Castelbuono: the miracle of manna and the holy skull

 The holy skull of St. Anne arrived in town in 1458 when the Ventimiglias decided to settle in Castelbuono (Robert Goodman)

Pinned like a medieval brooch on the slopes of Mount Milocca, Castelbuono is the leading producer of manna in all the Mediterranean region.

In this small corner of the Madonie Park near Cefalù, manna does not fall from the sky as was the food sent by God to sustain the Israelites during the 40 days they wandered in the wilderness. It drips from ash trees.

The castle surrounded by people in Medieval gear (Photo: Robert Goodman)

But each summer, such a windfall is a form of manna from heaven for the Castelbuonesi. The specialty has been their principal source of income since the 18th century.

“Manna is a natural sugar that comes from a special ash tree called fraxinus ornus,” says Elisabeth Barreca, a resident of Castelbuono who is a certified tour guide for the entire island of Sicily. “Manna takes the form of a whitish stalactite that manages to be vaguely sweet. It drips from the ash trees in Castelbuono and the nearby town of Pollina.”

The sap is extracted by making a cut in the bark and on both stems and branches.

“Manna takes the form of a whitish stalactite that manages to be vaguely sweet. It drips from the ash trees in Castelbuono and the nearby town of Pollina.”

“Once dried under the hot sun, it is collected from the ground in the hottest weeks of summer and used as a sweetener, laxative, depurative and even for cosmetic and medicinal purposes,” Elisabeth explains. “A recently created consortium of young producers is working to revive the culture of manna,” she says.

The Slow Food movement supports and encourages the production, also helping keep the tradition alive.

Locals use it as an ingredient to keep on hand for baking. “Pastry shops use it for panettone and torroncini,” Elisabeth says.

 The holy skull of St. Anne arrived in town in 1458 when the Ventimiglias decided to settle in Castelbuono (Robert Goodman)

She explains that some consider it an important ingredient in the brewing process as well. In addition, some Castelbuono restaurants flavor dishes with it.   

Manna is also employed in the cosmetics industry due to its softening properties. “Some people even put liquid manna on their faces as a beauty mask,” she says.

Castelbuono is a well-preserved village of classic medieval appearance with an unexpected jewel: Ventimiglia Castle.  “It was built upon an existing watchtower in 1317 by the powerful Count Francesco I Ventimiglia, who represented one of the most influential Sicilian families of all times, the Ventimiglia family.”

Don’t miss a visit to the Palatina chapel within the grounds of the castle. The magnificent church was decorated from 1684 to 1687 by Giuseppe and Giacomo Serpotta, two brothers who are credited with raising Sicilian stuccowork from a craft to an art.

Castelbuono (Photo Robert Goodman)

“Here, behind the altarpiece, enshrined in a fine, silver reliquary bust from 1521 is the skull of St. Anne,” the town’s adored patron saint, explains Elisabeth. “The Castelbuonesi consider her a mother who never fails to protect her children.”

 The holy skull of St. Anne arrived in town in 1458 when the Ventimiglias decided to settle in Castelbuono. Originally from Ventimiglia, Liguria they mysteriously received the relic from the Duke of Lorraine, France. One day in 1605, the guardian monk stole the relic and took it to Palermo. He confessed only on his deathbed, notes Elisabeth. Finally in 1615 the Ventimiglias returned the relic to their castle and secured the silver reliquary bust in the chapel behind a grate with several locks.

Some say during WWII American soldiers attempted to rob Castelbuono of its sacred relic as well. But church bells rang so loud and continuously that all the Castelbuonesi rushed over and were able to chase them off.

The relic is visible once a year during the spectacular Festa di Sant’Anna from July 25 to 27.

The castle also has a tunnel that leads to the Church of Saint Francis which contains a magnificent pipe organ of the Venetian school. “It is one of the oldest in Europe,” Elisabeth says.

What celestial and soothing harmonies!

You can find great serenity in the sounds of nature all around in the Madonie hillsides, home to more than 160 species including wild boar and wildcat. Several types of falcon, eagle and vulture, make it a haven for twitchers.

