Design and craftamnship are Italian excellences

From L to R: Console Generale Antonio Verde, Massimo Catalani, Valerio Berruti, Andrea Capellino, IIC Director Valeria Rumori. Photo: Stefania Rosini

Exploring the relationship between design and sustainability with an exhibit and a round table among design experts. This was the Italian Design Day in the World’s goal, an initiative created by the Ministry of Foreign Affairs and the International Cooperation (MAECI), this year at its second edition. Focusing on the theme of sustainability, the event highlights the Italian effort to create a style that embraces functionality and aesthetics while respecting the environment. “Among this initiative’s goals – stated the Consul General of Italy in Los Angeles Antonio Verde at the opening of the ceremony – “we find the promotion of design as a true Italian cultural tradition, deeply rooted in all of our different regions, a driving force of our industrial production and exports.”

From L to R: Valerio Berruti e Andrea Capellino. Photo: Stefania Rosini

Guest of honor was Roman artist and architect Massimo Catalani, one of the 100 testimonials chosen by MAECI as an “Ambassador” of Italian Design in the World. Catalani’s latest works focus on sea life and marine wildlife conservation, against illegal fishing. L’Italo-Americano had the opportunity to interview him.

As an ambassador of Italian design in the world what kind of responsibility do you feel you have?
This time I felt a new, different form of responsibility. I was really struck by the Triennale’s last title “Design takes on human surviving,” as designing the future and human survival is one of the noblest things human beings can do in the course of their existence: designing the environment to live harmoniously in it. Italy has shown the world to be a very sensitive country with a lot of respect for this issue and it makes me proud.

From L to R: Dean of the Domus Academy School of Design in New School of Architecture & Design in San Diego Elena Pacenti, Executive Director of AIA Los Angeles Carlo Caccavale, artist Massimo Catalani, IIC Director Valeria Rumori, Consul General of Italy in Los Angeles Antonio Verde, Artsts Valerio Beruti and Andrea Capellino, Deisgner Francesca Garcia Marquez. Photo: Stefania Rosini

What kind of message would you like to send?
That we are in an era of huge transformation and we must not be scared. We must be prepared and responsible, very curious and possibly fast. The delay we are having in dealing with the changes of the planet will eventually cost us a lot. So we must study and act.

What topics did you decide to bring up in this meeting at the IIC in Los Angeles?
I showed a short film, and brought two examples. The short film was created after I partook in a cooking contest at the Expo, where I teamed up with a chef, and we had to make a three and a half minutes video recipe. Rather than a commercial, we shot a small film, the story of three men and Moby Dick. The recipe was about a freshly caught fish to be eaten raw.

The two examples were about the relationship between art and sustainable architecture, at once an ancient and very current topic, and about art blending with environmental protection. In the first case I talked about an international university competition for universities organized  by the American Government, the Solar Decathlon, which finances twenty finalist projects with the construction of solar houses and a competition that includes ten technical tests. We won the bronze medal. The second example  was about an underwater marine park in Tuscany, with sculptures placed on seabeds that had to be protected from illegal trawling: people passing by could take a hammer and a chisel and give their contribution in defending of a common good, the sea.  
How has your work been influenced by this?

My paintings, in the last five years, shifted from architectural images to marine mammals, pine trees and pine forests images. Now I have an ongoing work in which I try to represent this enormous flow of  inputs overwhelming us in this new crazy way of life we all have.

The program also included the opening of the exhibit Delineo: Italia Bellissima Meets Valerio Berruti. The show brought to Los Angeles for the first time handmade creations, fabrics and ceramics part of the project Italia Bellissima, by the architect Andrea Capellino, along with works of sculptor and painter Valerio Berruti, internationally known for his direct approach, essential lines and everyday subjects. “I am enthusiastic to collaborate to this project – Valerio Berruti said – because I maintain the importance of dialog between art and crafts.  Italia Bellissima allows to support this connection, helping artisans and artists to connect so that both can take advantage of each other’s knowledge and skills.

The exhibit is open until May 31st.
Supported by Capellino Architettura and a network of Italian architecture and interior design firms, Italia Bellissima is dedicated to the promotion of  Italian craftmanship excellence and expertise, rooted in the traditions of the different regions of Italy and of its employ in design and architecture. To use the brand Italia Bellissima, artisans must adhere to its “manifesto” according to which productions must be unique and completely made in Italy, with respect for the environment, the genius loci, and the result of fair working practices.


As part of the project,  between 2009 and 2014, Architect Andrea Capellino designed, built and decorated a villa in Costa Mesa, CA. Thanks to Italia Bellissima, over 100 craftsmen exported their works to the US, Northern Europe, Great Britain and Australia.

“The United States are a very receptive market to novelty and design, it is certainly one of the countries that best appreciates Italian style.” Andrea Capellino tells us. “I think that Italian companies should not follow other trends, but they should strongly believe in their abilities by imposing their style, in addition to their traditions. In general, Italian style is appreciated everywhere and it will continue to be appreciated for its creativity and skill, but it will find its real strength especially if it manages to remain global.

