Cinema Italia honours Michelangelo Antonioni’s genius and modernism at the Castro Theatre

From far left, Consul General Lorenzo Ortona, Program Director Amelia Antonucci, Director Valerio Ruiz, and Giorgio Ghersi from CoorItalia (one of the sponsors) during the last edition

Cinema Italia keeps its Spring tradition alive with a five-film retrospective on Michelangelo Antonioni. The one-day program, co-curated by Luce Cinecittà and The Museum of Modern Art in New York City, is meant to commemorate the 10th anniversary of the passing of one of the most known Italian directors. The Castro Theatre will be, once again, the venue that inaugurates the 2018-2019 tour, screening restored DCPs and new 35mm film prints.

Last year's edition of Cinema Italia. From far left, Sophoan Sorn, Festival Advisor; Sabrina Longega, Special Event Coordinator; and Amelia Antonucci, Program Director

Amelia Antonucci launched the first program in 2013, presenting the best of classic Italian cinema in San Francisco, including Pier Paolo Pasolini (2013), Bernardo Bertolucci (2014), Vittorio de Sica (2015), Anna Magnani (2016), Dino Risi (Spring 2017), Lina Wertmüller (Fall 2017). 

From far left, Director Valerio Ruiz, Maria Manetti Shrem, Italy Consul General Lorenzo Ortona, and Italian Institute Director Paolo Barlera during the 2017 Fall Edition honoring Lina Wertmuller.

The first series of 2018 is very special to the Program Director and, during a conversation with LItalo-Americano, Mrs Antonucci could not hold her excitement: This years festival recalls the first I curated when I was the Head of the Movie Department at the Italian Cultural Institute in New York City in 1992. That was also the first time I met with Cinecittà representatives, among whom there was Camilla Cormanni (Responsible of International Cultural Events at Luce Cinecittà - e.n.). We came up with an unforgettable event, that Director Antonioni attended himself with his wife Enrica, although he was recovering from a stroke he suffered from a few months earlier. I keep that festival in my heart as one of the best memories of my life.

Monica Vitti in Antonioni's movie "Red Desert"

Amelia, can you recall any special episode from that program? 

Yes, of course! I remember we really wanted to have The passengeras one of the movies of the program. However, the rights at that time were owned by Jack Nicholson. In addition to that, there was a particular scene of that movie that had been cut off from the American version. That scene was of about seven minutes and were instead part of the Italian version, the one we were supposed to put on the screen. Eventually, after many weeks, we got a green light by Mr Nicholson and everything went pretty smooth.

Tell us about the atmosphere around the festival

The festival took place at the Lincoln Center in New York. Mr Antonioni showed up at the theatre with actress Maria Schneider. The atmosphere was vibrant, the festival itself had already had some great reviews and everybody was looking forward to watching Antonionis movies.

What has changed in the last two decades when you look at those movies and at the two cities? 

Antonioni helped turn Italian film away from neorealism and moved towards a cinema that is more interested in exploring the human being. The well-being of Antonionis characters comes with dissatisfaction. For instance, Monica Vittis characters usually represent that double aspect of life: while she can afford anything she wants, she is extremely unhappy with her life. This attempt of escaping from boredom always comes alongside a certain environment, turning the storytelling and the architecture into the perfect duo of representation.

How would you explain the movies you chose as part of Cinema Italia SF? 

Cinema Italia works very close to Luce Cinecittà when it comes to pick the movies for our audience. The list includes 17-18 movies, usually they all go on screen during the Preview at the MoMa in New York City. For the San Franciscos audience, instead, I picked five movies that I believe better represent Antonioni and the reason why we love him. Those movies have completely changed the audiences understanding of Italian cinema. Not only does that way of making movies focus on screenwriting and acting, but also on photography, psychoanalysis, and architecture.  

What do you expect from San Francisco then? 

