Ambrogio Lorenzetti in Maremma. I capolavori dei territori di Grosseto e Siena

Ambrogio Lorenzetti in Maremma. I capolavori dei territori di Grosseto e Siena

Sono undici le opere di Ambrogio Lorenzetti, uno dei più grandi pittori europei del XIV secolo, che saranno esposte dal 2 giugno al 16 settembre 2018 nelle sale del Complesso Museale di San Pietro all'Orto, Corso Diaz 36, a Massa Marittima, Grosseto. 

La mostra dal titolo: “Ambrogio Lorenzetti in Maremma. I capolavori dei territori di Grosseto e Siena”, è promossa dal Comune di Massa Marittima, Comune di Siena, Complesso Museale Santa Maria della Scala, Università di Siena, Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Siena e con il Patrocinio di Musei di Maremma e Parco Nazionale Colline Metallifere grossetane. Lorenzetti, noto come il pittore del “Buon Governo”, il ciclo di dipinti allegorici e dalle visione urbane e agresti nel Palazzo Pubblico di Siena, è stato un pittore dall'incontenibile creatività che ha rinnovato profondamente molte tradizioni iconografiche. Un innovatore dei dipinti d'altare, di storie sacre e che ha allargato lo sguardo della pittura alla narrazione del paesaggio e della pittura d'ambiente, artista fino a poco tempo fa paradossalmente poco conosciuto. 

C'è voluta la grande mostra che si è tenuta recentemente al Santa Maria della Scala di Siena per ridare a Lorenzetti una giusta visibilità e considerazione. Questa evento espositivo ne rappresenta l'ideale prosecuzione ma anche e soprattutto, un omaggio alla città di Massa Marittima dove è conservato uno dei grandi capolavori del pittore trecentesco la Maestà realizzata intorno al 1335 proprio a Massa Marittima per gli eremiti agostiniani della chiesa di San Pietro all’Orto.

Un dipinto a tempera e oro su tavola, che rappresenta tutt’altro che una Maestà tradizionale. In questo dipinto Ambrogio elaborò un’iconografia complessa, una grande opera che raffigura le tre virtù teologali sedute sui gradini che conducono al trono della Madonna con gli angeli musicanti, santi e profeti. Il sovraffollamento dei personaggi intorno al trono carica l'evento della nascita di Gesù Cristo di una portata epocale, essendo tale evento assistito da tutti coloro che hanno fatto la storia della Chiesa.

A partire da questo importante dipinto si sviluppa il percorso espositivo della mostra, integrato da video e pannelli multimediali, per facilitare la comprensione delle opere, che  si propone di offrire una visione d’insieme delle varie stagioni conosciute dal pittore nel corso della propria carriera, anche al fine di contestualizzare meglio la stessa Maestà nell’ambito di quella che in passato era considerata la Maremma senese. 

Il percorso della mostra si completa con la visita ad altri due importanti luoghi della città, dove Lorenzetti lavorò: la Chiesa di San Pietro all’Orto, o i Museo degli Organi Meccanici Antichi, e la Cattedrale di San Cerbone, dove sono presenti affreschi recentemente attribuiti al grande artista senese. Il percorso espositivo della mostra si completa con la visita ad altri due importanti luoghi della città, dove Lorenzetti lavorò: la Chiesa di San Pietro all’Orto, oggi Museo degli Organi Meccanici Antichi, e la Cattedrale di San Cerbone, dove sono presenti a affreschi recentemente attribuiti  al grande artista senese.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Mostrare le Marche: quando l'estate è il momento giusto per scoprire l'arte

Mostrare le Marche: quando l'estate è il momento giusto per scoprire l'arte

È ricchissimo il programma culturale dell’estate 2018 promosso dalla Regione Marche anche attraverso il progetto espositivo “Mostrare le Marche” . Un...
Ad Ancona le Forme Sensibili di cinque scultori dell'arte plastica contemporanea

Ad Ancona le Forme Sensibili di cinque scultori dell'arte plastica contemporanea

Prosegue ad Ancona fino al 16 di settembre la bella mostra Forme Sensibili curata da Nunzio Giustozzi, una delle mostre da non perdere durante l'...
Il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, cuore dell’archeologia romana, celebrato 136 anni con un nuovo look

Il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, cuore dell’archeologia romana, celebrato 136 anni con un nuovo look

Il 3 agosto 1882 nella villa neoclassica appartenuta ai conti Cassis Faraone il governo austro-ungarico apriva al pubblico l’Imperial Regio Museo...
Islam a Firenze: l'arte fra la culla del Rinascimento e l'universo musulmano

Islam a Firenze: l'arte fra la culla del Rinascimento e l'universo musulmano

La giraffa che il Sultano d’Egitto Qayt Bay inviò in dono a Lorenzo il Magnifico nel 1487, e che testimoniava i buoni rapporti che intercorrevano fra...
Pittura, scultura, ceramica, oreficerie, tessuti e miniature: è il Quattrocento a Fermo

Pittura, scultura, ceramica, oreficerie, tessuti e miniature: è il Quattrocento a Fermo

Quattro nuovi capolavori in arrivo alla mostra “Il Quattrocento a Fermo. Tradizione e avanguardie da Nicola di Ulisse a Carlo Crivelli”, organizzata...

Weekly in Italian

Recent Issues