Quality of life in Italy is more than a statistic

Recent statistics painted a negative picture of life in Italy, but a country is much more complex that statistical data

A recent survey carried out by Best Countries and Published by US News ranked the world’s countries from best to worst. Finding places like Switzerland, Canada and Germany among the highest ranking is not surprising just as, all in all, Italy’s own 15th place is not as bad as it may appear, especially considering the current economic climate and perceived political instability.

Then again, which country doesn’t face money issues or doesn’t have a wobbly government these days? No, we Italians could be ok with the 15th overall place: we still rank number one in the world when in comes to artistic and cultural importance as well as heritage, and number two for “adventure,” whatever the people of Best Countries mean by that. There is one point though that truly bothers us: that worrying 22nd place in the “quality of life” rankings. We, the country of Dolce Vita, of taking things at a slower pace to enjoy the small pleasures of existence. We, the land of families, good food and old fashioned values, those our grandparents taught us when we were children, and to which we hold on with eagerness and determination, as if our very own human identity depended on them. We, the country where everyone in the world dreams to move and enjoy a life made of beauty and love, we scored a mere 22nd place in a ranking  made of 80 positions.  

Italy ranks at number 22 in the Best Countries’ quality of life list

And so it is: Italy apparently has a worse quality of life than China. Let me begin with a clear disclaimer: China is an amazing place, its economy blossoming, its culture rich and its people incredibly friendly. I have never been there, but I have friends from my college years who moved to Beijing to work in academia and they are totally besotted with the place. The point here is not bringing down China’s way of living or its quality of life, but rather understanding how “quality of life” is assessed and whether these methods truly allow to paint a fair image of the way people feel they live in any given country.

Art and architecture are also strong points that make living in Italy a beautiful experience, in spite of the issues of the country

To do it, we need to take a look at the reasons why Italy’s quality of life is considered, ranking-wise, so poor: La Stampa, a popular and respectable Italian daily pointed out such negative results are probably caused by the usual culprits, that is, slow bureaucracy, unemployment, messy politics. In truth, the Best Countries report goes much heavier on us than that, adding to the mix an aging population, the rise of populism in politics, immigration issues and organized crime.  

And we shouldn't forget that Italy has one of the best health systems in the world, its people are among the healthiest and there are hundreds of villages which could offer quality and cheap accommodation for new residents

What a dire, grim picture of Italy we get: but is it faithful to reality? Because this is the point, in the end. Mind, there is no reason to deny the presence in Italy of each and every one of the issues above mentioned, but here comes the thing: in today’s world, which country doesn’t have them? “Mal comune mezzo gaudio” we say, a trouble shared is a trouble halved, and there is so much truth in it in this case: there is no place in Europe, at the moment, which hasn’t been facing immigration-related issues, populist parties rising and its population getting older. Negative trends are not solely Italian, they’re global and we shouldn’t forget it.  

Quality of life in Italy remains good, also in name of the habits and attitudes of people towards life  itself

Yes, Italy has issues and we shouldn’t deny it. Yet, it remains the most breathtaking, amazing, unique, incredible place to live on earth and deep down, we Italians wouldn’t change it for anything and any place. We are in love: and when you love, you don’t care if there are problems, you keep on loving with all your heart and fight for that feeling. And that’s what we Italians do, and with us all those people in the world who left a piece of heart in Italy because their family comes from here, because they felt comfortably at home when they visited or because, as it happens when you fall in love deeply and madly, they just can’t imagine their existence away from her.  

Italy is a place where even the smallest hamlet has churches so beautiful and rich of art they’d be a main touristic attraction in any other part of the world

And then, let’s not this negativity lead us to believe Italy is not up to standards when compared with other countries: we have one of the best health systems in the world; the leading European centers for paediatric research - in Genoa - and for the study of neuro-degenerative diseases - in Turin. We are among the healthiest people on earth, thanks to a diet which is a patrimony and that, here, you can follow spending little money and making little effort. Our rents are reasonable and there are hundreds of villages of immense beauty waiting to be discovered, where people will welcome you, the new member of the community, as if they had known you forever, because Italians are good, wholesome people at heart. Don’t be fooled if we sometimes seem introverted and solitary, especially in the North; we’re mountain people, you see, and often a tad too reserved, but once you sit at our table and drink our wine, consider yourself a family member.  

Living in Italy is amazing and nothing - not even China - can beat it

But there is so much more to say.  

Italy is a place where even the smallest hamlet has churches so beautiful and rich of art they’d be a main touristic attraction in any other part of the world. Italy is a place where you think you got used to beauty, but then you find yourself, all of a sudden, with tears in your eyes because you notice how elegant, balanced and perfect the façade of that 17th century palace you walk by on your way to work every morning is. Italy is a place where the highest mountains of Europe, the Alps, and the father of our civilization, the Mediterranean, ideally hold hands.  

