Italy and its tourists: the many types of visitors you’ll find in the Bel Paese

Selfies on front of an artistic landmark? Check! Tourist will behave like tourists, always!

My experience with tourists started when I moved to Ireland, in a city known for its all-year-round, endless flux of visitors: certainly essential for the economy, they also brought a colorful touch here and there, with their awkward requests, strange dress sense and endless photo-taking sessions in the middle of the street. Back in Italy, I found myself living in yet another touristic location by sea; here the Fall and the Winter are relatively calm, but Spring and Summer get crazy, to the point that even going to the supermarket can turn into a titanic adventure. As much as chilling and living life at a slower pace is understandable when on holiday, I just wish tourists walked a tad bit faster. Or kept the side of the road, just like slow vehicles do on the motorway.

Whatever your idea, in a country like Italy tourists are an enormous resource and, in the end, we love them. And there’s more, because after years and years of careful observation,  we can safely declare the Italian people are experts in tourist-type identification. You don’t know what I mean? Here, read on and you’ll get the gist.  
The fake connoisseur  

Tourism industry in Italy has become the most important growth provider for the country's economy

It’s a hard start because this is one of the most annoying among all categories of tourists visiting Italy: those coming over and thinking to know the country better than those born here. They usually have a very basic knowledge of Italian, but think to be fluent and never miss the occasion to show off; they think to know real Italian cuisine because they read a couple of blog articles about it, but end up buying over-priced, mass-produced stuff from tourist trap places. Once home after the holiday, they speak of the experience by stereotypes, probably describing how Italy is filled with Vespas and everyone speaks Neapolitan.  

The Foodie
There are three types of foodies visiting Italy: the original, the converted and the hipster. The original foodie just loves good food from the bottom of his or her heart: there is nothing better than experiencing whatever the country has to offer on the table and everything, provided it is authentic and the way “Italians eat it,” is fair game: from street food to café toasties, from high end restaurants to family run trattorias, the original foodie just wants to experience the food of Italy (or any other country) the way locals do, even if the ingredients are uncommon and not traditionally used in their home cuisine. These are the people who make us happy, when we meet them around, and even more so when we have them at our table: adventurous and open, always polite and respectful of food, they usually return from their trip with a notebook filled with recipes and a couple of kilos more around the middle.  

There are three types of foodies visiting Italy: the original, the converted and the hipster

 The other foodies we love are the converted. The converted came to Italy on holiday with the idea of eating pizza and gelato, only to realize that’s just the proverbial tip of the iceberg; possibly tempted or advised by an original foodie, who may or may not be traveling with them, the converted Italian food lover tries new things carefully and may stay away from the stranger concoctions (they may not jump on a pani ca meusa quite yet, but it may be on the try-it list for their next trip), yet their appetite for Italian grub is endless: every meal is a three course affair, if they eat at home they always say yes to second helpings and they immediately get into the habit of having merende and pause caffé with food. We love them because looking at them eating is a pleasure: they pile their plate high, and their eyes smile when they sit at the table. 

Hipster foodies are a different thing. Usually younger and perennially online, they take photos of everything edible in front of them, provided it has the words “organic,” “gourmet” or “artisan” in the name. They may also complain endlessly because their restaurant of choice doesn’t have enough lactose/gluten/grains/soy free options, yet they came to Italy to experience the food: they just didn’t think it was so different from  what they usually have at home.  Usually, they are also appalled by the lack of Starbucks.  

We may complain about them, but in the end, we Italians love tourists: they fill our cities with colors

The dreamer
These type of tourists open our hearts: dreamers because they have always wanted to come to Italy and they may have been saving for years to finally manage to afford the trip. They may or may not speak the language, but they are in awe of Italian art, food and traditions: once they land here, they feel at once at home and overwhelmed by all that they have to see, experience and visit, and all in such a short time! And time, indeed, may become a problem, because the dreamer needs, nay, has to see as much of the Bel Paese as possible in 10 days or less, so there is not a moment to waste: it’s all a hush hush of planned visits, plane and train trips and getting mad at museum queues, because “if I wait another minute, my whole weekly schedule’ll be ruined.”  

