Petroio – the Tuscan Town of Terracotta

Despite the challenges to remain viable, Petroio exudes a strong presence

Part of the intrigue of Tuscany is the abundance of small hamlets and villages. Scattered across the rural landscape like precious gems awaiting discovery, the charms and beauties of these ancient borghi are many. 

Off the SR2 thoroughfare from Siena on a south-easterly course, lightly traveled country roads lead to a rural wonderland. Through deep forest and vast farmland, amongst silvery olive groves that provide the famed Montisi oil and cresting green ridges that offer up cypress lined Tuscan skylines,  lie the comune of Trequanda and her 3 villages of Montisi, Castelmuzio, and Petroio. 
The tiny village of Petroio is the last of these if traveling on a southerly route. Her topaz colored buildings sit proudly on an emerald hilltop, the mostly-intact medieval walls still at her defense. But like many other locales not on the well-trodden tourist trails, her delights are often overlooked.

Petroio: a major part of Italian terracotta production

Rounding the bend on the outskirts of Petroio, a vast industrial looking yard filled with super-sized terracotta wares appears amidst tall trees, along with a sign declaring “Petroio – Terracotta Capital of the World.” The terracotta yard seems almost mystical with its red-earth pots sitting about like giant mushrooms sprung from the clay. 

Just as one might begin to wonder if there are any humans nearby, Petroio comes into view. A large blue and white “P” sign announces parking outside the old walls, but the lack of a ZTL (Zona Traffico Limitato – no cars allowed) placard almost dares a visitor to drive into the village. As I personally found out, this is probably not a good idea unless sitting atop a Vespa. The old town is accessed by a small one-way street that leads up the hillside and into the main gate. Ancient buildings sit cozily across from one another creating angles and corners so tight, it becomes necessary to fold in car mirrors to clear them! Continuing its circuitous spiral through the town, the street becomes even narrower until finally merging back out onto the SP 71 to Pienza. It’s a driving gauntlet for even the most experienced. 

The manufacture of terracotta goods in this area reaches back to Etruscan times

On-foot discovery of Petroio brings a visitor the kind of interaction this village warrants. Any given day might find a handful of tourists wandering about, privy to daily life in this Etruscan-origin settlement. Locals go about their day, some holding employment in the lone bar or the few other commercial shops that serve the residents’ needs. One hotel and adjoining restaurant offer guests respite in peaceful elegance. A few young families carry on here, as evidenced by the gleeful laughter of school children dropped off in the late afternoon, but the majority of the population are of pensioner age. It’s a trade-off: the tourist bolus to the economy seems marginal, but village life is tranquil and uninterrupted. 

Despite the challenges to remain viable, Petroio exudes a strong presence, her anima (soul) deep and proud. Perhaps the sturdy red Tuscan clay is a part of this, the material that is integral in keeping Petroio a major part of Italian terracotta production. 

Ancient buildings sit cozily across from one another creating angles and corners so tight, it becomes necessary to fold in car mirrors to clear them!

The manufacture of terracotta goods in this area reaches back to Etruscan times, and has in all probability continued non-stop. A large redbrick chimney of a defunct terracotta factory just outside the old walls towers like a sentry, reminding the town of this rich history. Pride of workmanship is not in short supply here, either.  Old world manufacturing styles and the artisan spirit live on in at least two busy factories a short distance from the homes of Petroio. 

The Fabbrica Artiginale Terrecotte Artistiche, a terracotta production facility located about 4 miles outside of Petroio proper, produces products where much of the work is done by hand. Rich, local clay is machine-mixed with water, then hand pressed into molds that are also designed and made at the factory. Fine-tuning and shaping after unmolding is done by the craftsmen of the factory using personalized spatulas, most handmade to fit individual physique and style. Like the hearts of those making these products, the wares are large: massive garden pots designed for trees or large plants are a specialty, as are trough-like planters. Ornamental pieces are also produced, all large scale. 

The manufacture of terracotta goods in this area reaches back to Etruscan times, and has in all probability continued non-stop

Another factory with deep roots in Petroio is Terrecotte Artistiche Senesi, located about 5 miles west of town towards San Giovanni d’Asso. Giuseppe Lorenzetti, the talkative and jovial owner, was born some 70 plus years ago in Petroio. By chance, I encountered Giuseppe on a recent passeggiata in Petroio. A brief conversation led to an impromptu tour of the town that he has called home since birth.

