New York Times best selling author, Dianne Hales, celebrates International Women's Day with Luisa Spagnoli

Julia Schloss, Irene Oykhman, Sheila Ortona, Consul General Ortona, Diane Hales & Paolo Barlera. Photograph courtesy of Catherine Accardi

On March 8, the Italian Cultural Institute observed International Women’s Day with best-selling author, Dianne Hales. Ms. Hales’ revealing presentation about the life and achievements of Luisa Spagnoli was a perfect complement to International Women’s Day. This story is actually about two extraordinary women, Luisa and Dianne.

Luisa Spagnoli created the Perugina Chocolate Company, famous for its Bacio candy (Bacio is Italian for “kiss”), and for her pioneering work with textiles. This remarkable Italian businesswoman was born in Perugia, Italy, in 1877. At 21 years old, she married Annibale Spagnoli, and in partnership with Francesco Buitoni, opened a confectionary factory in Perugia. In 1922, inspired by a passion for chocolates, Luisa conceived the Bacio

Dianne Hales’ International Women’s Day Presentation. Photograph courtesy of Catherine Accardi

In the late 1920s, with her undaunted entrepreneurial spirit at an all-time high, Luisa began breeding angora rabbits in order to obtain yarn by using a technique of combing instead of shearing the rabbit to collect the wool. She developed Angora rabbit wool at a time in Italy when this fiber was not yet popular. 

Luisa is also known for her high regard for her employees, establishing nursery daycare for her women workers. By 1928, her clothing enterprise was well under way. When Luisa died in 1935, her son Mario continued her work transforming the business from handicraft to an industrial enterprise and the business still carries her name. 

Dianne Hales’ presentation highlighted the fascinating life and legacy of a brilliant woman.

Julia Schloss, Irene Oykhman, Sheila Ortona, Consul General Ortona, Diane Hales & Paolo Barlera. Photograph courtesy of Catherine Accardi

At the end of her presentation, Dianne introduced Julia Schloss and Irene Oykhman, mother-daughter team and owners of the Luisa Spagnoli clothing store in the Stanford Shopping Center in Palo Alto, California. Julia and Irene described the Spagnoli garments on display.

A notable figure in her own right, Dianne Hales is a widely published journalist and author. Her book, La Bella Lingua, placed her on the New York Times best-seller list and the President of Italy awarded her an honorary knighthood in recognition of her work. Dianne says of La Bella Lingua, “I never expected to fall madly, gladly, giddily in love with the world’s most luscious language. But fall I did. Over the last twenty-some years, Italian has become my passport into Italy’s culture, history, lifestyle, traditions—and its very soul. Italy’s language has taught me about its greatest art: the art of living.” 

Her other works include, Just Like a Woman, Caring for the Mind, and the leading college health textbook, An Invitation to Health.  She has written for many national publications, including Family Circle, Good Housekeeping, The New York Times, and Woman’s Day. 

Dianne is currently working on a new book called LA PASSIONE: How Italy Seduced the World, which will include impressions and images from her recent interview with the great-grand-daughter of Luisa Spagnoli. 

L’Italo-Americano was fortunate to meet and interview Dianne. 

You are a presenter at the Italian Cultural Institute’s International Women’s Day event. This seems a perfect fit. Could you elaborate on the connection.
A few years ago in Italy, I met several members of the Buitoni family, including a wonderful chef named Silvia Buitoni of Perugia. When she realized that I’m from the San Francisco area, she introduced me to her sister Viola, another fabulous chef.  Both of them have told me the story of Luisa Spagnoli’s affair with their uncle (or grand-uncle, I’m not sure) Giovanni Buitoni. Silvia drove me to the home and laboratorio of the “other” Luisa Spagnoli, named for her great-grandmother and the maker of the best chocolates I’ve ever tasted.

What  motivated your interest in Italy and all things Italian? 
On my very first, impromptu trip to Italy more than three decades ago, I was captivated by the Italians—but unable to speak with them because the only phrase I knew was, “Mi dispiace, ma non parlo italiano.”  As soon as I returned to the United States, I set out to learn Italian in every way I could find—from classes to audiotapes to flash cards. After many years, my literary agent suggested that I write about Italian “because you light up when you talk about it.” When I turned to Annamaria Lelli, the former director of San Francisco’s Italian Cultural Institute, she said, “Knowing Italian simply opens a door. Now you have to walk through it and discover our culture.”  And so began a never-ending journey.