Whatever your idea, in a country like Italy tourists are an enormous resource and, in the end, we love them

Ah, the dreamer!As rightly said Stephen Carruso of the The Local a bunch of years ago, these travellers may see everything on their Italy bucket list, but could end up missing on one of the country’s most loved treasures: its lifestyle.  

… And these are only a bunch on the type of tourists we meet in our streets every day here in Italy. Mind, though, they are by no means exclusive to us: every country has them. And even those we kind of low-key dislike are, in the end, moved by a positive and beautiful feeling: love and appreciation for Italy, its culture and, let’s hope, its people, too.  
So, may they keep on coming and returning to Italy,  to enjoy whatever they love the most.

La mia esperienza con i turisti è iniziata quando mi sono trasferita in Irlanda, in una città conosciuta per il flusso infinito, lungo tutto l'anno, di visitatori: certamente essenziali per l'economia, hanno anche portato un tocco colorato qua e là, con le loro goffe richieste, lo strano modo di vestire e infinite sessioni di fotografia per strada. Tornata in Italia, mi sono trovata a vivere in un'altra località turistica vicino al mare; qui l’autunno e l'inverno sono relativamente tranquilli, ma la primavera e l'estate sono pazzesche, al punto che persino andare al supermercato può trasformarsi in un'avventura titanica.

Per quanto la vita tranquilla e a un ritmo più lento siano comprensibili quando si è in vacanza, vorrei solo che i turisti camminassero un po' più velocemente. O tenessero il lato della strada, proprio come fanno i veicoli lenti sull'autostrada. Qualunque sia la vostra idea, in un paese come l'Italia, i turisti sono una risorsa enorme e, alla fine, li amiamo. E c'è di più, perché dopo anni e anni di attenta osservazione, possiamo tranquillamente dichiarare che gli italiani sono esperti nell'identificare il tipo di turisti. Non sapete cosa intendo? Ecco, continuate a leggere e capirete.

Il finto conoscitore
È un inizio difficile perché è una delle più fastidiose tra tutte le categorie di turisti in visita in Italia: quelli che arrivano e pensano di conoscere meglio il Paese di quelli nati qui. Di solito hanno una conoscenza base dell'italiano, ma pensano di essere fluenti e non perdono l'occasione di mettersi in mostra; pensano di conoscere la vera cucina italiana perché hanno letto un paio di articoli sui blog, ma finiscono per comprare roba troppo costosa e prodotta in serie in luoghi acchiappa-turisti. Una volta a casa, dopo le vacanze, parlano dell'esperienza per stereotipi, probabilmente descrivendo come l'Italia sia piena di Vespe e tutti parlino napoletano.

Il buongustaio  
Ci sono tre tipi di buongustai che visitano l'Italia: originale, convertito e hipster.  

Il buongustaio originale ama il buon cibo dal profondo del suo cuore: non c'è niente di meglio che sperimentare tutto ciò che il Paese ha da offrire a tavola e tutto, purché sia autentico, e il modo in cui "gli italiani lo mangiano" è un gioco leale : dagli street food ai caffè, dai ristoranti di lusso alle trattorie a conduzione familiare, il buongustaio originale vuole solo sperimentare il cibo italiano (o di qualsiasi altro Paese) come gli abitanti del posto, anche se gli ingredienti sono strani e non sono usati tradizionalmente nella loro cucina casalinga. Queste sono le persone che ci rendono felici, quando li incontriamo in giro, e ancora di più quando li abbiamo alla nostra tavola: avventurosi e aperti, sempre educati e rispettosi del cibo, di solito tornano dal loro viaggio con un quaderno pieno di ricette e un paio di chili in più.