After Lina Wertmüllers program, Id expect a big success for Antonioni as well. Last September, we had more than 1300 people, besides the moderate coverage provided by the local press. Now we have a big name, and also a director who has shown a great modernity, whose movies reflect the ability to describe everybodys life in a way that its impossible to not like.

Lavventura (1960) - feat. Gabriele Ferzetti, Monica Vitti, Lea Massari 

This sort of detective storyfeatures two young women, Anna and Claudia, who join Sandro, Annas lover, on a boat trip to a remote island. When Anna goes missing, in the middle of a  search, Sandro and Claudia get involved in a romance despite Anna's disappearance. The film was nominated for numerous awards and was awarded the Jury Prize at the 1960 Cannes Film Festival.

Leclisse (1962) - feat Monica Vitti, Alain Delon, Francisco Rabal 

A tailspin at the Rome stock exchange serves as a backdrop for a love affair between a translator and her mothers stockbroker. Vittoria and Piero begin a relationship with lots of difficulties, and their commitment to one another is tested during an eclipse. Antonioni focuses on anomie and alienation, with a famous final scene of suspense.

Deserto Rosso (1964) - feat. Monica Vitti, Richard Harris, Carlo Chionetti 

The new, digitally restored 4K digital DCP (courtesy of CSC-Cineteca Nazionale and Istituto Luce Cinecittà) gives a provocative look at the spiritual desolation of the technological age. A disaffected woman wander through a bleak industrial landscape beset by power plants and environmental toxins, and tentatively flirting with her husbands coworker. The movie creates a nearly apocalyptic image of its time.

Blow Up (1966) - feat. David Hemmings, Vanessa Redgrave, Jane Birkin, Sarah Miles 

First Antonionis English movie, it features Thomas, a London photographer, who spends his time photographing fashion models. One day, he thinks he may have photographed a murder. After taking pictures in the park, Thomas is horrified to find an ambiguous image lurking on the edge of the frame, which could be a shadow, but looks like a gun. The only thing clear is that the woman in the photo has appeared at his studio and she wants the pictures he took. 

The Passenger feat Jack Nicholson, Maria Schneider, Jenny Runacre 

In one of his greatest performances, Jack Nicholson is a television reporter on assignment in Africa. In an attempt to reinvent himself, he sheds all ties to his past and gets the identity of a dead man. Aided by a beautiful woman, Locke attempts to avoid both the police and criminals out to get him.

The program of Cinema Italia takes place at the Castro Theatre on Saturday, April 28 starting at 10.30 am with Lavventura, followed by Leclisse, Red Desert, and Blow up, the main feature at 6:30pm. At 8.30pm, the Mezzanine will host "La cupola" party, inspired by the famous villa that architect Dante Bini built for Michelangelo Antonioni in Costa Paradiso, Sardinia. The program ends with the screening of The Passenger, starting at 10pm. Tickets can be bought online at http://www.cinemaitaliasf.com (you can buy single tickets or a day pass that includes all movies and the party).

 

Cinema Italia mantiene viva la sua tradizione primaverile con una retrospettiva di cinque film su Michelangelo Antonioni. Il programma della durata di un giorno, co-curato da Luce Cinecittà e The Museum of Modern Art di New York City, ha lo scopo di commemorare il decimo anniversario della scomparsa di uno dei più noti registi italiani. Il Castro Theatre sarà, ancora una volta, la sede che inaugurerà il tour 2018-2019, proiettando DCP restaurati e nuove pellicole da 35 mm.  

Amelia Antonucci ha lanciato il primo programma nel 2013, presentando il meglio del cinema italiano classico a San Francisco, tra cui Pier Paolo Pasolini (2013), Bernardo Bertolucci (2014), Vittorio de Sica (2015), Anna Magnani (2016), Dino Risi (Primavera 2017), Lina Wertmüller (Autunno 2017).  