 Tell us about your inspiration to write La Bella Lingua, Mona Lisa: A Life Discovered, and your newest book, La Passione: How Italy Seduced the World. 
 All truly stemmed from a passion—for the Italian language, for Renaissance art, and for Italian creativity and culture. When I was interviewing a former attorney who became a chef in Florence years ago, I asked how her passion for food developed.  “We don’t choose our passions,” she told me. “Our passions choose us.”  In each case, a passion for Italy seized me, and I couldn’t resist.

From the time of La Bella Lingua’s publication, the Italian-American community has offered tremendous support—even though I am not Italian by birth. (My friends in Italy tell me that I  have acquired an Italian spirit.). My 93-year-old Dad accompanied me on part of my book tour for La Bella Lingua in 2009. One of my fondest memories is dancing with him—for the last time, as it turned out—at a Sons of Italy banquet in my hometown of Scranton, Pa. 
 

L'8 marzo, l'Istituto Italiano di Cultura ha celebrato la Giornata Internazionale della Donna con l'autrice di best-seller, Dianne Hales. La presentazione della signora Hales, che ha svelato la vita e le conquiste di Luisa Spagnoli, è stata un complemento perfetto per la Giornata Internazionale della Donna. Questa storia riguarda in realtà due donne straordinarie, Luisa e Dianne.  

Luisa Spagnoli ha creato la Società Perugina, famosa per il suo Bacio e per il suo lavoro pioneristico con i tessuti. Questa straordinaria imprenditrice italiana nacque a Perugia, in Italia, nel 1877. A 21 anni sposò Annibale Spagnoli e, in collaborazione con Francesco Buitoni, aprì una fabbrica di dolciumi a Perugia. Nel 1922, ispirata dalla passione per i cioccolatini, Luisa concepì il Bacio.  

Alla fine degli anni '20, con il suo spirito intraprendente e imprenditoriale al massimo storico, Luisa iniziò ad allevare conigli d'angora ottenendone il filato con una tecnica di pettinatura invece di tosare il coniglio per raccoglierne la lana. Ha sviluppato la lana di coniglio d'angora in un momento in cui, in Italia, questa fibra non era ancora popolare.

Luisa è anche conosciuta per il suo grande rispetto per i dipendenti: istituì asili nido per le sue lavoratrici. Nel 1928, la sua impresa di abbigliamento era ben avviata. Quando Luisa morì nel 1935, il figlio Mario continuò il suo lavoro trasformando l'attività da artigianale a impresa industriale e l'attività porta ancora il suo nome.  

La presentazione di Dianne Hales ha evidenziato l'affascinante vita e l’eredità di una donna brillante. Alla fine della sua presentazione, Dianne ha presentato Julia Schloss e Irene Oykhman, madre e figlia proprietarie del negozio di abbigliamento Luisa Spagnoli nello Stanford Shopping Center di Palo Alto, in California. Julia e Irene hanno descritto i capi Spagnoli in mostra.  

Personaggio notevole, Dianne Hales è una giornalista e un’autrice ampiamente pubblicata. Il suo libro, La Bella Lingua, l’ha collocata nella lista dei bestseller del New York Times e il presidente della Repubblica le ha assegnato un cavalierato onorario quale riconoscimento del suo lavoro.

Dianne dice di La Bella Lingua: "Non mi sarei mai aspettata di innamorarmi follemente, piacevolmente e vorticosamente della lingua più seducente del mondo. Ma è successo. Negli ultimi vent'anni, l'italiano è diventato il mio passaporto per la cultura, la storia, lo stile di vita, le tradizioni italiane e la sua stessa anima. La lingua italiana mi ha insegnato la sua più grande arte: l'arte di vivere".

Tra gli altri suoi lavori ricordiamo: Just Like a Woman, Caring for the Mind e il testo sanitario di riferimento del college, An Invitation to Health. Ha scritto per molte pubblicazioni nazionali, tra cui Family Circle, Good Housekeeping, The New York Times e Woman's Day.  

