Land of many faces: the Crete Senesi

Once the bed of an ancient Pliocene sea, the remaining sediment now compromises the heavy clay (crete) soil of the Crete Senesi

She lies just south of Siena, this stark yet soft and wizened land. Her sensuously rolling landscape is ever-changing — breathtakingly alluring when bathed in the play of shadows and sunlight, moody and dark when clouds obscure the sky. Iconic Tuscany lives here amidst the marching regiments of solitary cypresses that traverse the curves of the land, guiding one to a farmhouse or to nowhere but the horizon. Snowy palettes of sheep break the green on undulating hillsides, their collective shapes slowly shifting as if mirroring the fluffy clouds above them. Stoic and sturdy farmhouses appear now and then, their rocky grit and longevity attesting to the spirit of those past and present who tend this land. All of this and more make for a unique part of Tuscany – the Crete Senesi. 

The Crete Senesi hosts an admirable selection of medieval hamlets and small towns, many of Etruscan origin

Once the bed of an ancient Pliocene sea, the remaining sediment now compromises the heavy clay (crete) soil of the Crete Senesi. Time immemorial and the forces of erosion combined to sculpt the landscape we see today. Harsh crags and knolls of chalky-white clay outcroppings segue into soil the color and texture of elephant skin, their appearance almost other-worldly. This harshness intertwines with cultivated landscape that seems to softly roll and flow, its serpentine green lines rising and falling as if liquid. This is the Crete and its never-ceasing panorama of beauty. 

The land here is largely cultivated despite the struggles of taming the distinctive soil. Summer rains saturate the clay causing it to expand, while the dry winters result in cracking, shifting, and resultant movement. Convincing the roots of an olive tree or grapevine to accept these conditions is challenging at best. These expected delights of Tuscany, however, are found in the region, but fewer in number that other areas such as Chianti. In fact, one of the most famous of Italian wines – Brunello di Montelcino – is proudly grown and produced in the heart of the Crete Senesi. 

Once the bed of an ancient Pliocene sea, the remaining sediment now compromises the heavy clay (crete) soil of the Crete Senesi

Although there is no season when this land is not spectacular, perhaps spring and summer stand out. Wheat, the most abundant crop of the Crete Senesi and the base of much of central Italy’s pasta supply, announces itself as winter days warm into spring. Brilliant green overtakes the rested gray earth as the land bursts into life. Stunning vistas appear: fiery red poppies scattered like rubies mingle with the early wheat, then soon give way to flowing currents of yellow mustard flower. As summer progresses and the wheat ripens, the famed girasole (sunflowers) of Tuscany burst forth, calling all attention to themselves as they follow the sun from east to west. Vying for attention, the mature wheat seems to dance to the tunes of the summer wind, fluid and alive. 

The Crete Senesi also hosts an admirable selection of medieval hamlets and small towns, many of Etruscan origin. The town of Asciano stands as the hub of the main comune, located about 12 miles south of Siena. Surrounded by the ebb and flow of green, this quiet town is home to several notable works of art, a fine collection of Etruscan items, and the historic Sant’Agata church dating to the 11th century. Asciano is also the site of the bloodiest medieval battle in Italy’s history, the Battle of Montaperti. Fought by arch rivals Siena and Florence in September of 1260, over 30,000 souls lost their lives during the course of the one day siege. The victory went to Siena and as a result, fortified walls were built. The remnants standing today almost seem to speak to those who take notice: do not forget that fateful day. 

Once the bed of an ancient Pliocene sea, the remaining sediment now compromises the heavy clay (crete) soil of the Crete Senesi

A few miles further south, the impressive Abbey of Monte Oliveto Maggiore resides atop a partially exposed gray clay outcropping. A winding path through peaceful pine forests leads to a drawbridge still standing as a sentry to this monastery. Founded in 1313 by Tolomei of Siena, Monte Oliveto is the heart of the Benedictine order of Oliveto monks, and functions as such to this day. Visitors are welcome (quiet, please) to view the impressive frescoes by Luca Signorelli and the ornate renovated Baroque church. And if something is ailing you, a stop at the gift shop offers up a bounty of herbal remedies produced by the monks in residence.

Time immemorial and the forces of erosion combined to sculpt the landscape we see today

Continuing south, a pause at the charming walled town of Buonconvento is definitely worth the time. Located where the Ombrone and Arbia rivers converge, the sleepy village has been an important waypoint for some 1000 years. With a small offering of interesting museums and churches and a good few restaurants, a peaceful half day is easily spent here. 

