Roman stories... by the street

Via Margutta, Rome's own Montmartre

Nevermind how long you have lived in Rome, you’ll always find something new to discover, or so do its lucky residents say. Of course, Rome is art, history and good food. It’s tradition and the very heart of Italian identity. In so many ways, Rome embodies within its streets and alleys, monuments and buildings all the beauty and idiosyncrasies of Italy: it’s not perfect, but there’s nothing quite like her in the world and for this, we love her.  

Via Margutta, Rome's own Montmartre

Writing about Rome is at once simple and complex: simple, because there is so much to say, complex because somehow it’s hard to find an angle to explore the city in a fresh, uncommon way. Rome is ancient architecture, churches and sanpietrini, sunny Novembers and balmy evenings spent in Borgo Pio hopping from a café to another.  

But Rome is also a place of avenues and streets, some of them embodying a world of its own, offering a unique insight into the city, at times far from the hustle and bustle of her Via Veneto or her Piazza San Pietro. Have you ever thought of the history - and indeed the stories - hiding in the streets of the Eternal City? An inspiring subject, a different manner to look at a place that, once upon a time, ruled the world and whose cultural influence we still, often unknowingly, breath today, in every corner of the Western World.  

Via di San Giovanni in Laterano joins a symbol of Christianity, the basilica with the same name, and of Italian history, the Colosseum. But its real secrets are hidden underground

So, Rome is made of small, often mysterious worlds. Take Via Margutta, the street of artists and bohemian life. Of course you know it, because you must remember how beautiful it looked, in black and white, as a backdrop to Audrey Hepburn and Gregory Peck’s iconic Vespa ride in Roman Holidays. As hard as it is to focus on anything that isn’t Hepburn unequalled elegance and beauty, the narrow, old fashioned, seemingly quiet road of those scenes do leave a vivid impression: there’s an aura of understated, old world elegance in it, mixed with that popular neighborhood vibe almost every corner of Rome manages to have. And above all, there is, ever present, ever powerful, the electrifying buzz of creativity at work, because Via Margutta has always been Rome’s own Montmartre, the place where artists gathered and set their studios, were craftsmen had their ateliers, where ideas took beautiful shapes and colors.  

And just like Montmartre, Via Margutta has been home to Rome’s artistic crowd for centuries: forget about the artsy jetset, the artists and artisans of Via Margutta are the real thing. This was once home to Federico Fellini, a three block long corner of enchantment, cradled between Piazza di Spagna e Piazza del Popolo, just below that other timeless symbol of our capital, Villa Borghese and its parks and gardens. Today’s Via Margutta, with its endless line of artists studios and ateliers, is a time capsule that brings us back to the Renaissance and leads us with a steady pace through centuries of crafts and artistic tradition so thick you can breath it in while you walk.

A quaint image for sure, but Via Margutta started its existence fairly humbly, some 2000 years ago, very likely as an open sewer for the palaces and villas that once were nestled on the Pincian Hill. Some say that even its name “Margutta” is a sarcastic reference to the area’s unsavoury, humble past: “mar” and “gutta,” a sea drop, Latin euphemism referring to the gargling waters coming out of Ancient Rome’s rich and famous’ bathrooms. But who cares about it, today? Via Margutta remains entrenched in our memory as the painting-like background to Audrey Hepburn’s eyes in those timeless frames of Roman Holidays.  

Via del Pigneto, the favorite spot of the capital’s hip crowd, Rome’s answer to London’s Shoreditch

Similar, because immersed in a bohemian atmosphere, but profoundly different in many ways, is Via del Pigneto, the favorite spot of the capital’s hip crowd, Rome’s answer to London’s Shoreditch. Just like its British cousin, the Pigneto area was once a poor neighborhood, considered dangerous after dark, but the area ended up  blossoming into a welcoming, fun, sleepless spot.

I said Shoreditch, but Vanity Fair, a couple of years ago, compared the Pigneto neighborhood to a place many of you are certainly more familiar with: Brooklin. Located about 25 minutes by metro from the city centre, the area is home to the young, tattooed, freelancing children of Italy, many of them possibly still studying at nearby Università La Sapienza. As you would expect from an area with the above credentials and a university nearby, Pigneto is filled with bars, restaurants and cafés; nodding to the popular past of the area is famous restaurant Necci, established in 1924 and made famous by Pasolini’s 1961’s movie Accattone. Needless to say, the director and poet certainly loved its grittiness and rustic allure, which remains unscathed today.  

