A Taste of Italy: teaching Italian culture, cuisine and wine to a new generation of chefs

Cesare Casella, known as the Chef with the Rosemary

How a perfect night looks like when you are an Italian food lover? The answer could come from people who attended the Taste Of Italy event, organized by the International Culinary Center at the Airbnb HQ in San Francisco on May 11th, with the purpose of celebrating Italy’s culture, cuisine, and wines with some special guests and cooks.

Not only is the venue in the vibrant SoMa, home to a company that works on building communities and connections between countries, but it also comes with a unique open kitchen that allowed guests to see cooks in action while enjoying the perfect food & drink experience.

As Italian food becomes more and more popular, today considered the top one cuisine in America, there is also a lot of room for cooking experiments that are not always welcomed by Italians

Yeojin Yi was a student at the International Culinary Center before she became a Chef Instructor first and the Associate Director of Culinary Relations later. She can easily recall the first time she met Chef Cesare Casella, the special guest of the night. “Cesare has been my mentor and we eventually became good friends. As I started knowing more and more Italians, I strongly wanted an event that could bring people together around good food and wine. We did it thanks to the support of many sponsors and friends.”

The event is part of a broader effort to promote the Extensive Italian Culinary training at the ICC: after the first 10 months in Campbell, the program takes the students at the ALMA School near Parma for more than four months and, while learning skills and gaining expertise, they also meet master chefs and visit regional farms, factories, and vineyards.

Italian Consul General, Lorenzo Ortona, emphasized the collaboration between the international school and ALMA, the International School of Italian Cuisine

Cesare Casella, known as the Chef with the Rosemary, was chosen as the Dean of Italian Studies in 2005: he designed the curricula for the Italian Culinary Experience and brought vision and knowledge to the students interested in the Italian culinary tradition. Cesare began his journey in the food industry at age 14, when he enrolled in the Culinary Institute Ferdinando Martiniat. After graduation, he turned his family’s restaurant, Vipore, from a local business into a well-known food destination in Tuscany, also earning a Michelin star in 1993. When he moved to New York, he became Executive Chef at Coco Pazzo and soon launched a sister restaurant, Il Toscanaccio. Cesare took his expertise to the ICC’s event both in the kitchen, by preparing delicious recipes, and on stage, through a cooking demonstration of the popular Gnocchi alla Romana. “Education in the food industry means that people can better understand what good food is and how it differs from imitations,” he told us. “Spreading the right message is crucial as people can be sometimes confused by the products, the ingredients, and the quality. There are many American chefs that today cook terrific Italian food, yet quality is what makes the true difference.”

Gnocchi alla romana with a gorgonzola sauce? Yes please

 While making a gorgonzola sauce for the gnocchi, Chef Casella could not help but stress how history and culture still play an important role in the food industry, and so do the ingredients: “You can find good Prosciutto in America for sure, but you won’t be able to make authentic Parmigiano cheese here, because the history behind it and the climate typical of the region are extremely important. For this reason, it is part of our mission to educate people about  authenticity and good quality products.”

The rich menu - that included porchetta with salsa verde, spring pea arancini with toma cheese and mozzarella, some tomato jam crostini and polenta squares with mushroom tartufata and truffle oil - was prepared by Chef Marc and some other cooks from the ICC. After he took us behind the scene of the kitchen, Chef Marc underlined the relevance of the program for the entire San Francisco community. “The exchange will be beneficial for food lovers and the whole area. San Francisco has a multicultural community and the blending of cuisines is remarkable because it will keep bringing new and more artistic dishes to the table.”  

Cesare Casella, known as the Chef with the Rosemary

The delicious food was also accompanied by a wine tasting sponsored by Lorenzo Scarpone, the keynote speaker for the night. Mr Scarpone is known for starting the Slow Food San Francisco movement in the late '80s. Originally from the Abruzzi region, Mr Scarpone met Carlo Petrini before the Slow Food movement took off in New York and started gathering about 20 people from restaurants that shared the same philosophy. Mr Scarpone runs today different businesses in the industry and is a proud supporter of the event organized by the ICC: “It is paramount to be here and show people what Italian food and wine are really about. We have good food in America, especially in California, but there are Italian products that cannot be duplicated.”