A slow stroll through Petroio bespeaks of the proud heritage of terracotta production here. Many doorways are numbered with a terracotta plaque, whether it be simply house numbers or perhaps something whimsical the owner has requested. Shops are marked with beautifully crafted terracotta signs, and periodically an entire gallery of creations appears on a random wall. One ancient passageway is lined with beautifully crafted terracotta tablets depicting the surrounding towns, of which Giuseppe proudly pointed out and explained to me. Off the tiny main piazza, the front entrance to an unassuming medieval chapel hosts a folk-art interpretation in terracotta of Bartolomeo Garosi, the man more commonly known as il Brandano. Born in Petroio, Garosi was a controversial 16th century saint known for stirring up trouble with the authorities — but that’s another tale to be told. And of course, flower pots and ornate planters abound, filled to overflowing with whatever will grow in the season. 

Along with several churches and a few notable works of art, Petroio also offers the attraction of the Museo della Terracotta, located in a 13th century palazzo. The museum houses a static collection of multimedia presentations, alongside works both ancient and modern. Periodic exhibitions are hosted, as well. With advance notice, one can book a private tour of one of the nearby factories or even a take a lesson from a local artisan in crafting a pot! 

It’s worth a stop here, in this self-proclaimed Terracotta Capital of the World. A place to stroll through peaceful tiny streets and admire the hewn clay art in abundance, or enjoy an impromptu chat with a friendly local. Or simply stand beneath the antiquated gate and admire the last rays of sun preparing Petroio for rest, in anticipation of yet another terracotta colored dawn.
 

Parte di quel che rende intrigante la Toscana è l'abbondanza di paesini e villaggi. Sparsi per il paesaggio rurale come gemme preziose in attesa di scoperta, il fascino e le bellezze di questi antichi borghi sono molti.  

Fuori dalla SR2 da Siena, in direzione sud-orientale, strade di campagna poco battute conducono a un paese di meraviglie rurali. Attraverso boschi fitti e vasti terreni agricoli, tra gli argentati uliveti che forniscono il famoso olio di Montisi e le creste verdi che offrono i cipressi dei filari toscani, si trovano il comune di Trequanda e i suoi 3 villaggi di Montisi, Castelmuzio e Petroio.  

Il piccolo villaggio di Petroio è l'ultimo di questi se si viaggia su una rotta verso sud. I suoi edifici color topazio si ergono orgogliosamente su una collina smeraldo, le mura medievali per lo più intatte ancora a sua difesa. Ma come molti altri luoghi che non sono sulle strade turistiche ben battute, le sue delizie sono spesso trascurate.

Seguendo la curva alla periferia di Petroio, un vasto cortile dall'aspetto industriale riempito con terracotte di grandi dimensioni appare tra alberi ad alto fusto, insieme a un cartello che dichiara "Petroio – Capitale mondiale della Terracotta". Il cortile in terracotta sembra quasi mistico con il suo rosso dei vasi di terracotta che stanno come funghi giganti che spuntano dall'argilla.

Proprio mentre ci si potrebbe cominciare a chiedere se ci siano degli esseri umani nelle vicinanze, appare Petroio. Un grande cartello con una "P" blu e bianca annuncia il parcheggio al di fuori delle vecchie mura, ma la mancanza di un cartello ZTL (Zona a Traffico Limitato - nessuna macchina ammessa) quasi sfida un visitatore a guidare nel villaggio. Come ho scoperto personalmente, probabilmente non è una buona idea se non si è seduti in sella a una Vespa.  

Il centro storico è accessibile da una piccola strada a senso unico che conduce su per la collina e verso la porta principale. Antichi edifici siedono l'uno di fronte all'altro creando perpendicolari e angoli così stretti, che diventa necessario ripiegare gli specchietti per salvarli! Continuando la sua spirale tortuosa attraverso la città, la strada diventa ancora più stretta fino a fondersi nuovamente sulla SP 71 a Pienza. È un guanto di sfida anche per i guidatori più esperti.

La scoperta a piedi di Petroio offre al visitatore il tipo di interazione che questo villaggio garantisce. In un giorno qualsiasi si potrebbe trovare una manciata di turisti che vagano per conoscere la vita quotidiana di questo insediamento di origine etrusca. Gli abitanti del posto passano il loro tempo, alcuni occupando un posto nel bar solitario o nei pochi altri negozi commerciali che soddisfano le esigenze dei residenti. Un hotel e un ristorante adiacente offrono agli ospiti una pausa in eleganza pacifica. Alcune giovani famiglie stanno qui, come evidenziato dalle allegre risate dei bambini scolarizzati nel tardo pomeriggio, ma la maggior parte della popolazione è in età da pensione. È un compromesso: il contributo turistico all'economia sembra marginale, ma la vita del villaggio è tranquilla e ininterrotta.  

Nonostante le difficoltà a rimanere vitale, Petroio emana una forte presenza, la sua anima profonda e orgogliosa. Forse la robusta argilla rossa toscana è parte di questo, il materiale è parte integrante nel garantire a Petroio un ruolo importante nella produzione della terracotta italiana.