There are many others worth the admiration of a visitor, such as San Giovanni d’Asso, famous for truffles and a regal castle; Montalcino, host of Brunello wine and impressively steep streets that lead to stellar views; Rapolano Terme where a dip in an ancient Roman thermal bath can be had; and Monteroni d’Arbia, a soft-spoken hamlet on the Via Francigena that was once the agricultural hub of the region. 

But the beseeching mystery, the ethereal beauty, the views that defy description reside beyond the walls of any given village or town. Under a sky that seems to merge with eternity, the landscape of the Crete beckons to a place deep within. There is a quiet here, an ageless knowledge that seems to ride on the wind, comforting yet unsettling at once. Time seems in suspension, though never ceases to almost defiantly declare its passing. Each shift of cloud and shadow bring a moment by moment change to the eternal landscape; each hour of the day repaints a static canvas; each season seeks to cloak the clay with its garments of choice. Yet, there’s quiet reassurance in the continuity of land and sky and creature. And the hand of man lovingly tends to each, generation passing to generation the duty to tend this rugged beauty known as the Crete Senesi. 
 

Si trova appena a sud di Siena, questa terra brulla ma delicata e rugosa. Il suo paesaggio sensualmente ondeggiante è in continuo mutamento - incredibilmente seducente quando è immerso nel gioco di ombre e luce del sole, umido e scuro quando le nuvole oscurano il cielo.  

La Toscana iconica vive qui tra i reggimenti in marcia dei cipressi solitari che attraversano le curve della terra, dirigendone uno verso una fattoria o verso il nulla, se non verso l'orizzonte. Macchie nevose di pecore interrompono il verde sulle colline ondulate, le loro forme collettive si muovono lentamente come se si specchiassero sulle soffici nuvole sopra di loro. Di tanto in tanto appaiono fattorie imperturbabili e robuste, la loro grinta rocciosa e la loro longevità attestano lo spirito delle genti passate e presenti che si occupano di questa terra. Tutto questo e molto altro rappresentano una parte unica della Toscana: le Crete Senesi.  

Un tempo letto di un antico mare del Pliocene, il sedimento rimanente ora compromette il terreno pesante di argilla (creta) delle Crete Senesi. Tempo immemore e forze dell'erosione si combinano per scolpire il paesaggio che vediamo oggi. Rupi scoscese e collinette con affioramenti di argilla bianca gessosa seguono nel suolo il colore e la trama della pelle di un elefante, il loro aspetto è quasi ultraterreno. Questa durezza si intreccia con il paesaggio coltivato che sembra scivolare e fluire dolcemente, le sue serpentine verdi salgono e scendono come se fossero liquide. Queste sono le Crete e il loro incessante panorama di bellezza.

La terra qui è in gran parte coltivata nonostante la difficoltà di domare il terreno caratteristico. Le piogge estive saturano l'argilla provocandone l'espansione, mentre gli inverni secchi provocano screpolature, spostamenti e movimenti conseguenti. Convincere le radici di un ulivo o di una vite ad accettare queste condizioni è impegnativo nel migliore dei casi. Questi attesi piaceri della Toscana si trovano tuttavia nella zona ma in numero minore rispetto ad altre aree come il Chianti. Infatti, uno dei più famosi vini italiani - il Brunello di Montalcino - è orgogliosamente coltivato e prodotto nel cuore delle Crete Senesi.  

Sebbene non ci sia stagione in cui questa terra non sia spettacolare, forse la primavera e l'estate si distinguono. Il grano, la coltura più abbondante delle Crete Senesi e la base di molte forniture di pasta per l'Italia centrale, si annuncia quando le giornate invernali si riscaldano nella primavera. Il verde brillante supera la terra grigia che si è riposata mentre nella terra irrompe la vita. Appaiono stupefacenti panorami: papaveri rossi infuocati sparsi come rubini si confondono con il grano precoce, poi lasciano presto il posto a correnti fluenti di fiori giallo senape. Con l'avanzare dell'estate e la maturazione del grano, esplode il famoso girasole della Toscana, richiamando tutta l'attenzione su di sè mentre segue il sole da est a ovest. In cerca di attenzione, il grano maturo sembra danzare sulle note del vento estivo, fluido e vivo.

