La Vucciria, mirror to Palermo’s soul

Photography is an incredible versatile form of visual expression, yet there are instances when only painters, with their brushes, charcoals and colors, can truly capture the essence of a place or the soul of a person. There is something so incredibly intimate in the process of hand-moulding reality on canvas with hues, shade and light, spiritual and carnal all at once. Sometimes, it happens because of the emotions and secret feelings the artist harbors for his or her subject, sometimes because of a creative process at once reflective and frenzied, rational and incomprehensible. Other times, though, the subject does it all by itself, leading the mind and the hand of the artist, because its energy and soul are so powerful it couldn’t happen in any other way.  

Vucciria lies in the old Quartiere della Loggia, today part of the Tribunali-Castellammare area

Renato Guttuso’s Vucciria, masterpiece of Italian Neorealism, is one of these paintings: the vividness of its colors, the seemingly haphazard composition - which nevertheless holds within a crystalline harmony - the full, luscious volumes of each figure are so perfectly and quintessentially representative of Palermo and her markets one could almost imagine the city itself told Guttuso how to portray her. Yes, because la Vucciria, Palermo’s most popular market, really is a piece the city’s soul, home to all of her idiosyncrasies: there are colors, scents, music, voices and cheerfulness, but also confusion, stench, filth. Somehow though, and I say it because I experienced it with my own heart and eyes when I was there, one wouldn’t change a single thing. La Vucciria is Palermo, and it is beautiful.  

Vucciria became known for more than its meats, in fact, fish soon got to be its main trade, as the market bordered with the old port of la Cala

Visitors, I am sure, tend to get mesmerized by La Vucciria, just as it had happened to me the first time I went, its heady combination of of people, spices, colorful fruit and vegetables, fresh fish, meat making them believe to stroll in a parallel world. Yet, not many know the market has also a very interesting history, that goes hand in hand with that of Sicily itself, and that today it has also become the go-to place for foodies and night life lovers.  

Indeed, la Vucciria, which lies in the old Quartiere della Loggia, today part of the Tribunali-Castellammare area, roots its origins in the Middle Ages and gets its name from the French word boucherie, which can both mean butcher store or slaughter house: it was, at least originally, known especially as a meat market. “Bocciria,” it was called then, and it didn’t take long before merchants from all over the South of Europe, Genoa, Pisa, Lucca, Catalunia, Venice, set their “logge” at its very heart; already then,  one could find everything at la Vucciria, including rare and precious goods. And already then, like today, this was a place of sounds as much as it was of scents and light, so much so its name turned to be synonym, in Palermo, with racket and noise.

Vucciria's roots its origins in the Middle Ages and gets its name from the French word boucherie

With time, so, la Vucciria became known for more than its meats, in fact, fish soon got to be its main trade, as the market bordered with the old port of la Cala. An old Palermitan expression wanted the impossible being like “when the ground at la Vucciria is dry,” unachievable feature because of the habit to constantly spray fish with water to keep it fresh. But la Vucciria was more than a market: along its streets one could find plenty of specialized shops, their presence witnessed today by the very names of many vie, like via dell’Argenteria Nuova and via dell’Argenteria Vecchia, once home to goldsmiths or via dei Maccheronai, where women would prepare and sell fresh pasta. And then, there was via dei Tintori, via dei Calzolai, via dei Coltellieri.  

In this sense, la Vucciria without a doubt still bears the history of Palermo on its sleeve, yet it has changed profoundly. Of Guttuso’s painting, visitors only find hints here and there, sufficient however to make of it an incredibly lively and fascinating spot. Changes are not always negative, though, and modern la Vucciria has plenty of positive features; it has become a symbol of Palermo’s essence and lifestyle and, even more importantly, of its incredible street food, of the tastes and products typical of the city’s tradition and, more at large, of those of the island as a whole. It is a place of inebriating flavors and scents, that becomes lively also in the evenings, when people from all social backgrounds and cultures gather in its alleys and streets to socialize, eat and drink. It has changed, yes. But there’s still plenty to enjoy.  

