Napoli, una fotografia mai sbiadita di vitalità e umanità

Napoli, vitalità e umanità, California, Cultura Italiana, Tradizione italiana

California indumenti usati. Testimonianza del passato“americano” transitato per Napoli e ritratto da De Crescenzo

 

“E chi lo sa. Chi lo sa come è Napoli veramente. Comunque io certe volte penso che anche se Napoli, quella che dico io, non esiste come città, esiste sicuramente come concetto, come aggettivo. E allora penso che Napoli è la città più Napoli che conosco e che dovunque sono andato nel mondo ho visto che c'era bisogno di un poco di Napoli”. 
 
Sono le parole di Luciano De Crescenzo tratte dal libro “Così parlò Bellavista” (edito nel 1977 da Mondadori), che esprimono tutto il sentimento e la poesia del celebre scrittore napoletano nei confronti della sua città natia. 
 Le foto in bianco e nero di De Crescenzo furono scattate nel 1979 
 
Napoli viene vista nel mondo come una cartolina, un’eterna fotografia mai sbiadita che conserva l’immagine colorata di una città viva e immortale. 
 
A Napoli, le parole possono tramutarsi in immagini e viceversa ed è il caso della mostra “Luciano De Crescenzo Fotografo” curata da Laura del Verme e Paola De Crescenzo e allestita, fino al 12 febbraio 2015, nel “Nilo Museum Shop” situato alle spalle della statua del Dio Nilo, nel centro storico di Napoli.
 
L’esposizione propone quarantasette fotografie in bianco e nero scattate da Luciano De Crescenzo nel 1979, in vendita e riprodotte in numero limitato, che raccontano: lo spirito, l’ironia e il dramma che pulsano nel sistema circolatorio di Napoli. 
 La mostra di De Crescenzo è ospitata nel Nilo Museum Shop di Napoli
 
Le immagini rappresentano la radiografia antropologica di una città impreziosita da contrasti, controsensi e abitudini millenarie che resistono alla ferocia della moderna globalizzazione; testimoniano la storia, ironizzano sulla morte, sdrammatizzano le crisi economiche, immortalano la poesia della storia ed evidenziano il mistero di una città quasi indecifrabile e ricca d’inventiva, fantasia e intelligenza. 
 
Luciano De Crescenzo dimostra, dunque, di essere un artista poliedrico che spazia, dalla scrittura, con la pubblicazione di oltre 30 libri tradotti in 19 lingue nel mondo, alla fotografia, con immagini intense e ricche di significato. 
 
Le fotografie esposte sono rigorosamente in bianco e nero e ricalcano gli evidenti contrasti di una città vissuta tra sacro e profano, rigore e flessibilità, ragione e irrazionalità, illecito e legalità. Tra le foto esposte spicca una testimonianza tangibile del passato che immortala un’antica bottega con l’insegna “California, indumenti usati jeans and casual” con a fianco un cartello che proponeva in regalo un quadretto americano ed un buono valido per il sorteggio di un televisore portatile qualora l’acquisto della merce avesse superato le vecchie 30.000 lire. 
 
La magia della mostra fotografica di De Crescenzo traduce fiumi di parole e grattacieli di libri in immagini indelebili che esprimono lo spirito, la storia e la filosofia di vita napoletana conservandone l’essenza.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Mostrare le Marche: quando l'estate è il momento giusto per scoprire l'arte

Mostrare le Marche: quando l'estate è il momento giusto per scoprire l'arte

È ricchissimo il programma culturale dell’estate 2018 promosso dalla Regione Marche anche attraverso il progetto espositivo “Mostrare le Marche” . Un...
Ad Ancona le Forme Sensibili di cinque scultori dell'arte plastica contemporanea

Ad Ancona le Forme Sensibili di cinque scultori dell'arte plastica contemporanea

Prosegue ad Ancona fino al 16 di settembre la bella mostra Forme Sensibili curata da Nunzio Giustozzi, una delle mostre da non perdere durante l'...
Il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, cuore dell’archeologia romana, celebrato 136 anni con un nuovo look

Il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, cuore dell’archeologia romana, celebrato 136 anni con un nuovo look

Il 3 agosto 1882 nella villa neoclassica appartenuta ai conti Cassis Faraone il governo austro-ungarico apriva al pubblico l’Imperial Regio Museo...
Islam a Firenze: l'arte fra la culla del Rinascimento e l'universo musulmano

Islam a Firenze: l'arte fra la culla del Rinascimento e l'universo musulmano

La giraffa che il Sultano d’Egitto Qayt Bay inviò in dono a Lorenzo il Magnifico nel 1487, e che testimoniava i buoni rapporti che intercorrevano fra...
Pittura, scultura, ceramica, oreficerie, tessuti e miniature: è il Quattrocento a Fermo

Pittura, scultura, ceramica, oreficerie, tessuti e miniature: è il Quattrocento a Fermo

Quattro nuovi capolavori in arrivo alla mostra “Il Quattrocento a Fermo. Tradizione e avanguardie da Nicola di Ulisse a Carlo Crivelli”, organizzata...

Weekly in Italian

Recent Issues