Via Margutta, Rome's own Montmartre

One last precious stop, in this hopefully interesting Roman tour: Via di San Giovanni in Laterano. Well, of course, there is something one cannot miss here, the basilica that gave the street its name, grandiose and beautiful, at one of its ends. Just opposite, almost hidden away, stands one of Rome’s holiest places, the Scala Santa, thought to be the staircase Jesus climbed before his encounter with Pilate. At the other end of the street, balancing out Rome’s Christian soul, stands the Colosseum, embodiment of the city’s Imperial spirit.

ut Via di San Giovanni in Laterano’s secret beauty lies underground, where archaeologists discovered 1700 years old vaulted rooms, with their frescoes still preserved. Deeper into the belly of the city, 2000 years old chambers still stand, belonging very likely to the times of the Flavian Imperial dynasty. And more awaits the history lover who dares to descent deeper into the heart of Rome without fear of darkness: the remains of an ancient pre-Christian altar dedicated to Mithras, a sun-god worshiped especially by soldiers. Layers of history, underneath history, in Via di San Giovanni in Laterano.  

If we only had the time and the space... how much more we could discover, learn and love about Rome: a millennial history, which continues and continues, mother to beauty, curiosities and secrets.

Non importa quanto tempo hai vissuto a Roma, troverai sempre qualcosa di nuovo da scoprire, o almeno così dicono i suoi fortunati residenti. Certo, Roma è arte, storia e buon cibo. È la tradizione e il vero cuore dell'identità italiana. In tanti modi, Roma racchiude nelle sue strade e nei suoi vicoli, nei monumenti e nei palazzi, tutta la bellezza e le idiosincrasie dell'Italia: non è perfetta, ma non c'è niente di simile a lei nel mondo e per questo, la amiamo.  

Scrivere di Roma è allo stesso tempo semplice e complesso: semplice, perché c'è così tanto da dire, e complesso perché in un certo senso è difficile trovare un modo di esplorare la città in una forma nuova e insolita. Roma è un'architettura antica, chiese e sanpietrini, soleggiati autunni e balsamiche serate trascorse a Borgo Pio passando da un caffè all'altro.  

Ma Roma è anche un luogo di viali e strade, alcuni dei quali incarnano un mondo a parte, offrendo una visione unica della città, a volte lontano dal trambusto della sua Via Veneto o della sua Piazza San Pietro. Hai mai pensato alla storia - in realtà alle storie - nascosta nelle strade della Città Eterna? Un tema stimolante, un modo diverso di guardare un luogo che, una volta, governava il mondo e la cui influenza culturale, spesso inconsapevolmente, respiriamo ancora noi oggi, in ogni angolo del mondo occidentale.

Dunque, Roma è fatta di piccoli mondi, spesso misteriosi. Prendi Via Margutta, la strada degli artisti e della vita bohémien. Certamente lo saprai, perché ricorderai quanto è bella, in bianco e nero, come sfondo per Audrey Hepburn e l'iconica Vespa di Gregory Peck in Vacanze Romane. Per quanto sia difficile concentrarsi su tutto ciò che non è la Hepburn, ineguagliabile per eleganza e bellezza, la strada stretta, vecchio stile, apparentemente tranquilla, di quelle scene lascia un'impressione vivida: c'è un'aura di sobria eleganza del vecchio mondo, mista con quella vibrazione di quartiere popolare che quasi ogni angolo di Roma riesce ad avere. E soprattutto c'è, sempre presente, sempre potente, l'elettrizzante brusio della creatività al lavoro, perché Via Margutta è sempre stata la Montmartre di Roma, il luogo in cui gli artisti si ritrovavano e stabilivano i loro studi, gli artigiani avevano i loro atelier, dove le idee prendevano belle forme e colori.

E proprio come Montmartre, Via Margutta è stata la casa degli artisti di Roma per secoli: dimenticate il jetset artistico, gli artisti e gli artigiani di Via Margutta sono cosa reale. Questa via che in passato ha ospitato Federico Fellini, è un angolo incantato lungo tre isolati, cullato tra Piazza di Spagna e Piazza del Popolo, proprio sotto quell'altro simbolo senza tempo della nostra capitale, Villa Borghese e i suoi parchi e giardini. L'odierna Via Margutta, con la sua infinita serie di studi di artisti e atelier, è una capsula del tempo che ci riporta al Rinascimento e ci guida con ritmo costante attraverso secoli di artigianato e tradizione artistica così fitta da poterla respirare mentre si cammina.  