Le Crete Senesi ospitano anche una mirabile selezione di borghi medievali e cittadine, molte delle quali di origine etrusca. La città di Asciano si erge come il fulcro del comune principale, situato a circa 12 miglia a sud di Siena. Circondata dal flusso e riflusso del verde, questa tranquilla città ospita numerose opere d'arte degne di nota, una bella collezione di oggetti etruschi e la storica chiesa di Sant'Agata risalente all'11° secolo. Asciano è anche il luogo della più sanguinosa battaglia medievale nella storia d'Italia, la battaglia di Montaperti. Combattuta dalle grandi rivali di Siena e Firenze nel settembre del 1260, oltre 30.000 anime persero la vita durante l'assedio di un giorno. La vittoria andò a Siena e, come risultato, furono costruite mura fortificate. I resti in piedi oggi sembrano quasi parlare a quelli che li notano: non dimenticate quel giorno fatidico.  

Poche miglia più a sud, l'imponente Abbazia di Monte Oliveto Maggiore si trova in cima a un affioramento di argilla grigia parzialmente esposta. Un sentiero tortuoso attraverso pacifiche foreste di pini conduce a un ponte levatoio ancora in piedi come una sentinella di questo monastero. Fondato nel 1313 da Tolomei di Siena, Monte Oliveto è il cuore dell'ordine benedettino dei monaci dell'Oliveto e funziona come tale fino ad oggi. I visitatori sono i benvenuti (tranquillità, per favore) per vedere gli impressionanti affreschi di Luca Signorelli e la decorata chiesa barocca restaurata. E se qualcosa vi fa male, una sosta al negozio di souvenir offre una generosa quantità di rimedi erboristici prodotti dai monaci in sede.

Proseguendo verso sud, una pausa nell'incantevole città murata di Buonconvento vale sicuramente la pena. Situato dove convergono i fiumi Ombrone e Arbia, il villaggio assonnato è stato un importante punto di passaggio per circa 1000 anni. Con una piccola offerta di musei e chiese interessanti e un buon numero di ristoranti, una tranquilla mezza giornata lì si trascorre facilmente.  

Ci sono molti altri paesi che valgono l'ammirazione di un visitatore, come: San Giovanni d'Asso famosa per i tartufi e un castello regale; Montalcino, casa del vino Brunello e con strade incredibilmente ripide che portano a vedute stellari; Rapolano Terme dove si può fare un tuffo nelle antiche terme romane; e Monteroni d'Arbia, un piccolo borgo sulla via Francigena che un tempo era il centro agricolo della regione.

Ma il mistero implorante, la bellezza eterea, le visioni che sfidano ogni descrizione risiedono al di là delle mura di un dato villaggio o di una città. Sotto un cielo che sembra fondersi con l'eternità, il paesaggio della Creta invita a un luogo nel profondo. Qui c'è quiete, una conoscenza senza età che sembra cavalcare nel vento, confortante e al tempo stesso inquietante. Il tempo sembra sospeso, anche se non smette quasi di dichiarare provocatoriamente che sta passando.  

Ogni spostamento di nuvole e ombre porta a un cambiamento, momento dopo momento, verso un paesaggio eterno; ogni ora del giorno ridisegna una tela statica; ogni stagione cerca di nascondere l'argilla con i suoi indumenti di scelta. Tuttavia, c'è una tranquilla rassicurazione nella continuità di terra, cielo e creazione. E la mano dell'uomo si tende amorosamente verso essi, con ogni generazione che passa alla successiva il dovere di curare questa aspra bellezza conosciuta come le Crete Senesi.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The legendary history of l’Isola Tiberina, the heart of Rome

Water: the locus where the world of the seen and the unseen meet, the origin of life, the strongest of protection against enemies, the most melodious...

Ferragosto, the traditional Italian mid-summer feast

The exodus begins in early August. Factories in the Tiburtina Valley grind to a halt. Executives abandon EUR’s corporate offices. Shops on Via del...

Occhio malocchio: Italy and the old tradition of the evil eye

“Ciao, what are you up to?” Flavia says while looking at me and checking if I have any white hair, if my dress is this season’s or a couple of years...

Ape: working hard since 1948

When Ape was born, Vespa was only two years old and had already found a place in the heart of Italians, who had been getting back on their feet after...

The Bells of Agnone: Marinelli’s family handcrafting papal bells since 1339

There is a special sound that speaks of Italy, the same for thousands of years, a sound that becomes one with the country’s landscape, dotted with...

Weekly in Italian

Recent Issues