Sebastiani nacque in Abruzzo ma divenne grande imprenditore calzaturiero in Canada

Sebastiani nacque in Abruzzo ma divenne grande imprenditore calzaturiero in Canada

Antonio Di Pietro, il nipote di Alfredo Domenico Sebastiani, alla guida di un furgone della “La Gioconda Shoe Manufacturing Co"

Alfredo Domenico Sebastiani (nell’atto di nascita risulta come Alfiero Domenico) nacque, il 26 aprile del 1877, nella frazione di Villanova di Cepagatti da Beniamino e Sabia Mincarelli.

Ragazzo intelligente ed intraprendente appena maggiorenne cercò lavoro al nord. Dopo una breve, ma intensa , permanenza nell’Italia settentrionale tornò in Abruzzo con un incarico di rappresentante, per la provincia di Teramo e zona di Pescara, delle macchine da cucire della “Singer Sewing”. Pur contento del suo lavoro volle cercare maggior fortuna ed emigrò.

Dopo una brevissima sosta negli Stati Uniti trovò lavoro in una fabbrica di scarpe a Montreal in Canada. Non impiegò molto a capire che quella poteva essere la sua strada. Dopo una serie iniziative di mettersi in proprio, non sempre fortunate, arrivò la “La Gioconda Shoe Manufacturing Co.”. Questa rappresentò la sua vera fortuna.

L’azienda arrivò ad avere oltre 100 dipendenti ed un notevole fatturato. Nel breve Alfredo Sebastiani divenne un uomo ricco e stimato. Nella sua fabbrica si realizzarono nuovi tipi di scarpe. Con i suoi dipendenti instaurò un rapporto quasi paterno. Sposò Alice Cerini (sorella della sua prima fidanzata morta di tubercolosi) dalla quale ebbe un’unica figlia Dorotea. Quest’ultima morì bambina.

Fu allora che Alfredo Sebastiani si rivolse a due nipoti, figli di sua sorella, Giuseppe ed Antonio Di Pietro (entrambi nati a Cepagatti) perché lo aiutassero a dare continuità alla oramai grande realtà aziendale. “La Gioconda Shoe Manufacturing Co.” si era intanto estesa aprendo altre fabbriche e negozi. Negli anni ’30 ebbe l’onore di confezionare scarpe per la Regina Vittoria d’Inghilterra. Negli anni trenta, visto l’altissimo numero di italiani che arrivavano in Canada, insieme al Console Generale Giuseppe Brigidi promosse e sostenne finanziariamente per la realizzazione di “Casa Italia”. Nel 1940, l’Italia dichiarò guerra al Canada e questo portò ad identificare molti italiani, ritenuti vicini al Fascismo, come “ stranieri nemici”.

Tra questi Alfredo Sebastiani e i due nipoti. Per Giuseppe ed Antonio Di Pietro ci fu l’internamento a “Petawawa Internment Camp”. Ad Antonio Sebastiani, aveva problemi cardiaci e si muoveva su una sedia a rotelle, dopo il fermo e l’interrogatorio vennero concessi gli arresti domiciliari. Furono sequestrati beni, documenti e la stessa “La Gioconda Shoe Manufacturing Co.” venne data in gestione ad un amministratore governativo. Finita la guerra a Sebastiani rimasero solo i ricordi di un successo straordinario.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Quelli che hanno dato – Storia del Meridione dal 1860 a oggi

Quelli che hanno dato. Storia del Meridione dal 1860 a oggi

“Da Navelli partirono in tanti, sì che in ogni famiglia c’era almeno un emigrante. Tra i primi, nel 1871 partì Loreto Comitis, nato a Navelli ma di...
A 80 anni dalla pubblicazione del romanzo 'Aspetta primavera, Bandini', in Abruzzo si celebra John Fante

A 80 anni dalla pubblicazione del romanzo 'Aspetta primavera, Bandini', in Abruzzo si celebra John Fante

“Avanzava, scalciando la neve profonda. Era un uomo disgustato. Si chiamava Svevo Bandini e abitava in quella strada, tre isolati più avanti. Aveva...
'Il tempo non offusca la memoria sulla strage di Bologna'

'Il tempo non offusca la memoria sulla strage di Bologna'

"Sono trascorsi trentotto anni dalla tremenda Strage di Bologna, che straziò 85 vite innocenti, con indicibili sofferenze in tante famiglie, ferendo...
Camillo Benso di Cavour, 157 anni dopo una figura ‘troppo’ moderna

Camillo Benso di Cavour, 157 anni dopo una figura ‘troppo’ moderna

Il 6 giugno 1861, 157 anni fa, all’età di 51 anni, moriva Camillo Benso di Cavour . Il più grande statista dell’Unità d’Italia. Poco prima di morire...
Storia, cultura e vecchie lezioni sempre attuali da Corrado Alvaro e Nicola Moscardelli

Storia, cultura e vecchie lezioni sempre attuali da Corrado Alvaro e Nicola Moscardelli

Storia, cultura e vecchie lezioni sempre attuali. Da approfondire, perché come sosteneva Montanelli “un Paese che ignora il proprio ieri, di cui non...

Weekly in Italian

Recent Issues