According to legend, these mountains are where Hades abducted poor unsuspecting Persephone into the underworld. They are beautiful and mysterious.

Castelbuono's rugged charms ensnare many visitors who end up moving there.

“Some Americans have chosen to live here even if they have no genealogical connection with the town,” says Elisabeth. Some have married Castelbuonesi. “Sicilians like Americans,” she says. “Every year there is always some US citizen who visits the place to research their roots and find long-lost relatives.”

Quite a few Castelbuonesi migrated to the United States from the 1880s to 1920 and then again after WWII.

The Castelbuono castle was actually bought at auction by the municipality in 1920 after a group of Italian-Americans from the town supported a fundraising effort, notes Elisabeth.

“Castelbuono is a human-scale town,” she says. It is also a summer destination for music lovers. A jazz festival, a popular indie rock festival called Ypsigrock and a classical music festival take place in July and August.

The variety of food on offer is surprising. Don’t miss caciocavallo in crosta and testa di turco, the town's signature dessert.
“But what makes my town really special is the hospitality of its people,” says Elisabeth.

Appuntato come una spilla medievale sulle pendici del Monte Milocca, Castelbuono è il principale produttore di manna in tutta la regione mediterranea. In questo piccolo angolo del Parco delle Madonie, vicino Cefalù, la manna non cade dal cielo come il cibo mandato da Dio per sostenere gli Israeliti durante i 40 giorni in cui vagarono nel deserto. Gocciola dai frassini.  

Ma ogni estate, un simile guadagno è una sorta di manna dal cielo per i Castelbuonesi. La specialità è stata la loro principale fonte di reddito dal XVIII secolo. "La manna è uno zucchero naturale che proviene da un frassino speciale chiamato fraxinus ornus", dice Elisabeth Barreca, cittadina di Castelbuono e guida turistica certificata per l'intera isola della Sicilia. "La manna ha la forma di una stalattite biancastra vagamente dolce. Gocciola dai frassini di Castelbuono e della vicina città di Pollina". La linfa viene estratta facendo un taglio nella corteccia, su steli e rami.

"Una volta essiccata sotto il sole caldo, viene raccolta da terra nelle settimane più calde dell'estate e usata come dolcificante, lassativo, depurativo e anche per scopi cosmetici e medicinali", spiega Elisabeth. "Un consorzio di giovani produttori di recente creazione sta lavorando per far rivivere la cultura della manna", afferma. Il movimento Slow Food ne sostiene e incoraggia la produzione, contribuendo anche a mantenere viva la tradizione. La gente del posto la usa come ingrediente da tenere a portata di mano per cuocere al forno. "I negozi di pasticceria la usano per panettoni e torroncini", dice Elisabeth. Spiega che alcuni la considerano un ingrediente importante anche nel processo di produzione della birra. Inoltre, alcuni ristoranti di Castelbuono aromatizzano i piatti con essa. La manna è anche impiegata nell'industria cosmetica grazie alle sue proprietà emollienti. "Alcune persone mettono addirittura manna liquida sul viso come maschera di bellezza", dice.  

Castelbuono è un villaggio ben conservato di classico aspetto medievale con un gioiello inaspettato: il Castello di Ventimiglia. "Fu costruito su una torre di avvistamento esistente nel 1317 dal potente conte Francesco I Ventimiglia, che rappresentò una delle più influenti famiglie siciliane di tutti i tempi, la famiglia Ventimiglia". Da non perdere una visita alla cappella Palatina all'interno del parco del castello. La magnifica chiesa fu decorata tra il 1684 e il 1687 da Giuseppe e Giacomo Serpotta, due fratelli a cui è attribuito il passaggio degli stucchi siciliani da mestiere ad arte. "Qui, dietro la pala d'altare, custodita in un reliquiario d'argento a forma di busto del 1521, si trova il teschio di Sant'Anna", la santa patrona della città, spiega Elisabeth. "I Castelbuonesi la considerano una madre che non cessa mai di proteggere i suoi figli".