Cannoli siciliani, as all Italian dishes, must be made with  a special attention to ingredients which should always be fresh and authentic

As Italian food becomes more and more popular, today considered the  top one cuisine in America, there is also a lot of room for cooking experiments that are not always welcomed by Italians: “I am not against fusions among cuisines,” Mr Scarpone admitted. “Sometimes chefs come up with brilliant ideas, some other times it becomes a bit chaotic in terms of ingredients, presentations, and so on. At the end of the day, it is critical how the food looks like and how it tastes but also how you, as an individual, feel after you do so.” What’s the future of “La cucina della nonna”, we asked. Mr Scarpone is sure that “La cucina della nonna is a good starting point because it is a very clean cuisine, nevertheless we all want to make food interesting and to surprise each other. That’s why it is also crucial to have schools and classes to help future chefs take Italian food to the next level. Schools can surely help learn basics and express creativity, which is sometimes not enough to become a good chef.”

Italian Consul General, Lorenzo Ortona, emphasized the collaboration between the international school and ALMA, the International School of Italian Cuisine: “We are happy to support the Made in Italy and authentic food. This is happening in a moment of great changes in the industry and in a place where innovation is applied also to food. Italy is playing a crucial role in the global system and we will work hard to ensure this role stays strong.”  On the same note, Director Yeojin Yi concluded that the event was only the beginning of a collaboration between the ICC and the Italian community. “We look forward to hosting Mr Ortona at our school. We will invite him in Campbell after the summer and we are keen on finding new, compelling ways to work together.”

Com'è una serata perfetta se sei un amante del cibo italiano? La risposta potrebbe venire da chi ha partecipato all'evento Taste Of Italy, organizzato dall'International Culinary Center presso Airbnb HQ di San Francisco l'11 maggio, con lo scopo di celebrare la cultura, la cucina e i vini italiani con alcuni ospiti e cuochi speciali.  

Non solo è la sede del vivace SoMa, una società che lavora sulla costruzione di comunità e collegamenti tra i paesi, ma ha anche una caratteristica cucina aperta che ha permesso agli ospiti di vedere i cuochi in azione mentre si godevano una perfetta esperienza enogastronomica.  

Yeojin Yi è stata una studentessa presso l'International Culinary Center prima di diventare prima Istruttore di chef e poi Direttore associato di relazioni culinarie. Può facilmente ricordare la prima volta che ha incontrato lo chef Cesare Casella, l'ospite speciale della serata. "Cesare è stato il mio mentore e alla fine siamo diventati buoni amici. Quando ho iniziato a conoscere sempre più italiani, ho fortemente voluto un evento che potesse riunire le persone attorno al buon cibo e al vino. Lo abbiamo fatto grazie al supporto di molti sponsor e amici".

L'evento fa parte di un più ampio sforzo per promuovere l'ampia formazione culinaria italiana alla ICC: dopo i primi 10 mesi a Campbell, il programma accompagna gli studenti presso la scuola ALMA vicino Parma, per più di quattro mesi e, mentre si apprendono competenze e si acquisisce esperienza, si incontrano anche masterchef e si visitano fattorie, stabilimenti e vigneti della regione.

Cesare Casella, noto come Chef con il rosmarino, è stato scelto come Decano degli studi italiani nel 2005: ha definito i curricula per l'esperienza culinaria italiana e ha portato visione e conoscenza agli studenti interessati alla tradizione culinaria italiana. Cesare ha iniziato il suo viaggio nell'industria alimentare all'età di 14 anni, quando si è iscritto all'Istituto Culinario Ferdinando Martiniat. Dopo la laurea, ha trasformato il ristorante di famiglia, Vipore, da azienda locale a rinomata destinazione gastronomica in Toscana, guadagnandosi anche una stella Michelin nel 1993.  

Quando si è trasferito a New York, è diventato Executive Chef a Coco Pazzo e ha presto lanciato un ristorante affiliato, Il Toscanaccio. Cesare ha portato la sua esperienza all'evento della CCI sia in cucina, preparando deliziose ricette, sia sul palco, attraverso una dimostrazione di cucina dei famosi Gnocchi alla Romana. "L'educazione nel settore alimentare significa che le persone possono capire meglio cos'è il buon cibo e come si distingue dalle imitazioni", ci ha detto. "Diffondere il messaggio giusto è fondamentale in quanto le persone possono essere talvolta confuse dai prodotti, dagli ingredienti e dalla qualità. Ci sono molti chef americani che oggi cucinano cibo italiano eccezionale, ma la qualità è ciò che fa la vera differenza".

