on a planned docufilm about the codex.

The Rossano cathedral is worth a visit. It contains the Madonna Acheropita fresco, a much venerated Byzantine relic of the 8th century. Lastly, don’t leave Rossano without seeing the Oratory of Saint Mark, an outstanding five-domed Byzantine church.

Anche ai tempi degli antichi Greci, il suolo e il clima della Calabria si erano già dimostrati ideali per coltivare le lunghe, fitte e dolci radici della liquirizia. Un'esperienza qualificata e poi un'industria si svilupparono intorno alla liquirizia a Rossano, bellissima città collinare fra i principali centri della civiltà bizantina in Calabria, che assunse importanza quando Reggio di Calabria cadde sotto i Saraceni nel IX, X e XI secolo.  

Gli antichi Greci introdussero i Rossanesi a questa meravigliosa pianta con il suo gusto caratteristico e una vasta gamma di usi.  

Oggi, Rossano è ancora sede del commercio italiano della liquirizia e ha anche un museo della liquirizia che celebra il suo prodotto da esportazione più famoso. I turisti amanti della liquirizia ci vanno solo per assaporare “l’oro nero".

La Amarelli Liquirizie è un'illustre azienda familiare di Rossano che ha trasformato la radice di liquirizia in pura, ricca e piacevole pasticceria "dal 1731 quando il fondatore Paolo Fortunato Amarelli, insieme al figlio, ebbe la brillante idea di estrarre il succo dalla radice con una procedura simile a quella attuale", spiega Pina Amarelli, presidente di La Amarelli. Paolo Fortunato Amarelli ha anche scoperto come si prepara l'estratto di radice di liquirizia. La liquirizia come la conosciamo oggi era praticamente nata come prodotto e ora è apprezzata in tutto il mondo.  

Il Museo della Liquirizia "Giorgio Amarelli" celebra il ricco patrimonio della liquirizia calabrese. Il museo, istituito nel 2001, è dedicato a esponenti più recenti della famiglia. Nello stesso anno, ha ricevuto il Guggenheim Culture and Business Prize.  

Secondo il Touring Club, il Museo Amarelli è il secondo museo industriale più popolare d'Italia dopo il museo Ferrari di Maranello. È l'unico nel suo genere in Italia e "in realtà, nel mondo, perché non esiste nessun altro museo dedicato esclusivamente alla liquirizia", dice Pina Amarelli.

La Calabria rimane la maggiore produttrice di radici di liquirizia di qualità nel mondo. Le piante di liquirizia (Glycyrrhiza glabra) coltivate in Calabria sono cresciute con passione e selezionate con cura. "L'Enciclopedia Britannica definisce la liquirizia calabrese, senza alcun dubbio, come "la migliore del mondo", afferma Amarelli.  

La radice di liquirizia è stata usata per millenni come tonico per la salute, purificatore del sangue e per alleviare il mal di gola. I Greci furono i primi a riconoscere i benefici della pianta nel trattamento della tosse.  

Secondo quanto riferito, i soldati romani usavano la radice di liquirizia per placare la loro sete, mentre re e imperatori tra cui il faraone egiziano Tutankhamon amavano la radice, che fu trovata nella sua tomba. Giulio Cesare e Napoleone erano consumatori abituali. La liquirizia ha un'antica reputazione di afrodisiaco.  

Anche la storia delle Crociate si mescola con la genealogia e la liquirizia della famiglia Amarelli. "Il nostro antenato Alessandro Amarelli partecipò alla Prima Crociata (1096-99) e morì da valoroso eroe", dice Amarelli. "Il nostro museo conserva una lettera che informa della sua morte. È stata scritta da suo cugino Ugo de’ Pagani. Questo importante documento storico è stato usato da alcuni studiosi per dimostrare l'origine italiana dei Templari. Mi riferisco in particolare al libro "L'italiano che fondò i Templari" scritto da Mario Moiraghi ", osserva.

"I visitatori vedono come la radice, un umile prodotto della terra, diventa elegante liquirizia collocata sugli scaffali del lusso internazionale", dice. "E' possibile attraverso la storia di una famiglia che è riuscita a trasformarla nell''oro nero' della Calabria".  

Negli anni '30, l'industria statunitense importava circa 35.000 tonnellate di radice di liquirizia all'anno. I tentativi di far crescere la liquirizia sul mercato interno non hanno avuto successo, quindi la maggior parte è stata importata dalla Calabria.  

La signora Amarelli dice che la compagnia ha continuato a rafforzare le esportazioni in America negli ultimi anni. "Questo grazie al successo delle operazioni di Eataly in alcune città degli Stati Uniti come New York, Chicago e l'avamposto moderno e aperto di recente di Century City, Los Angeles. Oltre a tutto ciò, abbiamo una relazione consolidata con i nostri clienti storici", afferma.  

I loro prodotti più venduti sono principalmente i Sassolini, seguiti dalle caramelle gommose alla liquirizia e da un'ampia selezione di pezzi di liquirizia pura e senza glutine alla più fine senza alcun dolcificante. "Un giorno il cantautore Lucio Dalla mi ha chiamato da New York per chiedermi di rifornire il famoso negozio di alimentari Dean & DeLuca perché Isabella Rossellini era rimasta senza la nostra liquirizia", ricorda. "Lucio aggiunse che Isabella voleva il nostro barattolo rosso di liquirizia che lui aveva sempre. Rispose che non poteva darle la sua scatola di Amarelli perché non poteva viaggiare senza essere "amarellato" (dipendente dalla liquirizia Amarelli)”.

Oltre all'oro nero della Calabria, la città storica della provincia di Cosenza ospita un altro tesoro: il Codex Purpureus Rossanensis, un manoscritto unciale greco risalente al V o VI secolo che contiene il Vangelo di Matteo e Marco. Il manoscritto, 185 pagine di pergamena tinta di rosso, brilla con spirali d'oro e intrecci bizantini. Il Codex Purpureus appartiene al Museo diocesano di arte sacra dell'Arcidiocesi Rossano-Cariati, dove pochi giorni fa l'attore Giancarlo Giannini ha tenuto una presentazione su un docufilm in programma sul codice.  

La Cattedrale di Rossano merita una visita. Contiene l'affresco della Madonna Acheropita, una venerata reliquia bizantina dell'VIII secolo. Infine, non lasciate Rossano senza vedere l'Oratorio di San Marco, un'eccezionale chiesa bizantina a cinque cupole.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The art of making soap with almond ashes

Some decades have passed, but the memory of almond trees fields is still very much alive in my mind. Fields that filled our land with many, old trees...

Sicily through the lenses of a maestro

Sicilian photographer Giuseppe Leone has earned the distinguished title of maestro after six decades of documenting the culture, traditions and...

Alive and well - The medieval art of flag throwing

The low, deliberate beat of the drums comes first, distantly reverberating off the high stone walls like a pulsating heartbeat. Louder and louder...

Wedding traditions, Italian style

Maybe it is all due to fairy tales, but weddings, big and fat or small and thin, are always in fashion. A wedding in Italy is considered such a...

Francesca Piovesan in the hearth of Milan with the first exhibition at the Gaggenau hub

On the 9th of May the solo exhibition of Francesca Piovesan, entitled "IN-VISIBLE", will christen the new Gaggenau Hub in the Heart of Milan. Sabino...

Weekly in Italian

Recent Issues