Ferla, treasure trove of the Hyblaean Mountains

Holy Week is an important moment in Ferla. Photo: Marco Garro

The road into the Hyblaean Mountains snakes left and right, hugging the hillsides as the flora turns from spartan scrubland to holm-oak forest. It's hard to not notice, after the 40 km drive up from the gem city of Siracusa, Sicily.

The hill village that takes its name from Iohannes de Ferula, a local baron in the 1200s, was all but destroyed in 1693 by an earthquake

Then the village of Ferla blazes out before our eyes, full of surprises. The hill village that takes its name from Iohannes de Ferula, a local baron in the 1200s, was all but destroyed in 1693 by an earthquake that shook the bones of the whole island, but was rebuilt soon afterwards in sinuous Sicilian late baroque style that remains untouched.  

We sit outdoors in a café in the April sun. The wind gives its full silken whisper. In the sunshine, an old woman looks up from her knitting. She greets us in Ferla dialect.

Ferla is close to the necropolis of Pantalica, which is UNESCO protected. Photo: Marco Garro

The layout of the small town is Greek cross-shaped: “It is a reminder of the Greek colonies that founded Sicily and also of the Christian roots of our people,” says archeologist Floriana Raudino, spokesperson for the mayor.

Here, last week Holy Week religious parades were spectacular for their artistic quality, pathos and devotion: they ranged from the arrest of Jesus (u Signuri a canna), his crucifixion and the Laying in the Tomb (u Signuri a Cascia) to the Grieving Madonna wearing a black cloak (Madonna do scontru) desperately seeking her son (u Gesummaria) in the darkest alleys.  

La processione con il Cristo Morto, tradizionale appuntamento a Ferla durante la Settimana Santa. Photo: Marco Garro

Attorney Giuseppe ‘Pippo’ Rollo has returned home for the Easter season. “I was born in Ferla but moved to Philadelphia in 1976 to attend Villanova University, where I received a degree in Political Science and one in Law,” he says. “Nonetheless I have traveled to Ferla almost every year and at times more than once a year. Ferla has been recognized as one of the Borghi più belli d’Italia,” he says proudly.

“Through dynamic and creative leadership the town is at the forefront of the recycling efforts in Italy,” he says.  “It is perfect as a retirement destination because prices for homes are very low and the quality of life, including organic food, air quality and warmth of the people, is very high.”

Holy Week is an important moment in Ferla. Photo: Marco Garro

“It could and should be an ideal place for many retirees who are seeking to enjoy some serene years at an affordable price. I personally intend to spend more time here,” Rollo says.  The lawyer has promoted and facilitated regular visits from the US, Germany and other European countries “for the express purpose of persuading people to settle in the town and thus ensure its survival,” he says.

Ferla’s baroque churches with their swirling façades bring a sense of drama. They are a treasure trove. “You marvel at the statues inside the Saint Antonio Church. You sit down and realize there are sculptures hiding behind paintings. You feel wonder at seeing that,” says Floriana.

Ferla's architecture is mostly Baroque. Photo: Marco Garro

In July the town celebrates San Sebastiano, its patron saint. The main piazza was named in honor of him. The imposing Saint Sebastian Church sits there in its ‘combined’ splendor with the Mother Church of St. James a few meters away.

Ferla is also a gateway to the breathtaking plateau of Pantalica, a UNESCO Heritage Site, in Anapo Canyon: its limestone cliffs and deep gorges are honeycombed with around 5,000 neolithic tombs.

Il sindaco del villaggio ha elaborato un'idea vincente per la creazione di un "Borgo Albergo"

But new life is also breathing in these rural communities.

“Younger generations of Ferlesi are going back to agriculture,” notes Floriana. “They grow our village economy, combining their grandparents’ knowledge with innovation. They realize what a modern, challenging career agriculture is as a profession.”

Startups are turning local production of extra virgin oil from Tonda Iblea into a promising business. ”Our extra virgin olive oil is excellent, tasty and extremely healthy.”

There are also signs of revival on other fronts.

