Giudizio Universale: Michelangelo and the Secrets of the Sistine Chapel

It might well be the next “Greatest Show on Earth,” even if the monkeys and clowns are missing. It’s no circus, however.  

The first “artainment” of its kind, Giudizio Universale brings to life the narrative of Michelangelo’s Sistine Chapel in one dazzling, high tech hour of theatrical brilliance. It’s as if an Old-World masterpiece collided head on with the latest Star Wars movie, yet with a happy ending for all.  

Dancing, visual effects and acting all make an appearance in the hour long show

Creative genius Marco Balich had enough credits to his name to be taken seriously when he first approached the Vatican in 2015 with grand ideas of breathing an alternative life into Michelangelo’s magnificent Sistine frescoes. Balich’s resumé already included such memorable live entertainment extravaganzas as the opening and closing ceremonies of several Olympic games, the creation of the Italian Pavilion at Milan’s EXPO 2015, the opening ceremony of Dubai’s 2017 World Cup, and numerous other over-the-top spectacles. But why the interest in the Sistine Chapel?  

Portrayals with dancers, acrobats, laser lights, state of the art sound, and elaborate special effects bring to life Michelangelo’s painted interpretation of scenes from the Garden of Eden to the Final Judgement

For Balich, the answer was multi-layered. “We strongly believe that the younger generation needs to be inspired in their own language,” Balich says. “An hour is the attention span…if we tell the story well, we can get them interested.” The Venetian born native’s idea was to take the already established magnificence of the Sistine ceiling and altar, and apply a few new tricks “using the codes that relate to the younger generations that have grown up with PlayStation, that go to the movies in 3D, watch Netflix, but are on the other hand almost distracted with respect to this wonderful artistic patrimony.”

Intertwined with this goal was the desire to return to Rome her rightful heritage, to gift the Eternal City with a different manner of experiencing one of its most priceless treasures. Although moving, a typical visit to the chapel is a frenzied, elbow-to-elbow limited period of time, and generally not the reverent silent meditation pushed by the ever-present hushers lurking about.

However, the intention was never to one-up the real thing: “We can’t do anything bigger than Michelangelo, it’s like committing a sin to suggest that,” according to show choreographer and Olympic alumni Fotis Nikolaou. “We’re dialoguing with this masterpiece in the new forms of art, video, dance, theater. It’s like saying thank you to a masterpiece like the Sistine Chapel.”

Marco Balich says his take on the Sistine Chapel has been especially conceived for the younger generations, who love technology and video games

With approval from the Vatican, the collaboration began. Each step along the way was monitored by officials to assure the artistic, spiritual, and historical accuracy of the multimedia interpretation. With a team of rock star status set designers, choreographers, and special effects artists, Balich juggled a daily quest to create an exact and respectful portrayal of Michelangelo’s work, yet bring an immersive experience to life in a manner never before attempted. Famed actor Pierfrancesco Favino was secured as the voice of Michelangelo, while legendary Sting provided the elegant “Dies Irae” soundtrack.   

Balich chose the Auditorium Conciliazione, Rome’s old symphony hall located just a few miles from the Vatican, as the home for his spectacle. The space was outfitted with a specially built three quarters surround screen that aligns with the dimensions of the chapel ceiling. Exceedingly high-resolution images of the frescoes provided by the Vatican are projected, causing the audience to feel as if they are inside the Sistine Chapel. However, that’s when stoic reality departs in an extraordinary fashion.  

With a team of rock star status set designers, choreographers, and special effects artists, Balich juggled a daily quest to create an exact and respectful portrayal of Michelangelo’s work, yet bring an immersive experience to life in a manner never before attempted

The sixty-minute presentation opens as the audience is transported to Rome circa 1508. Seemingly airborne with a bird’s eye view of the city (thanks to the talents of some of the world’s top video game creators) sites such as the Coliseum and Vatican glide by “underneath,” setting the stage for this bygone era.  The ensuing fifty some-odd minutes unfold to reveal the gamut of Michelangelo’s path from passionate sculptor to forced fresco artist. Scenes develop with projections of face to face encounters with the cast of Sistine characters. Images hardly perceptible through squinted eyes are suddenly multiple feet tall… and as grand in emotion as in size.

The sixty-minute presentation opens as the audience is transported to Rome circa 1508

Portrayals with dancers, acrobats, laser lights, state of the art sound, and elaborate special effects bring to life Michelangelo’s painted interpretation of scenes from the Garden of Eden to the Final Judgement. Athletic dancers portraying Adam and Eve seem to defy gravity as they course through the projected imagery of the garden while vines appear to twist and climb the theatre walls. Beleaguered figures writhe as wind and rain deluge the stage while Noah’s plight is played out. A ghost-like block of granite revolves on stage, then morphs as the sculptor mystically coaxes the beautiful form of David from the stone. Suspended over the stage to recreate his years spent inches from the Sistine ceiling, an anguished Michelangelo embodies his unrelenting drive in his recreation of creation.  

