Celebrazioni per il 130° anniversario di Giovanni Bosco, educatore e fondatore dei Salesiani

Celebrazioni per il 130° anniversario di Giovanni Bosco, educatore e fondatore dei Salesiani

"In molte parti dell'Italia e del mondo l'impronta di Don Bosco, e delle congregazioni da lui promosse, è tuttora viva". Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel giorno in cui ricorre il 130° anniversario della morte di Giovanni Bosco, sacerdote fondatore dei Salesiani e delle figlie di Maria Ausiliatrice, ma soprattutto "educatore che la società italiana ha avuto modo di apprezzare per l'attenzione ai giovani, per la passione, per l'impegno nell'aiutare tante persone in condizione di avvilente povertà ed emarginazione".

"Le umili origini sono state, nella vita di Don Bosco, una radice dalla quale ha tratto permanente orientamento", ha ricordato Mattarella. "La sua intelligenza, le sue doti di socialità, le sue grandi capacità organizzative, ispirate alla testimonianza evangelica, sono state dirette alla realizzazione di opere che hanno raggiunto un gran numero di ragazzi, di bimbi lavoratori, di giovanissimi, offrendo loro spazi preziosi di accoglienza, istruzione, formazione, di solidarietà, di crescita individuale e comunitaria. Seppe fare propria la questione sociale e costruire crescenti spazi di cittadinanza".

"In molte parti dell'Italia e del mondo l'impronta di Don Bosco, e delle congregazioni da lui promosse, è tuttora viva", ha osservato il presidente Mattarella. "Tanti italiani devono ai Salesiani un po’ della loro cultura, della loro formazione di cittadini". "La continuità delle opere di Don Bosco rappresenta un contributo alla coesione e al progresso sociale, valori che", ha concluso Mattarella, "arricchiscono un Paese, e aiutano l'intera comunità ad affrontare le sfide dei tempi".

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

La ciociara Agostina Segatori modella di Manet all’asta a New York

La ciociara Agostina Segatori modella di Manet all’asta a New York

In vendita a New York un dipinto di Edourd Manet dei primi anni ’60 dell’Ottocento che illustra una modella in inappuntabile costume ciociaro a...
La grande Storia nella piccola storia: incontrano in Abruzzo la figlia di chi salvò il nonno americano dal campo di concentramento

La grande Storia nella piccola storia: incontrano in Abruzzo la figlia di chi salvò il nonno americano dal campo di concentramento

Non può non apparire strano che una località, alle falde del monte Morrone, sotto l’eremo di papa Celestino V, chiamata da tempi antichissimi “Fonte...
Ricordando Moro, a 40 anni dall’omicidio delle Brigate Rosse

Ricordando Moro, a 40 anni dall’omicidio delle Brigate Rosse

Si è svolto a L’Aquila , un convegno commemorativo con il giornalista Paolo Mieli, professori universitari aquilani Fabrizio Marinelli e Fabrizio...
Dreamers.1968: come eravamo e come saremo?

Dreamers.1968: come eravamo e come saremo?

Cosa resta del Sessantotto? Chi erano e cosa hanno lasciato Martin Luther King, Robert Kennedy, Jim Morrison, Pierpaolo Pasolini, Adriano Celentano,...
Storia dell'aviere abruzzese Emilio Pensuti Speranza alla Grande Guerra

Storia dell'aviere abruzzese Emilio Pensuti Speranza alla Grande Guerra

Fra le acquisizioni storiografiche recenti in merito alla partecipazione dell’Italia alla Prima Guerra mondiale, emerge quella di un Abruzzo che...

Weekly in Italian

Recent Issues