The village mayor has come up with a winning idea of creating a Borgo Albergo, a new concept of slow tourism that differs from the Albergo Diffuso model.

“We act as a go-between for the heirs of apartments that were abandoned and recently renovated. Visitors live an authentic rural experience in homes that carry the names of the old owners,” explains Floriana.  

The town boasts the first public holistic center in the country where any resident can experience or learn about reiki, shiatsu and yoga.

Bruno Mollo and his wife Josephine, a couple from Philadelphia, are thrilled with life in this fascinating place perfect for a self-contained vacation. “We bought a vacation home and we are asking many other friends in the USA to do the same,” he says.

Bruno left Naples at the age of 15 along with his parents. “America gave us a great life but Italy remained my far-away mother,” he says.  

“About eight years ago during a trip with attorney Joseph Rollo and his wife Annamaria we discovered this jewel. Echoes of the Italy of my youth resound in this borgo where I had the great pleasure to spend time with former first lady Laura Bush. She was amazed by its beauty.”

“Here you walk even at 2 am without any fear. The mayor Michelangelo Giansiracusa and his administration are doing a great job keeping the town safe, clean and rich in activities.

La strada che porta ai monti Iblei serpeggia a destra e a sinistra, abbracciando le colline mentre la flora passa da una spartana macchia a una foresta di lecci. È difficile non notarla, dopo i 40 km di auto dalla gemma della città di Siracusa, in Sicilia.  

Poi si mostra davanti ai nostri occhi il villaggio di Ferla, pieno di sorprese. Il borgo collinare che prende il nome da Iohannes de Ferula, un barone locale del 1200, fu quasi distrutto nel 1693 da un terremoto che scosse le ossa di tutta l'isola, ma fu ricostruito poco dopo in un sinuoso stile tardo barocco siciliano che rimane intatto.  

Ci sediamo all'aperto in un caffè sotto il sole di aprile. Il vento offre il suo intenso sussurro setoso. Sotto il sole, una donna anziana ci guarda dal suo lavoro a maglia. Ci saluta in dialetto di Ferla.  

La pianta della cittadina è a forma di croce greca: "È un ricordo delle colonie greche che fondarono la Sicilia e anche delle radici cristiane della nostra gente", dice l'archeologa Floriana Raudino, portavoce del sindaco.  

Qui, la settimana scorsa, le parate religiose della Settimana Santa sono state spettacolari per la loro qualità artistica, il pathos e la devozione: hanno spaziato dall'arresto di Gesù (u Signuri a canna), alla sua crocifissione, alla deposizione nella tomba (u Signuri a Cascia), al Lutto della Madonna che indossa un mantello nero (Madonna do scontru) nella disperata ricerca di suo figlio (u Gesummaria) nei vicoli più bui.

Il procuratore Giuseppe "Pippo" Rollo è tornato a casa per il periodo pasquale. "Sono nato a Ferla, ma mi sono trasferito a Philadelphia nel 1976 per frequentare l'Università di Villanova, dove ho conseguito una laurea in Scienze politiche e una in Giurisprudenza", dice. "Ciononostante, sono tornato a Ferla quasi ogni anno e a volte più di una volta all'anno. Ferla è stata riconosciuta uno dei Borghi più belli d'Italia", afferma con orgoglio.  

"Attraverso una leadership dinamica e creativa, la città è in prima linea negli sforzi di riciclaggio in Italia", afferma. "È perfetta come destinazione per la pensione perché i prezzi delle case sono molto bassi e la qualità della vita, compresi i prodotti biologici, la qualità dell'aria e il calore delle persone, è molto alta".

"Potrebbe e dovrebbe essere un luogo ideale per molti pensionati che cercano di godersi qualche anno sereno ad un prezzo accessibile. Personalmente intendo passare più tempo qui", afferma Rollo. L'avvocato ha promosso e facilitato visite regolari da Stati Uniti, Germania e altri paesi europei "con il preciso scopo di persuadere le persone a stabilirsi in città e quindi a garantirne la sopravvivenza", afferma.  