Very recently, La Vucciria turned international, with the creation of an itinerant concept store that opened in Palermo first and has just landed in New York, where it will soon open, then to move in a few months to London, then China and Japan. La Vucciria store is the brainchild of Antonio di Dio, Diana de Concini and of Mario Stancampiano and his team. In it, visitors will find all that is “Sicily,” from olive oil and Modica chocolate, all the way to jewellery and pottery, a true treasure chest of all that the island can offer. The accent is, of course, placed on the idea of tradition, culture and authenticity, an accent that wants to portray Sicily and its products at their best and most genuine.  

Visiting La Vucciria concept store will never be the same as visiting the real thing in Palermo, and then again, the real thing is no longer, perhaps, the same as what Guttuso so aptly and beautifully depicted in 1974. Yet, the soul of the city lingers, at la Vucciria, and we visitors can still catch beautiful glimpses of it, reason enough to visit and to take in all that remains of the old market, as well as embracing the new that this corner of Palermo has to offer.

La fotografia è un'incredibile, versatile, forma di espressione visiva, tuttavia ci sono casi in cui solo i pittori, con i loro pennelli, carboncini e colori, possono veramente catturare l'essenza di un luogo o l'anima di una persona. C'è qualcosa di così incredibilmente intimo nel processo di plasmare a mano la realtà sulla tela con sfumature di colore, ombra e luce, che è spirituale e carnale allo stesso tempo. A volte, accade per le emozioni e i sentimenti segreti che l'artista nutre per il suo soggetto, a volte per un processo creativo allo stesso tempo riflessivo e frenetico, razionale e incomprensibile. Altre volte, invece, il soggetto fa tutto da solo, guidando la mente e la mano dell'artista, perché la sua energia e la sua anima sono così potenti che non potrebbe accadere in nessun altro modo.

La Vucciria di Renato Guttuso, capolavoro del neorealismo italiano, è uno di questi dipinti: la vivacità dei suoi colori, la composizione apparentemente disordinata - che tuttavia contiene un'armonia cristallina - i volumi pieni e seducenti di ogni figura sono così perfettamente e per antonomasia rappresentativi di Palermo e dei suoi mercati, che si potrebbe quasi immaginare che la città stessa abbia detto a Guttuso come ritrarla. Sì, perché la Vucciria, il mercato più popolare di Palermo, è davvero un pezzo dell'anima della città, sede di tutte le sue idiosincrasie: ci sono colori, profumi, musica, voci e allegria, ma anche confusione, puzza, sporcizia. In qualche modo però, e lo dico perché l'ho vissuto con il mio cuore e gli occhi quando ero lì, uno non cambierebbe una virgola. La Vucciria è Palermo, ed è bellissima.

I visitatori, sono sicura, tendono ad essere ipnotizzati dalla Vucciria, proprio come mi è successo la prima volta che ci sono andata, la sua inebriante combinazione di persone, spezie, frutta e verdura colorata, pesce fresco, carne, che fa credere di passeggiare in un mondo parallelo. Eppure, non molti sanno che il mercato ha anche una storia molto interessante, che va di pari passo con quella della Sicilia, e che oggi è diventato anche punto di riferimento per i buongustai e gli amanti della vita notturna.  

Infatti, la Vucciria, che si trova nell'antico Quartiere della Loggia, oggi parte dell'area Tribunali-Castellammare, affonda le sue origini nel Medioevo e prende il nome dalla parola francese boucherie, che può significare macelleria o macello: era, almeno in origine, conosciuto soprattutto come mercato della carne. "Bocciria" si chiamava allora, e non ci volle molto prima che i mercanti da tutta Europa, Genova, Pisa, Lucca, Catalogna, Venezia, stabilissero le loro "logge" nel suo cuore; già allora, si poteva trovare tutto alla Vucciria, compresi beni rari e preziosi. E già allora, come oggi, questo era un luogo di suoni tanto quanto di profumi e luci, tanto che il suo nome divenne sinonimo, a Palermo, di baccano e rumore.

