Struffoli and a little trip down memory lane

Struffoli are crunchy outside and soft inside, a delicious combination of goodness..  Photo: Nonna’s Way

Have you ever heard of “struffoli?” They are deep fried morsels of dough that expand as they cook.

Have you ever tasted “struffoli?” After they are fried they get bathed in warm honey and adorned with sprinkles and some orange zest. Got your mouth watering yet? Their texture is such that they are crunchy on the outside but tender on the inside. It is difficult to eat just one because they are so delicious!

They are usually prepared for Christmas but also for Carnival and Easter . Photo: Nonna’s Way

In Italy struffoli are most often thought of as a treat for the Christmas Holiday season but in many Italian homes they are prepared and enjoyed during other festivities and religious holidays as well. Carnevale and Easter are other popular times of the year when you will see struffoli being made. So guess what we will be making in the coming weeks?

Of course, the history of this traditional Neopolitan dessert is a little unclear. Some believe this sweet treat may have its origins from the Greek recipe for “loukamades.” The term “struffoli” is from the Greek word “strongoulos” meaning round in shape. Whatever the case, we love nonna Olga’s struffoli! Similar versions can be found throughout Italy. In the region of Umbria and Abruzzo they have “cicerchiata,” in Calabria it is “cicirata” and Sicily’s has “pignolata.”

Struffoli are crunchy outside and soft inside, a delicious combination of goodness.. Photo: Nonna’s Way

Making struffoli with Nonna for the first time was a testament to why we created Nonna’s Way. There was no written recipe or instructions. The measuring utensils included an empty half eggshell and an empty ricotta container! Of course, Nonna’s tips included “you just know” when to add more or less flour! You can imagine her expression when we told her we had to take it from the beginning and measure everything properly. Get the picture? Funny thing is, it always comes out perfect when Nonna makes it! I just smile when I hear from my kids “that’s not the way nonna makes it. Hers tastes better!” But what can you do, we try!

I fondly recall my father-in-law always wanting to help Nonna roll out and cut the dough balls for struffoli. His other job was to bathe them in the honey. He loved these sweet treats and would often tell my kids how they reminded him of his childhood back in Avellino, Italy.

They are usually prepared for Christmas but also for Carnival and Easter . Photo: Nonna’s Way

A batch of these makes a bunch and takes no time at all! The orange zest really picks up the flavor and kids love the sprinkles!

INGREDIENTS
● 2 cups of all purpose flour
● 1 packet vanillina powder
● pinch of salt
● 1 teaspoon sugar
● 1 tablespoon brandy (some add just a hint of anise)
● 3 large eggs + 1 egg yolk (slightly beaten)
● 1 tablespoon grated orange zest (or try half orange and half lemon zests)
● 2 tablespoons corn oil
● Corn oil for deep frying (about 2 cups)
● Honey (about 1 cup)
● Sprinkles
● Strips of orange zest

INSTRUCTIONS
1. Mix the flour, vanilla powder, salt and sugar together and form into a well on a work surface.

2. To the center of the well, add the eggs, brandy, grated orange zest and oil. Blend the wet ingredients well with fingers.

3. Begin working the dry ingredients into the wet and continue until a dough forms.

4. Lightly knead the dough (about 5 minutes) until it is uniform.

5. Let the dough rest for covered in plastic wrap for about an hour.

6. Working with a small piece of dough at a time (golf ball size), roll it out into 1/2″ diameter logs. With a pastry blade, cut the logs into 1/2″ pieces.

7. Heat the oil in a deep non-stick pan until it reaches 350 degrees F.

8. Test the oil for readiness with piece of dough. It should bubble or sizzle as soon as the dough hits the oil.

9. Gently lower the cut pieces of dough into the oil. Keep moving them around in the oil so they cook on all sides. The pieces expand to approximately double in size as they cook.

10. Allow them to turn golden brown all over then remove them from the oil with a slotted spatula and let them drain on a paper-towel lined pan.

11. Continue rolling, cutting, and frying the remainder of the dough (keep the unrolled dough covered in plastic wrap).

12. When all the dough has been rolled, cut and fried, clean the oil out of the pan and pour the honey in. Let the honey get heated through until it becomes thinner in consistency (do not let it burn). Place all the struffoli into the honey and stir until they are completely coated. Remove with a slotted spoon.

13. Arrange the honey-coated struffoli in a heaping dome shape on a serving dish. Decorate with coloured sprinkles and thin strips of orange zest. You can choose sprinkles to match the holiday or the celebration. But be sure to let the kids do this part!

Hai mai sentito parlare di "struffoli?" Sono dei bocconi di pasta fritta che si gonfiano mentre cuociono. Hai mai assaggiato gli "struffoli"? Dopo che sono stati fritti, vengono coperti di miele caldo e decorati con granelli colorati e qualche scorza d'arancia. Hai già l'acquolina in bocca? La loro consistenza è tale che sono croccanti all'esterno ma teneri all'interno. È difficile mangiarne solo uno perché sono così deliziosi!  

In Italia gli struffoli sono più spesso considerati un regalo per le festività natalizie, ma in molte case italiane sono preparati e goduti anche durante altre festività e feste religiose. Carnevale e Pasqua sono altri periodi popolari dell'anno in cui vedrete fare gli struffoli. Quindi indovinate cosa faremo nelle prossime settimane?  