Le chiese barocche di Ferla con le loro facciate vorticose conferiscono un senso di drammaticità. Sono un tesoro. "Ci si meraviglia davanti alle statue all'interno della chiesa di Sant'Antonio. Ti siedi e comprendi che ci sono sculture che si nascondono dietro i dipinti. Ti senti meravigliato nel vederlo", dice Floriana.  

A luglio la città celebra San Sebastiano, il suo santo patrono. La piazza principale si chiama così in suo onore. L'imponente chiesa di San Sebastiano si trova lì nel suo splendore "combinato" con la Chiesa Madre di San Giacomo a pochi metri di distanza.  

Ferla è anche la porta verso l'altopiano mozzafiato di Pantalica, patrimonio dell'UNESCO, nella valle dell’Anapo: le sue falesie calcaree e le profonde gole sono un nido d'ape con circa 5.000 tombe neolitiche.  

Ma nuova vita respira anche in queste comunità rurali."Le giovani generazioni di Ferlesi stanno tornando all'agricoltura", osserva Floriana. "Fanno crescere la nostra economia di villaggio, unendo la conoscenza dei loro nonni all'innovazione. Si rendono conto di quanto sia moderna e stimolante la professione dell’agricoltore".

Le start-up stanno trasformando la produzione locale di olio extravergine di Tonda Iblea in un'attività promettente. "Il nostro olio extravergine d'oliva è eccellente, gustoso ed estremamente salutare."  

Ci sono anche segni di rinascita su altri fronti.  

Il sindaco del villaggio ha elaborato un'idea vincente per la creazione di un Borgo Albergo, un nuovo concetto di slow tourism che si differenzia dal modello dell'Albergo Diffuso.  

"Agiamo come intermediari per gli eredi degli appartamenti che sono stati abbandonati e recentemente rinnovati. I visitatori vivono un'autentica esperienza rurale in case che portano i nomi dei vecchi proprietari ", spiega Floriana.

La città vanta il primo centro olistico pubblico nel Paese, in cui qualsiasi residente può sperimentare o conoscere reiki, shiatsu e yoga.  

Bruno Mollo e sua moglie Josephine, una coppia di Filadelfia, sono entusiasti della vita in questo affascinante luogo, perfetto per una vacanza indipendente. "Abbiamo comprato una casa per le vacanze e stiamo chiedendo a molti altri amici negli Stati Uniti di fare lo stesso", dice.  

Bruno lasciò Napoli all'età di 15 anni insieme ai suoi genitori. "L'America ci ha regalato una grande vita ma l'Italia è rimasta la mia mamma lontana", dice.  

"Circa otto anni fa, durante un viaggio con l'avvocato Joseph Rollo e sua moglie Annamaria, abbiamo scoperto questo gioiello. Echi d'Italia della mia giovinezza risuonano in questo borgo dove ho avuto il grande piacere di trascorrere del tempo con l'ex first lady Laura Bush. Era stupita dalla sua bellezza".

"Qui cammini anche alle 2 di notte senza paura. Il sindaco Michelangelo Giansiracusa e la sua amministrazione stanno facendo un ottimo lavoro nel mantenere la città sicura, pulita e ricca di attività”.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The coolest summer: why Italian gelato doesn’t feel the heat of a slower economy

The late July heatwave has been making sun, sea and sand lovers happy this year, with temperatures well into the high 80s and a gentle breeze...

Occhio malocchio: Italy and the old tradition of the evil eye

“Ciao, what are you up to?” Flavia says while looking at me and checking if I have any white hair, if my dress is this season’s or a couple of years...

Ape: working hard since 1948

When Ape was born, Vespa was only two years old and had already found a place in the heart of Italians, who had been getting back on their feet after...

The Bells of Agnone: Marinelli’s family handcrafting papal bells since 1339

There is a special sound that speaks of Italy, the same for thousands of years, a sound that becomes one with the country’s landscape, dotted with...

Ciao belli! A little history of Italy’s most popular word

Isn’t Summer the perfect season for trivia? I don’t know you, but when the heat hits I suddenly develop a thirst for curious facts and tasty tidbits...

Weekly in Italian

Recent Issues