Il Sacro Teschio di Sant'Anna arrivò in città nel 1458 quando i Ventimiglia decisero di stabilirsi a Castelbuono. Originari di Ventimiglia, Liguria, hanno misteriosamente ricevuto la reliquia dal Duca di Lorena, Francia. Un giorno, nel 1605, il monaco guardiano rubò la reliquia e la portò a Palermo. Ha confessato solo sul letto di morte, nota Elisabeth. Finalmente, nel 1615, i Ventimiglia restituirono la reliquia al loro castello e misero il busto reliquiario in argento al sicuro nella cappella dietro una grata con diverse serrature. Alcuni dicono che durante la Seconda Guerra Mondiale i soldati americani tentarono di derubare Castelbuono anche della sua sacra reliquia.

Ma le campane della chiesa suonarono così forte e continuamente che tutti i Castelbuonesi si precipitarono e furono in grado di scacciarli. La reliquia è visibile una volta all'anno durante la spettacolare Festa di Sant'Anna dal 25 al 27 luglio. Il castello ha anche un tunnel che conduce alla Chiesa di San Francesco che contiene un magnifico organo a canne di scuola veneziana. "È uno dei più antichi d'Europa", dice Elisabeth. Quali armonie celesti e piacevoli!  

È possibile trovare grande serenità nei suoni della natura tutt’intorno sulle colline delle Madonie, casa di oltre 160 specie tra cui cinghiali e gatti selvatici. Diversi tipi di falco, aquile e avvoltoi ne fanno un paradiso per i birdwatcher.

Secondo la leggenda, queste montagne sono dove Ade portò la perspicace Persefone negli inferi. Sono belli e misteriosi. Il grande fascino di Castelbuono attira molti visitatori che finiscono per trasferirsi lì. "Alcuni americani hanno scelto di vivere qui anche se non hanno alcun legame genealogico con la città", dice Elisabeth. Alcuni hanno sposato Castelbuonesi. "I siciliani amano gli americani", dice. "Ogni anno c'è sempre qualche cittadino statunitense che visita il posto per cercare le proprie radici e trovare parenti persi da lungo tempo". Parecchi Castelbuonesi migrarono negli Stati Uniti dal 1880 al 1920 e poi di nuovo dopo la Seconda Guerra Mondiale.  

Il castello di Castelbuono è stato effettivamente acquistato all'asta dal Comune nel 1920 dopo che un gruppo di italoamericani della città ha sostenuto uno sforzo di raccolta fondi, osserva Elisabeth. "Castelbuono è una città a misura d'uomo", dice. È anche una destinazione estiva per gli amanti della musica. Un festival jazz, un popolare festival indie rock chiamato Ypsigrock e un festival di musica classica hanno luogo in luglio e agosto. La varietà del cibo a disposizione è sorprendente. Da non perdere il caciocavallo in crosta e la Testa di Turco, il dolce tipico della città. "Ma ciò che rende la mia città davvero speciale è l'ospitalità della sua gente", dice Elisabeth.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The Bells of Agnone: Marinelli’s family handcrafting papal bells since 1339

There is a special sound that speaks of Italy, the same for thousands of years, a sound that becomes one with the country’s landscape, dotted with...

Feeding Italy for millennia: the history of ancient grains

Greeks and Romans offered spelt to the Gods, Aztecs considered chia seeds worthy of tributes, and farro is noted in the Old Testament. Today,...

Mary Taylor Simeti, grande dame of Sicilian culinary culture

“Sicilian novels and memoirs that speak of food are more important to me than cookbooks,” says Mary Taylor Simeti, a grande dame of the vibrant...

Pliny the Elder, story teller of the world

Second only to Aristotle, Gaius Plinius Secundus, known as Pliny the Elder, was probably the most influential scholar of Antiquity, and the only one...

Rocca Imperiale, the scent of lemons at sea

For a new angle on Italy, ditch the car and try sailing off on the Ionian Sea along the coast off Rocca Imperiale, a bijou-size borgo that just...

Weekly in Italian

Recent Issues