Naturalmente, la storia di questo dolce tradizionale napoletano è un po’ oscura. Alcuni credono che questo dolce possa avere le sue origini nella ricetta greca dei "loukamades". Il termine "struffoli" deriva dalla parola greca "strongoulos" che significa di forma rotonda. In ogni caso, adoriamo gli struffoli di Nonna Olga! Versioni simili possono essere trovate in tutta Italia. Nella regione dell'Umbria e dell'Abruzzo hanno la "cicerchiata", in Calabria la "cicirata" e la Sicilia ha la "pignolata".

Fare gli struffoli con la Nonna per la prima volta è stata una testimonianza del perché abbiamo creato Nonna's Way. Non c'erano ricette o istruzioni scritte. Gli strumenti di misurazione includevano un mezzo guscio d'uovo vuoto e un contenitore di ricotta vuoto! Naturalmente, i consigli di Nonna comprendevano "basta sapere" quando aggiungere più o meno farina! Potete immaginare la sua espressione quando le abbiamo detto che dovevamo seguirla dall'inizio e misurare tutto correttamente. Immaginate? La cosa divertente è che esce sempre perfetto quando lo fa la Nonna! Sorrido solo quando sento i miei figli dire "non è così che lo fa la nonna. Il suo ha un sapore migliore!”. Ma cosa si può fare, ci proviamo! Ricordo con affetto mio suocero che voleva sempre aiutare Nonna ad arrotolare e tagliare le palline di pasta per gli struffoli. Il suo altro lavoro era di bagnarli di miele. Amava questi dolcetti e spesso raccontava ai miei figli come gli ricordavano la sua infanzia ad Avellino, in Italia.  

Una dose di questi ne fa un mucchio e non richiede affatto tempo! La scorza d'arancia ne esalta davvero il sapore e i bambini adorano i granellini.

INGREDIENTI
● 2 tazze di farina per tutti gli usi
● 1 bustina di vanillina in polvere
● pizzico di sale
● 1 cucchiaino di zucchero
● 1 cucchiaio di brandy (alcuni aggiungono solo un pizzico di anice)
● 3 uova grandi + 1 tuorlo d'uovo (leggermente sbattuto)
● 1 cucchiaio di scorza d'arancia grattugiata (o provate metà arancia e mezzo limone)
● 2 cucchiai di olio di mais
● Olio di mais per friggere (circa 2 tazze)
● Miele (circa 1 tazza)
● Granella
● Strisce di scorza d'arancia

ISTRUZIONI
1. Mescolare la farina, la vaniglia, il sale, lo zucchero e formare un pozzetto su una superficie di lavoro.

2. Al centro del pozzo, aggiungere le uova, il brandy, la scorza d'arancia grattugiata e l'olio. Mescolare bene gli ingredienti umidi con le dita.

3. Iniziare a lavorare gli ingredienti secchi sul bagnato e continuare fino a formare un impasto.

4. Impastare leggermente l'impasto (circa 5 minuti) fino a renderlo uniforme.

5. Lasciare riposare l'impasto coperto nella pellicola per circa un'ora.

6. Lavorare un pezzetto di impasto alla volta (misura di una pallina da golf), stenderlo in tronchetti di diametro 1/2 ". Con un coltello da cucina, tagliare i tronchi in pezzi da 1/2 ".

7. Riscaldare l'olio in una padella antiaderente profonda fino a raggiungere 350 gradi F.

8. Provare l'olio se è pronto con un pezzo di pasta. Dovrebbe bollire o sfrigolare non appena l'impasto tocca l'olio.

9. Mettere delicatamente i pezzi di pasta tagliata nell'olio. Continuate a spostarli nell'olio in modo che cucinino su tutti i lati. I pezzi si espandono di circa il doppio delle dimensioni mentre cuociono.

10. Consentire loro di diventare un marrone dorato ovunque, quindi rimuoverli dall'olio con una spatola bucata e lasciarli colare su una teglia foderata di carta assorbente.

11. Continuare a rotolare, tagliare e friggere il resto dell'impasto (mantenere l'impasto srotolato coperto con un involucro di plastica).

12. Quando tutto l'impasto è stato arrotolato, tagliato e fritto, togliere l'olio dalla padella e versare il miele. Lascia che il miele si riscaldi fino a quando non diventa più sottile nella consistenza (non lasciarlo bruciare). Mettere tutti gli struffoli nel miele e mescolare finché non sono completamente ricoperti. Rimuovere con un mestolo forato.

13. Disporre gli struffoli ricoperti di miele a forma di cupola su un piatto da portata. Decorare con codette colorate e strisce sottili di scorza d'arancia. È possibile scegliere codette da abbinare alla festa o alla celebrazione. Ma assicuratevi di lasciare che siano i bambini ad occuparsi di questa parte!

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

To Your Health: Salute Rucola!

I stopped by the local farmer’s market this weekend and found myself in front of a beautiful basket of freshly picked arugula. Memories of a...

Pasta con le sarde

A traditional Sicilian pasta recipe which I absolutely adore is pasta con le sarde - pasta with sardines. If you have a keen eye though, you’ll...

Feeding Italy for millennia: the history of ancient grains

Greeks and Romans offered spelt to the Gods, Aztecs considered chia seeds worthy of tributes, and farro is noted in the Old Testament. Today,...

Mary Taylor Simeti, grande dame of Sicilian culinary culture

“Sicilian novels and memoirs that speak of food are more important to me than cookbooks,” says Mary Taylor Simeti, a grande dame of the vibrant...

Italy’s summer favorite: spaghetti con le vongole

With the arrival of summer in Italy, it’s definitely time to think about the pasta recipes that are celebrated during this holiday season. My all...

Weekly in Italian

Recent Issues