Which kind of Italian arts and crafts are more appreciated by the Americans?
Tailor-made products are the most successful;  in general, our made in Italy and its sensitivity are very much appreciated too. I  think about the processing of terracotta, marble, glass and fabrics, but also to our ability and experience with fresco and mosaic.

What are your goals for the future?
The goal is to work a lot on contemporary art in order to convey our traditions. And also change perspective! Young people don’t approach craftsmanship because they think of it as a “low” type of career. Craftsmanship needs them and their knowledge, needs people with a deep knowledge of the materials, people that studied and are able to give new forms to the them, for different purposes.

During the course of the evening Catalani, Berruti, and Capellino received the IIC Los Angeles Creativity Award, which recognizes international Italian excellence. Inspired by the ceiling of the Pantheon in Rome, the award was designed specifically for the Institute by internationally known artist and fashion designer Emilio Cavallini.

Italian Design Day is an initiative created in 2017 by the Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation (MAECI) in collaboration with the Ministry of Cultural Heritage and Activities and Tourism (MiBACT), the Triennale di Milano, the Italian Trade Agency, the Salone del Mobile di Milano, the Association for Industrial Design, the Compasso d’Oro Foundation and the Altagamma Foundation, as part of the project “Vivere ALL’Italiana” which promotes Italy’s culture, economy, language and scientific research.

 

Approfondire il legame tra design e sostenibilità attraverso una mostra d’arte e una tavola rotonda tra esperti del settore. Questo l’obiettivo della Giornata del Design italiano nel mondo, iniziativa creata dal Ministero degli Affari Esteri e dalla Cooperazione Internazionale (MAECI) e giunta alla sua seconda edizione.

Incentrato sul tema della sostenibilità, l’evento mira a sostenere la riconosciuta sensibilità dell’Italia nella ricerca di uno stile che coniughi alla funzionalità e all’estetica il rispetto dell’ambiente “Tra gli scopi dell’iniziativa – come ha sottolineato il Console Generale Antonio Verde all’apertura dell’evento presso l’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles.  – vi è anche quello di riconoscere al design un ruolo di vera e propria tradizione culturale del nostro Paese, con radici profonde in tutti i territori, stimolo trainante della manifattura e delle esportazioni”.

Ospite d’onore l’artista e architetto romano Massimo Catalani, uno dei 100 testimonial scelti dal MAECI come “Ambasciatore” del design italiano nel mondo. Tra i suoi ultimi lavori, delle opere incentrate sulla difesa del mare e contro la pesca illegale. Noi de L’Italo- Americano abbiamo avuto l’occasione di intervistarlo.

In quanto ambasciatore del design italiano nel mondo che tipo di responsabilità sente di avere?
Stavolta sentivo la responsabilità in una forma nuova. Il titolo della Triennale “Design takes on human surviving” mi ha colpito molto, progettare il futuro e la sopravvivenza umana è tra le cose più nobili che l’essere umano fa nel corso della sua esistenza: progettare l’ambiente per viverci armonicamente. L’Italia si mostra al mondo come un paese molto sensibile rispetto a questa tematica e la cosa mi rende orgoglioso.

Che tipo di messaggio vorrebbe mandare?
Che siamo in un’epoca di gigante trasformazione e non ci dobbiamo spaventare. Dobbiamo essere preparati e responsabili, molto curiosi e possibilmente rapidi. Il ritardo che stiamo avendo nell’affrontare i mutamenti del pianeta corrisponde ad un prezzo sempre più oneroso. Quindi bisogna studiare e agire.

Quali argomenti ha deciso di toccare in questo incontro presso l’IIC di Los Angeles?
Ho mostrato un cortometraggio, e portato due esempi.

Il cortometraggio è nato in seguito alla mia partecipazione ad un concorso di cucina in ambito Expo, dove dovevo essere in squadra con uno chef, e si doveva fare una ricetta in video di tre minuti e mezzo. Piuttosto che uno spot abbiamo girato un piccolo film, la storia di tre uomini e Moby Dick. La ricetta che contiene è un pesce appena pescato e mangiato crudo. I due esempi invece riguardavano l’arte che si confronta con l’architettura sostenibile, tema antico e molto attuale, e l’arte che si fonde con la salvaguardia ambientale. Nel primo caso ho parlato di un concorso internazionale per università bandito dal Governo Americano, il Solar Decathlon, che finanzia venti progetti finalisti con la costruzione di case solari e una competizione che prevede dieci prove tecniche. Noi abbiamo vinto la medaglia di bronzo. Il secondo esempio che ho portato invece tratta di un parco sottomarino in Toscana fatto di sculture su fondali da difendere dalla pesca a strascico illegale. In questo caso la gente che passava poteva prendere il martello e lo scalpello e contribuire con la propria fatica alla difesa di un bene comune, il mare.

Come ne è stato influenzato il suo lavoro?
La mia pittura, negli ultimi cinque anni, è passata da immagini di architetture, a immagini di mammiferi marini, a pini e pinete. Ora ho in corso dei lavori in cui cerco di rappresentare questo enorme flusso continuo di stimoli che ci rapisce in questo nuovo modo di vita accelerato.

