Una grande pagina di storia poco conosciuta. La battaglia di Termoli e lo sbarco del Gen. Montgomery

Una grande pagina di storia poco conosciuta. La battaglia di Termoli e lo sbarco del Gen. Montgomery

Una grande pagina di storia poco conosciuta.

La notte del 3 ottobre del 1943, sbarcò a Termoli l’VIII armata del Gen. Montgomery.

Dopo aspri combattimenti durati 4 giorni, furono ricacciati i tedeschi. Più di mille i morti tra i soldati britannici e tedeschi, 18 le vittime tra la popolazione civile. 


Teatro della “battaglia”, il territorio che va da Campomarino a Petacciato, Montenero di Bisaccia, Acquaviva, la valle del Biferno e Larino. I tedeschi nella ritirata requisivano armi, viveri e vettovaglie.

A Larino tra le altre abitazioni, veniva requisito il villino Zappone. Quartier generale dei tedeschi dove espletavano attività logistiche, impartendo e ricevendo ordini. Anche a Larino continuarono a razziare e a requisire animali, viveri, veicoli, macchine e strumenti di ogni tipo.

Mi raccontava mio padre, a tale proposito, che un ufficiale tedesco, avendo appreso da un suo sottoposto del rifiuto da parte di un inserviente di mio zio, alla consegna di un maiale, esplose un colpo di rivoltella in casa, che andò a conficcarsi nel meccanismo di un orologio a pendolo posto poco al disopra delle teste dei presenti.

Il tutto si risolse con la concessione semispontanea del desiderato suino. Gli alleati entrarono a Larino il 12 ottobre. I tedeschi, in ritirata verso Cassino. ( cfr. “La battaglia di Termoli” di A. Smargiassi).

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Quelli che hanno dato – Storia del Meridione dal 1860 a oggi

Quelli che hanno dato. Storia del Meridione dal 1860 a oggi

“Da Navelli partirono in tanti, sì che in ogni famiglia c’era almeno un emigrante. Tra i primi, nel 1871 partì Loreto Comitis, nato a Navelli ma di...
A 80 anni dalla pubblicazione del romanzo 'Aspetta primavera, Bandini', in Abruzzo si celebra John Fante

A 80 anni dalla pubblicazione del romanzo 'Aspetta primavera, Bandini', in Abruzzo si celebra John Fante

“Avanzava, scalciando la neve profonda. Era un uomo disgustato. Si chiamava Svevo Bandini e abitava in quella strada, tre isolati più avanti. Aveva...
'Il tempo non offusca la memoria sulla strage di Bologna'

'Il tempo non offusca la memoria sulla strage di Bologna'

"Sono trascorsi trentotto anni dalla tremenda Strage di Bologna, che straziò 85 vite innocenti, con indicibili sofferenze in tante famiglie, ferendo...
Camillo Benso di Cavour, 157 anni dopo una figura ‘troppo’ moderna

Camillo Benso di Cavour, 157 anni dopo una figura ‘troppo’ moderna

Il 6 giugno 1861, 157 anni fa, all’età di 51 anni, moriva Camillo Benso di Cavour . Il più grande statista dell’Unità d’Italia. Poco prima di morire...
Storia, cultura e vecchie lezioni sempre attuali da Corrado Alvaro e Nicola Moscardelli

Storia, cultura e vecchie lezioni sempre attuali da Corrado Alvaro e Nicola Moscardelli

Storia, cultura e vecchie lezioni sempre attuali. Da approfondire, perché come sosteneva Montanelli “un Paese che ignora il proprio ieri, di cui non...

Weekly in Italian

Recent Issues