Sicuramente un'immagine pittoresca, ma Via Margutta ha iniziato la sua esistenza abbastanza umilmente, circa 2000 anni fa, molto probabilmente come fogna a cielo aperto per i palazzi e le ville che un tempo erano annidate sul Pincio. Alcuni dicono che persino il suo nome "Margutta" è un riferimento sarcastico al passato triste e umile della zona: "mar" e "gutta", un mare di gocce, eufemismo latino che si riferisce alle acque gorgoglianti che escono dai bagni ricchi e famosi della Roma antica. Ma a chi importa, oggi? Via Margutta rimane trincerata nella nostra memoria come lo sfondo simile a un dipinto agli occhi di Audrey Hepburn in quelle immagini senza tempo di Vacanze Romane.  

Simile, perché immersa in un'atmosfera bohémien, ma profondamente diversa in molti modi, è Via del Pigneto, il luogo preferito della gente alla moda della capitale, la risposta di Roma allo Shoreditch di Londra. Proprio come il cugino britannico, l'area del Pigneto un tempo era un quartiere povero, considerato pericoloso dopo il tramonto, ma la zona è poi sbocciata in un luogo accogliente, divertente e insonne. Ho detto Shoreditch, ma Vanity Fair, un paio di anni fa, ha paragonato il quartiere del Pigneto a un posto con cui molti di voi hanno sicuramente più familiarità: Brooklin.

Situata a circa 25 minuti di metropolitana dal centro cittadino, l'area ospita giovani tatuati e freelance d'Italia, molti dei quali probabilmente stanno ancora studiando nella vicina Università La Sapienza. Come ci si aspetterebbe da un'area con le credenziali di cui sopra e un'università vicina, Pigneto è piena di bar, ristoranti e caffè; il famoso ristorante Necci, fondato nel 1924 e reso famoso dal film di Pasolini nel 1961 “Accattone”, annuisce al passato popolare della zona. Inutile dire che il regista e il poeta hanno sicuramente amato la sua grinta e il suo fascino rustico, che rimane intatto oggi.

Un'ultima tappa preziosa, in questo tour romano che spero sia interessante: Via di San Giovanni in Laterano. Beh, certo, c'è qualcosa che non può mancare qui, la basilica che ha dato il nome alla strada, grandiosa e bella, ad una delle sue estremità. Proprio di fronte, quasi nascosto, si erge uno dei luoghi più sacri di Roma, la Scala Santa, che si pensa sia la scala che Gesù ha salito prima dell'incontro con Pilato. All'altro capo della strada, bilanciando l'anima cristiana di Roma, sorge il Colosseo, incarnazione dello spirito imperiale della città.

Ma la bellezza segreta di Via di San Giovanni in Laterano si trova nel sottosuolo, dove gli archeologi hanno scoperto stanze a volta risalenti a 1700 anni fa, con i loro affreschi ancora conservati. Più in profondità nella pancia della città, ci sono ancora camere di duemila anni fa, che appartengono molto probabilmente ai tempi della dinastia imperiale dei Flavi. E altro attende l'amante della storia che osa scendere più a fondo nel cuore di Roma senza paura dell'oscurità: i resti di un antico altare precristiano dedicato a Mitra, dio del sole adorato soprattutto dai soldati. Strati di storia, sotto la storia, in Via di San Giovanni in Laterano. Se solo avessimo il tempo e lo spazio ... quanto altro potremmo scoprire, imparare e amare di Roma: una storia millenaria, che continua e continua, madre di bellezza, curiosità e segreti.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

“Bifrontal Inflatable Paintings": in Milan the new artworks by the most celebrated Italian artist Franco Mazzucchelli

What does painting mean today? This question inspired the new artworks by the most celebrated living Italian artist, Franco Mazzucchelli. The artist...

Palla al centro: a history of Italy’s love affair with soccer

Usually, in Italy, you’d sense electricity in the air before the soccer World Cup begins: the country’s passion for calcio is well known, and when it...

Nola’s towering festival of lilies

For a little town just off the A16 autostrada, east of Naples, Nola has some big claims to fame. Spartacus once conquered it, Hadrian tried and the...

Naso: the roots of Lady Gaga

Born Joanne Stefani Germanotta, Lady Gaga was raised in Manhattan, but her melodramatic excess and sense of the theatrical baroque might spring from...

Finding art and hospitality in Tuscany's ancient Spedali

Even though present-day hospitals all around the world are basically centers providing medical assistance and rehabilitation of the sick, the...

Weekly in Italian

Recent Issues