Gina Lollobrigida honored with a star on the Walk of Fame

Gina Lollobrigida as she receives star on Hollywood Walk Of Fame. Ph Credit: Stefania Rosini

Gina Lollobrigida came to Los Angeles to attend the ceremony for the naming after her of a star on the famous Walk of Fame, a tribute  Hollywood chose to dedicate to one of the greatest Italian divas of cinema. And it is precisely on this occasion that the Italian actress,  cinema icon in the 50s and 60s, was also awarded by the Italian community of Los Angeles with the IIC  Los Angeles Creativity Award, promoted by Tiziana Rocca’s Agnus Dei and in collaboration with the Italian Cultural Institute. 

90 years celebrated last July, Gina Lollobrigida’s star is the 2.628th and the 14th dedicated to an Italian. In America, Lollobrigida became an icon thanks to  her debut film, Beat the Devil by John Huston (1953). With an extraordinary filmography that includes over 60 internationally acclaimed titles, she won numerous awards during her long career, including a Golden Globe for the movie Come September, seven David di Donatello and two Silver Ribbons. Famous is also her role in the movie Bread, Love and Dreams  by Luigi Comencini.

L to R: Filming On Italy Director Tiziana Rocca, IIC Los Angeles Director Valeria Rumori, Gina Lollobrigida and Consul General Antonio Verde. Ph Credit: Stefania Rosini

We met her in Westwood just before the award ceremony, where she arrived, beautiful as always, dressed in red.  

Gina, today you received an incredible welcome. How is it to be back in Hollywood? 

It was very emotional. How many years have come by? I didn’t make the maths but since 1954... it’s been a while.

Gina Lollobrigida unveiled her star on Hollywood's Walk of Fame. Ph Credit: Stefania Rosini

How do you like to be defined?

Oh my God, I would say an artist. So I won’t have to say photographer, sculptor, designer, and actress as well. I didn’t have time to do everything, so I chose the most important ones. I chose cinema because it gives you immediate popularity, from one day to another.The others, like photography and sculpture, are more difficult to pursue.

Film Critic Claudio Masenza and Filming On Italy Director Tiziana Rocca with Gina Lollobrigida. Ph Credit: Stefania Rosini

Is there something that you’d have liked to do that you haven’t? 

Singing. I had a beautiful voice and then I lost it along the way,  as you must keep singing to keep your voice.

Il Console Antonio Verde con Gina Lollobrigida. Ph Credit: Stefania Rosini

It’s  time for women to have their own voice, not only regarding the harassment movement. What do you think about it?

It was about time. Making progress for women is difficult, men take so much space, we must have equality, but I don’t know when we will get there.

Is it something going to change, now,  thanks to the anti harassment movement?

I don’t know, I think there are other important issues to be addressed first. 

What do you recall of your Hollywood movie Come September?

I remember Rock Hudson, he was such a sweet person, an incredible actor. The movie was fun, a very nice comedy. I made other two movies with him. 

You’d like to write a book now, right?

I am planning to write five actually, but I am not sure I will be given the time I need! 

Everybody was in love with you. Has ever a man turned you down?

A man who turned me down? I have no memory of that! 

In addition to Gina Lollobrigida and to the event dedicated to Monica Bellucci, for three days the Filming on Italy festival brought to the Italian Cultural Institute of Los Angeles many guests such as Rosario Dawson, Abrima Erwiah, Lola Karimova, Paz Vega, Vincent Spano and Danny Huston.

The festival also presented the American premieres of On the Milky Road by Emir Kusturica and Smetto Quando Voglio - Ad Honorem, by Sydney Sibilia. Filming On Italy is also a festival promoting Italy as a film set, and as a bridge between Italian and American culture.

We spoke with the director of Agnus Dei, Tiziana Rocca, about this third edition of the festival. At her side during the event, its artistic director, Claudio Masenza. “This year is dedicated to women, Monica Bellucci has been a friend of mine for years and Gina Lollobrigida is an international diva. It was very hard to bring her to Los Angeles for this occasion because, as she says,  she’s three times thirty.Today a fan called the Walk of Fame saying that he would pay any money to take a selfie with her and the Academy called me to let me know this.”

 Social issues are a topic Tiziana Rocca particularly cares about and that she has always promoted through all her events. For this reason Filming On Italy had Lola Karimova,  ambassador of Uzbekistan to UNESCO, presenting The Droplet, an important project that highlights the urgency of global warming,  and the issues of lack and conservation of water. Lola Karimova will be awarded  the Social and Justice Filming On Italy Award, along with actress Rosario Dawson and fashion expert Abrima Erwiah.

Indeed, Tiziana Rocca also supports Studio 189, a social enterprise created in 2011 by Rosario Dawson with Abrima Erwiah, who uses fashion as an agent of social change, creating work and empowerment opportunities for women. In addition to an e-commerce website, Studio 189 created a fashion collection called Fashion Rising Collection, curated by Dawson and launched in 2013 in support of the One Billion Rising, the largest mass action to end violence against women. Inspired by these ideals, the Fashion Rising Collection represents the unique collaboration among artists, designers and craftsmen to fight violence against women using the creation of a more sustainable fashion.