Nel corso dell’evento si è tenuta anche l’inaugurazione della mostra Delineo: Italia Bellissima Meets Valerio Berruti, che porta a Los Angeles per la prima volta creazioni di artigianato e design cha fanno parte del progetto Italia Bellissima dell’architetto Andrea Capellino, insieme a opere del pittore e scultore piemotese Valerio Berrutti. Quest’ultimo, conosciuto a livello internazionale per il suo stile immediato, ha creato appositamente delle opere per Italia Bellissima “Ho da sempre sostenuto l’importanza del legame tra artigianalità e arte. E Italia Bellissima permette di sostenere proprio questo legame, mettendo in rete i migliori artigiani a servizio di artisti in modo che possano usufruire al meglio delle loro conoscenze e capacità.” La mostra resterà aperta fino al 31 Maggio.

Sostenuto dai professionisti della società̀ Capellino Architettura e da un network di aziende italiane del settore dell’edilizia e dell’interior design, Italia Bellissima è un progetto dedicato alla promozione dell’artigianato italiano di alta qualità e di lunga tradizione e al suo impiego nel campo dell’architettura e design. Gli artigiani che possono utilizzare il marchio di Italia Bellissima devono aderire al “manifesto” del progetto che prevede l’obbligo per le produzioni di essere realizzate al 100% in Italia, la scelta di un lavoro etico, il rispetto dell’ambiente, l’unicità del prodotto, la condivisione e il rispetto del genius loci.

Nell’ambito del progetto, tra il 2009 e il 2014,  Capellino ha realizzato gli interni e gli arredi di una villa in Costa Mesa, CA. Grazie a Italia Bellissima, oltre 100 artigiani hanno esportato le proprie produzioni in America, Nord Europa, Gran Bretagna e Australia.
“Gli Stati Uniti sono un mercato molto ricettivo alle novità ed al design, è senz’altro uno dei paesi che apprezza maggiormente lo stile italiano,” ci dice Andrea Capellino. “Credo che le aziende italiane non debbano seguire altre tendenze, ma credere fortemente nelle proprie capacità imponendo il proprio essere, oltre alle loro tradizioni. In generale, lo stile italiano piace a ogni latitudine e continuerà a piacere in quanto risultato di creatività e bravura, ma soprattutto se continuerà a trovare la sua forza nel saper essere globale.


Quali progetti sulle arti e i mestieri italiani sono più apprezzati dagli americani?
I prodotti su misura sono quelli di maggior successo, in linea generale, il made in Italy e la sua sensibilità sono molto apprezzati. Mi viene in mente la lavorazione della terracotta, del marmo, del vetro e dei tessuti, ma anche la nostra capacità ed esperienza dell’affresco e del mosaico.


Quali sono gli obiettivi in questo senso per il futuro?

L’obiettivo è lavorare molto sull’arte contemporanea come mezzo per far respirare la nostra tradizione. E poi cambiare prospettiva! I giovani non si avvicinano all’artigianato perché lo considerano di basso livello. L’artigianato ha bisogno di loro e delle loro conoscenze, ha bisogno di persone con una profonda conoscenza dei materiali, di persone che abbiamo studiato, capaci con la propria intelligenza di dare forme nuove ai materiali, per diversi utilizzi.

Nel corso della serata i due artisti e l’architetto hanno ricevuto il premio IIC Los Angeles Creativity Award, riconoscimento all’eccellenza italiana nel mondo, che consiste in un’opera originale creata appositamente da Emilio Cavallini, artista e stilista noto internazionalmente, ed ispirata al soffitto del Pantheon di Roma. La Giornata del Design Italiano nel Mondo è un iniziativa creata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, la Triennale di Milano, ICE Agenzia, il Salone del Mobile di Milano, l’Associazione per il Disegno industriale, la Fondazione Compasso d’Oro e la Fondazione Altagamma, nell’ambito del progetto “Vivere ALL’italiana”, che promuove la cultura e il sistema produttivo italiani attraverso un’azione integrata tra cultura ed economia, lingua e ricerca scientifica.

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Sant’Eustachio: Pasquino hunts for coffee

Outside Caffé Sant’Eustachio students and cabbies, bankers and brokers, pundits and senators sip espresso and mock the news. Starbucks, the US coffee...

San Leo: soaring fortress, a soothsayer and a saint

Rimini has attracted a crowd in August since time immemorial. The internationally renowned summer holiday destination on la Riviera Romagnola is...

Cinema in Venice: why is the Festival del Cinema di Venezia so different?

When summer passes the torch of seasons to fall and people start getting back into their routines after weeks at the beach, Italy enjoys one last...

Marcello Mastroianni, La Dolce Vita and much more at Cinema Italia SF this September

When he entered the legendary gates of Cinecittà for the first time, Marcello Mastroianni was only 11. Nevertheless, his entire life as an actor was...

Finally… the fall: a trip through Italy, following autumnal traditions

It’s only the 2nd of September, today, yet the sounds and scents of summer seem far. The weather has been helping to get into the mood, treating us...

Weekly in Italian

Recent Issues