La produzione di manufatti in terracotta in questa zona risale ai tempi degli Etruschi e con ogni probabilità è proseguita senza sosta. Un grande camino in mattoni rossi di una defunta fabbrica di terracotta, appena fuori le vecchie mura, torreggia come una sentinella, ricordando alla città questa ricca storia. Anche qui l'orgoglio della lavorazione non è poca cosa. Gli stili di produzione del vecchio mondo e lo spirito artigianale sopravvivono in almeno due fabbriche occupate a poca distanza dalle case di Petroio.  

La Fabbrica Artiginale Terrecotte Artistiche, impianto di produzione di terracotta situato a circa 4 miglia fuori Petroio, produce prodotti in cui gran parte del lavoro è fatto a mano. L'argilla ricca e del posto viene mescolata a macchina con acqua, quindi pressata a mano in stampi progettati e realizzati in fabbrica. La messa a punto e la modellatura dopo la sformatura vengono eseguite dagli artigiani della fabbrica con spatole personalizzate, la maggior parte realizzate a mano per adattarsi al fisico e allo stile individuale. Come i cuori di chi produce questi prodotti, le merci sono grandi: enormi vasi da giardino progettati per alberi o grandi piante sono una specialità, così come i vasi da fiori grezzi. Vengono prodotti anche pezzi ornamentali, tutti di grandi dimensioni.

Un'altra fabbrica con radici profonde a Petroio è Terrecotte Artistiche Senesi, situata a circa 5 miglia a ovest della città in direzione di San Giovanni d'Asso. Giuseppe Lorenzetti, loquace e gioviale proprietario, nacque circa 70 anni fa a Petroio. Per caso, ho incontrato Giuseppe in una recente passeggiata a Petroio. Una breve conversazione ha portato a un giro estemporaneo della città che ha chiamato casa sin dalla nascita.

Una lenta passeggiata attraverso Petroio rivela qui l'orgogliosa eredità della produzione di terracotta. Molte porte sono numerate con una targa di terracotta, che si tratti di semplici numeri civici o forse di qualcosa di stravagante che il proprietario ha richiesto. I negozi sono contrassegnati da insegne in terracotta meravigliosamente lavorate e periodicamente un'intera galleria di creazioni appare su un muro casuale.  

Un antico passaggio è rivestito con tavolette di terracotta meravigliosamente lavorate raffiguranti le città circostanti, che Giuseppe mi ha fatto notare e che mi ha spiegato con orgoglio. Lontano dalla piccola piazza principale, l'ingresso principale di una cappella medievale senza pretese ospita un'interpretazione di arte popolare in terracotta di Bartolomeo Garosi, l'uomo più comunemente noto come il Brandano. Nato a Petroio, Garosi era un santo controverso del XVI secolo noto per aver sollevato problemi con le autorità - ma questa è un'altra storia da raccontare. E, naturalmente, abbondano vasi di fiori e fioriere ornamentali, pieni fino all’orlo di ciò che crescerà nella stagione.  

Insieme a diverse chiese e alcune opere d'arte degne di nota, Petroio offre anche l'attrazione del Museo della Terracotta, situato in un palazzo del 13° secolo. Il museo ospita una collezione statica di presentazioni multimediali, accanto a opere antiche e moderne. Sono anche ospitate mostre periodiche. Con preavviso, si può prenotare un tour privato di una delle fabbriche vicine o addirittura fare una lezione con un artigiano locale per creare un vaso!  

Vale la pena fermarsi qui, in questa autoproclamata “Capitale mondiale della Terracotta". Un luogo dove passeggiare per tranquille viuzze e ammirare l'arte dell'argilla rifilata a mano in abbondanza, o godersi una chiacchierata improvvisata con un’amichevole persona del posto. O semplicemente sostare sotto la porta antica e ammirare gli ultimi raggi di sole che preparano il riposo a Petroio, in attesa di un'altra alba color terracotta.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

San Leo: soaring fortress, a soothsayer and a saint

Rimini has attracted a crowd in August since time immemorial. The internationally renowned summer holiday destination on la Riviera Romagnola is...

Cinema in Venice: why is the Festival del Cinema di Venezia so different?

When summer passes the torch of seasons to fall and people start getting back into their routines after weeks at the beach, Italy enjoys one last...

Marcello Mastroianni, La Dolce Vita and much more at Cinema Italia SF this September

When he entered the legendary gates of Cinecittà for the first time, Marcello Mastroianni was only 11. Nevertheless, his entire life as an actor was...

Finally… the fall: a trip through Italy, following autumnal traditions

It’s only the 2nd of September, today, yet the sounds and scents of summer seem far. The weather has been helping to get into the mood, treating us...

Mystical allure of scenic Scanno

A slice of paradise was created by a landslide at Mt. Rava a thousand years ago, forming Lake Scanno, a heart-shaped mountain lake 1,050 meters above...

Weekly in Italian

Recent Issues