The director of the Italian Cultural Institute Valeria Rumori also supported the event. “Los Angeles is iconic for cinema, a field that we as an Institute promote along with art, architecture and literature. Filming on Italy is one of the new initiatives promoting Italy as a film set, as well as its beautiful territory. Italy is always well received as a tourist destination, it’s a growing target”.

Also at the event, Italian Consul in Los Angeles Antonio Verde, who recalled with us his first meeting with Gina Lollobrigida: “I met her in the 90s when I was in Moscow. I met her and Alberto Sordi for a festival, we chatted about what the world of cinema meant at the time, about the image of Italy in Russia, which was extremely positive. It was nice to see her again after almost twenty years,in a celebratory moment for her long career. She is an iconic force that represents positive values. Her recognition is a recognition to Italy in general, to Italians in Italy and Italians abroad, for the vitality of our cinema  and for Italy’s ability to represent a positive model that is not just about beauty, but also about skills and talent, as in the case of Lollobrigida and Bellucci. 

Gina Lollobrigida, a beautiful woman, is a complete artist who ventured not only in acting with great results, but also in sculpture, photography and journalism. Bellucci started as a model, who then made an important leap in the movie industry,demonstrating a versatility that goes far beyond her mere beauty. And all this is almost a metaphor of Italy which is a beautiful country that can also offer quality and content.”

 

Gina Lollobrigida è arrivata a Los Angeles per assistere alla posa della stella che porterà il suo nome sulla celebre Walk of Fame, un tributo che Hollywood ha deciso di dedicare a una delle più grandi dive del cinema italiano. Ed è proprio in questa occasione che l’attrice italiana icona del cinema degli anni ’50 e ’60, è stata anche premiata dalla comunità italiana di Los Angeles   con il premio IIC Los Angeles Creativity Award, voluto dall’Agnus Dei di Tiziana Rocca e in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura. 

90 anni compiuti lo scorso luglio, quella di Gina Lollobrigida è la stella numero 2.628 e la 14esima a portare il nome di un italiano. In America la Lollobrigida è diventata un’icona dopo il suo film d’esordio, “Il tesoro dell’Africa” di John Huston (1953). Con una straordinaria filmografia che conta oltre 60 titoli con i più grandi del cinema internazionale, durante la sua lunga carriera ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui un Golden Globe per il film Torna a settembre, sette David di Donatello e due Nastri d’argento. Celebre la sua interpretazione nel film “Pane amore e fantasia” di Luigi Comencini

Noi dell’Italoamericano l’abbiamo incontrata poco prima della cerimonia di premiazione dove Gina Lollobrigida è arrivata senza tradire il suo stile, elegantemente vestita in rosso. 

Gina, oggi hai ricevuto un’accoglienza spettacolare. Come è stato tornare a Hollywood?

Mi sono commossa. Quanti anni sono passati! Non li ho contati ma dal 54 ne è passato tempo. 

Come le piace essere definita? 

Oddio, artista direi. Senza dover aggiungere fotografa, scultrice, disegnatrice, attrice anche. Non avevo tempo di fare tutto quindi ho scelto le più importanti. Il cinema perché è più immediata la popolarità che ti può dare da un giorno a un altro. E le altre sono più difficili da perseguire, la fotografia e la scultura. 

Cosa avrebbe voluto fare che non ha fatto? 

La cantante. Avevo una bella voce e poi l’ho perduta per strada perché bisogna continuare a cantare per conservare la voce. 

È tempo per le donne di fare sentire la propria voce, non solo per le molestie. Cosa ne pensa? 

Doveva succedere già da tempo. Fare dei passi avanti per la donna è difficile, questi uomini prendono troppo posto, dobbiamo avere parità ma non so quando ci arriveremo. 

Cambierà qualcosa adesso dopo questo movimento?

Non lo so, ci sono altri problemi molto più grandi che vanno risolti prima. 

Che ricordi ha dei suoi film girati in Italia ma Hollywoodiano come Torna a Settembre

Ricordo Rock Hudson, che era una persona squisita, un’attore formidabile. Il film era allegro, una commedia molto carina. Ho fatto due film con lui. 

Vorrebbe scrivere anche un libro adesso, è vero?

In programma ne ho cinque ma non so se mi daranno il tempo per scriverli!

Tutti si innamoravano di lei. C’è un uomo che le ha mai detto di no?

Uomo che ha detto di no a me? Non me lo ricordo! 

Oltre a Gina Lollobrigida e alla giornata dedicata a Monica Bellucci, il festival Filming on Italy per tre giorni ha portato all’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles moltissimi ospiti come Rosario Dawson, Abrima Erwiah, Lola Karimova, Paz Vega, Vincent Spano e Danny Huston.

