La 'fotografia d’affezione' e le Wonderful visions di Man Ray a San Gimignano

La 'fotografia d’affezione' e le Wonderful visions di Man Ray a San Gimignano

Sperimentare, reinventare, trasformare la fotografia in “fotografia d’affezione”, trasfigurando i soggetti e caricando nudi, autoritratti, nature morte, di un senso proprio, imprevisto ed inatteso. 
La missione di Man Ray è stata forse quella di rendere ogni immagine come un enigma, quasi a suggerire come nel reale, anche il più abituale, sia celato un mistero. E così lo sguardo, che si fa incantato, è in grado di svelare un punto di domanda sul corpo, sul volto, sul braccio su cui si posano abiti, cappelli, accessori. 

Ed è sempre lo sguardo a trasformare il tutto in quelle “meravigliose visioni” che costituiscono il filo conduttore della mostra Man Ray. Wonderful visions, fino al 7 ottobre alla Galleria d’arte Moderna e Contemporanea "Raffaele de Grada" di San Gimignano.

Oltre cento immagini consentono al visitatore di sfogliare il lavoro fotografico di uno dei maestri più significativi del XX secolo, l’artista dadaista e surrealista di Filadelfia che ha reinventato il fotogramma, ribattezzandolo rayograph, e la solarizzazione attraverso la quale ha restituito l’aura a corpi e ritratti.
“Ho tentato di cogliere le visioni che il crepuscolo o la luce troppo viva, o la loro fugacità, o la lentezza del nostro apparato oculare sottraggono ai nostri sensi. Sono rimasto sempre stupito, spesso incantato, talvolta letteralmente ‘rapito’” scriveva il fotografo amico di Duchamp e autore di film d’avanguardia.

Le oltre cento immagini fotografiche sono esposte a comporre un unico percorso unitario e, disposte in ordine cronologico, rimandano a quell’unico sguardo da cui nascono realmente, piuttosto che ai generi e alle funzioni. Come scrive Elio Grazioli, curatore della mostra, «L’affezione è ciò che crea il mistero, è il sentimento segreto che resta enigmatico al di là dello svelamento simbolico, è una dimensione privata in più di cui si carica l’oggetto, fotografia compresa, e lo sguardo, che si fa ‘incantato’».

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A Villa Bardini a Firenze Icons di Steve McCurry

A Villa Bardini a Firenze Icons di Steve McCurry

Dal 14 giugno al 16 settembre gli spazi della Villa Bardini di Firenze ospiteranno un’ampia retrospettiva dedicata al lavoro di Steve McCurry (Darby...
Unfake Connections, la New York anni 60-70 si svela a Montesilvano

Unfake Connections, la New York anni 60-70 si svela a Montesilvano

New York negli anni Sessanta e Settanta è stata l’incubatrice di movimenti e linguaggi artistici d’avanguardia come la Pop Art, la MInimal e la...
Per la prima volta in Italia le fotografie di W. Eugene Smith e il ritratto di Pittsburgh, la città industriale più famosa del primo Novecento

Per la prima volta in Italia le fotografie di W. Eugene Smith e il ritratto di Pittsburgh, la città industriale più famosa del primo Novecento

Per la prima volta in Italia una mostra interamente dedicata all’opera che il fotografo americano W. Eugene Smith (1918-1978) ha realizzato a partire...
Palermo apre la 'Porta' della capitale italiana della cultura con la Biennale di arte contemporanea

Palermo apre la 'Porta' della capitale italiana della cultura con la Biennale di arte contemporanea

Si apre una “Porta” nell'ambito delle celebrazioni in onore di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018. Wish World International Sicilian...
Visioni differenti: gli 80 anni dell'Eur di Roma e l’idea italiana della modernità

Visioni differenti: gli 80 anni dell'Eur di Roma e l’idea italiana della modernità

Planimetrie, progetti, bozzetti e circa 200 fotografie d’arte realizzate dal maestro Carlo D’Orta: è questo il materiale che la mostra “Ottant’anni...

Weekly in Italian

Recent Issues