Gli altri buongustai che amiamo sono i convertiti. Il convertito è venuto in vacanza in Italia con l'idea di mangiare pizza e gelato, solo per rendersi conto che è solo la proverbiale punta dell'iceberg; forse tentati o consigliati da un buongustaio originale, che può o meno viaggiare con loro, i convertiti amanti del cibo italiano provano cose nuove con attenzione e potrebbero stare lontani da strani intrugli (non possono ancora saltare su un pani ca meusa, ma questo potrebbe stare sulla lista delle cose da provare nel loro prossimo viaggio), ma il loro appetito per la roba da mangiare italiana è infinito: ogni pasto è un affare da tre portate, se mangiano a casa dicono sempre di sì alle seconde porzioni e acquisiscono immediatamente l’abitudine di fare merende e pausa caffè con il cibo. Li amiamo perché guardarli mangiare è un piacere: riempiono il piatto e gli occhi sorridono quando si siedono a tavola.

I buongustai hipster sono una cosa diversa. Di solito più giovani e perennemente online, scattano foto di tutto ciò che è commestibile di fronte a loro, purché abbia le parole "biologico", "gourmet" o "artigianale" nel nome. Potrebbero anche lamentarsi all'infinito perché il ristorante scelto non ha abbastanza cibo senza lattosio / glutine / cereali / soia, eppure sono venuti in Italia per provare il cibo: semplicemente non pensavano che fosse così diverso da quello che di solito hanno a casa. Di solito, sono anche sconvolti dalla mancanza di Starbucks.

Il sognatore  
Questo tipo di turisti aprono i nostri cuori: sognatori perché hanno sempre desiderato venire in Italia e potrebbero aver risparmiato anni per riuscire finalmente a permettersi il viaggio. Parlano oppure no  la lingua italiana, ma ammirano l'arte, il cibo e le tradizioni italiane: una volta atterrati, si sentono subito a loro agio e sopraffatti da tutto ciò che hanno da vedere, sperimentare e visitare, e tutto in così poco tempo! E il tempo, anzi, può diventare un problema, perché il sognatore ha bisogno, anzi, deve vedere il Bel Paese il più possibile in 10 giorni o anche meno, quindi non c'è un momento da sprecare: è tutto una corsa fra visite, viaggi in aereo e in treno e arrabbiarsi con le code dei musei, perché "se aspetto un altro minuto, tutto il mio programma settimanale sarà rovinato".  

Ah, il sognatore! Come diceva giustamente Stephen Carruso in The Local un sacco di anni fa, questi viaggiatori potrebbero vedere tutto quel che c’è sulla loro lista italiana, ma potrebbero finire per perdersi uno dei tesori più amati del Paese: lo stile di vita.  

... E questi sono solo un gruppo tra i tipi di turisti che incontriamo nelle nostre strade ogni giorno qui in Italia. Badate, però, non è affatto una nostra esclusiva: ogni paese ne ha una. E anche quelli che non amano il basso profilo sono, alla fine, mossi da una sensazione positiva e bella: l’amore e l’apprezzamento per l'Italia, la sua cultura e, speriamo, anche la sua gente. Quindi, speriamo che continuino a venire e a tornare in Italia, per godersi ciò che amano di più.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Arancini, arancine and supplì: what’s behind a fried ball of rice?

When you travel around Italy you will quickly notice that, in every single region, there are culinary traditions locals are not only proud of, but...

Pizza Pascalina, a slice of health

Pizza is the ultimate comfort food: it’s filling, it’s versatile, it’s perfect for sharing but also great to have on your own. A night on front of...

A new generation of Italians

The new generation of Italians coming to the US is a welcomed repeat performance, one that has been ongoing for over 100 years. Italian immigrants...

Italian fashion never goes out of style

Gucci, Valentino, Armani, Dolce & Gabbana, and Trussardi – we all know the names and are familiar with the image of these fashion powerhouses,...

The legendary history of l’Isola Tiberina, the heart of Rome

Water: the locus where the world of the seen and the unseen meet, the origin of life, the strongest of protection against enemies, the most melodious...

Weekly in Italian

Recent Issues