Dianne sta attualmente lavorando a un nuovo libro intitolato “La passione: come l'Italia ha sedotto il mondo”, che includerà le impressioni e le immagini della sua recente intervista con la pronipote di Luisa Spagnoli.  

L'Italo-Americano ha avuto la fortuna di incontrare e intervistare Dianne.

Relaziona all'evento della Giornata Internazionale della Donna dell'Istituto Italiano di Cultura. Sembra una combinazione perfetta. Può parlacene?
Alcuni anni fa, in Italia, ho incontrato diversi membri della famiglia Buitoni, tra cui uno chef meraviglioso di nome Silvia Buitoni di Perugia. Quando si è resa conto che ero originaria dell'area di San Francisco, mi ha fatto conoscere sua sorella Viola, un'altra favolosa chef. Entrambe mi hanno raccontato la storia della relazione di Luisa Spagnoli con lo zio (o il prozio, non ne sono sicura) Giovanni Buitoni. Silvia mi ha accompagnato alla casa-laboratorio dell’"altra" Luisa Spagnoli, così chiamata per via della bisnonna, creatrice dei migliori cioccolatini che abbia mai assaggiato.

Cosa ha motivato il suo interesse per l'Italia e tutto ciò che è italiano?  
Durante il mio primo, estemporaneo, viaggio in Italia più di trent'anni fa, sono rimasta affascinata dagli italiani, ma non ho potuto parlare con loro perché l'unica frase che conoscevo era "Mi dispiace, ma non parlo italiano". Tornata negli Stati Uniti, ho iniziato a imparare l'italiano in tutti i modi che potevo, dalle lezioni alle audiocassette alle schede flash. Dopo molti anni, il mio agente letterario mi ha suggerito di scrivere sull'italiano "perché ti infiammi quando ne parli". Quando mi sono rivolta ad Annamaria Lelli, ex direttore dell'Istituto Italiano di Cultura di San Francisco, le mi ha detto: "Conoscere l'italiano apre semplicemente una porta. Ora devi oltrepassarla e scoprire la nostra cultura". E così è iniziato un viaggio senza fine.

Ci parli di cosa l’ha ispirata a scrivere La Bella Lingua, Mona Lisa: A Life Discovered, e il suo ultimo libro, La Passione: Come l'Italia ha sedotto il mondo.  
Tutto deriva in realtà da una passione: per la lingua italiana, l'arte rinascimentale, la creatività e la cultura italiana. Quando ho intervistato un’ex avvocato diventato chef a Firenze, anni fa, le ho chiesto come era nata la sua passione per il cibo. "Non scegliamo le nostre passioni", mi disse. "Le nostre passioni ci scelgono". In ogni caso, una passione per l'Italia mi ha catturata e non ho potuto resistere.  

Dal momento della pubblicazione di La Bella Lingua, la comunità italo-americana mi ha offerto un enorme sostegno, anche se io non sono italiana di nascita. (I miei amici in Italia mi dicono che ho acquisito uno spirito italiano). Mio padre, 93 anni, mi ha accompagnato in una parte del mio tour editoriale per La Bella Lingua nel 2009. Uno dei miei ricordi più cari è quello in cui ballo con lui - per l'ultima volta, come si è poi scoperto - in un banchetto dei Sons of Italy nella mia città natale di Scranton, Pa.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Chinotto: a fully Italian vintage soda

Chinotto is a citrus fruit originally from China, exclusively grown on the Ligurian coast, in the Savona area since the end of the 19th century...

Sharing recipes among friends: a simple joy transcends the ages

Maria Lucia Luongo is a woman who takes joy in the simple pleasures of life: cooking, fashion, yoga, friendships. For the past 70 years, life’s...

Genoa and San Francisco look at their past to move forward, together, in the future

The legacy between Genoa and San Francisco is now stronger than ever. Two years after the visits of some other Genovese representatives, Italian...

A summer out of the ordinary by Italy's favorite seaside spots

Summer is on its way, or so we all hope here in Italy. The weather remains unstable, albeit temperatures are pleasant and I happily enjoyed my first...

Palla al centro: a history of Italy’s love affair with soccer

Usually, in Italy, you’d sense electricity in the air before the soccer World Cup begins: the country’s passion for calcio is well known, and when it...

Weekly in Italian

Recent Issues