Il festival ha proposto anche le anteprime americane di “On the Milky Road” di Emir Kusturica e “Smetto Quando Voglio – Ad Honorem” di Sydney Sibilia.

Filming On Italy è un anche un festival di promozione dell’Italia come set cinematografico e ponte tra la cultura italiana e quella americana.

A parlarci di questa terza edizione del festival è la direttrice generale di Agnus Dei, Tiziana Rocca, affiancata nel corso dell’evento dal direttore artistico Claudio Masenza. “È un anno dedicato alle donne, Monica Bellucci è una amica da anni e Gina Lollobrigida è una diva internazionale. È stato molto arduo portarla a Los Angeles per questa occasione perché come lei dice ha tre volte trent’anni. Oggi un fan ha chiamato la Walk of Fame dicendo che avrebbe pagato qualsiasi cifra pur di fare un selfie con lei e mi hanno scritto dall’Academy per farmi sapere questa cosa.” Il sociale è una tematica cara a Tiziana Rocca che l’ha sempre sostenuta in tutti i suoi eventi, e per questo all’interno di Filming On Italy Lola Karimova, ambasciatrice dell’Uzbekistan presso l’UNESCO, presenta “The Droplet” un importante progetto per evidenziare l’urgenza delle questioni relative al riscaldamento globale e alla scarsità e alla conservazione dell’acqua. A Lola Karimova sarà consegnato il Social and Justice Filming On Italy Award, insieme a lei anche Rosario Dawson e Abrima Erwiah. 

Tiziana Rocca infatti sostiene Studio 189, impresa sociale creata nel 2011 da Rosario Dawson assieme all’esperta di moda Abrima Erwiah, che “utilizza” la moda come agente di cambiamento sociale creando opportunità di lavoro e valorizzazione per le donne. Oltre a un sito di e-commerce, Studio 189 ha dato vita alla collezione di moda artigianale Fashion Rising Collection, curata dalla stessa Dawson e lanciata nel 2013 in supporto al One Billion Rising, la più grande azione di massa per porre fine alla violenza contro le donne. Ispirata ai suoi ideali, Fashion Rising Collection rappresenta la collaborazione unica di artisti, designer ad artigiani per opporsi alla violenza contro le donne attraverso la creazione di una moda più sostenibile.

Ad appoggiare questo evento anche la direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura Valeria Rumori “Los Angeles è iconica per il cinema che noi come Istituto promuoviamo insieme all’arte, l’architettura e la letteratura. Filming on Italy è una delle nuove iniziative anche per promuovere l’Italia come set cinematografico e le bellezze del territorio. L’Italia è sempre ben accolta anche come destinazione turistica, è una metà che viene scelta sempre di più”. 

Presente all’evento anche il Console italiano a Los Angeles, Antonio Verde che ci ha racconta del suo primo incontro con la famosa attrice. “Avevo conosciuto Gina Lollobrigida negli anni ’90 quando ero a Mosca, conobbi lei e Alberto Sordi per un festival, scambiamo alcune battute su cosa significasse il mondo del cinema all’epoca, su quella che era l’immagine dell’Italia in Russia che era estremamente positiva. È stato bello rivederla dopo quasi venti anni in un momento celebrativo per la sua lunga carriera. È una forza iconica che rappresenta valori positivi. Il suo è un riconoscimento per l’Italia in genere, per gli italiani in Italia e gli italiani all’estero, per la vitalità del nostro cinema e per la capacità dell’Italia di rappresentare un modello positivo che non è soltanto un modello di bellezza come nel caso di Bellucci e Lollobrigida ma anche di bravura. Gina Lollobrigida è un’artista completa che si è cimentata non soltanto nella recitazione con grandissimi risultati ma anche nella scultura, nella fotografia, nel giornalismo. Bellucci nasce come modella ma che poi ha fatto un salto importante nel cinema di grande qualità dimostrando una versatilità che va al di là del semplice aspetto estetico. E questa è quasi una metafora dell’Italia che è un paese bellissimo ma anche fatto di qualità e contenuti.”

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The coolest summer: why Italian gelato doesn’t feel the heat of a slower economy

The late July heatwave has been making sun, sea and sand lovers happy this year, with temperatures well into the high 80s and a gentle breeze...

Occhio malocchio: Italy and the old tradition of the evil eye

“Ciao, what are you up to?” Flavia says while looking at me and checking if I have any white hair, if my dress is this season’s or a couple of years...

Ape: working hard since 1948

When Ape was born, Vespa was only two years old and had already found a place in the heart of Italians, who had been getting back on their feet after...

Ivrea: the last Italian jewel to enter the UNESCO Heritage List

“Industrial city of the 20th century:” this is how Ivrea has been recently introduced to the UNESCO World Heritage List, at the beginning of the...

Alto Adige Whites: Simple

Prelude: Tonight, my wife caught me with my hands all over Fiona. That’s what we call our refrigerator. Fiona Frigidaire, actually. Caught in the act...

Weekly in Italian

Recent Issues