Italy is a place of first times: the first time you drink a real caffè, the first time you eat pastiera napoletana, the first time you seat in a caffè in Piazza Vittorio in Turin, with a bicerin or a hot chocolate in your hand, and it looks and feels like you went back in time and “ who cares about modernity, I want this moment to last forever.” Italy is also the place of first times that touch and change your soul: the first time you see the Colosseum and realize those stones are the heart of our civilization; the first time you enter Saint Peter’s and you find yourself praying somehow, even if you no longer remember your Hail Marys and Holy Fathers that well, because all that beauty and majesty has to mean there is something out there that inspired and enabled Man to put it together so perfectly.  

So, Italy ranks at number 22 in the Best Countries’ quality of life list. Fair enough, we accept the statistics, and we understand the reasons behind them, but forgive us if we Italians and Italy’s lovers decided a long time ago life is more complex and articulated than lists. We happily bypass this negative judgement to keep on with our daily lives, made of small pleasures, friendly smiles at the shop, a home that has walls of stone and a chimney in the kitchen that dries our clothes in the winter better than the most technological of dryers.  

Forget rankings, really. Living in Italy is amazing and nothing - not even China - can beat it.

Un recente sondaggio condotto da Best Countries e pubblicato da US News ha classificato i Paesi del mondo dal migliore al peggiore. Trovare posti come la Svizzera, il Canada e la Germania tra i primi posti non è sorprendente, come tutto sommato non è così negativo come potrebbe sembrare, il 15° posto dell'Italia, soprattutto considerando l'attuale clima economico e l'instabilità politica percepita. Ma comunque, quale Paese non affronta problemi economici o non ha un governo traballante in questi giorni? No, a noi italiani potrebbe andar bene il 15° posto generale: siamo ancora il primo posto al mondo quando si tratta di importanza artistica e culturale, nonché il patrimonio, e il numero due per "avventura", qualsiasi cosa significhi per Best Countries.  

C'è un punto però che ci infastidisce davvero: quel preoccupante 22° posto nella classifica della "qualità della vita". Noi, il Paese della Dolce Vita, del prendere le cose a un ritmo più lento per goderci i piccoli piaceri dell'esistenza. Noi, la terra delle famiglie, del buon cibo e dei valori antiquati, quelli che i nostri nonni ci hanno insegnato quando eravamo bambini, e ai quali facciamo riferimento con entusiasmo e determinazione, come se la nostra stessa identità umana dipendesse da essi. Noi, il Paese in cui tutti nel mondo sognano di andare e di godersi una vita fatta di bellezza e amore, abbiamo ottenuto solo un 22° posto in una classifica composta da 80 posizioni.

Ma così è: l'Italia apparentemente ha una qualità di vita peggiore della Cina. Permettetemi di iniziare con una chiara premessa: la Cina è un posto meraviglioso, la sua economia fiorisce, la sua cultura è ricca e la sua gente incredibilmente amichevole. Non sono mai stata lì, ma ho amici dei miei anni universitari che si sono trasferiti a Pechino per lavorare nel mondo accademico e sono totalmente infatuati del posto. Il punto, qui, non è demolire lo stile di vita della Cina o la sua qualità di vita, ma piuttosto capire come viene valutata la "qualità della vita" e se questi metodi permettono veramente di dipingere un'immagine corretta del modo in cui le persone sentono di vivere in un dato Paese.  

Per farlo, dobbiamo dare un'occhiata ai motivi per cui la qualità della vita in Italia è considerata così povera, in termini di graduatoria: La Stampa, quotidiano italiano rispettato e popolare, ha evidenziato che simili risultati negativi sono probabilmente causati dai soliti colpevoli, cioè, lentezza burocratica, disoccupazione, politica confusa. In verità, il rapporto di Best Countries va giù più pesante, aggiungendo al mix una popolazione anziana, l'aumento del populismo in politica, le questioni dell'immigrazione e la criminalità organizzata.

Che immagine terribile e fosca otteniamo dell'Italia: ma è fedele alla realtà? Perché questo è il punto, alla fine. Badate, non c'è motivo di negare la presenza in Italia di ognuno dei temi sopra menzionati, ma arriviamo al punto: nel mondo di oggi, quale Paese non li ha? "Mal comune mezzo gaudio" diciamo noi, un problema condiviso è un problema a metà, e c'è tanta verità in questo caso: non c'è posto in Europa, al momento, che non abbia affrontato questioni legate all'immigrazione, i partiti populisti in aumento e la popolazione che invecchia. Le tendenze negative non sono solo italiane, sono globali e non dovremmo dimenticarlo.