La prima serie del 2018 è molto speciale per il direttore del programma e, durante una conversazione con L'Italo-Americano, la signora Antonucci non ha potuto trattenere l’entusiasmo: "Il festival di quest'anno ricorda il primo che ho curato quando ero a capo del dipartimento film all'Istituto Italiano di Cultura di New York nel 1992. È stata anche la prima volta che ho incontrato i rappresentanti di Cinecittà, tra i quali c'era Camilla Cormanni (Responsabile degli eventi culturali internazionali di Luce Cinecittà). Abbiamo avuto un evento indimenticabile, con il regista Antonioni che ha partecipato con sua moglie Enrica, anche se si stava riprendendo da un ictus che lo aveva colpito alcuni mesi prima. Conservo quel festival nel cuore come uno dei migliori ricordi della mia vita". 

Amelia, può ricordare qualche episodio speciale di quel programma?  

Sì, naturalmente! Ricordo che volevamo davvero "The passenger" come uno dei film del programma. Tuttavia, i diritti in quel momento erano di proprietà di Jack Nicholson. In aggiunta a ciò, c'era una scena particolare di quel film che era stata tagliata fuori dalla versione americana. Quella scena era di circa sette minuti ed era invece parte della versione italiana, quella che dovevamo proiettare sullo schermo. Alla fine, dopo molte settimane, abbiamo ricevuto l’ok dal signor Nicholson e tutto è andato liscio. 

Ci dica dell'atmosfera attorno al festival.  

Il festival si è svolto al Lincoln Center di New York. Il signor Antonioni si è presentato a teatro con l'attrice Maria Schneider. L'atmosfera era vibrante, il festival aveva già avuto delle ottime recensioni e tutti non vedevano l'ora di vedere i film di Antonioni.  

Cosa è cambiato negli ultimi due decenni quando ripensa a quei film e alle due città?  

Antonioni ha contribuito ad allontanare il cinema italiano dal neorealismo e si è mosso verso un cinema più interessato ad esplorare l'essere umano. Il benessere dei personaggi di Antonioni arriva con insoddisfazione. Per esempio, i personaggi di Monica Vitti di solito rappresentano quel doppio aspetto della vita: mentre lei può permettersi tutto ciò che vuole, è estremamente infelice della sua vita. Il tentativo di sfuggire alla noia arriva sempre dentro un certo ambiente, trasformando la narrazione e l'architettura nel perfetto binomio di espressione. 

Come spiegherebbe i film che ha scelto per Cinema Italia SF?  

Cinema Italia lavora molto da vicino a Luce Cinecittà quando si tratta di scegliere i film per il nostro pubblico. L'elenco include 17-18 film, di solito tutti proiettati durante l'anteprima al MoMa di New York City. Per il pubblico di San Francisco, invece, ho scelto cinque film che credo rappresentino meglio Antonioni e il motivo per cui lo amiamo. Quei film hanno completamente cambiato la comprensione del cinema italiano da parte del pubblico. Non solo questo modo di fare film si concentra sulla sceneggiatura e la recitazione, ma anche sulla fotografia, la psicoanalisi e l'architettura.  

Cosa si aspetti da San Francisco, allora?  

Dopo il programma di Lina Wertmüller, mi aspetto un grande successo anche per Antonioni. Lo scorso settembre, abbiamo avuto più di 1300 persone, oltre alla moderata copertura fornita dalla stampa locale. Ora abbiamo un grande nome, e anche un regista che ha mostrato una grande modernità, i cui film riflettono la capacità di descrivere la vita di tutti in un modo che è impossibile non amare.

L'avventura (1960) - feat. Gabriele Ferzetti, Monica Vitti, Lea Massari  

Questa sorta di "poliziesco" presenta due giovani donne, Anna e Claudia, che si uniscono a Sandro, l'amante di Anna, in una gita in barca verso un'isola remota. Quando Anna scompare, nel mezzo di una ricerca, Sandro e Claudia sono coinvolti in una storia d'amore nonostante la scomparsa di Anna. Il film è stato candidato a numerosi premi ed è stato insignito del Premio della giuria al Festival di Cannes del 1960. 