Con il tempo, così, La Vucciria divenne famosa per molto più delle sue carni, infatti, il pesce divenne presto il suo commercio principale, visto che il mercato confinava con il vecchio porto di La Cala. Una vecchia espressione palermitana voleva che l'impossibile fosse come "quando il pavimento della Vucciria s'asciugherà", caratteristica irraggiungibile a causa dell'abitudine di spruzzare costantemente il pesce con l'acqua per mantenerlo fresco.  

Ma la Vucciria era più di un mercato: lungo le sue strade si potevano trovare molti negozi specializzati, la cui presenza è testimoniata ancora oggi dai nomi di molte vie, come via dell'Argenteria Nuova e via dell'Argenteria Vecchia, un tempo dimora di orafi, o via dei Maccheronai dove le donne preparavano e vendevano pasta fresca. E poi, via dei Tintori, via dei Calzolai, via dei Coltellieri.

In questo senso, la Vucciria riassume senza dubbio la storia di Palermo, sebbene sia profondamente cambiata. Della pittura di Guttuso, i visitatori trovano solo spunti qua e là, sufficienti comunque a renderlo un luogo incredibilmente vivace e affascinante. I cambiamenti non sono sempre negativi, comunque, e la moderna La Vucciria ha molte caratteristiche positive; è diventata un simbolo dell'essenza e dello stile di vita di Palermo e, cosa ancora più importante, del suo incredibile street food, dei gusti e dei prodotti tipici della tradizione cittadina e, più in generale, di quelli dell'isola nel suo complesso. È un luogo di sapori e profumi inebrianti, che diventa vivace anche di sera, quando persone di ogni estrazione sociale e cultura si riuniscono nei suoi vicoli e strade per socializzare, mangiare e bere. È cambiato, sì. Ma c'è ancora molto da godere.

Di recente, La Vucciria è diventata internazionale, con la creazione di un concept store itinerante che è stato inaugurato a Palermo ed è appena sbarcato a New York, dove aprirà presto, per poi trasferirsi nel giro di pochi mesi a Londra, poi in Cina e in Giappone. Il negozio La Vucciria nasce da un'idea di Antonio di Dio, Diana de Concini e di Mario Stancampiano e della sua squadra. In esso, i visitatori troveranno tutto ciò che è "Sicilia", dall'olio d'oliva e dal cioccolato Modica, fino ai gioielli e alle ceramiche, un vero scrigno di tutto ciò che l'isola può offrire. L'accento, naturalmente, è posto sull'idea di tradizione, cultura e autenticità, un accento che vuole ritrarre la Sicilia e i suoi prodotti più genuini al meglio.

Visitare il concept store La Vucciria non sarà come visitare quella vera a Palermo, e poi di nuovo, quella vera e reale non è più, forse, quella che Guttuso descrisse in modo così appropriato e bello nel 1974. Eppure, l'anima della città indugia, alla Vucciria, e noi visitatori possiamo ancora intravedere scorci bellissimi, motivo sufficiente per visitare e cogliere tutto ciò che rimane del vecchio mercato, oltre ad abbracciare il nuovo che questo angolo di Palermo ha da offrire.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Arancini, arancine and supplì: what’s behind a fried ball of rice?

When you travel around Italy you will quickly notice that, in every single region, there are culinary traditions locals are not only proud of, but...

Pizza Pascalina, a slice of health

Pizza is the ultimate comfort food: it’s filling, it’s versatile, it’s perfect for sharing but also great to have on your own. A night on front of...

A new generation of Italians

The new generation of Italians coming to the US is a welcomed repeat performance, one that has been ongoing for over 100 years. Italian immigrants...

Italian fashion never goes out of style

Gucci, Valentino, Armani, Dolce & Gabbana, and Trussardi – we all know the names and are familiar with the image of these fashion powerhouses,...

The legendary history of l’Isola Tiberina, the heart of Rome

Water: the locus where the world of the seen and the unseen meet, the origin of life, the strongest of protection against enemies, the most melodious...

Weekly in Italian

Recent Issues