Mentre preparava una salsa al gorgonzola per gli gnocchi, lo chef Casella non ha potuto fare a meno di sottolineare come la storia e la cultura giochino ancora un ruolo importante nell'industria alimentare, così come gli ingredienti: "Puoi trovare sicuramente del buon prosciutto in America, ma qui non sarai mai in grado di fare un autentico Parmigiano, perché la storia che sta dietro e il clima tipico della regione sono estremamente importanti. Per questo motivo, fa parte della nostra missione educare le persone all'autenticità e ai prodotti di buona qualità". Il ricco menù - che comprendeva porchetta con salsa verde, arancini di pisellini primavera con toma e mozzarella, crostini di pomodoro e polenta con tartufata ai funghi e olio al tartufo - è stato preparato dallo chef Marc e da altri cuochi della ICC.  

Dopo averci portato dietro le quinte della cucina, chef Marc ha sottolineato l'importanza del programma per l'intera comunità di San Francisco. "Lo scambio sarà vantaggioso per gli amanti del cibo e l'intera area. San Francisco ha una comunità multiculturale e la mescolanza delle cucine è notevole perché continuerà a portare in tavola piatti nuovi e più artistici".

Il cibo delizioso è stato anche accompagnato da una degustazione di vini sponsorizzata da Lorenzo Scarpone, l'oratore principale della serata. Scarpone è noto per aver avviato il movimento Slow Food di San Francisco alla fine degli anni '80. Originario dell'Abruzzo, Scarpone ha incontrato Carlo Petrini prima che il movimento Slow Food decollasse a New York e ha iniziato a mettere insieme circa 20 persone da ristoranti che condividevano la stessa filosofia. Scarpone gestisce oggi diverse aziende del settore ed è un fiero sostenitore dell'evento organizzato dalla CCI: "È fondamentale essere qui e mostrare alla gente cosa sono veramente il cibo e il vino italiano. Abbiamo del buon cibo in America, specialmente in California, ma ci sono prodotti italiani che non possono essere duplicati".

Man mano che il cibo italiano diventa sempre più popolare, e oggi è considerato la migliore cucina in America, c'è anche molto spazio per esperimenti culinari che non sono sempre ben accolti dagli italiani: "Non sono contro le fusioni tra le cucine", ha ammesso Scarpone. "A volte gli chef hanno idee brillanti, altre volte si crea un po’ di caos in termini di ingredienti, presentazioni e così via. Alla fine, è fondamentale come presenti il cibo e che sapore ha, ma anche come ti senti tu come individuo, dopo averlo fatto”.  

Abbiamo chiesto qual è il futuro della "cucina della nonna”. Scarpone è sicuro che "la cucina della nonna è un buon punto di partenza perché è una cucina molto pulita, tuttavia vogliamo tutti rendere il cibo interessante e sorprenderci a vicenda. Ecco perché è anche fondamentale avere scuole e corsi per aiutare i futuri chef a portare il cibo italiano a un livello successivo. Le scuole possono sicuramente aiutare a imparare le basi e a esprimere la creatività, che a volte non è sufficiente per diventare bravi chef".

Il Console Generale d'Italia, Lorenzo Ortona, ha sottolineato la collaborazione tra la scuola internazionale e ALMA, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana: "Siamo felici di sostenere il Made in Italy e il cibo autentico. Questo accade in un momento di grandi cambiamenti nel settore e in un luogo in cui l'innovazione è applicata anche al cibo. L'Italia sta svolgendo un ruolo cruciale nel sistema globale e lavoreremo duramente per garantire che questo ruolo rimanga stabile”.  

Allo stesso modo, il direttore Yeojin Yi ha concluso che l'evento è solo l'inizio di una collaborazione tra la CCI e la comunità italiana. "Non vediamo l'ora di ospitare Ortona nella nostra scuola. Lo inviteremo a Campbell dopo l'estate e desideriamo trovare nuovi convincenti modi per lavorare insieme".

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

San Pedro officially has its own historic Little Italy

In the 1800s,Los Angeles used to have a vibrant Little Italy located in the historic center of the city, a place today known as El Pueblo de Los...

Pizza Pascalina, a slice of health

Pizza is the ultimate comfort food: it’s filling, it’s versatile, it’s perfect for sharing but also great to have on your own. A night on front of...

A new generation of Italians

The new generation of Italians coming to the US is a welcomed repeat performance, one that has been ongoing for over 100 years. Italian immigrants...

Italian fashion never goes out of style

Gucci, Valentino, Armani, Dolce & Gabbana, and Trussardi – we all know the names and are familiar with the image of these fashion powerhouses,...

Ferragosto, the traditional Italian mid-summer feast

The exodus begins in early August. Factories in the Tiburtina Valley grind to a halt. Executives abandon EUR’s corporate offices. Shops on Via del...

Weekly in Italian

Recent Issues