Balich is not without critics, however. Art conservators have accused him of “Disney-fication,” an intended insult that seems to amuse Balich – “But Disney was a genius. What’s wrong with that?” Seeking to reassure the doubters, Balich has been careful to remind that he has been overtly obedient to the Vatican’s overseeing of the project with no intention to over-shadow the actual frescoes. However, he concedes that for himself, it has come at a price – “There are a few more special effects I would’ve indulged in!”

Giudizio Universale opened to sold out audiences on March 15th and is slated to run for at least a full year. Balich’s hope is that the show will become a permanent feature in Rome. A feature film is also in the works in order to take the production to audiences world-wide.  

Perhaps Vatican Museums director Barbara Jatta sums the heart of the project up deftly -- “It’s a delicate way to tell a beautiful story of faith, art and history. And it’s a way of communicating the Sistine Chapel in a way that many generations can understand.”  

However spectacular, Giudizio Universale will never replicate the awe-inspiring moments of gazing at the beauty of Michelangelo’s ceiling and alter, nor reproduce the ritual of standing on tiles in the sacred building that houses the masterpieces -- the very places touched by the master’s body and soul. But as bookends support the books, so might this show do for continued appreciation of its celebrated subjects.  

 "I seek beauty, the beauty is everything. It is my obsession." ~ Marco Balich

Potrebbe essere il prossimo "Il più grande spettacolo sulla Terra", anche se mancano scimmie e clown. Ma non è un circo.  

Il primo "art-ainment" di questo genere, Giudizio Universale, fa rivivere la narrazione della Cappella Sistina di Michelangelo in una splendida ora high tech di brillantezza teatrale. È come se un capolavoro del Vecchio Mondo entrasse in collisione con l'ultimo film di Star Wars, ma con un lieto fine per tutti.  

Il genio creativo di Marco Balich aveva sufficiente credito per essere preso sul serio quando per la prima volta andò in Vaticano nel 2015 con grandi idee: dare una vita alternativa ai magnifici affreschi della Sistina di Michelangelo. Il curriculum di Balich includeva già memorabili spettacoli di intrattenimento dal vivo come le cerimonie di apertura e chiusura di diversi Giochi olimpici, la creazione del Padiglione italiano all'EXPO di Milano 2015, la cerimonia di apertura della Coppa del Mondo di Dubai 2017 e numerosi altri spettacoli grandiosi. Ma perché l'interesse per la Cappella Sistina?

Per Balich, la risposta era molteplice. "Crediamo fortemente che le nuove generazioni debbano essere ispirate nella loro lingua", ha detto Balich. "Un'ora è l'intervallo di attenzione ... se raccontiamo bene la storia, possiamo farli interessare”. L'idea del veneziano era di prendere la già consolidata magnificenza del soffitto e dell'altare della Sistina e applicarle alcuni nuovi trucchi "usando i codici che riguardano le generazioni più giovani cresciute con la PlayStation, che vanno al cinema in 3D, guardano Netflix, ma che, d’altro canto sono quasi distratte rispetto a questo meraviglioso patrimonio artistico".  

Intrecciato con questo obiettivo c’era il desiderio di restituire a Roma la sua legittima eredità, di donare alla Città Eterna un modo diverso di vivere uno dei suoi tesori più preziosi. Anche se in movimento, una tipica visita alla cappella è un momento frenetico, un periodo di tempo limitato, gomito a gomito, e generalmente non è la riverente meditazione silenziosa sollecitata dagli onnipresenti inviti al silenzio sempre in agguato. Tuttavia, l'intenzione non è mai stata quella di scavalcare la realtà: "Non possiamo fare nulla di più grande di Michelangelo, pensarlo è come commettere un peccato", secondo il coreografo dello spettacolo e dei Giochi olimpici Fotis Nikolaou. "Stiamo dialogando con questo capolavoro con nuove forme di arte, video, danza, teatro. È come dire grazie a un capolavoro come la Cappella Sistina".

Con l'approvazione del Vaticano, la collaborazione è iniziata. Ogni passo lungo la strada è stato monitorato dai funzionari per assicurare l'accuratezza artistica, spirituale e storica dell'interpretazione multimediale. Con una squadra di scenografi, coreografi e artisti degli effetti speciali da rock star, Balich ha gestito una ricerca quotidiana per creare un ritratto fedele e rispettoso dell'opera di Michelangelo, portando tuttavia in vita un'esperienza immersiva in un modo mai provato prima.  

Il famoso attore Pierfrancesco Favino è stato reclutato come la voce di Michelangelo, mentre il leggendario Sting ha fornito l'elegante colonna sonora di "Dies Irae".

