L'odore del gregge nella geografia cardinalizia di Papa Francesco: 17 porporati in America del Nord

L'odore del gregge nella geografia cardinalizia di Papa Francesco: 17 porporati in America del Nord

 L’ultimo Concistoro si è confermato un passaggio fondamentale nel rimodellamento complessivo della Chiesa fortemente voluto da Papa Francesco fin dal suo primo ingresso in Vaticano.  E’ la carità pastorale la chiave di tutte le nomine di Papa Francesco, che non ha guardato alle carriere  né alla tradizione non scritta delle cosiddette sedi cardinalizie come  Milano, Venezia  o Torino. La geografia disegnata dal Papa con l’ultimo   Concistoro conferma la sua piena fiducia  ai Pastori” con l’odore del gregge” più  che ai Principi della Chiesa. 

 “La loro provenienza esprime l’universalità della Chiesa che continua ad annunciare l’amore misericordioso di Dio a tutti gli uomini della terra. L’inserimento dei nuovi cardinali nella diocesi di Roma, inoltre, manifesta l’inscindibile legame tra la sede di Pietro e le Chiese particolari diffuse nel mondo” aveva  sottolineato durante  il Regina Coeli di domenica  20 maggio 2018, festa di Pentecoste. 

Ha fatto come sempre, un annuncio a sorpresa senza che i nominati fossero allertati in precedenza tenendo  fino all'ultimo segreto l'elenco dei nuovi porporati, per evitare fughe di notizie  Con il nuovo Concistoro sono stati  creati  14 nuovi cardinali, 11 di loro sono elettori, con meno di ottant'annie dunque membri votanti in un eventuale Conclave. 

A questi si aggiungono tre ultraottantenni, figure simboliche che il Pontefice ha voluto  aggregare al collegio cardinalizio  perché “si sono distinti per il loro servizio alla Chiesa”: si tratta di Sergio Obeso Rivera, arcivescovo emerito messicano; Toribio Ticona Porco, prelato emerito di Corocoro in Bolivia, padre Aquilino Bocos Merino, dei missionari clarettiani, l'unico non vescovo tra le nomine annunciate . 

Questi i nomi dei nuovi porporati elettori , che hanno ricevuto  la berretta rossa dalle mani di Papa Bergoglio Apre la lista il patriarca Luis Raphael I Sako, patriarca di Babilonia dei Caldei, in Iraq,  una nomina significativa nel panorama del Medio Oriente. “Questa nomina non è per me, ma per la Chiesa in Iraq e per l'Iraq. Tutto il nostro Paese ha bisogno di appoggio. Questa nomina assomiglia a quella del nunzio in Siria Zenari, come segno di sostegno di Papa Francesco alla nostra Chiesa – ha commentato all’annuncio della nomina. Altrettanto significativa  la porpora che raggiunge l'arcivescovo di Karachi in Pakistan Joseph Coutts.  

Ricevono la berretta a sorpresa il vescovo elemosiniere polacco Konrad Kraiewski, dedito notte e giorno ad aiutare poveri, senzatetto, migranti e rifugiati e il Sostituto della Segreteria di Stato Angelo Becciu, quest'ultimo destinato a ricoprire un nuovo incarico in Vaticano. Le nomine strettamente curiali sono tre. 

Tra gli italiani residenziali non  ci  sono l'arcivescovo di Milano  e gli altri pastori di grandi diocesi, ma quello dell'Aquila, Giuseppe Petrocchi, oltre al Vicario di Roma Angelo De Donatis.  Seguono Luis Ladaria Ferrergesuita spagnolo dal 1° luglio 2017 Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede,  Antonio dos Santos Marto, portoghese, vescovo di Leiria-Fatima; Pedro Ricardo Barreto Jimeno, gesuita, arcivescovo di Huancayo in Perù  che  nel 2012 era stato minacciato di morte dopo la pubblicazione di una lettera in cui chiedeva di fermare le attività estrattive nella regione amazzonica.  

Completano la lista Désiré Tsarahazana, arcivescovo di Toamasina, in Madagascar e  Thomas Aquino Manyo Maeda, arcivescovo di Osaka in Giappone.  Questa la nuova composizione del collegio   dal  29 giugno formato da 126 votanti in caso di Conclave: i porporati elettori provenienti dall'Europa passano da 48 a 54,  dell'America del Nord rimangono 17,  dell'America Centrale 5,  quelli  dell'America del Sud  13,dell'Africa  16, quelli dell'Asia 17, quelli dell'Oceania rimangono 4.  Il nuovo Collegio dei Cardinali  risulta così fortemente internazionale:viene rafforzato il legame  della Chiesa di Roma  con i mondi più lontani  che vengono invitati a partecipare  ai massimi vertici.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

A New York va in scena "Let Me Try"

S'intitola “Let Me Try” (letteralmente “Lasciami provare” ) lo spettacolo de L'Effimero Meraviglioso in collaborazione con Kataklisma Teatro e...
Studio italiano rivela: banda larga riduce il sonno

Studio italiano rivela: banda larga riduce il sonno

L'accesso a Internet a banda larga è una delle cause della carenza di sonno che affligge i paesi dell’Occidente, e che si fa più pronunciata nei...
Due italiani nel team che scopre il segreto degli alberi sincronizzati a livello planetario

Due italiani nel team che scopre il segreto degli alberi sincronizzati a livello planetario

Gli anelli del legno si confermano una fonte inesauribile d’informazioni scientifiche. Grazie alla più vasta collaborazione mai realizzata dalla...
Uomini, confini, imperi: Federico Rampini raccontano il mondo in cui viviamo a L.A.

Uomini, confini, imperi: Federico Rampini raccontano il mondo in cui viviamo a L.A.

Performance audiovisiva di Federico Rampini a Los Angeles, dove lo scrittore e giornalista italiano presenterà il 17 settembre nella sede dell’...
Tra Lucania e New Jersey si celebra il 90° anno dalla fondazione della Società di Mutuo Soccorso San Rocco Montescaglioso di Paterson

Tra Lucania e New Jersey si celebra il 90° anno dalla fondazione della Società di Mutuo Soccorso San Rocco Montescaglioso di Paterson

L’associazione “Mondi Lucani” e la “Mutual Benefit Society San Rocco Montescaglioso” di Paterson (N.J. USA), hanno celebrato l’emigrazione. Con la...

Weekly in Italian

Recent Issues