2018 food trends put Italian taste in the spotlight

One of the culinary classes at the Winter Fancy Food Show ph: Angela De Cenzo

The Extraordinary Italian Taste made its way to San Francisco kicking off a year that sees - once again - Italy as one of the leading countries in the food industry. 

The winter edition of the Fancy Food Show came back to the West Coast and became an opportunity for companies from almost all regions of Italy to both launch their new products and showcase well-known ones to distributors and retailers amid culinary workshops, cooking sessions, and much more.

In the middle, Italian Consul General Lorenzo Ortona, Italian Trade Agency US Director Maurizio Forte, and President of Specialy Food Assocation Phil Kafarakis at the opening of the Winter

The Italian Trade Agency in New York invited to the show fifteen buyers and importers from the East Coast and the Midwest, in order to increase the opportunities for companies present at the Italian pavilion. By hosting more than fifty companies and being one of the biggest in the whole show, the Italian Pavilion proved the relevance of the US market for Italian exporters. 2017 ended with a big plus on the exports of Italian products abroad (+4%) with the US representing today the third destination country, after Germany and France. Italian food and drinks have a big hit in North America, as shown by the 1.6% increase in the first half of 2017 and a 3.9% increase in 2016, compared with 2015. Olive oil (+3%), pasta (+2,4%), cheeses (-0,2%), and water (+12.2%) are still the best-selling items, whereas sauces and other condiments are becoming more popular, with a double digit growth in the last few years.

Distributors and retailers discovering trending products for 2018 ph: Angela De Cenzo

Phil Kafarakis, President of the Specialty Food Association, honored Italy during a special reception for Italian companies’ representatives at the St Francis Westin Hotel. Mr Kafarakis underlined how Italians’ strong passion and love for food has always made the difference in the industry.  “We are pleased to have Italy as our main partner for the Winter Fancy Food Show,” Mr Kafarakis added. “American consumers today are looking for authentic foods with taste and exceptional quality. These features are highlighted by Italian companies that are presenting products from all their regions.”

The Italian government is now, more than ever, committed to protect authenticity of products and the tradition built by Italian producers, and the show became an important opportunity to remind everybody that these efforts are still in place.”It is important for Italian companies to be here because not only can they showcase what they produce, but they can also learn and understand what’s new in the world of food,” Italian Consul General Lorenzo Ortona said. The biggest challenge for this coming year is to keep up with the amazing numbers of 2017: “There is still a large space for Italian brands to succeed because more and more Americans are now aware of the quality of food, the sustainability of agriculture, and the origins of products”, Consul General added. “One of our goals is to find ways to distribute these products also in new markets.” 

The Italian Pavilion Motto for 2018 Winter Fancy Show was The Extraordinary Italian Taste. Ph Angela De Cenzo

When asked about the importance of the connections between California and Italy, the Consul underlined that “Today, Italians are discovering the potential of the West Coast, and are opened to research new products. We are in California where the quality of food is great, so is the understanding of Italian food. Nevertheless, more Italians want now to learn what’s new here and what to learn from it, while they keep fighting against Italian-sounding foods that are not Italian, but they are still considered as such.”

The Italian food industry this year will follow three keywords: sustainability, distribution, and innovation. And talking about the importance of being innovative in the industry, the Urbani family - one of most known companies in the truffle business - also joined the show. Instead of setting up a booth, the company decided to organize a gathering for distributors and buyers at the Yacht Club in San Francisco and directly share what’s coming next.

Since its foundation in 1850 when Carlo first launched the business, the Urbani name has maintained its reputation of pre-eminence, and continues to represent the Italian quality in truffle sourcing and processing. We talked to Sabrina Notarnicola who is VP of Marketing at Urbani Truffles and Truffle Lab in New York City. “2018 will bring a lot of educational programs. It’s not only about truffle anymore, we also see lots of interest in other foods. Caviar and organic foods are big now and we need to keep up with that.” Regarding the food scene, she underlined how “all the young chefs are now moving to San Francisco and the Bay Area in general. The East Coast is saturated, whereas the West Coast seems to be the place where to run new food businesses.”