Sì, l'Italia ha problemi e non dovremmo negarlo. Eppure, rimane il posto più sorprendente, più incredibile, unico, incredibile in cui vivere sulla terra e, in fondo, noi italiani non lo cambieremmo con nessun altro posto. Siamo innamorati: e quando ami, non ti importa se ci sono problemi, continui ad amare con tutto il tuo cuore e combatti per quel sentimento. Ed è quello che facciamo noi italiani, e con noi tutte quelle persone nel mondo che hanno lasciato un pezzo di cuore in Italia perché la loro famiglia viene da qui, perché si sono sentite comodamente a casa quando lo hanno visitato o perché, come succede quando ti innamori profondamente e follemente, non riescono a immaginare la loro esistenza lontano dall’Italia.

E poi, non lasciamo che questa negatività ci faccia credere che l'Italia non sia all'altezza degli standard se paragonata ad altri Paesi: abbiamo uno dei migliori sistemi sanitari del mondo; i principali centri europei per la ricerca pediatrica - a Genova - e per lo studio delle malattie neurodegenerative - a Torino. Siamo tra le persone più sane della terra, grazie ad una dieta che è un patrimonio e che, qui, si può seguire spendendo pochi soldi e facendo poco sforzo. I nostri affitti sono ragionevoli e ci sono centinaia di villaggi di immensa bellezza che aspettano di essere scoperti, dove la gente ti accoglierà, nuovo membro della comunità, come se ti conoscesse da sempre, perché gli italiani sono persone buone e sane nel cuore. Non farti ingannare se a volte sembriamo introversi e solitari, specialmente nel Nord; siamo gente di montagna, vedete, e spesso un po' troppo riservata, ma una volta che ti siedi alla nostra tavola e bevi il nostro vino, ti si considera un membro della famiglia.  

E c'è molto altro da dire.

L'Italia è un luogo in cui anche il più piccolo villaggio ha chiese così belle e ricche di arte che sarebbero una delle principali attrazioni turistiche in qualsiasi altra parte del mondo. L'Italia è un posto dove pensi di esserti abituato alla bellezza, ma poi ti ritrovi, all'improvviso, con le lacrime agli occhi perché noti quanto elegante, equilibrata e perfetta sia la facciata di quel palazzo del 17° secolo che ti trovi sulla strada per andare a lavorare ogni mattina. L'Italia è un posto dove le montagne più alte d'Europa, le Alpi, e il padre della nostra civiltà, il Mediterraneo, si stringono idealmente la mano.

L'Italia è il luogo delle prime volte: la prima volta che bevi un vero caffè, la prima volta che mangi la pastiera napoletana, la prima volta che ti siedi in un caffè in Piazza Vittorio a Torino, con un bicerin o una cioccolata calda in mano, e sembra che tu sia tornato indietro nel tempo e dici "che mi importa della modernità, voglio che questo momento duri per sempre".  

L'Italia è anche il luogo delle prime volte che toccano e cambiano la tua anima: la prima volta che vedi il Colosseo e ti rendi conto che quelle pietre sono il cuore della nostra civiltà; la prima volta che entri in San Pietro e ti ritrovi a pregare in qualche modo, anche se non ricordi più bene l’Ave Maria e il Padre Nostro, perché tutta quella bellezza e maestosità significa che c'è qualcosa là fuori che ha ispirato e reso l'Uomo capace di creare così perfettamente.  

L'Italia è quindi al 22° posto nella lista della qualità di vita per Best Countries. Va bene, accettiamo le statistiche e capiamo le ragioni che stanno dietro, ma perdonaci se noi italiani e noi amanti dell’Italia abbiamo capito molto tempo fa che la vita è più complessa e articolata delle classifiche.

Superiamo a cuor leggero questo giudizio negativo per continuare con la nostra vita quotidiana, fatta di piccoli piaceri, sorrisi amichevoli nei negozi, una casa che ha muri di pietra e un camino in cucina che asciuga i vestiti in inverno meglio delle più tecnologiche delle asciugatrici.  

Dimenticate le classifiche, davvero. Vivere in Italia è fantastico e nessuno, nemmeno la Cina, può batterla.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

The legendary history of l’Isola Tiberina, the heart of Rome

Water: the locus where the world of the seen and the unseen meet, the origin of life, the strongest of protection against enemies, the most melodious...

Ferragosto, the traditional Italian mid-summer feast

The exodus begins in early August. Factories in the Tiburtina Valley grind to a halt. Executives abandon EUR’s corporate offices. Shops on Via del...

Occhio malocchio: Italy and the old tradition of the evil eye

“Ciao, what are you up to?” Flavia says while looking at me and checking if I have any white hair, if my dress is this season’s or a couple of years...

Ape: working hard since 1948

When Ape was born, Vespa was only two years old and had already found a place in the heart of Italians, who had been getting back on their feet after...

The Bells of Agnone: Marinelli’s family handcrafting papal bells since 1339

There is a special sound that speaks of Italy, the same for thousands of years, a sound that becomes one with the country’s landscape, dotted with...

Weekly in Italian

Recent Issues