Balich ha scelto l'Auditorium Conciliazione, l'antica sala sinfonica di Roma situata a pochi chilometri dal Vaticano, come sede del suo spettacolo. Lo spazio è stato dotato di uno schermo per tre quarti avvolgente appositamente costruito che si allinea alle dimensioni del soffitto della Cappella. Vi vengono proiettate immagini eccezionalmente ad alta risoluzione degli affreschi fornite dal Vaticano, che fanno sentire il pubblico come se fosse all'interno della Cappella Sistina. Tuttavia, questo è quando la realtà stoica parte in modo straordinario.  

La presentazione di sessanta minuti si apre mentre il pubblico viene trasportato a Roma intorno al 1508. Apparentemente in volo con una vista a volo d'uccello della città (grazie ai talenti di alcuni dei migliori creatori di videogiochi al mondo), luoghi come il Colosseo e il Vaticano scivolano via "sotto", preparando il palcoscenico per questa era passata. I cinquantacinque minuti che seguono, si susseguono per rivelare l’evoluzione del percorso di Michelangelo, da scultore appassionato ad artista costretto agli affreschi. Le scene si sviluppano con proiezioni di incontri faccia a faccia con il cast dei personaggi della Sistina. Le immagini appena percettibili attraverso gli occhi socchiusi sono improvvisamente alte più di un metro ... ed emotivamente grandi come le dimensioni reali.

I ritratti con ballerini, acrobati, luci laser, suoni all'avanguardia ed elaborati effetti speciali danno vita all'interpretazione dipinta delle scene di Michelangelo dal Giardino dell'Eden al Giudizio Finale. Ballerini atletici che ritraggono Adamo ed Eva sembrano sfidare la gravità mentre attraversano le immagini proiettate del giardino mentre le viti sembrano torcersi e scalare le pareti del teatro. Figure preoccupate si contorcono mentre il vento e la pioggia sommergono il palcoscenico durante le difficoltà di Noè. Un blocco di granito simile ad un fantasma gira sul palco, poi si trasforma in uno scultore che misticamente fa uscire dalla pietra la bella forma del David. Sospeso sul palco per ricreare i suoi anni trascorsi a pochi centimetri dal soffitto della Sistina, un angosciato Michelangelo incarna la sua inarrestabile pulsione nella sua ricreazione della Creazione.

Balich non è senza critiche, comunque. I conservatori dell'arte lo hanno accusato di aver creato una "Disney-fiction", un insulto intenzionale che sembra divertire Balich - "Ma Disney era un genio. Cosa c'è di sbagliato in questo?". Cercando di rassicurare gli scettici, Balich è stato attento a ricordare che è stato apertamente obbediente alla supervisione del progetto da parte del Vaticano, senza alcuna intenzione di offuscare gli affreschi reali. Tuttavia, lo ammette da solo, ciò ha avuto un prezzo: "Avrei indugiato in altri effetti speciali!"  

Giudizio Universale ha aperto al pubblico con il tutto esaurito il 15 marzo e dovrebbe durare per almeno un anno intero. La speranza di Balich è che lo spettacolo diventi una messa in scena permanente a Roma. Un film è anche in lavorazione per portare la produzione al pubblico in tutto il mondo.  

Forse il direttore dei Musei Vaticani Barbara Jatta riassume abilmente il cuore del progetto: "È un modo delicato di raccontare una bella storia di fede, arte e storia. Ed è un modo di comunicare la Cappella Sistina in un modo che molte generazioni possono capire".  

Per quanto spettacolare, Giudizio Universale non potrà mai replicare gli impressionanti momenti di contemplazione della bellezza del soffitto di Michelangelo e alterare - non riprodurre il rituale di stare sulle piastrelle nell'edificio sacro che ospita i capolavori - i luoghi stessi toccati dal corpo e dall’anima del maestro. Ma come i reggilibri supportano i libri, così potrebbe fare questo spettacolo per il continuo apprezzamento dei suoi celebri soggetti.  

"Cerco la bellezza, la bellezza è tutto, è la mia ossessione". ~ Marco Balich

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Taste of Italy: teaching Italian culture, cuisine and wine to a new generation of chefs

How a perfect night looks like when you are an Italian food lover? The answer could come from people who attended the Taste Of Italy event, organized...

The Italian Riviera, heart of the Grand Tour

Come to the beach where the sea is blue, and little white waves come running at you. A wave comes splashing, over your toes; you just stand still,...

The art of making soap with almond ashes

Some decades have passed, but the memory of almond trees fields is still very much alive in my mind. Fields that filled our land with many, old trees...

Sicily through the lenses of a maestro

Sicilian photographer Giuseppe Leone has earned the distinguished title of maestro after six decades of documenting the culture, traditions and...

Does Italy really need Starbucks?

The news arrived just a handful of days ago, but it was barely noticed in Italy. Perhaps it’s because we are busy trying to understand who is going...

Weekly in Italian

Recent Issues