As the world’s largest truffle distributor, the Urbanis controls seventy percent of the world’s truffle trade, including 700 different products like oils and sauces. Ninety percent of white truffles are sold to the fresh market and only ten percent are used in preserved products. Yet, the white truffle festival originated in Alba, Piedmont, never thought of doing anything similar in the US. That’s why Urbani decided to get the lead for the white truffle in America and is now partnering with chefs in the country. Through any sort of educational program and seminar, they try to give people an experience that includes this special item.

Today, the Group is led by Paolo and Bruno Urbani, direct descendant brothers of the Urbani founders. “As young businessmen - Mrs Notarnicola continued - they decided to start the so-called inoculation of the truffle trees. They basically produce truffles that everybody can plant in their garden. It depends on the soil of course, yet - in five years from now - 90% of those plants will give us truffles. That means that chefs who love using products from their gardens or rooftops can now bring truffles from farm straight to their table. Right now, we have worked on thousands of plants and we’ll have to wait to see them fully grown. But one of the best parts of this project is that, while we wait for the truffle to come, we can get mushrooms. This means that nothing goes wasted, not in the land, nor in the fridge or in the kitchen.”
 

Extraordinary Italian Taste è arrivato a San Francisco dando il via ad un anno che vede - ancora una volta - l'Italia come uno dei Paesi leader nel settore alimentare. L'edizione invernale del Fancy Food Show è tornata sulla costa occidentale ed è diventata un'opportunità per le aziende di quasi tutte le regioni d'Italia sia di lanciare i loro nuovi prodotti che di mostrare quelli ben noti a distributori e rivenditori, tra laboratori culinari, sessioni di cucina e molto altro.  

L'Agenzia Italiana del Commercio di New York ha invitato alla mostra quindici buyer e importatori della costa orientale e del Midwest, per aumentare le opportunità per le aziende presenti nel padiglione italiano.  

Ospitando più di cinquanta aziende e diventando uno dei più grandi dell'intera manifestazione, il padiglione italiano ha dimostrato la rilevanza del mercato statunitense per gli esportatori italiani. Il 2017 si è chiuso con un grande vantaggio sulle esportazioni di prodotti italiani all'estero (+4%) con gli Stati Uniti che rappresentano oggi il terzo Paese di destinazione, dopo Germania e Francia. Il cibo e le bevande italiane hanno un grande successo in Nord America, come dimostra l'aumento dell'1,6% nella prima metà del 2017 e un aumento del 3,9% nel 2016, rispetto al 2015. Olio d'oliva (+ 3%), pasta (+2, 4%), formaggi (-0,2%) e acqua (+ 12,2%) sono ancora gli articoli più venduti, mentre salse e altri condimenti stanno diventando più popolari, con una crescita a due cifre negli ultimi anni.

Phil Kafarakis, presidente della Specialty Food Association, ha onorato l'Italia durante un ricevimento speciale per i rappresentanti delle aziende italiane presso il St Francis Westin Hotel. Kafarakis ha sottolineato come la forte passione degli italiani e l'amore per il cibo abbiano sempre fatto la differenza nel settore. "Siamo lieti di avere l'Italia come nostro principale partner per il Winter Fancy Food Show", ha aggiunto Kafarakis. "I consumatori americani oggi cercano alimenti autentici con gusto e qualità eccezionale. Queste caratteristiche sono esaltate dalle aziende italiane che presentano prodotti provenienti da tutte le loro regioni".  

Il governo italiano è ora più che mai impegnato a proteggere l'autenticità dei prodotti e la tradizione costruita dai produttori italiani e la fiera è diventata un'occasione importante per ricordare a tutti che questi sforzi sono ancora in atto. "È importante per le aziende italiane essere qui perché non solo possono mostrare ciò che producono, ma possono anche conoscere e capire quali sono le novità nel mondo del cibo", ha detto il Console Generale d'Italia Lorenzo Ortona: la sfida più grande per il prossimo anno è tenere il passo con i numeri fantastici del 2017: "C'è ancora un ampio margine per il successo dei marchi italiani perché sempre più americani sono ora consapevoli della qualità del cibo, della sostenibilità dell'agricoltura e delle origini dei prodotti", ha aggiunto il Console Generale. "Uno dei nostri obiettivi è trovare vie per distribuire questi prodotti anche a nuovi mercati ".

