'Chiamami col tuo nome' di Guadagnino? Dopo l'Oscar, subito il sequel

Nemmeno il tempo di godersi l'Oscar ed è già arrivato l'annuncio del sequel. “Call me by your name”, il film di Luca Guadagnino che nella notte degli Oscar 2018 ha conquistato la Miglior sceneggiatura non originale con James Ivory, avrà un seguito ambientato negli anni ’90.

Il sequel sarà ambientato cinque o sei anni dopo e i due innamorati “faranno il giro del mondo”. Ma non si sa di più.

“Chiamami con il tuo nome” è ambientato nel Nord Italia nel 1983 e racconta la storia d'amore tra Elio (Timothée Chalamet), un diciassettenne residente in Italia, e lo studente americano Oliver (Armie Hammer).

La sceneggiatura è scritta da James Ivory ed è un adattamento cinematografico del romanzo Chiamami col tuo nome di André Aciman, che produrrà il sequel.

È il terzo e ultimo film della "trilogia del desiderio" di Guadagnino, dopo Io sono l'amore (2009) e A Bigger Splash (2015).

Ivory inizialmente doveva co-dirigere il film, ma ha finito per scrivere la sceneggiatura e co-produrre. Guadagnino, che inizialmente era stato assunto come consulente di location, è diventato l'unico regista nel 2016.

Le riprese principali si sono svolte a Crema, in Italia, tra maggio e giugno del 2016.

Il film è stato presentato in anteprima mondiale al Sundance Film Festival ed è stato successivamente distribuito negli Stati Uniti nel novembre 2017. Il film ha ottenuto consenso unanime, con particolare apprezzamento per la regia, la sceneggiatura, la colonna sonora e gli interpreti, ed è stato scelto dal National Board of Review e dall'American Film Institute come uno dei 10 migliori film dell'anno.

Ha ottenuto tre candidature al Golden Globe 2018, come miglior film, miglior attore (Chalamet) e miglior attore non protagonista (Hammer) e quattro candidature ai premi Oscar 2018 come miglior film, miglior attore (Chalamet), miglior sceneggiatura non originale, miglior canzone (Mystery of Love).

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Albanese, Battiston e Rovazzi al Festival del Cinema Contemporaneo Italiano di Toronto

Albanese, Battiston e Rovazzi al Festival del Cinema Contemporaneo Italiano di Toronto

È stato come un grande e caloroso abbraccio quello che il pubblico di Toronto e Vaughan ha tributato ad Antonio Albanese, giunto in Canada per...
A Pescara, la scrittrice, fotografa e filmmaker americana Liza Béar

A Pescara, la scrittrice, fotografa e filmmaker americana Liza Béar

Alla Fondazione Zimei di Montesilvano, Pescara, la scrittrice, fotografa e filmmaker americana Liza Béar. Fondatrice, con Willoughby Sharp, della...
Quattro orizzonti cinematografici all'Ischia Film Festival 2018: Salvatores, Muccino, Verdone e Greenaway

Quattro orizzonti cinematografici all'Ischia Film Festival 2018: Salvatores, Muccino, Verdone e Greenaway

Gabriele Salvatores, Gabriele Muccino, Carlo Verdone e Peter Greenaway: quattro forme di fare cinema, quattro orizzonti cinematografici all'Ischia...
Nel docufilm ‘Terra Bruciata’ le ragioni di una medaglia al Valor Civile per Giulianova

Nel docufilm ‘Terra Bruciata’ le ragioni di una medaglia al Valor Civile per Giulianova

Il progetto del film documentario “Terra Bruciata” nasce dall’incontro tra il regista Luca Gianfrancesco e il prof. Giuseppe Angelone, docente di...
Il registra abruzzese Davide Lupinetti dalla San Francisco State University al corto ‘50 e 50’

Il registra abruzzese Davide Lupinetti dalla San Francisco State University al corto ‘50 e 50’

E’ un patto, un accordo. Una idea che nasce dall’intelligenza di una bambina, Giovanna, per sfuggire a un dovere. Un piccolo stratagemma, forse furbo...

Weekly in Italian

Recent Issues