L'eclisse (1962) – feat. Monica Vitti, Alain Delon, Francisco Rabal  

Un tilt alla borsa di Roma fa da sfondo a una storia d'amore tra una traduttrice e l'agente di cambio di sua madre. Vittoria e Piero iniziano una relazione con molte difficoltà e il loro impegno reciproco viene testato durante un'eclissi. Antonioni si concentra sull'anomia e sull'alienazione, con una famosa scena finale di suspense.  

Deserto Rosso (1964) - feat. Monica Vitti, Richard Harris, Carlo Chionetti  

Il nuovo DCP digitale 4K, restaurato in digitale (per gentile concessione di CSC-Cineteca Nazionale e Istituto Luce Cinecittà) offre uno sguardo provocatorio sulla desolazione spirituale dell'era tecnologica. Una donna insoddisfatta vagabonda in un paesaggio industriale desolato, affollato da centrali elettriche e tossine ambientali, e flirta a tentoni con il collega di suo marito. Il film crea un'immagine quasi apocalittica del suo tempo. 

Blow Up (1966) - feat. David Hemmings, Vanessa Redgrave, Jane Birkin, Sarah Miles  

Primo film inglese di Antonioni, presenta Thomas, fotografo londinese, che passa il tempo a fotografare modelli di moda. Un giorno, pensa di aver fotografato un omicidio. Dopo aver fatto delle foto nel parco, Thomas è inorridito nel trovare un'immagine ambigua nascosta sul bordo del ritratto, che potrebbe essere un'ombra, ma sembra una pistola. L'unica cosa chiara è che la donna nella foto è apparsa nel suo studio e vuole le foto che ha scattato.  

The Passenger: Jack Nicholson, Maria Schneider, Jenny Runacre  

In una delle sue più grandi interpretazioni, Jack Nicholson è un reporter televisivo in missione in Africa. Nel tentativo di reinventare se stesso, perde ogni legame con il passato e ottiene l'identità di un uomo morto. Aiutato da una bella donna, Locke cerca di evitare sia la polizia che i criminali che lo cercano. 

Il programma di Cinema Italia si svolgerà al Castro Theatre sabato 28 aprile a partire dalle 10.30 con L'avventura, seguito da L'eclisse, Deserto Rosso e Blow up, lungometraggio alle 18:30. Alle 20.30, il Mezzanino ospiterà la festa "La cupola", ispirata alla famosa villa che l'architetto Dante Bini costruì per Michelangelo Antonioni sulla Costa Paradiso, in Sardegna. Il programma si conclude con la proiezione di "The Passenger", a partire dalle 22:00. I biglietti possono essere acquistati online su http://www.cinemaitaliasf.com (si possono acquistare biglietti singoli o un pass giornaliero che include tutti i film e la festa).

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

San Pedro officially has its own historic Little Italy

In the 1800s,Los Angeles used to have a vibrant Little Italy located in the historic center of the city, a place today known as El Pueblo de Los...

Pizza Pascalina, a slice of health

Pizza is the ultimate comfort food: it’s filling, it’s versatile, it’s perfect for sharing but also great to have on your own. A night on front of...

A new generation of Italians

The new generation of Italians coming to the US is a welcomed repeat performance, one that has been ongoing for over 100 years. Italian immigrants...

Italian fashion never goes out of style

Gucci, Valentino, Armani, Dolce & Gabbana, and Trussardi – we all know the names and are familiar with the image of these fashion powerhouses,...

Ferragosto, the traditional Italian mid-summer feast

The exodus begins in early August. Factories in the Tiburtina Valley grind to a halt. Executives abandon EUR’s corporate offices. Shops on Via del...

Weekly in Italian

Recent Issues