Alla domanda sull'importanza delle connessioni tra California e Italia, il Console ha sottolineato che "Oggi gli italiani stanno scoprendo il potenziale della West Coast e sono aperti alla ricerca di nuovi prodotti. Siamo in California, dove la qualità del cibo è ottima, così come la comprensione del cibo italiano. Tuttavia, più italiani vogliono ora imparare cosa c'è di nuovo qui e cosa c’è da imparare, mentre continuano a combattere contro cibi Italian-sounding che non sono italiani, ma che sono ancora considerati tali".

L'industria alimentare italiana quest'anno seguirà tre parole chiave: sostenibilità, distribuzione e innovazione. E parlando dell'importanza di essere innovativi nel settore, anche la famiglia Urbani - una delle aziende più note nel settore del tartufo – ha partecipato alla fiera. Invece di allestire uno stand, la società ha deciso di organizzare un raduno per distributori e acquirenti allo Yacht Club di San Francisco e condividere direttamente ciò che verrà.  

Fin dalla sua fondazione nel 1850, quando Carlo avviò l'azienda, il nome Urbani ha mantenuto la sua preminente reputazione e continua a rappresentare la qualità italiana nell'acquisizione e nella lavorazione del tartufo. Abbiamo parlato con Sabrina Notarnicola, vicepresidente marketing di Urbani Truffles e di Truffle Lab di New York. "Il 2018 porterà molti programmi educativi. Non si tratta più solo di tartufo, vediamo anche molto interesse per altri alimenti. Il caviale e gli alimenti biologici adesso sono un successo e dobbiamo continuare a sostenerli”. Per quanto riguarda il mondo del cibo, ha sottolineato come "tutti i giovani chef si stanno trasferendo a San Francisco e nella Bay Area in generale. La costa orientale è satura, mentre la costa occidentale sembra essere il posto dove dirigere nuove imprese alimentari".

In qualità di distributore di tartufi più grande al mondo, la Urbani controlla il settanta per cento del commercio mondiale di tartufi, oltre a 700 prodotti diversi come oli e salse. Il novanta percento del tartufo bianco viene venduto sul mercato fresco e solo il dieci percento viene utilizzato in prodotti conservati. Eppure, il festival del tartufo bianco nato ad Alba, in Piemonte, non ha mai pensato di fare qualcosa di simile negli Stati Uniti. Ecco perché Urbani ha deciso di ottenere la leadership del tartufo bianco in America e ora collabora con gli chef del Paese. Attraverso qualsiasi tipo di programma educativo e di seminari, cercano di offrire alle persone un'esperienza che includa questo prodotto speciale.  

Oggi il gruppo è guidato da Paolo e Bruno Urbani, fratelli e diretti discendenti dei fondatori di Urbani. "Come giovani imprenditori - continua la signora Notarnicola - hanno deciso di iniziare la cosiddetta inoculazione degli alberi del tartufo. Fondamentalmente producono tartufi che tutti possono piantare nel loro giardino. Dipende naturalmente dal terreno, tuttavia – nel giro di cinque anni - il 90% di quelle piante ci darà il tartufo. Ciò significa che gli chef che amano utilizzare i prodotti dei loro giardini o tetti, ora potranno portare i tartufi dalla fattoria direttamente sulle loro tavole. In questo momento, abbiamo lavorato su migliaia di piante e dobbiamo aspettare di vederle completamente cresciute. Ma una delle parti migliori di questo progetto è che, mentre aspettiamo che arrivi il tartufo, possiamo raccogliere i funghi. Ciò significa che nulla va sprecato, né nella terra, né nel frigorifero o in cucina".

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Ferragosto, the traditional Italian mid-summer feast

The exodus begins in early August. Factories in the Tiburtina Valley grind to a halt. Executives abandon EUR’s corporate offices. Shops on Via del...

Italy’s own salotto: la piazza

For Italians, the piazza or square, is not just the architectural space that characterizes cities and villages, but an open air, urban living room...

The coolest summer: why Italian gelato doesn’t feel the heat of a slower economy

The late July heatwave has been making sun, sea and sand lovers happy this year, with temperatures well into the high 80s and a gentle breeze...

Occhio malocchio: Italy and the old tradition of the evil eye

“Ciao, what are you up to?” Flavia says while looking at me and checking if I have any white hair, if my dress is this season’s or a couple of years...

Ape: working hard since 1948

When Ape was born, Vespa was only two years old and had already found a place in the heart of Italians, who had been getting back on their feet after...

Weekly in Italian

Recent Issues